Marte

Utente
  • Numero contenuti

    38
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    4

Marte è stato il miglior utente nel giorno 10 Giugno

Marte ha scritto i contenuti più apprezzati del forum!

Reputazione Forum

14 Status neutrale

Su Marte

  • Rank
    Utente normale

Informazioni Utente

  • Sesso
    Maschio

Interessi Numismatici

  • Settore
    Monetazione etrusca
  • Settore
    Monetazione celtica
  • Livello Studio
    Neofita

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Buona serata Porgo alla Vostra attenzione un 10 Assi di Populonia testa di Aplu dal peso di 4,34 g (Numero di Catalogo: HN Italy 168; SNG ANS 26; SNG Cop. 38) che presenta moltissimi "puntini" o bolle, un po' troppi. Che ne dite ?
  2. Grazie @Lugiannoni per i tuoi preziosi consigli.
  3. Buongiorno Cosa ne pensi @Lugiannoni : dovrebbe essere buona, il prezzo è conforme ? Grazie mille. PS: certamente le foto non sono molto d'aiuto!
  4. Buona serata Ho visto un 5 Assi di Populonia che viene venduto ad un prezzo abbordabile circa 150€ e viene definita dal venditore: ETRURIA, Populonia, 3rd cent. BC. AR 5 Asses (10mm, 1.60 g.) Diademed and bearded head right; V (mark of value) to left / Blank. HN Italy 174. Ex-CNG from the Continental Collection. Fine, toned, porous, irregular flan. Rare. Come viene detto, questa moneta è passata anche per un'asta prestigiosa, quindi il prezzo mi sembra basso, poi mi posso sbagliare. Quindi mi rivolgo a Voi per chiedere un parere qualità-prezzo. Poi magari non acquisterò la moneta, ma in questo modo inizio a capire le valutazioni un aspetto anche questo importante dello studio di una moneta. Grazie dell'aiuto.
  5. Quindi @Lugiannoni se ho capito bene (affidandoci naturalmente al tuo "occhiometro" ben allenato) è solo un problema qualitativo di una moneta antica. Devo dire, forse per la poca esperienza che ho, che difetti di questo genere ne ho visti pochissimi (al momento solo questo). Grazie
  6. Populonia. 3rd century BC. Sembella or 1/4 obol (?) (Silver, 6 mm, 0.15 g). Head of young Herakles (Hercle) to left; around, border of pellets. Rev. Blank. Apparently hitherto unpublished and unknown, but cf. Vecchi EC I, p. 287, 126 (as or obol) for the general series. Of great rarity, at present unique. Clear and with a dark patina as found. About extremely fine.From the collection of a German who enjoyed buying multiple lots of unidentified coins in Munich during the 1990s.We would like to thank Italo Vecchi for his advice about this coin; he will be publishing it in EC I Supplement, forthcoming in 2021. https://www.sixbid.com/en/nomos-ag/7445/greek-coins/6083445/b-etruria-b Notizia molto interessante e rara se confermata.
  7. Scusa se ti disturbo @Lugiannoni ma vorrei chiederti un parere. Grazie.
  8. Marte

    trovato tesoretto monetale a VULCI

    Vi posto un video sul tesoretto https://m.youtube.com/watch?v=YjPJzIdG4EE
  9. Buongiorno Forse dal titolo musicale molti avranno già capito di cosa si tratterà in questa "discussione": delle bolle di fusione su una moneta di Vetulonia. La moneta in questione è un sestante in bronzo (lo metto, perché magari qualche utente nuovo ed inesperto, un po' più di me, non lo sa) del 215-211 a.C. circa, dal diametro di 20 mm e dal peso di 8,93 g. Al dritto abbiamo la testa di Nettuno con la legenda in etrusco "vatl" che sta per l'abbreviazione di Vetulonia, mentre al rovescio c'è il tridente tra due delfini (Rif.: Vecchi V 9. SNG ANS 100. SNG France 58. Historia Numorum Italy 203). Ora quello che manca domandavo è possibile che abbia tutte quelle bolle sul rovescio? Sembra una cartina orografica più che una moneta. Oppure dovremmo preoccuparci perché ha preso il morbillo in età avanzata ? Grazie.
  10. Buongiorno Vorrei chiederVi un parere su questa monetina malconcia in bronzo di 3,04 g di peso e di 13 mm di diametro, con al dritto una testa elmata di Atena verso destra e al rovescio una civetta stante verso destra. Viene classificata come probabile della Val di Chiana. Cosa ne pensate? Come paragone allego due monete del monetiere di Firenze. Grazie
  11. Non lo sapevo, ma forse tra le qualità di un numismatico adesso dovremmo anche annovera il vaticinio e la supervista? Ditelo subito, così sono in tempo a cambiare "hobby" (passione)! Credo però che alcune case d'asta, visti i rottami che propongono, queste qualità le ritengano plausibili.
  12. Buongiorno Pensando di fare cosa gradita vi posto un articolo sulla "moneta vetuloniese e la circolazione monetaria tra fine III e II a.C. a Vetulonia" che potrà rimanere nel forum per le future consultazioni. Buona lettura. FOLDER-it-2013-291.pdf
  13. Buongiorno Questa moneta è veramente complicata da capire. Viene dichiarata come: Etruria, uncertain mint Æ 2.5 Units (Centesimae). Late 4th century BC. Young male head right; CII before / Incuse six-pointed star within linear border. EC I, 15.4 (this coin); HN Italy 89. 1.31g, 14mm. Fine. Very Rare. This coin cited in I. Vecchi, Etruscan Coinage Part 1 (2013); Ex Roma Numismatics Ltd., E-Sale 21, 31 October 2015, lot 26. Per me potrebbe essere qualunque cosa, tale è la sua usura. Qualcuno, per favore, riuscirebbe ad inviare una foto di questa moneta più decente per fare un confronto ? Grazie.
  14. Buongiorno Navigando mi sono imbattuto in una particolare oncia provenienti da Vetulonia. Facendo qualche ricerca sbrigativa ho saputo che il periodo di emissione era tra il 217 a.C. e il 215 a.C. , peso circa 8.72 g e dal diametro di circa 20 mm (Vecchi-V# 1, HN Italy# 198, EC# 21, Vicari# 160, SNG Fire# 653). Vorrei chiederVi se avete più informazioni su questa moneta. Grazie.
  15. @Lugiannoni la seconda moneta è ossidata così per essere stata sottoposta a certi agenti come l'acqua marina? Oppure dal momento che era composta da una lega a base d'argento contente un metallo soggetto ad una forte ossidazione? Grazie.