Ross14

Utente
  • Numero contenuti

    65
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    8

Ross14 è stato il miglior utente nel giorno 27 Novembre

Ross14 ha scritto i contenuti più apprezzati del forum!

Reputazione Forum

44 Utente molto apprezzato

1 Seguace

Su Ross14

  • Rank
    Utente abituale
  • Compleanno 18/10/1980

Informazioni Utente

  • Sesso
    Maschio

Interessi Numismatici

  • Settore
    Monetazione romana antica
  • Settore
    Nessuno
  • Livello Studio
    Studioso autonomo

Visite recenti

917 visite nel profilo
  1. Ross14

    LVCIVS VERVS, sesterzio CONCORDIA AVGVSTORVM

    Che dire, complimenti! Il ritratto, seppur lisciato nella sua parte più esposta, è ancora pienamente godibile. Il profilo di Lucio Vero, con quella lunga barba, il cespuglio di capelli, il volto lungo ed il naso importante, esercita sempre un certo fascino. Ricordo di essermi innamorato di un suo busto nel Museo Archeologico di Palestrina. Il rovescio non è raro ma, essendo iconico del periodo, risulta piuttosto ricercato. La diarchia su un piano di parità (almeno da un punto di vista formale) era una novità assoluta e questo tipo la incarna perfettamente mostrando ai cittadini la concordia vigente ai vertici della Res Pvblica. La datazione va dal 10/12/161 al 10/12/162, periodo in cui lo stesso Vero partì per l'Oriente a combattere i Parti. Ritornando alla diarchia, pur essendo i due imperatori su un piano formale di parità , la condizione d'inferiorità di Lucio rispetto a Marco era palese. Marco era il presecelto da Antonino a cui concesse il titolo di Cesare e che dal 147 associò come collega della Tribunicia Potestas, Marco sposò Faustina ed ancora Marco ricevette dal morente padre adottivo la statua d'oro della Fortuna. Il Senato voleva solo Marco come imperatore e, solamente dietro insistenza dello stesso, anche Lucio ottenne la porpora. Infine solo Marco Aurelio divenne Pontefice Massimo data l'indivisibilità della carica.
  2. Ross14

    Antonino Pio e la "CONCORDIA EXERCITVVM"

    Ciao @Quintus Grazie per la risposta. La moneta è più bella dal vero anche se, come da te osservato, i rilievi non sono altissimi ma sicuramente migliori che in fotografia. Anche la patina è più scura di quanto appare qui con una colorazione quasi nera. Parlando del tipo al rovescio io ritengo che la risposta possa essere molto più complessa...
  3. Ciao a tutti, desidero presentarvi il sesterzio seguente. 32mm / 24,83g RIC III 600A / British Museum 4, 1234 Zecca: Roma Datazione: 140-144 Diritto: ANTONINVS AVG PIVS PP TR P COS III Testa laureata a destra Rovescio: CONCORDIA EXERCITVVM / S-C La concordia stante a sinistra regge una Vittoria e un'insegna con un'aquila legionaria. Innanzitutto vi chiedo cosa ne pensate di questo sesterzio. In secondo luogo, che interpretazione date al rovescio? Mi interesserebbe molto ricevere la vostra interpretazione di questo tipo. Buona serata e grazie Alessio
  4. Ross14

    Pompei - La data dell'eruzione e un denario di Tito

    Come riportato nell'articolo si legge COS VI TR PVIIII e non si riesce a decifrare nient'altro In ogni PP non c'è ed è inserito erroneamente nella descrizione fornita dal sito del Medagliere del Museo Archeologico di Napoli. La parte relativa alla salutatio imperatoria (IMP) non si legge. Mi domando come si possa essere giunti ad un errore così grossolano di interpretazione della legenda vedendo chissà come PP e IMP XV. In ogni caso basta una prima interpretazione sbagliata ad innescare un effetto domino di conclusioni errate. Questa vicenda insegna quanto possano essere importanti alcuni ritrovamenti monetali per la collocazione cronologica di certe vicende storiche ma anche come una sbagliata interpretazione del loro contenuto possa far prendere dei granchi clamorosi.
  5. Ross14

    Pompei - La data dell'eruzione e un denario di Tito

    Grazie, ma intendevo l'immagine di quello effettivamente trovato a Pompei.
  6. Ross14

    Pompei - La data dell'eruzione e un denario di Tito

    Qualcuno ha trovato per caso la fotografia in buona risoluzione del denario di Tito in oggetto? L'immagine nell'articolo lascia un po' a desiderare.
  7. Ross14

    Pompei - La data dell'eruzione e un denario di Tito

    Grazie per aver scovato questo articolo.
  8. Ross14

    Pompei - La data dell'eruzione e un denario di Tito

    Al contrario, si veda con il caso denario/Morgantina, dove è invece lo strato a datare la moneta, la datazione della moneta diventa ante quem. Morgantina ci dice ad che il denario è stato coniato prima o nel 211 ac.
  9. Ross14

    Pompei - La data dell'eruzione e un denario di Tito

    Le monete danno un termine post quem. Nel caso da te ipotizzato la datazione sarebbe uguale/post 2005. Lo stesso varrebbe per un ipotetico denario con la imp xv trovato a Pompei: la datazione dello strato sarebbe dopo il conferimento della stessa. Ciao
  10. Buonasera a tutti, desidero condividere un articolo scritto da Umberto Moruzzi relativo al denario di Tito rinvenuto a Pompei che, secondo alcuni studi recenti, costituirebbe la prova incontrovertibile dello spostamento della data dell'eruzione del Vesuvio da Agosto del 79 a Ottobre del stesso anno. Di questo denario ne parlarono ampiamente anche i media nostrani: tuttavia, come illustrato dall'autore, tutto nacque da un'erronea interpretazione delle legende.... https://www.cronacanumismatica.com/verita-numismatica-e-fake-news-esiste-la-moneta-che-riscrive-la-data-delleruzione-del-vesuvio/ Cosa ne pensate?
  11. quindi un reato premeditato! É già da tempo che coltivo questa idea...Te ne parlerò
  12. Senza alcun dubbio un saggio proponimento
  13. Ciao @Quintus Di seguito gli elementi della legenda d'interesse: TR P XX implica una datazione dal 10/12/165 al 9/12/166 ARM(ENIACVS) titolo assunto da Marco Aurelio nel 164 (Lucio Vero, il co-imperatore impegnato fisicamente sul fronte orientale, l'aveva ricevuto l'anno precedente) PARTH(ICVS) MAX(IMVS) titolo assunto da Marco Aurelio proprio durante la TR P XX. Ne approfitto per farmi un po' di pubblicità : per le datazione delle varie cariche di Marco Aurelio e Lucio Vero, corredate dalla spiegazione di ogni punto, vi invito a scaricare gratuitamente da academia.edu il mio lavoro "Marco Aurelio e il mistero della Tribunicia Potestas V - Una revisione delle datazioni delle Tribuniciae Potestates di Antonino Pio e di Marco Aurelio" https://independent.academia.edu/ABusseni Il rovescio celebra la vittoria sui Parti del 166 che venne celebrata con un trionfo a Roma il 12 Ottobre di quell'anno (Historia Augusta, Vita di Commodo, 11, 13). Il medaglione potrebbe proprio essere riferibile a quell'evento. Le due vittorie reggono uno scudo con ghirlanda dove si legge (su questo medaglione in realtà non benissimo...) SPQR VIC PARTHI CAE. L'immagine della Partia seduta su una pila d'armi è canonica: questa raffigurazione per rappresentare un paese sconfitto venne usata da molti imperatori su svariate monete, tra le quali il celebre denario di Traiano "DAC(IA) CAP(TA) RIC 98 noto anche per l'imitazione delle merendine Mister Day. La descrizione del venditore parla del "bashlyk" come copricapo della Partia: in questo caso specifico bisogna fare un atto di fede...Tuttavia esso è ben raffiugurato su alcune monete partiche come la seguente dracma attribuibile forse a Mitridate I.
  14. Sono un'amante del ciclismo quindi la bici è un'ottima opzione. Notevole e raro.
  15. Ross14

    Dupondio di Livia ( o almeno dicono)

    Sia come ivstitia sia come pietas si assiste a ritratti fortemente idealizzati di chiara ispirazione ai canoni greci classici.