danieles1981

Moderatore di sezione
  • Numero contenuti

    1351
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    38

Tutti i contenuti di danieles1981

  1. Assolutamente si. Mi hanno aiutato a dare una cronostoria dei conti del tirolo ma sopratutto mi hanno dato indicazioni sull'organizzazione delle contee tedesce del sri
  2. Continua la mia ricerca di monete della zecca di Hall in Tirolo, vediamo dove mi porterà. Ho molto poco tempo per dedicarmi allo studio e alle monete, ma mai perdere il vizio, altrimenti... Questa new entry mi piace molto. Mantiene ancora una certa brillantezza e non ha tracce di pulitura. Erzherzog Ferdinand Karl von Österreich (1632-1662) - (Claudia de Medici come reggente nel periodo 1632-1646) Karl 3 kreuzer Anno: 1645 Zecca: Hall Metallo: Argento; 1,46gr; 21mm Ferdinando Carlo d'Austria (in tedesco Erzherzog Ferdinand Karl von Österreich) (17 maggio 1628 – Caldaro, 30 dicembre 1662) è stato arciduca dell'Austria Anteriore e conte del Tirolo, dal 1646 al 1662. Figlio dell'arciduca Leopoldo V d'Austria e Claudia de' Medici, iniziò a governare prendendo la reggenza da sua madre nel 1646. Per finanziare il suo stile di vita stravagante vendette beni e titoli, per esempio ai Maccan o Maccanovic (della stirpe italo-russa), che acquistarono il titolo di marchesi, e ad altre famiglie. Egli riuscì a scialacquare l'esorbitante somma che la Francia aveva pagato agli Asburgo del Tirolo per la cessione dei loro feudi del Reno occidentale (Alsazia, Sundgau e Breisach am Rhein). Fissò il confine ai Grigioni nel 1652. Ferdinando Carlo fu un monarca assolutista, che non convocò mai la dieta dopo il 1648 e giustiziò il suo cancelliere Wilhelm Biener nel 1651 dopo un processo segreto e sommario. Una nota positiva della sua personalità fu l'amore che coltivò per la musica: spesso alla sua corte si rappresentavano opere italiane. Nel 1655, la regina Cristina di Svezia lo convertì al cattolicesimo.
  3. danieles1981

    Weekend di Giugno

    Week-end all' insegna dello sport: ieri ho fatto um giro dei passi di montagna in bicicletta. Bellino ma avrei voluto un po' più tempo x una notte di stacco e aumentare i km su 2 giorni. Oggi ha fatto la gara mio figlio qui vicino. Molto caldo, ma d' altro canto è giugno...
  4. danieles1981

    Weekend di Giugno

    Pronti! Basta organizzare date e luogo...
  5. danieles1981

    20 lire "elmetto

    Vi dico la mia. Non parliamo di Bolzano che è stata fortemente italianizzata dagli anni 30 fino agli anni 70, ma in tutto il resto dell'Alto Adige, l'italiano lo parlano solo per motivi turistici. Qui c'è un forte legame col Tirolo, anche se noi welshtiroler ne sentiamo l'appartenenza per motivi storico e culturali ma non siamo estremisti. In Alto Adige lo sentono e come.
  6. Se autentica credo che rientri in quelle unicità prodotte per errore di stampa. Anche se le striature concentriche mi fan pensare ad un passaggio al "bulino moderno". Ma può anche essere stata una battuta errata e poi lavorata ulteriormente lavorata nel tentativo di renderla non valida per la circolazione. Certo è che è strana forte...
  7. Medaglia comune ed economica, ma la cercavo con nastrino ancora degno di essere esposto. Ed eccola qui... La croce commemorativa 1912/13 fu istituita il 9 luglio 1913 dall'imperatore Francesco Giuseppe I di Austria-Ungheria e veniva consegnata ai militari che prestarono servizio almeno quattro settimane con un'unità mobilitata in occasione della crisi dei Balcani alla fine di settembre 1912. Metallo dorato; 15,7gr; 30mm
  8. danieles1981

    Croce d'onore del 1912/13 "Mobilizationkreutz"

    Hai ragione. Per ora sono perlopiù oggetto di collezionismo tra gli appassionati di militaria e appassionati di storia. Ogni tanto anche qualche numismatico ne tratta...
  9. danieles1981

    Le rarità fittizie

    Leggo solo ora questo interessantissimo contributo. Rarità finte. A mio avviso, come viene detto, le rarità le propone chi stila i cataloghi e chi vende. Ma anche chi compra direi. Il mercato lo fanno gli acquirenti che, con le loro acquisizioni, dettano il futuro del commercio nel settore. La tiratura non credo conti moltissimo: successive tesaurizzazioni e rifusioni varie influenzano la reperibilità sul mercato. Le 5 lire quadriga è storia a se. La tiratura e la bellezza della moneta, il modulo (metallo, peso e dimensioni) hanno creato attorno a questa moneta un aura unica e i collezionisti sborsano belle cifre per averla. Poi, sono maligno se penso che di quelle oltre 200mila monete, qualche decina di migliaia sono conservate in qualche forziere e fatte uscire ogni tot di anni per rinvigorire il mercato?
  10. danieles1981

    Come possiamo aiutare il forum?

    Sono pienamente d'accordo con @Piakos. A mio avviso, la mancanza di interazioni col sito è dovuto alla mancanza di persone che hanno a cuore un certo tipo di studio numismatico. Per incrementare il forum potremmo aggiungere la parte ludica dello studio numismatico: ovvero offrire ANCHE quello che su altri forum e sui social si trova comunemente. Non credo che ci sia nulla di male, ma in tal caso dobbiamo sempre tenere dritta la rotta verso un certo tipo di numismatica che ha sempre contraddistinto il forum in questi anni...
  11. danieles1981

    ASTA PAOLUCCI XIII

    non la trovo su deamoneta...
  12. danieles1981

    La psicologia nella numismatica

    A mio avviso, da qualunque parte analizziamo la cosa vi sarà sempre un dark-side e un light-side nel mondo del collezionismo, che si uniscono in un unica soluzione molto di rado. Vi è un light-side quando siamo fieri e soddisfatti per un acquisto (che magari ben si incorpora nella nostra collezione, anche se ce l'hanno tutti, magari più bella). Vi è un dark-side quando si hanno disponibilità economiche e l'acquisto impulsivo fa accumulare monete variopinte e eterogenee anche se di pregi. Come le nostre belle monete, vi sono 2 lati. Il lato chiaro del collezionismo, così come per i guerrieri jedi, è virtuoso; ci porta allo studio e tende a salvaguardare il nostro buonsenso delineando la nostra collezione e il nostro essere collezionista in maniera pressochè costante nel tempo. Un seguace del collezionismo armonioso non dovrebbe mai accumulare, in grado anche di "fregarsene se ce l'hanno tutti più bella della tua moneta". Il lato oscuro del collezionismo è affascinante alle menti deboli; veloce ti raggiunge quando sei alle fiere numismatiche e dai commercianti; quando vedi una bella moneta che ti colpisce e che annebbia il pensiero puro dettato dalla propria collezione. Impulsività non riflessiva ne è la forza dominante. Ritengo che tutti siamo stati sopraffatti dal lato oscuro del collezionismo; chi più chi meno, chi prima chi poi. Il mondo del collezionismo numismatico è pieno di proseliti del lato oscuro, e parlar con loro non è nemmeno tanto piacevole perchè si è su 2 lunghezze d'onda diversa. C'è chi mette in collezione 15 "apine" dello stesso anno solo perchè in altissima conservazione. C'è chi scambia una mezza collezione per 1 monetona da investimento. C'è chi è in grado di mettere insieme una piccola selezione di monete per una mostra con 300 euro, e altri che 300 euro li spendo solo per i feltrini di esposizione. Premetto, la mia è una forzatura, ma sono i due piani estremi del collezionismo numismatico che vedo ogni volta che metto il naso fuori da questo forum (per fortuna qui si da importanza allo studio, e qui non ce lo si può inventare)...
  13. danieles1981

    Paradosso del compleanno

    Ben tornato!
  14. danieles1981

    Le cartine sulle monete

    Ho sempre trovato affascinante i talleri di Norimberga con una sorta di fotografia della città...
  15. danieles1981

    quantitativi di monete e banconote in lire ritirati

    Ma ci pensate? Una "manovrina" di denaro contante buttata nel gabinetto... Non è escluso che questi esemplari entrino tra qualche anno nel mercato pubblico collezionistico
  16. Acquistino di qualche settimana fa. Chi conosce i miei gusti e i miei interessi numismatici sa che le conservazioni estreme non mi interessano (qui faccio un po' la volpe con l'uva: acquisto secondo le mie finanze ma cerco di ottimizzare sempre). Questo bel tallero viene, come al solito da una grande casa d'aste tedesca. Un altro pezzettino per la mia neonata collezioncina della zecca di Hall Österreich (Austria) Maria Theresia von Habsburg (1740-1780) Taler; 1765; Hall Argento; 27,91gr; 40mm
  17. Questa è la sua sorella:
  18. danieles1981

    Giulia Domna - Hilaritas

    Ben tornato! Un piacere rileggerti! Seguo la discussione; non è il mio settore
  19. danieles1981

    Progetto monetiere (gratis)

    Un po' per motivi di spazio, un po' perchè non riuscivo a completarlo come volevo. Era grande 20 vassoi standard (2 x 10 plateau). Ce l'ho ancora in soffitta, ma lo uso per altro...
  20. danieles1981

    Progetto monetiere (gratis)

    Ho trovato delle foto di quello che avevo fatto io per "gioco", ma che ho dismesso dopo pochissimo tempo:
  21. danieles1981

    AUGURI

    Buona Pasqua a voi e alle vostre Famiglie!
  22. Monetina fresca, piacevole, non senza difetti ma che a mio avviso ne aumentano fascino e autenticità. #431 - Österreich Erzherzog Sigismund Franz von Habsburg (1662-1665) 3 Kreuzer Groschen, 1665; Zecca di Hall Argento; 1,4gr; 20mm a mio avviso, bb/spl Sigismondo Francesco d'Asburgo-Tirolo (Innsbruck, 27 novembre 1630 – Innsbruck, 25 giugno 1665). Divenne nominato vescovo di Augusta nel 1646 senza essere ordinato sacerdote e vescovo. Nel 1653, divenne vescovo di Gurk e nel 1659 vescovo di Trento, conte del Tirolo dal 1662 alla sua morte.
  23. Si si, me lo avevi già mandato. Lo guardo spesso...
  24. Siamo più o meno sulla stessa lunghezza d'onda. Francesco Giuseppe è un po' il mio pallino: colleziono monete, medaglie (militari e non), documenti, stampe, cartoline, ecc... non che ne abbia quintali, ma qualche decina di pezzi per una sorta di continuità storica. Per il resto, mi sono dato un limite temporale dal 1600 in poi. I talleri piacciono molto anche a me, ma dato il costo, posso permettermene 1 o 2 l'anno. Ma per completezza mi limito alle monetino, al massimo ai mezzi-talleri che acquisto 4-5 l'anno. Sono solo 4 anni che ne colleziono, se resisto, col tempo, metterò in piedi qualcosa di decente... Ultimamente sto raccogliendo monete della zecca di Hall, sempre dal 1600, sia dei conti del tirolo sia degli imperatori austriaci. A tal proposito: ho una certa difficoltà nel reperire monete e monetine di mio interesse sui canali italiani, e quando mi capita tocca strapagarle. Da qualche anno mi rifornisco per il 90% in Germania, dove trovo un prezzo migliore e soprattutto tanta tanta scelta...
  25. Distintivo sociale, di quelli che non se ne trovano molti per interesse scarso e per conservazione ancora ottimale. In collezione da un annetto ma non ho trovato molto materiale per documentare al meglio questo distintivo. #1036 - Distintivo DEN WITWEN UND WAISEN VON OBER-OESTERREICH Anno: 1915 Metallo: Bronzo 4,57gr; 35mm Note:Smalti integri. Distintivo per le vedove e per gli ofani di guerra dell'Alta Austria