DeAritio

Responsabile scientifico
  • Numero contenuti

    548
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    63

DeAritio è stato il miglior utente nel giorno 11 Dicembre

DeAritio ha scritto i contenuti più apprezzati del forum!

6 Seguaci

Su DeAritio

  • Rank
    Utente super
  • Compleanno 10/01/1967

Contatti

  • Website URL
    www.certificatodigitale.net

Informazioni Utente

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    Antica Bricianum, vicino Arezzo

Interessi Numismatici

  • Settore
    Banconote
  • Settore
    Banconote
  • Livello Studio
    Studioso autonomo
  • Responsabile Scientifico di
    Area Banconote

Donazioni

  • Donazioni
    1

Visite recenti

2974 visite nel profilo
  1. DeAritio

    Verso le 3000 visite per la collezione "disfatta in Africa"

    Era il 27 luglio quando è stato postato questo topic. Ad oggi entrambe le 2 collezioni si accingono a tagliare il traguardo delle 4000 e 3000 visite. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a questo risultato.
  2. Quello che ho cerchiato , può essere una figura "coniata" male ? Esistono monete per comparazione?
  3. DeAritio

    La disfatta in Africa

    C'erano oltre 140.000 prigionieri bianchi nei campi dei prigionieri di guerra giapponesi. Di questi, uno su tre è morto per fame, lavoro, punizioni o malattie per le quali non c'erano farmaci da trattare. Prigionieri dei giapponesi si sono trovati nei campi di concentramento in Giappone, Taiwan, Singapore e in altri paesi occupati dai giapponesi. I prigionieri dei campi di guerra in Giappone ospitavano sia il personale militare che i civili che erano stati in Oriente prima dello scoppio della guerra. I termini della Convenzione di Ginevra furono ignorati dai giapponesi che formavano le regole e infliggevano punizioni per capriccio del comandante del campo. I campi erano circondati da filo spinato o da un'alta recinzione di legno e quelli che tentavano la fuga sarebbero stati giustiziati di fronte ad altri prigionieri.I In alcuni campi anche i giapponesi hanno giustiziato altri dieci prigionieri. I tentativi di fuga dai campi giapponesi erano rari. Gli alloggi del campo erano generalmente in caserma e ai prigionieri venivano date delle stuoie su cui dormire. Pochissime delle guardie giapponesi parlavano inglese e gli internati erano costretti a imparare il giapponese per capire i comandi impartiti. Il mancato rispetto delle istruzioni meriterebbe un pestaggio. Tenko era il nome dato all'appello giornaliero e i prigionieri dovevano chiamare il loro numero di prigioniero in giapponese. La maggior parte dei prigionieri è stata messa a lavorare in miniere, campi, cantieri navali e fabbriche con una dieta di circa 600 calorie al giorno. Harry Carver commenta "... ero - uno schiavo bianco. Ho lavorato 12 ore al giorno con una dieta a base di semi di soia e alghe. "I detenuti venivano raramente dati grassi nella loro dieta e tutti erano continuamente affamati. La maggior parte sopravvisse su orzo, stufato verde, carne o pesce una volta al mese e stufato di alghe. I pacchi della croce rossa non sono stati distribuiti ai prigionieri. Quelli che hanno sofferto le peggiori condizioni e le difficoltà durante i prigionieri di guerra giapponesi, sono stati quelli che sono stati inviati per costruire la ferrovia Birmania-Tailandia. Prigionieri di guerra e operai asiatici lavorarono fianco a fianco per costruire a mano la ferrovia da 260 miglia. Ci si aspettava che lavorassero dall'alba al tramonto, dieci giorni dopo e un giorno libero, spostando la terra, costruendo ponti, facendo saltare le montagne e posando la pista. Sopravvivevano con una dieta povera di riso e verdure e la malattia era comune. I prigionieri soffrivano di malnutrizione, ulcere e colera. Circa 61.000 prigionieri furono messi al lavoro sulla ferrovia. Di quei 13.000 morti. Questo articolo sui campi di prigionia giapponese è tratto dal libro Curtis LeMay: Strategist and Tactician © 2014 di Warren Kozak.
  4. A me invece quello che mi ha incuriosito è il fronte. Sbaglio o è un muflone/montone?
  5. DeAritio

    Novità Euro 2018

    Una delle ultime emissioni del 2018 è del Vaticano. Oltre l'immancabile 200€ in oro (2990€), per la prima volta viene emessa una moneta in argento con i rilievi placcati in oro dal nominale di 5€, dedicata alla Canonizzazione di Papa Paolo VI. Tiratura 1500 pezzi. Prezzo di emissione 75€
  6. DeAritio

    Token canadese

    Non credo che esista un catalogo con tutte le emissioni , visto che non vengono emesse da un Ente ufficiale. Comunque spero di sbagliarmi e che qualcuno possa aiutarti.
  7. DeAritio

    Token canadese

    Ciao @Giovanni_03, sicuro che sia un token e non una medaglia commemorativa? Per quello che sò io e posso sbagliarmi, non ha le caratteristiche del token.
  8. Banconote di banche canadesi (banche chartered) Le banche autorizzate emisero banconote dal 1817 al 1944. Dopo il 1871, la più piccola denominazione accettata era $ 4, poi $ 5 nel 1880. In totale, più di 120 banche in Canada hanno emesso banconote. La Westmorland Bank of New Brunswick emise banconote da uno, due, quattro,cinque, venti e quaranta dollari. Fino al 1861 le date di emissione possono essere : il 1 giugno 1854, il 2 aprile 1855, il 1 ° maggio 1856, o il 1 ° novembre 1859. La serie del 1861 si differenzia da quella precedente soprattutto per il numero di serie stampato e non scritto a mano. Sono suddivise in diverse varietà in base a chi le ha firmate. Le possibilità di firma sono J. McAllister e O. Jones, Wm. C. Jones e O. Jones, e John S. Trites e O. Jones. Le varietà sono ulteriormente suddivise in base a quale società ha stampato le banconote. Di solito si trovano in gradi di conservazione molto bassi. Questo perché la carta su cui erano stampati era molto sottile e circolava per un lungo periodo di tempo. La maggior parte delle banconote ha un valore al dettaglio medio di circa 70$. In un asta del 2016 un grado 58 ( AUNC ) del 1861 è rimasto invenduto ed aveva un prezzo di partenza di 60$. Facendo le debite proporzioni di valutazione, quella da te postata , per me non arriva a 12 (POOR). Alle aste queste tipologie rimangono diverse volte invendute. Ti allego il file dell'esemplare del Museo della Banca del Canada.
  9. Conosco anche chi colleziona bicchierini da medicina.....
  10. DeAritio

    Monete mostruose

    Sempre per togliere dubbi vi consiglio di leggere questo articolo: https://www.monetedivalore.it/valutatore-monete-cosa-puo-determinare-il-valore-di-una-moneta/
  11. Se parliamo del collezionismo già facciamo una divisione tra il collezionabile e il non collezionabile, ma con quale criterio decidiamo? Per Investimento ? Io ho conosciuto gente che colleziona morse da fabbro, trattori, ferri da stiro, bambole, ecc. ecc. Per la storia dell' oggetto? Conosco chi colleziona sorpresine kinder . Per epoca storica? Conosco chi colleziona interruttori elettrici e isolatori. Qualcuno a questo punto direbbe......ma che gente frequenti!! Le morse da fabbro sono di un Geometra. I trattori un Dentista. I ferri da stiro di un Commercialista. Le bambole da una Pasticciera. Le sorpresine da un Avvocatessa. Gli interruttori? E' un Perito Elettrotecnico. La risposta per me è semplice. Ognuno colleziona ciò che più lo affascina, a prescindere dal ceto sociale e dal lavoro che svolge, incurante del materiale con cui è fatto. La cartamoneta, la filatelia e la storia postale nel mondo del collezionismo sono sicuramente i "beni fragili ". Vuoi per la manutenzione, vuoi per la buona conservazione , la carta è quella che ha bisogno di più attenzione, ma è anche la più facilmente falsificabile. Voi però mi insegnate che i furboni ci sono a tutte le latitudini (vedi metallari)
  12. DeAritio

    Storia , Arte e Mitologia.

    Grecia Su questa banconota c'è riportata una moneta. Vera o di fantasia? Chi rappresenta?
  13. DeAritio

    Monete mostruose

    Parecchio!
  14. DeAritio

    Auguri a f.dc

    Auguri @f.dc