I Migliori Utenti


Gli interventi più apprezzati

Showing content with the highest reputation on 12/01/2019 in tutto il forum

  1. 2 points
    Giuseppe Gugliandolo

    Doppia Oncia 1752 - Antonio Oca

    È il 1934 quando il Bovi in una piccola pubblicazione rende nota l'esistenza della Doppia Oncia del 1752, moneta di estrema rarità ed unico anno nella tipologia in cui è possibile riscontrare le sigle P-N di Placido Notarbartolo al dritto sotto il busto di Carlo di Borbone ed al rovescio, al posto delle sue sigle sotto le zampe dell'aquila, le sigle A - OA. Si tratta delle sigle di Antonio Oca, personaggio probabilmente già noto al Bovi in quanto negli anni precedenti a quelli citati aveva lavorato nella zecca napoletana come perito ove scrisse una relazione sulla monetazione aurea da farsi nel territorio napoletano e sulla quale è possibile trovare un bollettino del Circolo Numismatico Napoletano proprio ad opera del Bovi che ne parla. Qualche anno più tardi, 1967, troviamo Renato Gaudioso che, sempre nel bollettino del Circolo Numismatico Napoletano rende nota una variante di questa moneta mancante nello Spahr al tempo, si tratta della doppia con le sigle A - O. Purtroppo la foto dell'articolo è di bassa qualità e non consente di godere a pieno dei dettagli ma la moneta è ben visibile nello specifico. Le sigle A - O le troviamo anche sulle once dello stesso anno e solo in quell'anno. Antonio Oca diviene, col dispaccio del 16 Aprile 1752 maestro dei cunei e bilancia nella Regia Zecca di Palermo e nel Gennaio dell'anno successivo venne autorizzato ad apporre le proprie iniziali sulle monete ma dimostrata l'insussistenza di questo diritto dal Notarbartolo e Carlo di Borbone, nel Marzo dello stesso anno, ordinò che si ponessero soltanto le iniziali del Maestro di Zecca. Passiamo alla moneta in questione. Dritto: CAR D G SIC ET HIE REX, busto di Carlo di Borbone, in basso P N [Placido Notarbartolo] Rovescio: HIS PAN INF ANS, aquila con in petto lo stemma di aragona-sicilia e su questo lo stemma borbonico [3 gigli]. Sotto gli artigli le sigle A - O per Antonio Oca. Alcuni testi, tra i quali lo Spahr e il Gigante [edizione 2019] citano un singolo esemplare noto della moneta. Non potendo fare confronti con quello che è l'esemplare del Gaudioso nella pubblicazione del 1967 dato che i dettagli ed i particolari non sono godibili, è certo che gli esemplari esistenti siano almeno due. Asta NAC 57, collezione Filippo Patti, lotto 634 Nomisma 51, lotto 1817. Certa è la provenienza delle due monete dallo stesso conio. Un altro particolare: il busto di questo tipo è rinvenibile anche per il 1753 ma senza sigle in basso e con P - N al rovescio al posto di A - O. Nello stesso anno lo stile del busto nel dritto verrà completamente sostituito e la leggenda non avrà il nome abbreviato con CAR ma CAROLVS.
  2. 1 point
    Riccardo Paolucci

    ASTA ANTIQVA 52

    E' in preparazione, anzi quasi terminata, la stesura del Catalogo dell'Asta ANTIQVA n. 52 che si terrà il 3 Marzo prossimo. Presenti in Catalogo alcune chicche fra le Classiche (con conservazioni e provenienze notevoli e di riguardo), le Zecche italiane e la Letteratura. La scadenza per l'acquisizione del materiale è il 20 gennaio c.m.
  3. 1 point
    Riccardo Paolucci

    Auguroni DeAritio!!

    Anche se in ritardo tanti auguri
La ricerca dei Migliori Utenti è impostata sull'orario Roma/GMT+01:00