Vincenzo La Notte

Utente
  • Numero contenuti

    35
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Status neutrale

Su Vincenzo La Notte

  • Rank
    Utente normale

Informazioni Utente

  • Sesso
    Maschio / Male

Interessi Numismatici

  • Settore
    Monetazione greca antica / Ancient Greek Coinage
  • Settore
    Monetazione romana antica / Ancient Roman coinage
  • Livello Studio
    Numismatico professionista / Professionals Numismatic

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Il "morto" è caldo e c'è già chi vorrebbe speculare sul cadavere! Assorbire il Giornale della Numismatica, per paura di perdere qualche lettore online nel proprio orticello! La pluralità di idee è fondamentale! Bisognerebbe temere solo il pensiero unico e chi vorrebbe imporlo! Un solo quotidiano, una sola rivista, un solo programma in tv, un solo forum... Da questa piattaforma, fino a quando mi sarà concesso dall'amministratore, difenderò il diritto al diverso! Saluti.
  2. Ecco come si fa una citazione. Utente: Acraf, Fonte: "lamoneta.it". Discussione: La monetazione vandalica. Post: 63. "Non entro nel merito dell'effettiva formazione di una importante collezione come quella di Lulliri, quanto sulla corretta esposizione di dati numismatici. Le frasi scritte da un altro numismatico, nella fattispecie Castrizio (che conosco di persona e so che è estremamente disponibile e aperto), normalmente vanno riportate tra virgolette e/o in corsivo e con specifica citazione. Non si tratta di un obbligo sancito dal Codice Civile, ma da semplice deontologia. In qualsiasi pubblicazione (anche in altri campi), quando si riporta il pensiero di un altro autore, specialmente se in termini letterali, si dovrebbe evidenziarlo e non farlo apparire come frutto di un proprio pensiero. Purtroppo ho visto, soprattutto in vari siti web, la trascrizione di interi stralci di miei articoli senza alcuna citazione e un minimo di rispetto alla mia fatica intellettuale. Tengo a precisare che non sono offeso più di tanto e anzi mi ha fatto piacere che certe mie considerazioni numismatiche sono state riprese da altri, ma sicuramente diventa una impressione quantomeno sgradevole vedere qualcuno che si fa bello con frasi copiate da altri senza essere citato. Si tratta di un concetto generale e che deve essere sempre tenuto conto da tutti coloro che vogliono cimentarsi in una pubblicazione che abbia pretese scientifiche." E credo che questo fondamentale concetto a qualcuno manchi...o sia mancato.
  3. Sublime Piakos, Lulluri non ha bisogno di difensori? Bene! Si difende e si difenderà da solo? Benissimo! E consentiamo di farlo... Come consentiamo a chi attacca, di fare le sue rimostranze se sono "in media re" e non de homine. Lulluri è conosciuto come insigne numismatico e reputato dall'ambiente come tale? Mi pare evidente che qualcuno la pensi diversamente e abbia espresso "sentitamente" il suo dissenso, portando delle proprie prove numismatiche. Quindi il parere sull'"insigne" non mi sembra unanime, ma dipende dai rapporti personali. Perchè non vengono chiuse le discussioni border line? Io un'idea me la sono fatta ed è il motivo per il quale da certi fora mi sto allontanando. Qui si intende procedere diversamente come discusso ampiamente con l'Amministratore prima della mia iscrizione? Ottimo! Seguiterò a essere presente! Altrimenti farò le mie valutazioni. Ovviamente Voi tutti liberi di agire come meglio crediate! Sempre Cordialmente e con Simpatia. P.S. E' così sicuro che a portare qualcuno sulla croce sia stata una lavata di mani e non un'ostinazione a presentarsi per quello che Non si è e soprattutto che altri unanimemente non ti riconoscono?
  4. Ma perchè non taciamo tutti?! Ma perchè ci sentiamo autorizzati ad esprimere un'opinione su una vicenda di cui, seppur obiettivamente spiacevole, non ne conosciamo i fatti e i limiti fino in fondo? Ma perchè ci piace "far da comare", sempre, aizzando gli animi? Ma perchè desideriamo esprimere solidarietà a prescindere, semplicemente in base ad amicizie pregresse? Ma, soprattuto, perchè, ci ostiniamo a riportare quanto scritto in altro forum, che ultimamente frequento poco, proprio per tali polemiche? Gentile Claudio, ti prego di non scivolare, in questi spiacevoli casi, tenendo i binari in ambito strettamente scientifico ed evitando i pettegolezzi. Grazie.
  5. Ci può indicare con cognome esplicito chi sono Emanuele, Luigi e il "misero sottoscritto"? Tanto per rendere a Cesare ciò che di Cesare. Essendo un lavoro di una certa entità e importanza, quale il catalogare monete in un Museo Nazionale come quello fiorentino, è opportuno conoscere gli autori e non semplicemente i loro nick. Grazie mille.
  6. Si tratta di tre pubblicazioni con spirito e motivazioni differenti, difficilmente comparabili in termini assoluti. 1)La prima fornisce un quadro generale sulla monetazione etrusca. E' una pubblicazione base. E' utilissimo per chi comincia tali studi. 2)La Sylloge, ad opera dello stesso autore, riguarda esclusivamente gli esemplari conservati in un determinato Museo, in questo caso quello fiorentino. E' corredato da tutte le immagini delle monete, è molto specialistico, ma non costituisce un testo base(nel senso di iniziazione) per la monetazione etrusca. 3)Per quanto riguarda il Corpus Nummorum di Italo Vecchi, di cui sono usciti i primi due volumi, anche io ho letto critiche feroci. Non entro nel merito della cronologia, sulla quale ci stiamo ancora "scannando" e, quindi, opinabile. Non entro nel merito dell'impostazione tipografica, nè tanto meno se è stata una scelta editoriale o dell'autore. Ma un Corpus è sempre un Corpus e spesso non si ha idea di cosa significhi creare un lavoro di tale portata. Un Corpus va apprezzato in quanto già di per sè esiste! Per tal ragione ben vengano opere di queste genere. E invito tutti a dedicarsi a tali lavori. Essisono la base, l'incipit di qualsiasi ulteriore discorso di approfondimento. Saluti.
  7. Ottimo suggerimento Una piccola precisazione. La storiografia contemporanea, da Pallottino in poi, ha suberato la fase "misteriosa" delle origini etrusche, stabilendo dei paramentri precisi. Per chi volesse approfondire, consiglio la lettura: Torelli Mario, Storia degli Etruschi, 1981, pubblicato in edizione successive anche da Laterza al prezzo di soli 10 euro. Buona lettura a tutti.
  8. Giustissimo. Vedi se riesci a far iscrivere sul forum qualche abitante di quella bellissima isola ....di quella bellissima ITALICA isola... P.S. Correttissimo rispettare le date. Non c'è nessuna fretta. Peccato solo la concomitanza con il Convegno di Milano del 22 Novembre. Molti studiosi non potranno partecipare.
  9. Interessa anche a me il testo Dove e quando precisamente si terrà il Convegno?
  10. Non se sia stato già fatto in questa sede, mi pare di no, quindi provvedo. Il 22 novembre a Milano ci sarà un convegno esclusivamente culturale dal titolo "L'Eredità salvata". Si parlerà di tutela, valorizzazione e, a latere, di collezionismo. Oltre a invitarvi a partecipare, dal programma si capisce che sono previsti interventi tramite prenotazione. Chiunque volesse portare il suo contributo, può farlo. Sperando che l'occasione sia proficua e gli interessati intervengano con idee chiare, precise e siano attivi con proposte concrete. Anche perchè al dire "nei fora, soprattutto in altro loco virtuale", bisognerebbe far seguire l'agire nelle sedi opportune. Saluti. 6807_.pdf
  11. Esattamente così. Esiste un preciso regolamento che stabilisce quando e le modalità di pubblicazione. Un ente che affida e una persona a cui viene affidata. L'unica pecca, purtroppo, che non vengono stabilite con certezza le tempistiche.
  12. Io non sono infallibile, le ripeto, sono un professionista che sa fare bene il suo mestiere. E riconoscere una moneta rientra nei precisi compiti di un professionista archeologo, specializzato in numismatica. E come tale non ha necessità di scrivere nella sezione identificazioni di un forum, per avere parere da dei non professionisti. Dovrei cercare la discussione in mezzo a migliaia di richieste di identificazioni? Suvvia mi faccia il piacere e mi segnali il link, dato che lei la conosce bene, tanto da rammendarcela, e riesce a rintracciarla velocemente. Quanto ai suoi titoli, se li considera vuoti e semplici amenità, degni solo di una pergamenina colorata, è evidente un suo problema e non è detto che sia generalizzato o debba essere pure il mio. Senza offesa ovviamente.
  13. Gli archeologi non sono infallibili, ma sono professionisti. E riconoscere una moneta fa parte dell'esserlo. Altrimenti si è fuori luogo sullo scavo. Se in uno scavo medievale viene chiamato un classicista per convenienza e amicizie svariate è un altro discorso. Ma se tutti i tasselli sono nel posto giusto, non avviene ciò che lei indica. E per postare una foto in un forum ci vuole un permesso. E per avere un permesso qualcuno deve affidarti uno studio. E se hai la necessità di chiedere a dei Non professionisti o ad altri Professionisti di cosa si tratta, vuol dire che devi cambiare mestiere o ti è stato affidato un lavoro/studio senza meritartelo. Dato che è successo sul forum lamoneta, mi indichi il nome e cognome del soggetto in questione. E poi vediamo se trattasi effettivamente di un archeologo specializzato, di uno studente al primo anno o di un finto archeologo. Come spesso dice Lei, poche chiacchiere e molti fatti! Grazie! Se lei non si sente un tributarista, evidentemente non ha fatto un percorso di studi per divertarlo. Io, invece, sono archeologo a tutti gli effetti. Specializzato in numismatica italica. E l'archeologia funziona esattamente come ho indicato sopra, se si è su uno scavo, bisogna sapere esattamente quello che si sta facendo. Lo scavo non è il bar dello sport e non si gioca a lotto.
  14. Gentile Colonnello, se un archeologo ha la necessità di postare una moneta su un forum per sapere cosa è, dovrebbe cambiare mestiere. Inoltre, il fatto di essere presenti su uno scavo non ha come conseguenza diretta il diritto di pubblicare(cioè rendere pubblico, quindi, anche in un Forum)il materiale ritrovato in contesti archeologici. Anzi...anzi.... La saluto.