Piakos

Vice Admin
  • Content Count

    5,680
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    248

Piakos last won the day on June 22

Piakos had the most liked content!

About Piakos

  • Rank
    Important user

User information

  • Gender
    Maschio
  • Place
    lazio
  • Name
    Renzo Apolloni

Numismatists interests

  • Numismatic studies
    Monetazione papale
  • Numismatic studies
    Monetazione greca antica
  • Study level
    Studioso autonomo
  • Moderatore della sezione
    Vademecum

Donations

  • Donations
    1 donazione

Recent Profile Visitors

19,712 profile views
  1. E questa no? Sempre e solo altro esempio tra tanti,
  2. Le monete antiche hanno un fascino particolare...che colpisce il nostro inconscio. Come Maso Di banco e Duccio...e i senesi. L'arte è un'altra cosa...resta arte. Le monete sono tutte belle e interessanti...se ci si sgancia dall'intrigo dell'antico. Le monete classiche sono collezionabilissime...se le si conosce e se si è disposti ad avere un archivio documentale. Chi se ne è sganciato non sapeva le cose...non le conosceva e c'è rimasto male. Io invece, per caso, ho scoperto che la frumentazione di Innocenzo XIII o il porto di Ripetta...per fare due esempi tra tanti possibili e mi sono detto...son belle anche queste... non si può fare tutto...le classiche sono state apprezzate...cambiamo.
  3. Spesso la monetazione antica è messaggio o celebrazione o propaganda...o gloria degli dei e dell'imperatore. Sicuramente era un mondo meno complesso. Il fascino delle monete antiche è sicuramente inarrivabile. Io ancora agogno un tetra di Reghion e uno di Rodi...di quelli più belli, perchè pur nella loro bellezza sono più acquisibili rispetto a certi tatradrammi sicelioti inarrivabili economicamente e perchè giudico queste monete comunque di grande interesse storico e iconografico.. Darei molto per un tetra di Anfipoli...frontale...di massimo stile, ma non posso vendermi l' appartamento. Non concordo sul fatto che le monete moderne o pre moderne possono farsi piacere...non puoi collezionare se non sei appassionato a ciò che acquisisci. Resto dell'avviso che il fascino che sprigionano le antiche colpisce la nostra psiche o, se preferite, la chimica del nostro cerebrale. Sotto questo aspetto e per assurdo...le monete moderne sono più difficili. Non ci sono arrivato subito e non ho voluto farle per scappare dalle classiche...non vale nella passione il chiodo scaccia chiodo, magari fosse così. E' PIUTTOSTO UNA QUESTIONE DI MATURAZIONE. Caravaggio è più affascinante di Van Gogh? Opere di Giotto non se ne trovano sul mercato...ma un fondo oro di Maso Di Banco (suo ottimo allievo e collaboratore) è meglio di un Monet? Io credo che le monete siano tutte magnifiche...poi ci sono quelle meglio incise e più belle o più interessanti...ma non credo sia una questione di periodo. Non è così.
  4. No Luciano...la rovineresti...potrei spiegarlo chimicamente ma non sarebbe divertente per me a quest'ora e non è necessario: limone è aggressivo...la bava è cauta, naturale, gli animali ci si leccano le ferite... Eppoi...diciamola tutta...la numismatica è un po' lasciva e puttanesca...l'ambiente stesso è un po' magnaccione...quindi, perchè stupirsi...perchè formalizzarsi...saremmo in linea..
  5. Ragazzi vedo che insistete tutti sull'appiccagnolo.... l'appiccagnolo è una cazzata...e anche i fori otturati anche abilmente...sono facili da imparare a riconoscere...nulla a che fare in paragone alle problematiche delle classiche...e ve lo dice uno che ci ha lasciato un pezzo di cuore...ma che ha imparato ad apprezzare la bellezza di monete che vanno dal 1500 al 1800...credetemi, la moneta non è solo antichità e fascino del passato (anche se sono molto intriganti) la moneta è anche storia e godimento estetico e, esistono alcune monete moderne o pre moderne che sono di grande bellezza: Napoli, Roma, Venezia...la stessa Genova per qualche tipo...se in grande conservazione sono fantastiche. Fatto è che le monete sono come il vino...per imparare a capire e godere...ci vuole tempo e palato e cultura, specificamente nella storia dell'arte. Godere un sesterzio col circo massimo ci vuole nulla...per rimanere innamorati davanti ad uno scudo 8 lire Genova, se Fdc, ci vuole più polvere ed erba da mangiare...sembra assurdo ma è anche così:la rivoluzione, i moti di liberazione, il neoclassico, l'affrancamento....il simbolo della città...gli albori dell'800: secolo difficile e vanamente dissacrante, il business con la classe borghese...che tutto cambi perchè nulla cambi...ce ne è di materia per estasiarsi se si capisce in che cavolo di situazione quel secolo oggi ci ha portati. E così tutta l'epoca moderna post scoperta america. Inizia la corsa. Il Circo Massimo? Meraviglioso, SUGGESTIVO, ...certo, ma anche banale cristallizzazione, nel suo fascino di un mondo scomparso e lontano...come una bella signora di 50 anni che ha tanto fascino...sa amare...ma è fuori dalla storia e dal tempo attuale...e non può incidere. Provate a riflettere un attimo con calma. Le cose non vanno solamente guardate e ammirate...vanno anche comprese e il contesto moderno è più complesso e ricco rispetto al mondo antico che vince solo nell'utilizzo costante e profonde del pensiero...che però non è stato ben codificato nelle monete.
  6. Le papali sono sempre belle in qualunque taglio e cariche di storia ed arte...molti monumenti sono raffigurati al rovescio delle singole monete, Le piastre papali sono di grande modulo e donano grande soddisfazione estetica. I prezzi sono crollati...una piastra in splendida conservazione può trovarsi tra gli 800 e i 2.000 euro. In BB poi tutto è possibile...scendiamo di molto. Il sistema con cui sono state coniate,,,spesso a rullo,,,rende non facile la duplicazione moderna e le riparazioni sono facili da vedere. I falsi sono rari e si svelano da soli a chi ha una certa esperienza anche non sopraffina.
  7. Certo che i campi sono proprio ri arati... e quella patinetta del cavolo... e quel fiocchetto ridicolo dietro la testa... e la spina che divide e separa la pista del circo troppo in alto (la visione è dalla base del colle Aventino adiacente e non poteva far vedere tutta la spina) e troppo lunga che finisce addosso ai carceres... il contesto a sinistra della spina poi...non ci hanno capito niente e se lo sono reinventato... Naturalmente era un zecchiere incisore antico molto bravo...che ha voluto rielaborare la grafica ...però strano che così bravo e sommo che era...ha inciso il volto con stile ebete...e col fiocchetto rococò...questo dimostra che anche i "bravi" si perdono in un bicchiere d'acqua..
  8. Negli ani 80 e 90 tutto era ancora un'altra cosa... e negli anni 50...60 meglio ancora.
  9. Ottimo Riccardo! Complimenti!! belle cose...
  10. Con le papali...si sta tranquilli dalle fregature classiche.
  11. @Quintus sei pessimista. Ma non si compra e non ci si fa' un occhio con internet...Quintus! Marco Aurelio non sarebbe d'accordo...a prescindere dal budget. Ave!
  12. Pignolo na' minchia! A Riccà...essi bravo cocco! Questo non è un sito commerciale o a rete di traffico per agganciare i piccioni e i merli...come da qualche altra parte o come sui social,,, qui a questi ragazzi tocca dire la verità e se possibile insegnare qualcosa... tu vecchio corsaro non sei d'accordo? Noi abbiamo qualche dovere caro mio...e poi lo vedi che qui sembra un convento per educande...
  13. Me sa che cianno lavorato bene...