Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 10/30/2019 in all areas

  1. 1 point
    Per quanto mi risulta, ma credo sia cosa nota, la rarità di questa moneta e dei 10 centesimi, malgrado la tiratura importante, è dovuta al fatto che furono ritirati presto dalla circolazione e rifusi. Per quanto riguarda la conservazione non mi pronuncio, essendo convinto che sulla valutazione del grading vi sono molti parametri - alcuni dei quali assai poco numismatici - che vi influiscono. Detto questo, per il tipo, una bella moneta ed un interessante pezzo di storia.
  2. 1 point
    Salve, segnalo il nuovo BdN sul " ripostiglio dalla Siria " , 261 denari romani imperiali acquistati da un commerciante nel 1923 a Beirut dal Museo Nazionale Romano , pubblicate nel 1925 da Secondina Lorenza Cesano, il volume è a cura di Simone Boccardi : http://www.bdnonline.numismaticadellostato.it/materiali/index.do
  3. 1 point
    Credo di essermi espresso male: intendo dire pezzi mancanti di difetti deturpanti [perché la stessa assenza di metallo sul campo anziché sul volto trovo abbia un peso differente] Poi se vogliamo cercare il top del top, tempo fa Cavaliere ne aveva in vendita una veramente eccellente che non mi pare avesse difetti di questo genere. Sul pagina facebook del negozio dovrebbero esserci ancora le foto
  4. 1 point
    Non entro nel merito del risultato d'asta, piuttosto essendo stato citato passo ad esprimere un parere tecnico. Per prima cosa non posso che ribadire quale debba essere l'approccio per una valutazione numismatica corretta: la conoscenza della tipologia monetale in questione. Ciò comporta riconoscere tutti quei difetti di produttivi caratteristici del periodo e della zecca in questione, che non influiscono assolutamente sulla conservazione bensì sul valore economico finale. Non tenere conto di questo "piccolo ma grande" dettaglio, comporta l'ottenimento di una valutazione distorta. Ergo, si disdegna una moneta che invece merita. Di qui non si scampa. Altra cosa: non ho capito cosa si intende per Fdc. Moneta con assenza totale di circolazione? Ok Moneta con assenza di difetti di produzione? Parliamone! In questo caso mi permetto sommessamente di correggere questo approccio valutativo, indicandovi, ad esempio, cosa riferisce il Gigante (un testo basilare) per quanto riguarda le monete di 3° classe, a cui al tipologia in questione appartiene: "Moneta quasi sempre con difetti di conio, che sono la regola (ho abbreviato, ma la sostanza non cambia). La valutazione indicata nel catalogo (quindi, FdC incluso), è riferita alle monete con i difetti di conio descritti. L'assenza dei difetti di conio aumenta maggiormente la valutazione". Per tornare alla moneta in questione... Questa moneta oggetto della discussione ha avuto un passaggio in un'asta Varesi, la 60 del Maggio 2012. valutata come "straordinaria qualità, FdC rosso". Aggiungere qualcosa sulla stima operata da un professionista del calibro dello stimato titolare della casa d'aste credo sia superfluo. Posso comunque aggiungere che ho avuto modo di vedere personalmente in mano questo esemplare, e per la tipologia, è assai dura pensare di trovare un ritratto più rappresentativo di questo. La moneta risulta abbastanza centrata, con buonissima compattezza del metallo (solo un leggerissimo crack superficiale al dritto), qualità della coniazione molto buona per il dritto, ancora meglio per il rovescio. Difetti al dritto come sfogliature di metallo (lo sbreghetto) e la falla di conio (il colpetto) a cui il buon piakos faceva riferimento, sono minime in rapporto all'altissima conservazione, alla naturalezza della ramatura, ed in ultimo ma non meno importante, alla generale qualità di coniazione (oltre agli altri pregi sopra già citati). Sarebbe come bistrattare per la bassa conservazione questo testone papale di Paolo V con ritratto al dritto e stemma con angeli al rovescio tuttora in asta https://www.deamoneta.com/auctions/view/668/330 quando invece è tra i migliori esemplari apparsi sul mercato (visto in mano, ed ho avuto l'onore persino di fotografarlo. Visitate la mia pagina Facebook per ammirarla). Se la giudicassimo solo per la conservazione che vediamo, per le debolezze di conio ed il modulo in certi punti molto irregolare, ci perderemmo di apprezzare non solo una pregevole moneta di gran gusto, ma anche un ritratto molto vivido di Paolo V per questo testone! Insomma, per ogni tipologia, c'è una chiave di lettura, basata su ricerca, conoscenza e gusto. Per un 10 grani, direi che questo esemplare si difende "più che molto bene". Meglio, è difficile trovare.
  5. 1 point
    Romana imperiale , bronzo dell ' imperatore Nerva 96-98 D.C. , per identificarla meglio serve il peso e la foto del rovescio
This leaderboard is set to Rome/GMT+01:00