D.B.G

Moderatore di sezione
  • Numero contenuti

    501
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    26

D.B.G è stato il miglior utente nel giorno 11 Ottobre 2017

D.B.G ha scritto i contenuti più apprezzati del forum!

2 Seguaci

Su D.B.G

  • Rank
    Utente super

Informazioni Utente

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    Bologna

Interessi Numismatici

  • Settore
    Monetazione del Sud Italia
  • Settore
    Falsi d'epoca e moderni
  • Livello Studio
    Studioso autonomo
  • Moderatore della sezione
    Monetazione e Medaglistica del Sud Italia

Donazioni

  • Donazioni
    1

Visite recenti

1589 visite nel profilo
  1. denaro Renato D'Angiò UNICUM

    Buonasera a tutti, mi spiace ma non ho competenze per questo periodo quindi posso limitarmi a leggere i vostri commenti.
  2. sono d'accordo,mi sono fatto prendere dal fatto che non ne posseggo nemmeno un esemplare e mi "accontenterei "anche di uno dei due postati da piakos. si la moneta ha girato anche sulla baia.
  3. certo,lo postata solo perchè è esente dai soliti graffi di conio al dritto,e poi perchè è l'unica immagine della FECUNDITAS che ho
  4. nel mio archivio ho questa ma non mi segnai la provenienza
  5. mamma mia ragazzi,io sarei contento già così nel mettere una FECUNDITAS del genere in collezione,per me è già bella così,anche con i suoi difetti di conio,si è vero che la penalizzano ma ,a mio avviso, sono parte integrante della moneta stessa,ma forse sono di parte visto che stranamente sono attratto da monete con difetti. tempo fà ricordo che ne passo una in un'asta,non ricordo quale,che risulto poi essere stata "maneggiata"nei capelli di Ferdinando,e se ricordo bene veniva proposta come fior di conio,qualcuno se la ricorda?
  6. Beh!in un asta così io posso solo fare da spettatore ma se avessi dei soldi da investire,non da spendere che è diverso,certamente avrei a disposizione il top per quanto riguarda la numismatica,e come tutti gli oggetti d'arte,di cui fanno parte anche le monete,difficilmente si sbaglierà,ovviamente devo avere anche un minimo di conoscenza,ad esempio non mi lancerei nell'acquisto di dipinti perchè non sono ferrato in materia,diciamo che farei l'utile al dilettevole. Conosco un collezionista che rispecchia esattamente questo modo di collezionare ed investire,compra solo monete in alta conservazione e di una certa rarità con un occhio di riguardo per la zecca di Bologna che sono comunque il nocciolo della sua collezione,tutte le altre le cede al momento opportuno avendo sempre un buon margine di guadagno,ovviamente è una persona con una certa cultura e prima di comprare fa le sue ricerche del caso. infine voglio dire che le cose belle e costose che siano monete o meno, si pagano ma in buona percentuale possono dare soddisfazione nel medio o lungo termine.
  7. le monete in alta conservazione e molto rare è un'investimento,inutile girarci attorno,l'amore per la numismatica e ben altra cosa,e come avevo già scritto bisogna anche poterselo permettere,uno che può permettersi di spendere 50 o 100 mila euro per una moneta è sicuramente una persona facoltosa,se poi uno come me fa un mutuo per spendere quelle cifre per una moneta allora è un perfetto idiota. Mi rendo conto che stiamo andando fuori tema ,o almeno credo non sia questo lo spirito della discussione aperta da piakos.
  8. spendere grosse cifre per monete rare e belle è sicuramente un'investimento,e questo indipendentemente dalla zona di origine,ovvio che bisogna anche poterselo permettere,poi c'è anche chi si fa più trasportare dal cuore che dalla ragione. Un'amico commerciante che partecipa annualmente al convegno di Napoli mi dice sempre che le più belle e rare monete napoletane sono nelle mani di collezionisti napoletani ,com'è giusto che sia aggiungo io.
  9. è una moneta ambita per svariati motivi,in primis per la splendida raffigurazione al rovescio ricca di dettagli,moneta non rarissima ma che lo diventa con l'avanzare della conservazione,stesso discorso per la PRO FAUSTO e la SOLI REDUCI,che tra l'altro sogno di notte,inoltre c'è da dire che negli ultimi tempi ho notato un certo interesse per la monetazione di FERDINANDO IV° ,anche perchè con l'avvento del regno delle due sicilie la monetazione ne risente un pochino a livello stilistico,nel senso che è abbastanza ripetitiva, mentre per il regno di Napoli è più variegata,affascinante e ricca di spunti per nuovi studi.
  10. vabbè ,la moneta è quella che è cioè un rottame. ma dalle nuove foto nessuno si sbilancia?
  11. Hai ragione ma per le napoletane di questo periodo il discorso è più complesso
  12. Buonasera a tutti, durante le mie ricerche mi sono imbattuto in questo 6 tornesi con dicitura al dritto SICII anziché SICIL, voi cosa ne pensate?
  13. Buonasera a tutti, riprendo questa discussione per postare nuove foto della moneta oggetto di questo topic, meglio di così non riesco a fare :