dearitio

Responsabile scientifico
  • Numero contenuti

    431
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    57

dearitio è stato il miglior utente nel giorno 31 Marzo

dearitio ha scritto i contenuti più apprezzati del forum!

5 Seguaci

Su dearitio

  • Rank
    Utente super
  • Compleanno 10/01/1967

Contatti

  • Website URL
    www.certificatodigitale.net

Informazioni Utente

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    Antica Bricianum, vicino Arezzo

Interessi Numismatici

  • Settore
    Banconote
  • Settore
    Banconote
  • Livello Studio
    Studioso autonomo
  • Responsabile Scientifico di
    Sezione Banconote

Donazioni

  • Donazioni
    1

Visite recenti

2287 visite nel profilo
  1. dearitio

    La disfatta in Africa

    Semplicemente ......analizzo. Come in questo caso. Vi presento un "cane giallo" Deoli, campo per internati civili Italiani, Tedeschi e Giapponesi. In questo campo venivano rinchiusi i non-militari (civili), residenti nel paese in guerra sospettati di fornire informazioni segrete alla madre Patria. In pratica i sospettati di spionaggio e rispettive famiglie.
  2. dearitio

    La disfatta in Africa

    Grazie per i complimenti @Piakos. Non sò cosa intendi per storico, ma non lo sono sicuramente.
  3. dearitio

    Ave!

    Benvenuto @Quintus.
  4. dearitio

    La disfatta in Africa

    La Collezione esposta a Sansepolcro (AR) in occasione del 41° raduno regionale dei Bersaglieri.
  5. Buonasera, grazie per l'interesse sull'argomento. Il problema sulla banconota è dato dal numero di serie, da una parte abbiamo 731, dall'altra 431. Saluti. @ggpp
  6. Ritornando alle varie categorie di banconote collezionabili eccone un' altra: - Collezione per numero di serie. Di un emissione la serie 001 è quella più particolare e ricercata.
  7. dearitio

    La disfatta in Africa

    Gil Gil (Camp No. 3) POW Camp Kenya Il campo di Gil Gil era gestito dagli inglesi come campo temporaneo per prigionieri di guerra italiani catturati in Etiopia e in Nord Africa. I prigionieri di guerra furono infine inviati nei campi in India, nel Regno Unito o in Canada. Il campo si trovava a 75 miglia a nord-ovest di Nairobi. La scrittura è stata prodotta in opuscoli che contenevano le cinque denominazioni, 5 centesimi, 10 centesimi, 25 centesimi, 50 centesimi e 1 scellino. Si pensa che ci siano solo tre serie di ogni denominazione che esistono per esistere. Questo è insieme agli altri campi africani è una questione estremamente rara. ******************************************************************************************************************************************************************************************** Questa riportata è la pagina dedicata ai buoni circolanti nel campo di Gilgil, di un noto sito che si occupa di questo tipo di "notes". La curiosità è data dalla banconota che ho io qui sotto riportata. Il fronte non presenta niente di particolare, è un classico buono usato nella East Africa ( Somalia Britannica ). La curiosità è sul retro: Non riesco a decifrare il nome che mi sembra di poter affermare essere Italiano, e fino qui niente di strano, così come la scritta Gil Gil Kenia. Il problema è sulla data, 20/3/1940 . L' Italia ancora non aveva dichiarato guerra. L' ipotesi più plausibile è che si tratti di un Ufficiale ( vista la scrittura ) e che sia stato catturato dagli Etiopi durante la guerra d'Etiopia del 1935-36 e ceduto da quest'ultimi agli Inglesi. Sarà così?
  8. dearitio

    Il lato bello e gioioso della numismatica

    Beati o Voi che condividete, Io navigo in un mare di "solitudine". Vorrà dire che delle mie banconote ne farò barchette.
  9. Aggiornamento del 06-04-2018 http://www.ilpostalista.it/editoriali/sentenza_018.htm
  10. dearitio

    AUGURI

    Approfitto di questa discussione oltre che ad Augurare a tutti una Buona Pasqua per informarvi che i 30 denari che ho dato a Giuda erano di ferro.
  11. La collezione esposta è proprio di @Vivant Denon
  12. Concordo. Oltre ad essere interessante la Collezione di ( circa ) 900 medaglie è azzeccata pure la location. Sono state utilizzate 4 vecchie celle delle carceri del Cassero di Castiglion Fiorentino, che altrimenti erano usate cone ripostiglio. Se passate da queste parti, vi consiglio una sosta.