D.B.G

Moderatore di sezione
  • Numero contenuti

    387
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    16

D.B.G è stato il miglior utente nel giorno 11 Aprile

D.B.G ha scritto i contenuti più apprezzati del forum!

1 Seguace

Su D.B.G

Informazioni Utente

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    Bologna

Interessi Numismatici

  • Settore
    Nessuno
  • Settore
    Nessuno
  • Livello Studio
    Studioso autonomo
  • Moderatore della sezione
    Monetazione e Medaglistica del Sud Italia

Donazioni

  • Donazioni
    1

Visite recenti

1012 visite nel profilo
  1. Ok,tutto chiaro
  2. Nonostante il largo modulo è stranamente leggera, già questo potrebbe essere un campanello d'allarme ma tanto a me non convince a priori,negli ultimi tempi gli spagnoli stanno facendo meglio dei bulgari ma fortunatamente sono ancora lontani dalla perfezione.
  3. Bel colpo
  4. Considerando peso e diametro direi che si tratta di un sesterzio, ovviamente in bronzo
  5. Concordo con Alessandro Severo, al rovescio si vede bene la C,un po' meno la S, personalmente eviterei di pulirla semplicemente perché, almeno dalle foto, non mi sembra ci sia tanto da evidenziare e si rischierebbe di rovinare la bella patina verde che la ricopre. Per rispondere ai dubbi sull'acqua posso confermare che l'acqua distillata, o demineralizzata, è adatta proprio perché non contiene componenti che possano innescare un processo corrosivo a contatto con il metallo della moneta.
  6. Buongiorno,innanzitutto occorre una foto anche dell'altro lato e poi il peso è il diametro aiuterebbero non poco nella classificazione,detto ciò credo possa essere un sesterzio o di Adriano o di Traiano
  7. le prime 4 hanno un valore di pochi euro
  8. la moneta che dici essere del 1861 è (se ho capito bene) un 500 lire argento per il primo centenario dell'unità d'italia quindi è del 1961,valore il peso dell'argento,per il resto non mi sembra di vedere nient'altro di interessante. Spero di esserti stato d'aiuto.
  9. a parte le medagliette che non conosco abbiamo ul 5 lire vaticano in argento,un testone con appiccagnolo ,un grosso e una moneta di Vittorio Emanuele II che non riesco a decifrare,forse 1 lira?
  10. qui c'è la lira impero di Vittorio Emanuele III ma non ricordo quale sia l'anno raro,il monetone cinese se è attratto dalla calamita vuol dire che è un falso
  11. allora,facciamo così,in questo gruppo abbiamo il mezzo dollaro kennedy che vale il peso dell'argento,il 5 lire del vaticano sempre in argento ma non vedo l'anno,il buono da 2 lire di Vittorio Emanuele III raro solo il 1927 o in alta conservazione,il marco tedesco è ancora convertibile in euro,circa 50 centesimi.
  12. @Ambra, Ciao,forse mi sbaglio io ma non mi sembra aver mai visto delle monete romane repubblicane con figure femminili,a meno ché non ti riferisci ai denari repubblicani che non conosco visto che sono più affascinato dalle emissioni in bronzo ,magari volevi dire romane imperiali?in tal caso hai più vasta scelta. Ti allego questo link dove sicuramente puoi trovare ciò che ti interessa:http://www.wildwinds.com/coins/ In bocca al lupo per la tua tesi.
  13. guardando ancora una volta le foto ho notato che c'è anche un 10 lire del vaticano anche lui in argento,potresti provare a fare una foto con solo le monete italiane così possiamo essere più precisi,per le straniere non mi sembra ci sia niente di interessante,stesso discorso per le medagliette.
  14. Ciao @Egisto, la maggior parte sono monete comuni di valore esiguo,poi c'è qualcuna d'argento come il 500 lire Dante e il 1/2 dollaro Kennedy che valgono il peso dell'argento quindi siamo nell'ordine di qualche euro,la moneta grande cinese è probabilmente un falso quasi sicuramente neanche in argento,prova a verificare con una calamita,se viene attratta è sicuramente falsa perché l'originale è in argento ma il colore del tuo esemplare mi fa poco sperare,poi vedo un 10 lire pegaso e un 2 lire arancia che hanno valore solo se del 1946 o 1947,infine la moneta che dici essere francese è un grosso d'argento dello stato pontificio della fine del '700,l'altra che si trova nella stessa foto è un testone d'argento anche lui dello stato pontificio della fine del '700,ma ambedue monete hanno perso valore visto che una è bucata e l'altra appiccagnolata.
  15. Buonasera a tutti,ogni tanto faccio un giro qui dalle romane perché ritengo innegabile il loro fascino soprattutto nei grossi moduli come appunto i sesterzi,leggendo questa discussione ho pensato di rivolgere alcune domande,ma anche dubbi,a voi che sicuramente avrete solo da insegnarmi. Se ho ben capito la moneta postata da @Piakossarebbe genuina ma ritoccata solo al dritto,quindi qui la domanda: Perchè ritoccare solo il dritto e lasciare invece inalterato il rovescio che tra l'altro è abbastanza precario?forse perchè il dritto era messo peggio? E qui il dubbio:considerando proprio il rovescio nello stato in cui si trova è plausibile un bordo così lineare e preciso?E quei piccoli crateri nei campi del dritto sono normali o nascondono altro?