DeAritio

Responsabile scientifico
  • Numero contenuti

    934
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    86

DeAritio è stato il miglior utente nel giorno 19 Febbraio

DeAritio ha scritto i contenuti più apprezzati del forum!

Reputazione Forum

412 Utente molto apprezzato

Su DeAritio

  • Rank
    Utente storico
  • Compleanno 10/01/1967

Contatti

  • Website URL
    www.certificatodigitale.net

Informazioni Utente

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    Antica Bricianum, vicino Arezzo

Interessi Numismatici

  • Settore
    Banconote
  • Settore
    Banconote
  • Livello Studio
    Studioso autonomo
  • Responsabile Scientifico di
    Area Banconote

Donazioni

  • Donazioni
    1

Visite recenti

4878 visite nel profilo
  1. DeAritio

    Emissioni del 2020

    Bielorussia.
  2. @Quintus che ne dici? Facciamo 5 per uno?
  3. DeAritio

    Emissioni del 2020

    Bangladesh Stipendio medio 1600 Taka. 1 taka = 0,011€
  4. DeAritio

    Finalmente le prime del 2019

    Mongolia
  5. DeAritio

    Emissioni del 2020

    Australia
  6. Nelle mie ricerche ho notato una costante e cioè il fatto che la storia si ripete, ma partiamo dall' inizio. Cartamoneta di occupazione, cosa è? Con il termine cartamoneta, banconota o carta monetata semplicemente si identifica uno strumento di pagamento, mentre nel caso della numismatica l'occupazione è un evento o commerciale o bellico. Nella maggior parte dei casi l'evento è bellico, quindi mi occupo prevalentemente di banconote emesse da uno Stato vincitore (o da chi per lui) fuori dai propri confini naturali. Secondo me esiste anche un anno preciso o perlomeno da cui partire. E' il 1796 e siamo a Mantova. Sotto l'assedio (il terzo), da parte dei Francesi, comincia a scarseggiare il metallo, anche se verrà battuta una moneta in argento, quindi c'è la necessità di far circolare nella città un “oggetto” che avesse lo stesso valore ed importanza della moneta ossidionale. Con il termine ossidionale si identificano quelle monete emesse dalla città posta sotto assedio. I primi esempi di moneta ossidionale risalgono al 1500 circa. Dopo un tentativo fatto su cuoio, viene trovata la soluzione usando la carta. Nascono le cedole. Queste sono vere e proprie fedi di credito, cioè sono delle vere e proprie promesse di pagamento. A quel tempo, gli eserciti erano perlopiù composti da mercenari, era pericoloso non pagare i professionisti della guerra figuriamoci poi pagarli con la carta. Si hanno infatti notizie di assedi conclusi alla fine delle monete, cioè l'esercito a difesa si è dileguato o passato dalla parte opposta perchè volevano il metallo per rischiare la vita. Passano gli anni ed arriviamo alla prima guerra di indipendenza. 1848 Osoppo, Palmanova e Venezia. Mentre per Osoppo e Palmanova che sono sotto assedio vengono emesse carte monetate, a Venezia si battono 2 cartamonete, una del Comune di Venezia e l'altra denominata moneta patriottica. Una curiosità delle banconote del Comune è quella di avere il taglio più piccolo fatto da 50 centesimi. Per l'uso del popolo era un valore anche troppo alto quindi per non stampare altre banconote fu deciso di tagliare il pezzo da 50 a metà e farlo valere 25 centesimi. Alla riconquista da parte degli Austriaci queste banconote furono riconosciute e rimborsate (in parte), mentre le altre, quelle patriottiche furono considerate come mezzo di pagamento e sostentamento dei ribelli e quindi valore pari a 0. 1861 Regno d' Italia. Con la nascita del Regno, spariscono: Grana, Tornesi, Scudi, Crazie, Baiocchi, Quattrini, etc. etc. La moneta del regno Sabaudo, la Lira Piemontese, diventa la Lira Italiana, unificando il sistema monetario della penisola.
  7. DeAritio

    Il collezionismo ai tempi del Covid 19

    https://www.ilpostalista.it/PDF/2020018.pdf
  8. Sdrammatizziamo il tutto con una semplice battuta.... "Lo sapete che le banconote sono il miglior veicolo di trasmissione di germi e virus? Se ne avete in casa, mettetele in un sacchetto, ponetele fuori della porta, poi passo , e ci penso io a smaltirle......." Questa brutta storia , coinvolge tutti. Non esistono zone neutre o free virus. Informiamoci e informate. Aldilà del colore politico , l'appello di Franceschini al diffondere tramite social o televisioni + cultura possibile è valido. Proviamoci anche noi!
  9. DeAritio

    La disfatta in Africa

    La ‘bella vita’ di essere prigionieri di guerra La storia di Camp Ono, a San Bernardino, in California: durante la Seconda Guerra Mondiale molti dei 499 detenuti italiani trovarono lavoro, moglie e nazionalità USA. Ed Enrico Fermi andava a trovare l'amico scienziato Ci andò anche Enrico Fermi. È una delle tante testimonianze che riguardano i prigionieri di guerra italiani negli Stati Uniti durante l'ultimo conflitto. All'epoca Enrico Fermi, il padre dell'energia atomica, stava lavorando per il governo americano a Los Alamos, nel New Mexico. Assieme ad altri scienziati contribuì, in maniera sostanziale, al 'Manhattan Project'. E in quei giorni venne a sapere che un ex collega della Università di Milano, Celestino Zinasi, era tra i prigionieri di guerra detenuti nel campo di San Bernardino, in California. Fermi fece diversi viaggi, trasportato da aerei militari statunitensi, e, fu poi raccontato, testimonianze riportate anche in un articolo di Earl Buie 'They tell me', che i due amici-colleghi passarono ore a parlare all'ombra degli alberi di quel campo di prigionia. Si disse, anche se non è mai stato confermato, che Fermi e Zinasi discussero anche delle scoperte che il premio Nobel aveva fatto. Un racconto da quale si può anche in qualche modo comprendere quali fossero le condizioni dei prigionieri italiani. Dal febbraio 1944 alla fine della II Guerra Mondiale, ne arrivarono 499 al U.S. Army Camp Ono di San Bernardino in California. Erano definiti i connazionali prigionieri a basso rischio di fuga, anche perché l'Italia aveva già firmato l'armistizio. Così la prigionia in realtà non fu tale, perché gli italiani meglio non potevano essere trattati. Erano pagati per i lavori che svolgevano e potevano anche uscire dal campo, sotto la guida di un residente americano. Secondo il libro 'From Italian POWs to citizens of the United States' di T.A. Sunderland, che racconta il viaggio da prigionieri a cittadini statunitensi, i 499 italiani erano stati catturati dalle truppe britanniche a Tunisi, durante la Campagna dell'Africa del Nord del 1943. In un primo momento furono portati a Camp Florenz in Arizona, dopo il passaggio da Norfolk, in Virginia. Ma il secondo campo di prigionia, una città, con oltre 27.000 prigioni al suo interno, era popolato da italiani e tedeschi, da fascisti e comunisti, tra gli altri, e le tensioni erano frequenti. Così per alleggerire il peso di Camp Florenz, 499 detenuti italiani furono trasferiti a Camp Ono. Prima si fermarono a Guasti, vicino a Ontario, dove risiedeva una vasta comunità italiana: furono impiegati nelle vigne, e quel lavoro fruttava anche 80 centesimi l'ora. Poi a Camp Ono passarono nei frutteti presenti nell'area, in pratica rimpiazzarono quegli americani che, per il conflitto in atto, avevano dovuto lasciare la propria casa, il proprio lavoro. Camp Ono fu creato nel 1942, come deposito, ma anche come campo di addestramento per il deserto. Si chiamava 'Uno', preso dallo spagnolo, poi cambiato in 'Ono' per le difficoltà incontrate nell'uso dell'alfabeto Morse. E quando arrivarono gli italiani, fu data loro la parte nord del campo, ma non c'erano recinzioni. Una prigionia molto lontana dal vero significato della parola. Poi, altro aspetto importante, in quella parte della California c'erano tanti italiani, anche arrivati da non troppo tempo. Così permisero alle loro figlie di fraternizzare per chissà conoscere un futuro marito della stessa nazionalità. E fu così, perché una volta terminata la Guerra, molti dei prigionieri, scelsero gli Stati Uniti, cercando la nazionalità statunitense e stabilendosi in California. Ma prima avevano lavorato per gli agricoltori locali i quali spesso offrivano cibo fresco in aggiunta alla paga governativa. E i POW (Prigionieri di guerra) italiani avevano anche il permesso di visitare la città. In una intervista che Perry Pugno, ex prigioniero, rilasciò in seguito, raccontò anche di uno sciopero: non erano abituati alle abbondanti colazioni americane con carne e uova, ne volevano di più leggere... "Una bella vita" la definì sempre Pugno, anche perché una volta trasferiti a San Bernardino, il tempo libero era molto meglio strutturato, potevano giocare a calcio con le squadre messicane locali mentre cantanti e musicisti erano continuamente invitati alla San Bernardino Concert Association. E quando finì la guerra, furono costretti, dalla Convenzione di Ginevra, a tornare in Italia, dalla bella vita si trovarono con le macerie che il conflitto aveva lasciato. E furono tanti che vollero tornare negli USA: molti lo fecero sposandosi in Italia con le fidanzate conosciute in California e una volta avuta la cittadinanza, biglietto di sola andata... Roberto Zanni
  10. DeAritio

    Emissioni del 2020

    Bulgaria