carledo49

Vice Admin
  • Content Count

    1,612
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    84

carledo49 last won the day on July 5

carledo49 had the most liked content!

6 Followers

About carledo49

  • Rank
    Premium user
  • Birthday 08/05/1949

User information

  • Gender
    Maschio / Male
  • Place
    S. Antioco
  • Name
    Carlo Edoardo Sulis

Numismatists interests

  • Numismatic studies
    Monetazione rinascimento/risorgimento / Renaissance Coinage
  • Numismatic studies
    Monetazione moderna italiana / Modern Italian Coinage
  • Study level
    Studioso autonomo / self-taught

Donations

  • Donations
    1 donazione

Recent Profile Visitors

6,560 profile views
  1. carledo49

    Buongiorno

    Un benvenuto in questo forum. Ambiente sereno e tranquillo, sono sicuro che ti troverai bene. Carlo
  2. Molto interessante, non conoscevo questa equiparazione alla moneta corrente. Carlo
  3. Non conosco questa monetazione, del Carlino mi ha incuriosito il libro con fiamme raffigurato al rovescio. Che significato ha? Carlo
  4. Suvvia @Cliff hai espresso in maniera più...soft un parere abbastanza simile al mio che però è stato posto come dubbio, non certezza (da foto...interpreto). So bene che la coniazione delle monete antiche non sia minimamente assimilabile a quella moderna. Diciamo comunque che di pecche alla fine ne hai riscontrato più tu di me che nel settore hai magari l'occhio maggiormente esercitato del mio. Nessuna caccia alle streghe e nessuna ricerca delle imperfezioni ad oltranza, è solo un tavolo di amici che fa dei semplici ragionamenti e delle analisi, nulla di più. Carlo
  5. Da foto sembra che il rovescio sia stato ribattuto. I caratteri CA di PUBLICA. Oltre a questo forse c'è anche qualche ritocchino sulla veste della Libertas, come pure il nastro ed il fiocco nella nuca di Galba, fermo restando che in effetti...i campi potrebbero essere stati ribassati per dare maggior risalto all'epigrafe, come sostiene @Piakos. Nel complesso rimane sempre una bella moneta. Un restauro non eccessivamente invasivo. Carlo
  6. Caro Giuseppe, in Numismatica, come in amore, tutto è lecito (o quasi). Salvo poi prendersi una bella dose di musate. Chiunque può decidere che un tondello comunissimo, solo perchè accidentalmente è stato impressa una stanghetta in meno, un puntino in più o una data con caratteri magari un po' più lontanti tra loro, sia rarissimo od inedito. Sta comunque a chi stabilisce queste cose l'onere della prova di quanto afferma. Non rincorriamo le cazzatelle perchè veramente alla fine non se ne esce più. La passione in Numismatica è una cosa, la follia è un'altra. Carlo
  7. Vedo che ho suscitato la tua curiosità e mi fa piacere. Questo è un discorso dibattuto da molti anni da tantissimi collezionisti, studiosi della numismatica ed appassionati in genere di monete. Il titolo del post la dice lunga: Varianti, presunte tali e semplici curiosità. La risposta, che in alcuni casi può essere articolata scrivendoci un intero volume di spiegazioni (più o meno accettabili), la riduco in poche semplici righe. Le vere varianti sono eccezionalmente poche, rare e costose, non sono errori voluti od occasionali ma potrebbero configurarsi in una sorta di prova o progetto. Le presunte tali o semplici curiosità sono solo banalissimi errori di conio che spesso e volentieri, soprattutto nel passato, venivano accanitamente ricercati dai collezionisti. Bisogna ricordarsi che prezzo e rarità sono creati dal mercato. Più ci si accanisce nel ricercare queste "curiosità" più il loro valore relativo è alto. Ma oramai le differenze sono decisamente insignificanti in molti casi. I cataloghi di una volta rimarcavano queste differenze, ora meno. Alla fine comunque, per dirtela tutta....a me sinceramente delle varianti non me n'è mai fregato nulla, non le ho mai reputate importanti e tanto meno interessanti. Me ne ritrovo diverse, alcune anche abbastanza curiose, ma non sono state certamente ricercate o pagate con sovrapprezzo. Carlo
  8. Neppure il sottoscritto è un detrattore della vecchia liretta, seppur con tutti i suoi limiti ed incongruenze.
  9. La Lira Pesante (o nuova lira) era un progetto di una nuova valuta fortemente voluto da Bettino Craxi nel 1986 e che venne proposto ad Azelio Ciampi, l'allora governatore della Banca d'Italia. Il progetto sarebbe dovuto essere analizzato e realizzato nell'arco di un anno massimo, invece fu dibattuto a lungo. Ricevette nel 1991 una pesante bocciatura dai deputati della commissione finanze con il giudizio inappellabile di inutile, costoso e fuori moda, in quanto l'unità dell'Europa non sarebbe stata lontana. Alcuni esempi di progetti e studi del Poligrafico dello stato sulla nuova lira pesante.
  10. Prova a postarne qualcuno, magari salta fuori l'intenditore che potrà fare una stima. Carlo
  11. Il "mi piace" va messo in ogni caso. E' una pagina cruenta della nostra storia, purtroppo, e a questi obbrobri non ci si farà mai l'abitudine. La maggior parte delle persone non conosce questi avvenimenti ed è più che giusto vengano resi pubblici. Spero non alluda all'Italia. Sono affermazioni piuttosto pesanti che invito a dibattere in altra sede. Carlo
  12. Caro @Quintus se c'è una cosa che detesto è il famoso..."te l'avevo detto". Frase insulsa quanto inutile in quanto è più che giusto che ognuno sbagli con la sua testa. Certo...ad avercene soldini per prendere bei pezzi da mettere in collezione. Avrei tre o quattro cosette (e mi limito) che fin da ragazzo mi son rimaste sul gozzo e che non sono mai riuscito a prendere. Morirò con quel desiderio oramai. Le tipologie non mancano ed io stesso spesso ho allargato le mie vedute non tanto per "rischi" collezionistici, ma perchè studiando, aggiornandomi e confrontandomi, sono nate tante altre passioncelle collaterali. Le stesse Papali risalgono solamente a 10 anni orsono. Comunque al di là di quanto detto ed al netto della nostra lunga discussione, giusto per rimanere in tema e non dispiacere a @DeAritio che ci ha abbastanza sopportato per essere andati alquanto fuori tema, direi di soprassedere sulle Keniote, seppur gradevoli. Rimaniamo su cose concrete ed abbastanza tradizionali su cui ancora possiamo confrontarci. Carlo
  13. Vedo che hai interpretato bene il pensiero. Mai detta una cosa simile! Sei liberissimo, e qui lo ribadisco ancora una volta semmai ce ne fosse bisogno, di collezionare ciò che più ti aggrada, non sarò certamente io a stabilire quali debbano essere i tuoi interessi. Molti hanno comprato bellissime monete non certamente per investimento, ma per il piacere di collezionare una vera chicca. Quando quest'ultima non risulta essere quanto atteso (e speso), iniziano i dolori. Gli investimenti son altra cosa. Ma tanti auguri, e te li faccio veramente di cuore, vista la tua passione! Vedi @Quintus hai dato un non so chè di malevolenza al mio pensiero che mi lascia piuttosto perplesso e che pure mi dispiace. Ho espresso dei pareri e nulla di più, si può convenire o dissentire. Ma per carità di Dio! Parlo per diretta esperienza facendo tesoro di numerosi errori fatti in oltre 50 anni di collezionismo. Poi, ripeto, ognuno nella vita fa quello che gli pare. Carlo