Lugiannoni

Global Moderator
  • Content Count

    1,830
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    185

Everything posted by Lugiannoni

  1. Panorama Numismatico n.354 di ottobre 2019 . In copertina, Jean Baptiste Lepère e l’Institut d’Égypte, di Franca Maria Vanni: architetto, eccellente disegnatore e membro della Commissione che partecipò alla spedizione napoleonica in Egitto, Lepère fu probabilmente l’autore dei rovesci di alcune medaglie conservate nel Museo Medagliere dell’Europa Napoleonica. Troverete, all’interno Per le curiosità numismatiche: Ma quanto vale lo zero? chiede Gianni Graziosi parlando di quelle cartamonete emesse da alcuni Paesi in periodi di inflazione e sulle quali gli zeri si moltiplicavano in tempi brevissimi. Per la monetazione antica: Su Alletto, ministro delle Finanze di Carausio, le notizie sono poche e, alcune, leggendarie. Roberto Diegi fa una rassegna delle sue coniazioni in Alletto: un usurpatore, un imperatore, un ufficiale romano? Le sue monete forse ci aiutano a capire meglio. Per la monetazione italiana medievale e moderna: Alcuni elementi del mezzo carlino di Alfonso II d’Aragona fanno pensare a una classificazione diversa rispetto quella usualmente riportata. Ne parla Alberto Castellotti in Sull’inedito mezzo carlino di Alfonso II d’Aragona per Napoli. Roberto Reynaudo tratta delle Imitazioni e contraffazioni del ducato veneziano del doge Marco Corner, partendo dalla descrizione di una interessante moneta apparsa recentemente sul mercato numismatico. Marco Bianchi prosegue la sua analisi dei conii delle monete parmensi di Maria Luigia in Varianti e modifiche di conio nelle monete da 5 lire 1815-1832 Maria Luigia per Parma. Per la monetazione estera: Tra le monete della Gran Bretagna, i multipli in oro da 5 ghinee sono particolarmente ricercati dal mercato numismatico. Gianni Graziosi tratta di una moneta interessante che sarà proposta nell’asta MDC a Monaco il 14 novembre prossimo, in 5 ghinee… una storica moneta. Per la monetazione contemporanea: Dalla fine dell’Ottocento alla metà del Novecento per accedere alle mense dei poveri servivano particolari gettoni che indicavano i diversi generi alimentari forniti. Vincenzo e Franco Rapposelli ne descrivono alcuni tra i più interessanti in Le cucine economiche-popolari e di beneficenza in Italia. Una minestra e 200 grammi di pane non si negano a nessuno. Nella rubrica Recensioni, si troverà il libro di Simone Boccardi, Il ripostiglio “dalla Siria” (1923), I-III sec. d.C., pubblicato per il «Bollettino di Numismatica», Materiali 47. Per la rubrica Notizie dal mondo numismatico, si parla delle prossime aste d’autunno di InAsta (30 ottobre) e Varesi (12 novembre). Inoltre si troveranno articoli sulla mostra Come si fanno i soldi. La produzione di cartamoneta tra tecnologia e tradizione, che si terrà allo Spazio Eventi del Grattacielo Pirelli di Milano dal 4 al 31 ottobre; sulla Giornata di Studi Tracce dei Normanni a Salerno (XI-XII sec.). Storia, insediamenti, monete, che si terrà all’Archivio di Stato di Salerno il 4 ottobre; sul Secondo Incontro Culturale Numismatico nel Parco Nazionale del Gargano, In Sanctorum Nummis Effigies, che si terrà a Monte Sant’Angelo il 4 e 5 ottobre; sulla prima Giornata di Studio italiana sulla cartamoneta, Charta Nummaria, che si terrà al Centro Congressi “iCavour” di Roma il 26 ottobre, e sulla XXV Mostra di filatelia, numismatica e cartofilia del Circolo Culturale Numismatico Filatelico Roveretano.
  2. Se qualche amico del Forum volesse farmi un pensierino per Natale, suggerirei la seguente moneta, acquistabile, con un po' di fortuna, partendo da una base d'asta di solo 1.400.000 euro! Sicily.The most important Greek silver coin ever sold.Syracuse. Silver Tetradrachm signed by Kimon, circa 405-400 BC. APEƟOΣA Head of Arethusa facing, slightly inclined to the left, wearing two necklaces; her hair flows on soft wawes around her head; on the ampyx over her forhead, the signature KIMΩN; on right two dolphins swimming and a third emerging from the hair to the left / ΣYPAK OΣIΩN Quadriga galloping to the left; the charioteer, holding reins and kentron, looks back at his pursuers; above Nike presenting a wreath to the charioteer; ear of barley in exergue. 16,90g. Rizzo pl. XLVIII, 10 (this obverse die); Gulbenkian 292 (these dies); Fischer-Bossert pl. 5, 9 (these dies); Kraay-Hirmer 122 (this obverse die) and 123 (this reverse die); Kunstwerke der Antike (this coin); Schefold WM 492 (this coin); Tudeer 79 (these dies).Certainly the most beautiful greek coin in private hands. A masterpiece of sublime style. Extremely rare.From the collection of Robert Käppeli (purchased before 1960) and the auctions Leu 76 (27 October 1999), 57 and NAC 77 (26 May 2014), 17.Though the facing-head portrait eventually became familiar at Amphipolis, Larissa, Rhodes and Tarsus in the 4th and 3rd Centuries B.C., it seldom was attempted in the West. The few facing-head dies from Sicily are acknowledged masterpieces, including this phenomenal work of Kimon, whose Arethusa Soteira, became a model for artists throughout the Mediterranean.The richness of this artist's work cannot be overstated, for the style and composition of this coin is essentially perfect. The details of the Arethusa's portrait are richly engraved, with their impact being intensified by the playful dolphins that dart through the floating strands of hair in the surrounding water.Katherine Erhart, in her dissertation on facing head Greek coins, offers praise: "...the master-engraver Kimon created a facing head of the fountain nymph, which is easily the most beautiful coin of all time, one applauded by ancient die-engravers and modern critics alike. ... No other engraver before or since has so magnificently exploited the compositional potential of the small circular coin flan." The combination of the obverse depicting 'Arethusa the Saviour,' a reverse dedicated to a victorious charioteer, and the innovative and remarkable quality of the dies, earmarks this as a commemorative issue. As such, it has been associated with the defeat of the Athenian fleet at Syracuse in 413 B.C. and with the good fate of the Syracusans in the otherwise devastating Carthaginian invasion of Sicily in 406/5 B.C.This issue broke with about a century of Syracusan tradition by using this portrait as the obverse rather than the reverse. This decision probably was rooted in practicality since the reverse die is more vulnerable as it absorbs the full energy of the hammer blow. Just a few years earlier one of the two facing-head reverse dies engraved by Eucleidas (Tudeer reverse die 37) developed a fatal crack beneath Athena's chin that widened with each successive strike. This must have guided Kimon's decision. However, after Kimon's ambitious facing-head the portrait on tetradrachms at Syracuse returned to being shown in profile on the reverse die. Indeed, it was not until Agathocles revived the tetradrachm at Syracuse toward the end of the 4th Century that the head became the obverse, in keeping with other Greek mints of the era.Kimon's work for this issue consists of two obverse and two reverse dies. Both obverses were used with both reverses, and none of the four dies was used with any other die – all further evidence that this was a stand-alone series made for a special occasion.Considering the effort expended by Kimon, it is worth commenting on the relative merits of his four dies, three of which he signed. Both obverse dies are masterful and unique creations, but if the more accomplished must be chosen it would be Tudeer's die 28, the one used to strike this coin. The portrait on that die is more mature and focused than the one of Tudeer 29, where Arethusa's gaze is engaging, yet tentative. Both have equally playful arrangements of the dolphins, but on this die they are cut deeply and boldly, whereas on die 29 they are softly engraved, almost as if they were an afterthought. Die 29, however, is of greater academic interest, for it bears the inscription ΣΩ (abbreviating ΣΩTEIPA, 'saviour' or 'deliverer') cleverly hidden in the curls of Arethusa's hair.Both reverse dies show a quadriga in high action, viewed at a slight angle. They represent momentary snapshots of a victorious team turning the bend as the charioteer attempts to contain the collective power of his team. The reverse dies are so different in their arrangements that it is impossible to make a choice on merit alone, and we might conclude that they are equally accomplished.The die used to strike this coin, Tudeers 54, is lively and powerful, yet it still possesses a sense of formality that is amplified by the unusual, upright posture of Nike, who advances toward the driver. The heads of the horses toss about in a precise arrangement that by this time had become canonical at Syracuse: the outermost horses maintain relatively controlled postures as the heads of the interior horses toss about wildly. The placement of a fallen meta (turning post) beneath the horses only adds to the drama of the scene. Text: courtesy of NAC. Credo che ogni parola sia incapace di descrivere tanta bellezza.
  3. Lo avevo capito, e mi sono divertito rispondendoti con altrettanta ironia. In realtà, poi, negli strati "storici" non è impossibile che si possano trovare monete sparse o tesoretti, specie per la natura stessa di certe cavità che, ne abbiamo le testimonianze, sono state frequentate anche in tempi storici: nel caso nostro, ad esempio, sporadicamente durante la II guerra mondiale.
  4. Ringrazio per gli auguri e le preoccupazioni per la salute, ma sono ben attrezzato e coperto. Purtroppo lì monete ne troveremo assai difficilmente, a meno che non abbiano iniziato a coniare circa 27.000 anni BP!
  5. @Piakos Non condivido completamente la tua visione fortemente negativa del Medioevo <il medioevo è il buio...> nel senso che proprio in quella parte del Medioevo che possiamo schematicamente definire a partire dal fatidico anno 1000 iniziano a germinare quei semi che nel giro di 300 anni, partendo da Wiligelmo ci daranno Giotto, Duccio, i Pisano per giungere a Botticelli, Raffaello, Michelangelo ecc. Purtroppo la storia dell'arte - e quindi complessivamente della civiltà europea - è caratterizzata da momenti di splendore cui seguono immancabilmente dei <secoli bui> determinati, può essere spiacevole in questo momento sostenerlo ma credo sia la realtà, da arrivi di popolazioni <esterne all'Europa> ed il cui <meticciarsi> (altro termine abusato e bruttissimo) ha prodotto sempre una regressione. I cacciatori che avevano realizzato ad Altamira, Ruffignac, Lascaux ed in altre centinaia di siti opere naturalistiche di bellezza unica (Lascaux non a caso è definita <la cappella Sistina della preistoria>) furono sostituiti da popolazioni di pastori e agricoltori provenienti verosimilmente da oriente e portatori di un'arte povera, astratta. Abbiamo quindi la rinascita culturale della civiltà micenea che viene distrutta attorno al XIII secolo a.C. dalle invasioni di popolazioni provenienti da oriente. Passeranno sei secoli prima che spuntino i semi di una civiltà e di un'arte irripetibili. Grande merito dei romani, barbari rispetto alla civiltà greca, fu quello di assorbire e fare propria quella cultura invece di cancellarla, Cosa che avvenne invece nel momento in cui le popolazioni barbariche del nord Europa e delle steppe dell'Asia vennero a contatto con la civiltà romana e la cancellarono, dando vita, appunto, a quei secoli bui che caratterizzano il primo medioevo. Qui mi fermo, perchè il discorso potrebbe scivolare sul presente. P.S. Questo lungo intervento è dovuto al fatto che oggi pioveva e non sono andato allo scavo e quindi non sono crollato dal sonno!
  6. @Piakos non per insistere, ma in una passata discussione ragionammo delle <due numismatiche>. Da un lato quella degli appassionati e/o studiosi che centellinano i loro acquisti e, una volta acquisita la monetina tanto desiderata, la pongono a riposare in una cassettiera da dove periodicamente la estraggono un po' per gustarne l'aspetto e anche per studiarla, apprezzarne lo stile o certe particolarità del conio, ecc. Esiste poi il <finanziere>, che mi piace pensare somigliante a certi personaggi di Grosz (vedi sotto) che girano avidi per le aste, insensibili alla bellezza di un tetra di un Cimone o di un Euclide, ma attenti a calcolare il probabile tasso di accrescimento di valore della moneta oggetto delle loro brame. Ebbene - e non lo dico con lo spirito della volpe di fronte all'uva troppo alta - non cambierei la mia passione, il mio impegno e la mia soddisfazione nel collezionare i quattrinelli in rame di Niccolò Ludovisi o di Giovan Battista (per intendersi quelli che venivano regolarmente banditi dai Granduchi) con la loro arida e avida brama di investimenti redditizi. E per dirla alla @Quintus: sic cogitavi atque dixi.
  7. l'unica soluzione è non passare a miglior vita!
  8. Un lavoro estremamente utile. Complimenti allo sforzo non indifferente di Luca Gianazza.
  9. Una notevole serie di monete populoniesi; quasi tutte di piccolo o piccolissimo modulo ma, forse anche per questo, alcune notevolmente rare. In particolare segnalo, anche per l'ottima conservazione, il lotto 14 attribuito alla prima metà del V sec.a.C. Rara ed interessante la moneta del lotto 15, una didracma del primo tipo con Metus. Questa è peraltro l'unica serie monetale di Populonia di cui conosciamo con certezza la datazione poichè fu trovata in uno strato appartenente alla seconda metà del V. Molto raro anche il lotto 22, per il quale però avrei qualche cautela nella presunta lettura <(p)vplana> e <m(etl) dichiarata al D/. D/ Laureate male head right; to left, [p]vplana and to right, m[etl];
  10. e poi, dormire sotto un ponte? Comunque è stupendo!
  11. Cerco di intervenire senza alcuna vis polemica. Se è vero - e non ho motivo di dubitarne - quanto dice @realino santone che l 1° conio <... presenta un dritto con firma di Giampaoli che termina allineata a quella di Romagnoli, zoccoli a punta, attaccatura delle ali diversa, l'ala e gli zoccoli posteriori toccano il bordo ...>, se ne deduce che il 2° conio abbia le due firme disallineate a destra, gli zoccoli arrotondati, ecc. Di conseguenza la moneta tratta dall'asta Varesi è effettivamente un 2° conio, mentre quella inserita da @DeAritio dovrebbe essere un primo conio. A questo punto non ho ben chiaro quale sia il punto in discussione e sarei grato a qualche volenteroso se volesse illuminarmi. P.S. Mi è parso, in qualche momento, di cogliere sottotraccia una tensione, per ora fortunatamente latente, e che mi auguro resti tale.
  12. Moneta affascinante ed estremamente rara. Al di là di ogni altra considerazione, occorre ammettere che <Roma numismatics> offre assai spesso monete di gran livello sia per conservazione che per rarità.
  13. @Piakos @Quintus Il grande critico d'arte Cesare Brandi, vedendo per la prima volta la splendida Tomba del Tuffatore a Pestum, esclamò:<Questa è invero la Bellezza!>. Credo fermamente che avrebbe esclamato la stessa cosa di fronte al tetradracma rodio. Quello che mi sconcerta è invece l'amico Quintus quando afferma <Normalmente le monete al di fuori dell'Impero Romano mi piacciono poco>; ogni gusto personale è lecito, ovviamente, purchè se ne colgano le conseguenze. Fuor di metafora: la differenza in qualità estetica tra le monete imperiali e quelle del mondo greco è la stessa che passa (absit iniuria verbis e prescindendo da qualsiasi valutazione politica) tra la ministra Bellanova e Claudia Schiffer!
  14. @Piakos Renzo, tu hai giustamente parlato di <sogno> e i sogni sono belli - a volte anche quelli brutti - perché è un po' come vivere in un film di cui,siamo i protagonisti. Ma proviamo ad inverare questo tuo sogno. Da uno scantinato segreto sotto l'Arco di Tito spunta la mitica Menorah... il Mibac pone immediatamente il vincolo e nel frattempo Israele fa richiesta formare di restituzione, richiesta a cui il Governo (uno qualsiasi) non sa rispondere e prende tempo.Intanto nelle piazze gruppi di ebrei inscenano manifestazioni pro Israele; a queste gruppi di neonazisti si oppongono con violenza...scontri con la polizia, auto bruciate, cassonetti in fiamme, agenti del Mossad organizzano attentati contro la sede della Soprintendenza di Roma, camuffandosi da estremisti islamici (i classici due piccioni con una fava). Ecc.,ecc., ecc. Morale della favola, se qualcuno trova la Menorah è meglio che la rinterri subito!
  15. Il candelabro tutto d'oro è probabile che si sia trasformato in un più che cospicuo numero di aurei di Tito o di Domiziano. A proposito del sacco di Gerusalemme del 70 d.C. mi vengono a mente i versetti del Vangelo di Luca 23, 27-31:<Lo seguiva una grande moltitudine di popolo e di donne, che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. Ma Gesù, voltandosi verso di loro, disse: «Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. Ecco, verranno giorni nei quali si dirà: “Beate le sterili, i grembi che non hanno generato e i seni che non hanno allattato”. Allora cominceranno a dire ai monti: “Cadete su di noi!”, e alle colline: “Copriteci!”. Perché, se si tratta così il legno verde, che avverrà del legno secco?».
  16. Ho capito. Se una è ricca, bella, potente, ammirata da poeti e statisti e magari nobile e rende il marito simile ad un cervo (es. Donna Franca Jacona della Motta dei baroni di San Giuliano) è "super partes", se invece è middle class e rende il marito simile ad un cervo allora è una zoccola. Basta intendersi.
  17. @Quintus scusa l'impertinenza, ma <...Si tramanda che avesse una personalità attiva.> significa che era una grandissima zoccola?
  18. Scaricato. In settimana mi riprometto la lettura, ma non so se sarò in grado di commentare data la mia più che scarsa conoscenza della monetazione imperiale. Una cosa però vorrei chiederti, essendomi per ora limitato alla lettura dell'abstract: esaminando la monetazione di Faustina hai mica studiato anche i coni e le loro varianti?
  19. @Ross14 innanzitutto benvenuto. Detto questo, a leggere quanto hai scritto sui sesterzi di Faustina minore direi che hai una notevole conoscenza della monetazione romana. Aspettiamo con piacere di leggere altri tuoi interventi!
  20. Panorama Numismatico n.353, settembre 2019 In copertina l’articolo di Marco Bianchi, Conio variato nella moneta da 2 lire 1815 Maria Luigia per Parma, il secondo di tre articoli dedicati alle varianti delle emissioni della duchessa di Parma. Troverete, all’interno Per le curiosità numismatiche: In Quando un fumetto diventa un mito, Gianni Graziosi dedica la sua rubrica ad Asterix in occasione dei sessant’anni dalla sua prima apparizione, evento per il quale Monnaie de Paris ha emesso una moneta celebrativa da 2 euro. Per la monetazione antica: Roberto Diegi si occupa di Due imperatori o usurpatori dei quali, forse, neppure si ricordano i nomi: Tetrico I e Tetrico II, che regnarono per brevissimo tempo ma emisero molte monete. Alberto Castellotti assegna alla zecca di Roma una piccola moneta costantiniana, in Una inedita e sorprendente frazione di follis di Costantino II. Per la monetazione italiana medievale e moderna: Claudio e Guglielmo Cassanelli parlano della mostra Galleria metallica. Ritratti e imprese dal Medagliere Estense che si è tenuta recentemente al Palazzo dei Musei di Modena, aggiungendovi una rassegna delle medaglie di Francesco II d’Este. Per la medaglistica: Una placchetta ricorda il viaggio simbolico che l’8 novembre 1979 papa Giovanni Paolo II fece in treno fino alla stazione di Roma Salario. Fabio Robotti racconta la vicenda in La medaglia di San Giovanni Paolo II in occasione della sua partecipazione alla XXI Giornata del Ferroviere. Per la cartamoneta: Corrado Marino racconta La breve e poco conosciuta storia di un piccolo territorio tra Siberia e Mongolia chiamato Tannu Tuva che, durante la sua breve indipendenza, emise una serie di rarissime e assai costose banconote. Per la monetazione estera: A partire dalla seconda metà del XVIII secolo sulle monete russe non comparve più il ritratto del sovrano. Questo uso proseguì fino al 1885 quando venne deciso che sulle monete d’oro e su alcune in argento tornasse a comparire il ritratto del regnante. Ne parla Giuseppe Carucci in Il ritorno del ritratto. Per la monetazione contemporanea: Renzo Bruni, grazie a Una tessera per “vuoto a rendere” della Giacomo Costa fu Andrea, racconta la storia della società ligure che, dalla produzione di olio alla creazione di una compagnia di navigazione, è diventata una delle aziende più importanti del dopoguerra. Per la rubrica Notizie dal mondo numismatico, si pubblica il programma del Convegno Monete frazionate. Aspetti economici, questioni cronologiche, quadri regionali, che si terrà all’Università Cattolica Sacro Cuore di Milano i prossimi 15 e 16 settembre. Si parla, inoltre, della nuova sezione numismatica al Museo Bruschi di Arezzo, aperta al pubblico il 21 giugno scorso, e della terza edizione del Concorso a premio per una tesi di laurea in Numismatica dedicato a Mario Traina.
  21. Se tanto mi da tanto, Courbier non sembrerebbe molto portato alle somiglianze!
  22. Sarei tentato di suggerire una ipotesi che, se confermata, aprirebbe un nuovo orizzonte alla storia romana e non solo. E se fossero non tanto delle imitative, ma piuttosto - e ne vedrei conferma nell'uso di triplici sistemi numeral-linguistici - la prima, sinora sconosciuta edizione di un gioco destinato non solo all'uso interno, come erano i latruncoli, ma anche all'export il cui nome (del gioco) era Monopolicus?
  23. Mi permetta, pregiatissimo Quintus, di lodare la Sua puntuale e sottile notazione che colloca, come da Lei supra affermato, le emissioni in oggetto in un ben definito e corretto arco temporale. Resta comunque confermata l'esimia rarità delle monete testè presentate che, voglio sperare, possano andare ad impreziosire una pubblica raccolta. A questo proposito mi permetta di suggerire la romana AMA. Vale!