Pangloss

User
  • Content Count

    65
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

2 Status neutrale

About Pangloss

  • Rank
    Usual user

Contact

  • Website URL
    http://cfnmassese.jimdo.com/

User information

  • Gender
    Maschio / Male

Numismatists interests

  • Numismatic studies
    Monetazione moderna italiana / Modern Italian Coinage
  • Numismatic studies
    Monetazione rinascimento/risorgimento / Renaissance Coinage
  • Study level
    Studioso autonomo / self-taught

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Scusate il ritardo, non posso fornirvi di più, non è mia e in più non so se saprei distinguere una doratura d'epoca a una posteriore, a voi la parola...
  2. Chiedevo perché ne ho vista una in bronzo dorato ma non mi risulta, a voi e' nota? Grazie per l'attenzione
  3. Scusate, in quali metalli e' stata coniata questa splendida medaglia? Grazie
  4. Non riesco a rispondere tramite messaggistica in pvt comunque sono davvero lieto che della segnalazione di cui sopra ne sia potuto scaturire qualcosa di interessante, ad ulteriore dimostrazione di quale "chiaro numismatico" fosse il Viani. Attendo con piacere di ricevere il numero di marzo di Panorama Numismatico e leggere il tuo articolo. Saluti.
  5. Sempre dalla sopracitata asta Dorotheum aggiungo questa vea perla: Lotto1182 kleine AR Medaille 1775. Med. (A. Wideman laut HMA). Av: gestaffelte Brustbilder des Pares n. r. Rv: DVM ARTEM MONETARIAM VIENN INVISERENT CUDERUNT 13 OCTOBRIS 1775 zwischen Zierwerk. Mont. 2069, SDMT 268, HMA Stempelslg. /1429. =26,4 mm, 4,39 g, eigenhändige Prägung des Paares= Prachtexemplar I Boccolari n.211 Coniata in occasione della visita della coppia alla zecca di Vienna.
  6. Sempre da quest'ultima asta non posso non postare questa rara medaglia sempre di Maria Beatrice: Maria Beatrice Ricciarda D 'Este Arciduchessa d'Austria, 1750-1829. Medaglia 1816(?)opus Joseph Nikolaus Lang. Æ gr. 48,13 mm 50,8 Busto drappeggiato a s. con i capelli a spirale con diadema; J LANG sulla troncatura del busto. Rv. Pietas in piedi a d. in atto di toccare la Giustizia sulla spalla, la quale è seduto a s., con in mano la spada e la bilancia. Litta, Este, n. 51; Crespellani, Medaglie, pp. 50-51; Boccolari 213; Forrer III, pag. 295
  7. Gettone in argento per le nozze. Ex asta Ranieri n.5 del 21 aprile 2013 lotto 185, realizzo 180 euro. Peso 3,98 gr.
  8. Medaglia in argento per le nozze. Silbermedaille 1771, von A. Widemann, auf die Vermählung ihres Sohnes Erzherzog Ferdinand mit Maria Beatrix, Prinzessin von Modena. Beider Brustbilder nebeneinander r.//Merkur mit zwei Wappenschilden, r. lagert der Flußgott Padus (Po) nach l. 42,34 mm; 26,29 g. Slg. Montenuovo 2034. Ex asta Kunker 242 del 20 novembre 2013 lotto 3312, realizzo 380 euro.
  9. Correlata a questa medaglia non posso non illustrare la precedente serie per le nozze dei due sovrani. Gettone in oro. Gettone 1771 celebrativo delle nozze con la duchessa Maria Beatrice d’Este, AV 4,37 g. FERDINAND A A M BEATRIX EST SPONSI Busti accollati a d. degli sposi. Rv. NVMINA FAVENT Mercurio librato in volo verso d. cinge nella mano d. il caduceo e nella s. gli stemmi delle case d’Absburgo e d’Este; sulla d., allegoria del fiume Po. All’esergo, NVPITIIS CELEBRATIS / MEDIOLA D XV OCT / 1771. Probszt pag. 335, 239. Ex asta NAC 57 del 18 dicembre 2010 lotto 125, realizzo 2000 euro.
  10. Ancora un bellissimo esemplare in argento passato recentemente in asta Dorotheum del 20-21 novembre 2013 lotto 1180, realizzo 600 euro. Diametro 49,9mm peso 43,8 gr.
  11. Grazie della precisazione, allego ulteriore immagine di un esemplare in bronzo ex asta Gorny & Mosch 192 del 13 ottobre 2010 lotto 3649, realizzo 160 euro.
  12. Salve lu.giannoni, conosce i manoscritti del Viani relativi alla zecca di Piombino? Io non li ho esaminati ma li ho censiti in Biblioteca di Lucca Fondo Manoscritti. Sono appunti del secondo decennio del 1800, quindi e' assai probabile che al giorno d'oggi siano ormai abbondantemente superati, e sarebbero serviti al Viani per la prospettata opera di aggiornamento dello Zanetti. Eventualmente posso fornire le collocazioni delle carte relative a Piombino. Cordialmente, pangloss
  13. Ciò vale certamente per i luigini, usati anche per ornamento, trattati infine come merce, ma per i talleri del leone? e per le pezze da 8? Bisognerebbe, più in generale per la discussione , inquadrare con un po' più di precisione quale periodo e quale fenomeno monetario vogliamo analizzare. P.S. Approfitto per una domanda, Piombino penso mai a coniare luigini?quanto meno esistono in archivio proposte di affitto della zecca da parte di mercanti/zecchieri per la produzione di luigini?