• logo.png

  • Discussioni in rilievo

    • Quarto di scudo di Vittorio Amedeo III
      Questo quarto di scudo di Vittorio Amedeo III per il regno di Sardegna "continentale" è una delle prime monete entrate in collezione, in tempi non sospetti, quando ancora si cercava il giusto compromesso prezzo/qualità. La tipologia è rara se non piuttosto rara, ed è abbastanza difficile trovarla in condizioni ottimali rispetto ai mezzi scudi, di valore venale ben maggiore, meno spendibili e di conseguenza meno utilizzati nelle spese minute. Come tutti gli spezzati le conservazioni sono spesso basse o abbastanza mediocri. La vera rarità, oltre al numero di esemplari coniati e di quelli reperibili nel mercato, sta proprio nella conservazione.

                     Per la gioia dei collezionisti che spesso si domandano se questa monetazione Sabauda abbia retto all'urto della crisi economica e di quest'ultima batosta del virus che ha stravolto il mercato numismatico, debbo dire che si difende piuttosto bene e che non sarà raro reperire dei buoni pezzi ma....non certamente a prezzi da saldo come altre monetazioni successive del Regno (salvo naturalmente le rare e le alte/altissime conservazioni).

      Carlo
        • Mi piace
      • 1 risposta
    • Analisi dei conii degli argenti di Umberto I
      Il 5 Lire, nei due unici millesimi 1878 e 1879, presenta differenze sostanziali riconducibili all'utilizzo di due conii differenti. Il 1878 è caratterizzato al dritto da una impronta della testa del Sovrano più piccola, fronte impercettibilmente più alta e capelli della parte superiore leggermente più bassi. Sia al dritto che al rovescio si notano rilievi più alti e più marcati. Il 1879 presenta invece testa più grande, fronte meno alta e capelli della parte superiore più alti. Oltre a questo presenta una caratteristica unica e peculiare che viene utilizzata come segno distinguibile di genuinità della moneta: la concavità del tondello al dritto e relativa convessità del rovescio. 

       

                     Il 2 Lire presenta differenze nei due conii solo al dritto, nelle dimensioni della testa del sovrano ed in alcune sue caratteristiche. 

      I millesimi di coniazione 1881-82-83-84-85-86 sono accomunati al 1° tipo, quelli del 1887-97-98-99 al 2° tipo.

      -Nel 1° tipo troviamo testa piccola, capelli superiori impercettibilmente più alti.

      -Nel 2° tipo testa più grande e capelli più bassi.

      Unica eccezione è il millesimo 1887, coniato in un numero di esemplari estremamente più elevato rispetto a tutti gli altri. Lo si potrebbe considerare un millesimo di transizione, sebbene appartenga al 2° tipo. Non è raro trovare monete con caratteristiche del primo tipo e addirittura inversioni nella struttura dei capelli della parte alta della testa. 

      L'esemplare postato è un 2 Lire 1887 che appartiene al 2° tipo (testa grande), ma possiede pure caratteristiche del 1° tipo con capelli superiori più alti.

      Le varianti o pseudo tali si sprecano.

      Carlo
        • Mi piace
      • 2 risposte
    • Sesterzio di Marcus Antonius Gordianus Sempronianus Romanus Africanus
      Ciao a tutti!

      Dopo un periodo "oscuro" torno, con  piacere, a scrivere delle mie beneamate monete romane.

      Giusto ieri ho visto nella baia un sesterzio che mi ha incuriosito, sia per il "valore" e la rarità che il venditore che pare vendere sia monete di pregio sia pornazzi spinti! 🙂

      Vi presento il sesterzio:


      Gordian I Africanus
      Æ Sestertius
      Rome, AD 238
      D/IMP CAES M ANT GORDIANVS AFR AVG, laureate, draped and cuirassed bust right
      R/P M TR P COS P P, Gordian, laureate and togate, standing left, holding olive branch in right hand

      Il venditore non dice altro, nessun peso o diametro, nessun'altra foto.

      Solo un "compralo subito" di 5000€ e la possibilità di fare una "Proposta d'acquisto".

      Voi che ne dite?  E' stato sicuramente aiutato e, forse, anche rabberciato.

      Quanto potrebbe valere?

      Ma, soprattutto, chi rischierebbe un acquisto su ebay per un importo così elevato!?!?  Potrebbe essere un qualche tipo di truffa?

      @Cliff, @Piakos, @Ross14, @Spoudaios, @Tinia Numismatica, @tinianum... voi che ne dite?  Ci date un vostro parere a riguardo?

      Grazie!

      Ave.

      Quintus
      • 9 risposte
    • Moneta Argento 1 dollaro 1799
      Buongiorno, sono nuovo del forum spero di non aver sbagliato nulla. Mi stavo chiedendo quanto volesse questoa moneta e dove posso certificare la sua autenticità
      • 7 risposte
    • LA REPUBBLICA DI SIENA IN MONTALCINO
      Siamo nella metà del '500; Cosimo I de' Medici, non ancora Granduca  cerca di conquistare tutta quella parte di Toscana che ancora è indipendente. Tenta, e ci riesce per alcuni anni (dal 1548 al 1557) attraverso manovre con l'imperatore Carlo V ma dovette riconsegnare l'allora contea  di Piombino a Jacopo VI, trattenendosi una enclave all'Elba dove fondò Cosmopoli.  Non potè o non volle usare la forza dato che la madre di Jacopo era sua zia e quindi il signore di Piombino suo cugino di 1° grado. 

      Poichè, invece, a Siena non aveva parenti, mosse guerra alla Repubblica senese con l'appoggio degli spagnoli di Carlo V; Siena ottenne l'aiuto di Enrico II di Francia, ma fu tutto inutile: alla fine di un lungo e drammatico assedio la città, nel 1555 si arrese ed il contingente francese, cui si erano uniti un migliaio di cittadini senesi, uscì dalla città con l'onore delle armi. I senesi, nobili e popolani, capeggiati da Filippo Strozzi, assieme ai francesi si recarono a Montalcino, dando vita alla Repubblica di Siena in Montalcino da dove continuarono la lotta contro Firenze, lotta che terminò nel 1559 a seguito della sconfitta francese nella guerra con la Spagna.

      Da un punto di vista numismatico continuarono, anche da un punto di vista formale, a coniare monete "senesi", monete che Cosimo, una volta presa Montalcino  fece ritirare e rifondere in una forma di moderna damnatio memoriae e questo ne spiega la notevolissima rarità.

      La vendetta, postuma, di Montalcino è stata quella di divenire una eccellenza eno-gastronomica con un vino che batte il Chianti alla grande e dei salumi da sogno!

      Tornando alle cose serie, una particolarità indiretta di questa monetazione è costituita dai numerosi falsi ottocenteschi, concentrati sulla quadrupla d'oro e sul testone per il quale veniva usato lo stesso conio date le analoghe dimensioni.

       

      Quadrupla passata in asta da Varesi (e dichiarata come falso storico).

      Di seguito invece alcuni tipi autentici: mezzo scudo, giulio, parpagliola e mezza parpagliola.

           

                   
      Per chi conosce la monetazione di Siena, è evidente che si volle mantenere la tipologia precedente all'occupazione medicea, per affermare, anche con la moneta, che lì, e solo lì, era ancora la Repubblica di Siena.
        • Mi piace
      • 3 risposte

Forum

  1. Iniziative e Progetti

    1. La tua collezione esposta on-line

      In questa sezione tutti gli utenti potranno esporre le loro collezioni.

      358
      messaggi
    2. Collaborazione con la Rivista Numismatica Internazionale OMNI

      I responsabili scientifici e i moderatori di questo forum selezioneranno i migliori topic per proporli alla rivista OMNI. Un ottima opportunità per far conoscere le ricerche e gli studi dei numismatici italiani anche all'estero

      197
      messaggi
    3. Dizionario Enciclopedico Numismatico

      In questa sezione, verranno raccolte tutte le definizioni dei termini più usati in numismatica. SI POSSONO INSERIRE SOLO DEFINIZIONI.

      336
      messaggi
    4. Vademecum Numismatico

      In questo spazio web verranno analizzate le problematiche di maggiore interesse per gli appassionati e i collezionisti di monete. Gli utenti potranno solo rispondere ai topic aperti dallo staff.

      578
      messaggi
  2. Monete (sezioni scientifiche)

    1. Monetazione Etrusca e delle popolazioni pre-romane in Italia

      Sezione dedicata alla monetazione etrusca, celtica, sannitica, punica e delle altre popolazioni italiche prima della conquista di Roma.

      631
      messaggi
    2. Monetazione Greca

      La monetazione greca rappresenta il massimo esempio di raffinatezza e perfezione dello stile artistico.

      Gestito da: lorenzo
      1674
      messaggi
    3. Monetazione Romana

      Una delle più grandiose potenze militari della Storia. Roma con le sue antiche monete ci trasmette ancora oggi il fascino e la voglia di approfondire questo bellissimo periodo storico.

      Gestito da: Quintus
      4458
      messaggi
    4. Monetazione Barbarica

      Le monete dei Franchi, Goti, Vandali, Visigoti e di tutte le altre popolazioni barbariche

      515
      messaggi
    5. Monetazione Bizantina/Islamica

      Dall'antica monetazione dell'Impero Romano D'Oriente fino alla monetazione medievale islamica. Un viaggio millenario attraverso una monetazione affascinante e complessa.

      364
      messaggi
    6. Monetazione e Medaglistica Papale

      Le monete e le medaglie dei Papi. La Storia millenaria del potere temporale della Chiesa impressa sulle monete coniate dallo Stato Pontificio e poi dallo Stato della Città del Vaticano.

      530
      messaggi
    7. Monetazione e Medaglistica degli Stati Medievali in Italia fino ai Moti Rivoluzionari

      Dalla monetazione medievale alla nascita dei primi stati nazionali. Dagli anni delle monarchie assolute ai moti rivoluzionari che portarono alla formazioni degli stati liberal-democratici.

      1317
      messaggi
    8. Monetazione e Medaglistica del Sud Italia

      Le monete del Mezzogiorno d'Italia, terra ambita da tutte le più importanti Famiglie Reali d'Europa.

      6565
      messaggi
    9. Monetazione e Medaglistica Sabauda

      Dalle origini dei Signori delle vie di Francia del XI secolo sino al termine del Regno di Sardegna e creazione di quello d'Italia.

      337
      messaggi
    10. Monete e Medaglie delle Monarchie Medievali Europee

      Dalla Francia alla Gran Bretagna, dalla Germania alla Russia, dal Portogallo al Belgio, il periodo delle sanguinose guerre che portarono alle conquiste di imperi sconfinati.

      Gestito da: lorenzo
      449
      messaggi
    11. Monetazione e Medaglistica Napoleonica

      Le monete e le medaglie coniate durante la Rivoluzione Francese e che hanno celebrato l'intera esperienza napoleonica.

      411
      messaggi
    12. Monetazione e Medaglistica Moderna Italiana

      La monetazione che segna il passaggio dagli Stati italici all'unità d'Italia. Qui potranno essere esaminate le monete che hanno attraversato le due guerre mondiali fino all'introduzione dell'euro.

      1524
      messaggi
    13. Monetazione e Medaglistica dei Moderni Stati Nazionali (dal'800 ad oggi)

      Le monete e le medaglie delle nazioni estere. Le monete dei paesi Europei, dal periodo della prima guerra mondiale fino all'introduzione dell'euro.

      Gestito da: danieles1981
      729
      messaggi
    14. Euro

      La nuova moneta europea che ha istituito una valuta comune a molti Paesi europei.

      597
      messaggi
  3. Banconote (sezioni scientifiche)

    1. Cartamoneta pre-unitaria

      I primi esemplari di cartamoneta che iniziarono a circolare negli stati pre-unitaria della nostra penisola.

      Gestito da: DeAritio
      53
      messaggi
    2. Dal Regno d'Italia alla Luogotenenza di Umberto II

      Le banconote dei Savoia. Dall'unificazione nazionale fino a Umberto II

      Gestito da: DeAritio
      211
      messaggi
    3. Banconote circolanti nelle colonie italiane

      I biglietti di occupazione italiana in Grecia,Albania e Africa Orientale.

      Gestito da: DeAritio
      82
      messaggi
    4. Repubblica Italiana

      Nasce la Repubblica Italiana e inizia la Storia della lira stampata.

      Gestito da: DeAritio
      134
      messaggi
    5. Banconote Straniere

      Sezione dedicata alle banconote di tutto il Mondo.

      Gestito da: DeAritio
      404
      messaggi
    6. Euro

      Tutto ciò che riguarda le banconote in circolazione dal 1º gennaio 2002.

      Gestito da: DeAritio
      136
      messaggi
  4. Tematiche numismatiche generali (sezioni scientifiche)

    1. Errori e varianti

      Spazio dedicato alle varianti di monete e di banconote.

      353
      messaggi
    2. Prove, Progetti, Coniazioni private o di Stati non riconosciuti

      Sezione dedicata alle prove ed ai progetti di monete e banconote. Verranno esposte anche le monete e le medaglie di coniazioni private o di Stati non riconosciuti o autoproclamati.

      331
      messaggi
    3. Medaglie e onorificenze militari

      Spazio dedicato allo studio delle varie tipologie di medaglie militari conferite sia in tempi di guerra che di pace. Verranno esposte anche onorificenze nobiliari e degli ordini cavallereschi.

      85
      messaggi
    4. Pesi, gettoni monetali, sigilli e tessere.

      Sezione dedicate ad approfondimenti inerenti a pesi, gettoni monetali, sigilli e tessere.

      157
      messaggi
    5. La numismatica in generale

      Discussioni numismatiche dedicate ad argomenti che riguardano la numismatica in generale e che non possono essere circoscritte nelle singole sezioni scientifiche del forum

      1252
      messaggi
  5. Collezionismo

    1. Catalogazione

      Questo spazio è dedicato alle richieste per la identificazione di monete e banconote.

      1418
      messaggi
    2. Valutazione economica e dello stato di conservazione

      Qui gli utenti potranno chiedere delle indicazioni soggettive agli esperti di questo forum per quantificare sia il valore economico della moneta sia il suo stato di conservazione.

      708
      messaggi
    3. Vera o falsa?

      Qui è possibile postare richieste per sapere se la moneta o la banconota in nostro possesso sia vera o falsa.

      460
      messaggi
    4. Aste Numismatiche

      Qui può essere discusso tutto ciò che riguarda il mondo delle aste numismatiche. In questa sezione, inoltre, verranno presentati i lotti delle più importanti case d'asta. Saranno rimossi i messaggi di reclami, doglianze o similari che non hanno interesse generale.

      Gestito da: danieles1981
      1995
      messaggi
    5. Tecniche di pulizia ed esposizione di monete e banconote

      Qui potete postare le tecniche per la pulizia e l'esposizione delle monete e delle banconote della vostra collezione privata. Questo Forum non consiglia nessuna tecnica di restauro invasiva.

      281
      messaggi
    6. Il collezionista curioso

      Questa sezione è dedicata alle forme di collezionismo diverse dalla numismatica. 

      184
      messaggi
  6. Numismatica e Norme giuridiche (sezioni scientifiche)

    1. Legislazione in ambito numismatico.

      Le norme relativa alla detenzione e al commercio in ambito numismatico.

      1739
      messaggi
  7. Biblioteca Numismatica

    1. Pubblicazioni dei propri studi

      Qui potrete pubblicare i vostri studi numismatici.

      735
      messaggi
    2. Cataloghi, riviste e testi numismatci

      Sezione rivolta allo scambio di informazione e notizie relative a cataloghi, riviste e testi numismatici.

      1179
      messaggi
    3. Convegni ed iniziative riguardanti la Numismatica

      Tutte le informazioni necessarie su convegni ed iniziative riguardanti la Numismatica.

      1197
      messaggi
  8. Spazio generale

    1. Presentazioni

      Stanza dedicata alle presentazioni che ognuno dovrebbe fare alla community.

      1506
      messaggi
    2. Spazio libero

      Qui potrete parlare liberamente di temi anche diversi dalla numismatica, rispettando comunque le regole della buona comunicazione.

      2302
      messaggi
    3. Le novità del forum

      Tutte le novità del forum verranno presentate in questa sezione

      444
      messaggi
    4. Suggerimenti e proposte

      Aiutataci a migliorare e a rendere sempre più innovativo questo forum.

      389
      messaggi
    5. Problemi tecnici

      Postate qui i problemi tecnici che avete riscontrato durante la navigazioni in questo forum.

      185
      messaggi
  • Spazio Donazioni

    Il forum ha bisogno delle tue donazioni per restare on-line. Aiutaci a tenere in vita questa comunità virtuale con un piccolo gesto di solidarietà. Ti ringrazio per l'attenzione
    Donate Sidebar by DevFuse
  • Gli utenti con più messaggi pubblicati

  • Discussioni

  • I Gruppi del Forum

  • Prossimi eventi

  • Ultime rispsote

    • Piuttosto bruttina! Piatta, anonima e senza uno stile. Carlo
    • Monete ricche di storia e fascino, ma molto comuni ed in conservazione mediocre. Come valore concordo con @Realino Santone  Entrambe hanno una bella patina da vecchia collezione. Carlo
    • Viste le condizioni disastrose in cui versava il Comune aretino, nel 1377 il vescovo Giovanni Albergotti pensò di sottomettere Arezzo al Papa. Il tentativo però fallì perchè il popolo assalì il palazzo vescovile, lo incendiò e fece prigioniero il vescovo. Nel 1380 i Bostoli, rientrati in città dopo 24 anni di esilio, non riuscendo a trovare persone valide che sapessero reggere il governo di Arezzo, consegnarono la città a Carlo di Durazzo, re di Napoli che vi pose a capo Guglielmo vescovo di Giurino ungherese. Mentre i guelfi occupavano il cassero di S. Donato con il vicario del re, Jacopo Caracciolo, le famiglie ghibelline scelsero di dare Arezzo a Luigi D' Angiò. Nel 1384 Eguerrand De Coucy inviato da Carlo VI di Francia in aiuto di Luigi D' Angiò, si accordò con i Tarlati e occupò Arezzo. L'improvvisa morte di D' Angiò consentì al Comune di Firenze di venire a patti col De Coucy, il quale gli cedette la città in cambio di 40.000 fiorini d'oro. E' ascrivibile al secondo periodo della dominazione fiorentina il bolognino recante al D/giglio DE ARITIO e in campo una grande A accostata da quattro giglietti e al R/ giglio S.DONATVS giglio ed il busto mitrato del Santo. Il CNI lo attribuisce al periodo comunale in considerazione dal fatto che i gigli sono stati considerati segni di zecca. Questa opinione non è motivata. Nel bolognino i gigli sono sette e si trovano cinque sul dritto e due sul rovescio in posizioni e con frequenze molto anomale per le monete medievali italiane dove il segno di zecca è uno soltanto e si trova sul rovescio in due posizioni ben precise: in campo, generalmente in alto a sinistra, o all' inizio della legenda come nelle monete di Siena. Dal punto di vista iconografico il bolognino è il risultato della imitazione di due tipi diversi di monete. Per il D/ si rifà al bolognino emesso dalla zecca di Bologna a partire dal 1236 e per il R/ a quello fatto battere da Papa Urbano V nella zecca di Roma, nel 1362. Per quanto detto, il bolognino invece che durante l'età comunale, troverebbe un più adeguato collocamento cronologico nel periodo della dominazione fiorentina per la presenza dei giglietti e più precisamente nella seconda fase perchè durante la prima (1338-1342) non esisteva ancora il prototipo del rovescio. Confronti stilistici con il bolognino di Perugia del 1395 farebbero datare la moneta aretina alla fine del XIV secolo.
    • Chiaro ed abbondante!
    • Autentiche, circa 20 euro al pezzo       
    • Certo ecco le foto laterali delle due monete.
    • Sono 5 lire (o scudo) di  Vittorio Emanuele II , in argento,  puoi inserire foto del contorno  dove ci sono i FERT
    • Non è che non colleziono: ho le mie monetine del Principato di Piombino e quelle dei governi rivoluzionari.  Ma per me l'interesse vero, quello che fa scattare la molla, è lo studio degli insiemi monetali, è non lo dico per farmi bello: semplicemente è che studiando le monete - certe tipologie o certi insiemi - in qualche modo le sento mie, me ne approprio.  Attualmente, per colpa o merito, della pandemia mi sono messo a studiare le monete della <Repubblica di Siena ritirata a Montalcino> attratto dalla particolare vicenda storica di quelle coniazioni, vicenda che per altro si intreccia, anche se indirettamente e su fronti opposti, con la storia di Piombino. Insomma, mi diverto tantissimo studiandole ed il piacere è ancora maggiore in quanto non sono "obbligato" a studiare queste o quelle, me scelgo di volta in volta in base a uno stimolo, a una lettura, a una suggestione. Il tutto tenendo fermo un punto: la monetazione del territorio intorno a me, quindi Piombino e Populonia. Per quest'ultime, ti dirò che sono interessanti, affascinanti e ancora con tanto da scoprire, ma l'idea che quando sento suonare alla porta possa essere la GdF mi ha sempre scoraggiato dal collezionarle!👮‍♂️🥴😎  
  • Aggiornamenti recenti

  • I topic con più letture

  • Discussioni con più risposte

  • Aggiornamenti di stato recenti

    • Petermenger  »  Antoniosss

      Ciao Antoniosss,
      sono un utente di questo forum ma non ho mai partecipato in quanto non ho mai trovato post di mio interesse sui quali dibattere.
      Solo oggi, costretto a stare a casa per il ben noto Virus del cavolo, ho letto questo tuo vecchio post sul Tallero di Maria Teresa supposto essere in oro.
      Ebbene, la collezione dei Talleri di Maria Teresa del 1780, è esattamente uno dei miei campi e quindi anche se in ritardo volevo darti alcuni chiarimenti secondo la mia esperienza.
      Dunque, la premessa da fare è che tutti i talleri datati 1780 sono dei RICONI ufficiali, attenzione dico ufficiali in quanto battuti da zecche di stato, sia siano stati coniati a Vienna come a Roma, come a Parigi piuttosto che a Londra, Praga o Kremnitz o Karlsburg e, mi spiace contraddire coloro che ti hanno risposto precedentemente, ne esistono anche battuti in oro. In particolare quello coniato in Svizzera, che però ha un altra impronta ed uno coniato, mi sembra a Vienna.
      Da quello che vedo nelle tue fotografie, a me sembra un comunissimo tipo coniato a Roma e poi probabilmente placcato in oror. Dico questo perchè un tallero del 1780, in argento, con le dimensioni di cui tu parli, ha un peso di poco superiore ai 28 grammi (28,05-28,10). A parità di dimensioni, quindi diametro e spessore, battuto in oro, dovrebbe pesare oltre 70 grammi. Il tuo in questione quanto pesa?
      Per quanto riguarda il riconoscimento del tipo (emissione di Roma) ti evidenzio un link di un noto forum autriaco presso il quale è visibile una buona parte dei talleri del 1780 in mio possesso:
      http://www.numismatik-cafe.at/gallery/image_page.php?album_id=1206&image_id=6528
      E scritto in tedesco e inglese ma penso che capirai facilmente guardando le foto ed i dettagli.
      Vai a vedere quello di Roma - H71 - e confronta le immagini con il tuo: dovrebbero corrispondere !
      Concludo dicendoti che sui talleri di Maria Teresa del 1780, qui in Italia, regna una gran confusione e spesso molta ignoranza. E' una moneta che è stata sempre snobbata dai collezionisti italiani, i quali hanno sempre priviliagiato solo il tipo battuto a Roma, come fosse un'oracolo, e accomunando tra loro tutti gli altri vari tipi. Io ti posso dire di possederne oltre 200 tipi diversi, per stato, zecca, conio e particolari vari.
      Il sito che ti ho segnalato non li contiene tutti ad oggi!!
      E comunque in oro non ne posseggo neanche uno.
      Per vedere quelli in oro, dovresti dare un'occhiata a quest'altro sito:
      http://www.theresia.name/cgi-bin/Token.cgi?Page=14
      Guarda i tipi H74, H75 e H76 (Svizzero con una impronta molto diversa dal tuo).
      Per il resto, che dirti? Buona fortuna con i Talleri se decidi di collezionarli e non farti scrupoli ad interpellarmi quando vuoi, in caso di necessità. Non sono un professionista ma faccio del mio meglio per informare gli altri.
      In bocca al lupo.
      Juan
       
      · 0 risposte
    • Massimiliano

      Salve tempo fa ho acquistato questa lettera che mi hanno detto che sia di Pietro Verri qualcuno saprebbe darmi qualche info in piu' grazie

      · 0 risposte
    • Massimiliano

      Salve tempo fa ho acquistato questo.documento che mi hanno detto essere di Pietro Verri qualcuno puo'darmi qualche dettaglio in piu' graziede

      · 1 risposta
  • Compleanni di oggi

    Nessun utente compie gli anni oggi