lorenzo

Moderatore di sezione
  • Numero contenuti

    670
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    57

Tutti i contenuti di lorenzo

  1. Da: http://it.wikipedia.org/wiki/Abbazia “L'abbazia (detta anche abazia o baddia a seconda se diretta da un abate o da una badessa), è un particolare tipo di monastero, che per il diritto canonico è un ente autonomo. Il nome deriva dal tardo latino abbatīa, appunto abate, termine che inizialmente si riferiva solo alla persona che reggeva l'edificio, per poi assumere il significato più esteso del complesso dei beni che erano a disposizione di tale carica religiosa. Infatti molto spesso per abbazia in toponomastica si intende non soltanto l'edificio in sé, quanto anche l'insediamento che si sviluppava intorno ad esso”. “La prima abbazia di cui si ha notizia fu fondata intorno al 320, che prese il nome di abadia, dal santo egizio Pacomio, che ne fece il luogo dove riunire la prima comunità monastica cenobita, elaborandone tra l'altro le regole interne. Pacomio portò avanti tale progetto poiché era dell'idea che l'ideale ascetico cristiano si sarebbe realizzato in modo migliore attraverso una comunità piuttosto che nella singola esperienza eremitica. Alla costruzione di questa prima abbazia ne seguirono altre, sia in Oriente sia in Occidente, dove però furono elaborate nuove regole interne, ispirandosi sia alla Regola benedettina, a partire dal 534 che alla Regola colombaniana di ispirazione monastica celtico-irlandese”. ______________ “Dovendo spesso gestire patrimoni fondiari anche abbastanza vasti, gli abati dovettero adottare regole precise per garantire una stabilità economica alla comunità. L'economia curtense si prestava assai bene a questo scopo, essendo principalmente adatta a feudi che necessitavano di mantenersi in un'ottica autarchica, ed essendo già stata utilizzata con successo da molti monasteri. Le abbazie cercarono così di produrre la maggior parte di quello che gli serviva all'interno dell'edificio stesso, sopperendo alle mancanze con il commercio, a volte anche con altri monasteri. I frutti di questo sistema economico, di cui abbiamo diverse informazioni grazie ai precisi inventari che venivano tenuti dai monaci, furono nella maggior parte dei casi al di sopra delle necessità delle abbazie stesse, tanto da permettere la vendita dei beni in eccesso. Il notevole benessere economico delle abbazie, come per i monasteri, era dovuto, oltre che all'efficacia dell'economia curtense, anche alla rigida e produttiva organizzazione interna della comunità religiosa (ora et labora) e agli aiuti economici sia da parte della Chiesa stessa (principalmente attraverso le diocesi) sia da parte di sovrani, nobili o piccoli signorotti di campagna”. Questa era la situazione delle abbazie nel medioevo e data la quale non è difficile capire perché molte battevano moneta. Qui di seguito faccio cenno ad alcune di queste, ma ve ne sarebbero altre ancora in giro per l’Europa. Da: http://www.poinsignon-numismatique.fr/monnaies_r5/autres-monnaies-provinciales_c18/bourgogne-abbayes_p11929/bourgogne-abbaye-de-cluny-12e-13e-siecle-denier_article_83655.html Bourgogne. Abbaye de Cluny (12e - 13e siècle). Denier Ha il copy-right Da: http://www.poinsignon-numismatique.fr/monnaies_r5/autres-monnaies-provinciales_c18/limousin_p2379/limousin-abbaye-de-saint-martial-de-limoges-fin-xiie-jusque-vers-1245-denier-ou-barbarin_article_85244.html Limousin. Abbaye de Saint-Martial de Limoges (fin XIIe jusque vers 1245). Denier ou barbarin Ha il copy-right Da: http://www.poinsignon-numismatique.fr/monnaies_r5/autres-monnaies-provinciales_c18/touraine_p5934/touraine-abbaye-de-st-martin-de-tours-12e-siecle-denier_article_46784.html Touraine. Abbaye de St Martin de Tours (12e siècle). Denier Ha il copy-right Da: http://www.poinsignon-numismatique.fr/monnaies_r5/autres-monnaies-provinciales_c18/bourgogne-abbayes_p11929/bourgogne-abbaye-de-tournus-12e-siecle-denier_article_55639.html Bourgogne. Abbaye de Tournus (12e siècle). Denier Ha il copy-right Da: http://www.poinsignon-numismatique.fr/monnaies_r5/autres-monnaies-provinciales_c18/bourgogne-abbayes_p11929/bourgogne-abbaye-de-saint-benigne-de-dijon-monnayage-anonyme-fin-xie-debut-xiie-siecle-denier_article_65939.html Bourgogne. Abbaye de Saint-Bénigne de Dijon. Monnayage anonyme (fin XIe - début XIIe siècle). Denier Ha il copy-right Da: http://www.poinsignon-numismatique.fr/monnaies_r5/alsace_c16/murbach-et-lure-abbaye_p133/alsace-abbaye-de-murbach-et-lure-francois-egon-de-furstenberg-1665-1682-pfennig-r-r_article_58834.html Alsace. Abbaye de Murbach et Lure. François-Egon de Furstenberg (1665-1682). Pfennig. R ! R ! Ha il copy-right Da: http://www.delcampe.net/item.php?id=201061214&var=Flandres-Vlaanderen-Abbaye-dEname-petit-denier-RARE-&language=F&sessionToken=sslLogin_d4ea7179f839c1c5b9fa066509eae81e Flandres Vlaanderen Abbaye d'Ename , petit denier RARE ! Numéro d'objet: 201061214 Ha il copy-right Da: http://www.dumez-numismatique.com/article.asp?langue=fr&article=10546 EPINAL, Abbaye de Saint-Goëry, denier XII°/XIII° siècle, 0,60 grm, Fl.10 p.310, TB à TTB Ha il copy-right Da: http://www.dumez-numismatique.com/article.asp?langue=en&article=10249 STRASBOURG, Mérovingiens, denier d'Adalbert 683-723, abbaye d'Honau OU Obernai?, 1,01 grms, belfort.804, TTB à SUPERBE Très rare!! Ha il copy-right Da: https://www.ma-shops.fr/poinsignon/item.php5?id=53339〈=fr Picardie. Abbaye de Corbie. Monnayage anonyme. Monnayage anonyme. Denier. + ABIAS C (rétrograde) PIC. Crosse tournée à droite et accostée d'un alpha et d'un oméga. R/: + ANSI - CIVS. Croix cantonnée de deux croisettes en 2 et 3. PA 6560 var. RN 1998 p 310, D 10 et R 17-18. 0,95 g. Ha il copy-right Da: http://www.celtic-coin-agora.com/Rem.htm Remiremont (Abbaye de) Denier s. m. (ca 1000 – 1030) Ag Mi fermo qui, tanto per dare un’idea di come fosse vivo il medioevo dove le idee non mancavano di certo. Lo dobbiamo ai religiosi se certi testi sono giunti fino a noi, sebbene quasi certamente abbiano fatto una cernita di quelli da copiare e di quelli che no.
  2. lorenzo

    Monasteri e monete

    Non posso non ricordare come alcuni prelati hanno battuto moneta durante la loro attività pastorale. Da: http://www.numismaticaranieri.it/negozioscheda/861-ravenna-anonime-arcivescovili-xii-xiii-secolo-denaro.aspx RAVENNA Anonime arcivescovili, XII-XIII secolo. Denaro. Mi gr. 0,64 Dr. ARCIEPISCO, Le lettere PVS attorno a globetto. Rv. DE RAVENA, Croce patente; nel secondo e nel terzo quarto, trifoglio. Di Virgilio 5 Da: https://www.ebay.it/itm/Volterra-Ranieri-de-Ricci-vescovo-1291-1301-Grosso-agontano-da-20-denari/202332333634?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 NUMISMATICA MARCOCCIA Volterra Ranieri de’ Ricci vescovo (1291-1301) Grosso agontano da 20 denari mir 613 Da: https://www.ebay.it/itm/AQUILEIA-PATRIARCATO-BERTANDO-SAN-GENESIO-DENARIO-1334-1350-MONETA-MEDIEVALE/401538512444?_trkparms=aid%3D444000%26algo%3DSOI.DEFAULT%26ao%3D1%26asc%3D20170221122447%26meid%3Dab21e2ba379f4b4988748e244db51d41%26pid%3D100752%26rk%3D6%26rkt%3D6%26sd%3D352374648931%26itm%3D401538512444&_trksid=p2047675.c100752.m1982 AQUILEIA PATRIARCATO BERTANDO SAN GENESIO DENARIO 1334 - 1350 Da: https://www.ebay.it/itm/pcc1142-3-Mantova-Anonime-vescovili-1150-1256-Denaro-scodellato/381361299620?_trkparms=aid%3D222007%26algo%3DSIM.MBE%26ao%3D2%26asc%3D20170831090034%26meid%3D4648607395d7473593566e69710104b3%26pid%3D100005%26rk%3D2%26rkt%3D12%26sd%3D352372495506%26itm%3D381361299620&_trksid=p2047675.c100005.m1851 Mantova, Anonime vescovili, (1150-1256) Denaro scodellato Ecco, dunque, che abbiamo un ventaglio di esempi benchè non vastissimo, il quale può suscitare l'interesse di chi legge e spingerlo ad approfindire e magari ampliare questo argomento. Ringrazio tutti per la pazienza e la cortesia con le quali vengo accolto solitamente.
  3. Oggi vorrei parlare delle lettere dell’alfabeto (vanno bene tutte e tutti) presenti sulle monete. Ne ho veramente viste tante e, come è ovvio, inizio con la lettera A, però ci sono casi in cui sono presenti cinque lettere e più, fino ad arrivare a legende che comunque non sono da annoverare tra i casi in trattazione. Da: https://www.ebay.it/itm/Brindisi-Manfredi-1258-1266-Denaro-apulo/173320730301?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Brindisi: Manfredi(1258-1266) Denaro apulo Da: https://www.ebay.it/itm/ANCONA-Repubblica-Bolognino-Sec-XIV/163045961149?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 ANCONA - Repubblica - Bolognino (Sec. XIV) Rara emissione con rosette ai lati della grande A e nel cerchio Da: https://www.ebay.it/itm/Zecche-Italiane-Ancona-Autonome-Bolognino-AG-SPL/362319281159?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Zecche Italiane. Ancona. Autonome (XIII secolo). Bolognino. B. 39. AG. g. 1,04. SPL. Leggerissima patina in parte iridescente su fondi lucenti Da: https://www.ebay.it/itm/MACERATA-Autonome-1392-1447-Bolognino-o-1-2-grosso-A-piccola/123134841528?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 MACERATA - Autonome (1392-1447), Bolognino o 1/2 grosso (A piccola) Da: https://www.ebay.it/itm/HN-BOLOGNA-Repubblica-a-nome-di-Enrico-VI-1301-bolognino-piccolo-MI-BB-RR-m621/253596747427?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 BOLOGNA Repubblica a nome di Enrico VI 1191-1337 (1301) bolognino piccolo MI BB MOLTO RARO gr. 0,40 D/ IPRT . R/ *+* A tra globetti . Riferimento catalogo: Chimienti, 7 ; C.N.I., 2,4
  4. lorenzo

    Le lettere dell'alfabeto sulle monete

    Mi è capitato, durante un recente giro in internet di trovare alcune monete del territorio italiano le quali rappresentavano un uso di lettere dell’alfabeto abbastanza inconsueto. Da gruppi di due a quattro lettere i quali avevano un chiaro significato, quando erano la prosecuzione del nome della città, oppure le iniziali del regnante di turno, oppure la prosecuzione del nome del Santo patrono. Da: https://www.ebay.it/itm/RIMINI-Autonomia-DENARO/163069218379?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Zecca di Rimini Emissioni Autonome 1250-1385 DENARO Mistura - 0,51gr. MIR: 1354 Da: : https://www.ebay.it/itm/ANCONA-Repubblica-BOLOGNINO/163069218360?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Zecca di Ancona Repubblica Sec. XIV BOLOGNINO Argento - 1,04gr. CNI: Manca Da: https://www.ebay.it/itm/ANCONA-Repubblica-DENARO/163069218356?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Zecca di Ancona Repubblica Sec. XII-XIII DENARO Mistura - 0,60gr. Biaggi: 42 var. Da: https://www.ebay.it/itm/BRINDISI-Enrico-VI-e-Costanza-dAltavilla-Denaro/163069218387?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Zecca di Brindisi Enrico VI e Costanza d'Altavilla 1195-1196 DENARO Mistura - 0,80gr. SPAHR: 30 Da: https://www.ebay.it/itm/BRINDISI-Federico-II-Denaro-del-1248/163069218375?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l264 Zecca di Brindisi Federico II 1197-1250 DENARO del 1248 Mistura - 0,75gr. SPAHR: 144 - MEC: 567 - Biaggi: 471 - MIR: 294 Da: https://www.ebay.it/itm/MACERATA-PP-Giovanni-XXII-PICCIOLO/163069231740?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Zecca di Macerata Papa Giovanni XXII 1316-1334 PICCIOLO Mistura - 0,42gr Muntoni: 3 var. Da: https://www.ebay.it/itm/RAVENNA-Vescovi-Anonimi-DENARO/163078186291?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Zecca di Ravenna Vescovi Anonimi Sec. XII-XIII DENARO Mistura - 0,52gr. Biaggi: 1965 var Da: https://www.ebay.it/itm/ASCOLI-Repubblica-DENARO-PICCIOLO/163079219488?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Zecca di Ascoli Piceno Emissioni Autonome Repubblica Sec. XIII-XIV DENARO PICCIOLO Mistura - gr. 0,45 CNI: MANCA - Mazza: 20 RARO
  5. Ho proposto ed abbiamo fatto un breve excursus sulla rappresentazione del tempio su monete di diversa provenienza geografica e si è visto come le nazioni del tempo non fossero poi così distanti tra loro e le idee circolassero, causa i commerci, con più facilità di come si potrebbe ritenere. Prima di questo, è bene ricordare che nell’Europa medievale la croce come segno distintivo della fede popolare fosse massimamente diffusa; poche sono le eccezioni qua e là presenti che non siano la croce. Possiamo verificare con sufficiente facilità come certi elementi iconografici siano passati da una zecca ad un’altra senza causare problemi diplomatici. La scrittura delle monete di Maguelonne: triangoli, rettangoli, lunette rappresentano con molta chiarezza ed efficacia la grafia. Anche la zecca di Lucca ha usato la geometria per rappresentare i suoi etnici. Assistiamo ad un largo uso di simboli, i quali qualche volta hanno un significato noto, altre volte è rimasto sconosciuto. Oggi, vorrei porre l’accento maggiormente sul come siano ricorrenti e ripetitivi certi simboli. Uno lo abbiamo detto ed è il tempio, un altro è l’imitazione o la contraffazione delle monete. Ne danno testimonianza i liard di Desana, per citarne uno, oppure i denari del Senato romano: una copiatura non sempre ben riuscita del provisino francese. Vi sono altri numerosi casi di riproduzioni. Mi limito a citarne qualcuno, tanto per dare uno stimolo alla ricerca di ognuno di noi. Il fiorino coniato per la prima volta nel 1252 a Firenze, il quale nello stesso periodo è coniato pure come fiorino in Ungheria. Il denaro di Saint Martin de Tours in mistura, detto da noi tornese, il quale è presente in diversi Stati, sia francesi che esteri. Viene emesso per la prima volta agli inizi dell'XI secolo dall'Abbazia di San Martino a Tours in Francia. Dopo Carlo V di Francia i tipi cambiano e sparisce il castello tornese. La lira di Tours rimane la moneta ufficiale del regno fino alla rivoluzione francese, quando è sostituita dal franco. “Stranamente i rivoluzionari scelsero per la nuova moneta che sostituiva la lira, la parola franco, che era stata usata per indicare una moneta d'oro dal valore di una lira tornese, al tempo di Giovanni il Buono”. Questa moneta viene coniata anche nel mediterraneo con il nome di “tornese del levante o dell’oriente latino”. Il conte Aimone di Savoia fa copiare il doppio tornese di Filippo il Bello. In Italia è presente a Campobasso (tornese di Campobasso), a Venezia (il tornesello), a Napoli in epoche diverse fino al XIX secolo. Il long cross penny inglese era diffusissimo in Inghilterra e ne troviamo una descrizione dettagliata qui: http://www.ukdfd.co.uk/pages/Long-Cross-Pennies/Long%20Cross%20Pennies%20P1.htm. “I primi Penny furono prodotti sotto Heaberht del Kent ed Offa di Mercia, ad imitazione del denier che i Franchi avevano coniato per la prima volta nel 755. Più tardi, quando Edgardo divenne re d'Inghilterra nel 959, l'uso di questa moneta d'argento si diffuse in tutto il territorio da lui controllato e, fino all'epoca di Enrico III, fu praticamente la sola moneta coniata in Inghilterra. Nel Medioevo erano attive molte zecche (addirittura 60 sotto Stefano) che coniavano penny con tipi a volte anche molto diversi le une dalle altre. L'iconografia del diritto prevedeva l'effigie reale, circondata dalla titolatura, mentre al rovescio era una piccola croce, più tardi estesa fino a toccare i bordi della moneta sotto Enrico III. Questo disegno era tipico di molte monete europee derivate dal denier”. Da: http://it.wikipedia.org/wiki/Penny_(moneta_pre-decimale_britannica)
  6. I liard con la L coronata 1 - Da: https://www.cgb.fr/dombes-principaute-de-dombes-louis-ii-de-montpensier-liard-a-ll-b-,bfe_255598,a.html Type : Liard à l'L Date : 1576 Nom de l'atelier/ville : Trévoux Métal : billon Diamètre : 16,5 mm Poids : 0,77 g. Avers Titulature avers : [(+ SUR UN POINT) L.] D. MONTISP. D. D[OMBAR:]. Description avers : L couronnée. Revers Titulature revers : + DNS. ADIVTOR. ME[VS. 15]76. Description revers : Croix filetée fleurdelisée. Un liard di Dombes del 1576 2 – Da. https://www.cgb.fr/italie-piemont-comte-de-deciane-desana-auguste-agostino-tizzone-liard-a-ll-couronnee-1581-ttb-,v28_1380,a.html ITALIE - PIÉMONT - COMTÉ DE DÉCIANE (DESANA) - AUGUSTE (AGOSTINO) TIZZONE Liard à l’L couronnée 1581 type : Liard à l’L couronnée Date : 1581 Métal : billon Diamètre : 16 mm Poids : 0,93 g. Avers Titulature avers : + AVGV. TICIO. CO. DECIA. Description avers : Grande L couronnée. Revers Titulature revers : + VIC. IMP. PERP. 1581 R. G.. Description revers : Croix fleurdelisée. Un liard di Desana del 1581 3 –Da: https://www.ebay.it/itm/PASSERANO-LIARD-ANONIMO/323248777612?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2057872.m2749.l2649 Morel-Fatio: Monnaies inédites de Dezana, Frinco e Passerano: Un liard di Passerano del 1583 Nel 1576 a Dombes è uscito un liard che in Italia ha avuto fedeli e convinti imitatori. Nel 1581 a Desana un liard quasi identico, uniche differenze le legende Nel 1583 a Passerano altro liard quasi identico. Secondo Promis (nel suo testo “Monete della zecca di Dezana” a pagina 32, terzo capoverso) è l’imitazione di un quattrino milanese del Re Ludovico XII e contraffatto nelle zecche di Cocconato, e forse anche di Frinco. Questo dice l’autore ma il quattrino non l’ho trovato, mentre le imitazioni provengono dal liard di Dombes. Il liard di Frinco non l’ho proprio trovato.
  7. lorenzo

    Le lettere dell'alfabeto sulle monete

    Post scriptum: non avendo trovato niente con la lettera Z ripiego su di una tessera mercantile di piombo che circolava tempo fa su internet e che mi aveva interessato. Il venditore l'ha descritta così: "Italia meridionale XII-XIII secolo Tessera medievale in piombo del periodo delle crociate (…) di probabile uso mercantile Possibile produzione pugliese" La descrizione potrebbe essere fatta ad arte per catturare l'interesse di un eventuale acquirente, ma non escludo che sia basata su dati certi. No, no, potrebbe essere la lettera N e non la Z !
  8. lorenzo

    Ben trovati

    Ovviamente, non potevo mancare: benvenuto.
  9. lorenzo

    Le lettere dell'alfabeto sulle monete

    Lettera S Da: https://www.ebay.it/itm/Moneta-Siena-Repubblica-Grosso-5-Soldi-6-denari-Scudo-a-Mandorla/273221845392?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Moneta Siena Repubblica Grosso 5 Soldi 6 denari Scudo a Mandorla Da: https://www.ebay.it/itm/BOURGOGNE-MACON-Philippe-Ier-Denier-1060-1108/263521666841?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 BOURGOGNE - MACON - Philippe Ier - Denier - 1060-1108 - Da: https://www.ebay.it/itm/LAC-ITALY-Sicily-Messina-Manfredi-1258-1266-BI-Denaro-RARE-SPA16-613/302726820588?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Sicilia, Messina. MANFREDI (1258-1266). BI Denaro RARA SPA16-613 Da: https://www.ebay.it/itm/NORMANDIE-Archev%C3%AAch%C3%A9-de-Rouen-Denier-au-Monogramme-942-989/263591209075?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 NORMANDIE - Archevêché de Rouen - Denier au Monogramme - 942-989 Lettera W Da: https://www.ebay.it/itm/Palermo-Guglielmo-II-Terzo-d-Apuliense-qSPL-Patina/362302981590?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Palermo Guglielmo II Terzo d' Apuliense qSPL Patina Da: https://www.ebay.it/itm/SALERNO-Campania-Normanni-GUGLIELMO-II-Follaro/263529542586?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 SALERNO-Campania (Normanni-GUGLIELMO II) Follaro Qui finisce questa piacevole avventura tra le lettere dell’alfabeto. Le monete hanno quindi un che di studiato, nel senso che non contengono simboli casuali, più o meno decifrabili, rappresentazioni e celebrazioni di eventi di antica memoria, ma qualche volta, anzi spesso per l’evo di mezzo, una affermazione continua del proprio credo religioso. Insomma, per chi le sa leggere sono il libro aperto sul loro tempo.
  10. lorenzo

    Le lettere dell'alfabeto sulle monete

    Lettera P Da: https://www.ebay.it/itm/B%C3%89ARN-LES-CENTULLES-Denier-ONOR-FORCAS-PA-3233/222955509488?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 BÉARN - LES CENTULLES - Denier - ONOR FORCAS - PA 3233 Da: https://www.ebay.it/itm/RAVENNA-Anonime-Arcivescovili-DENARO/261174109185?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 RAVENNA (Anonime Arcivescovili) DENARO Da: https://www.ebay.it/itm/Merovingian-Bronze-Denier-of-Childebert-I-circa-511-558-AD-c12/292561075916?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Merovingian Bronzo Denari di childeberto i circa 511 - 558 ad (c12) Lettera R Da: https://www.ebay.it/itm/LAC-ITALY-Sicily-Messina-Manfredi-1258-1266-BI-Denaro-RARE-SPA16-612/302726828355?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Sicilia, Messina. MANFREDI (1258-1266). BI Denaro RARA SPA16-612 Da: https://www.ebay.it/itm/505266-Munten-Frankrijk-Denarius-ZF-Zilver/202284125098?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Munten, Frankrijk, Denarius, ZF, Zilver (atelier sconosciuto)
  11. lorenzo

    Le lettere dell'alfabeto sulle monete

    Lettera M Da: https://www.ebay.it/itm/MILANO-LUCHINO-E-GIOVANNI-VISCONTI-1339-1349-AU-MEZZO-AMBROSINO-oro-RARA/123103576929?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 MILANO - LUCHINO E GIOVANNI VISCONTI 1339-1349 -AU/ MEZZO AMBROSINO oro Da: https://www.ebay.it/itm/DOMBES-Gaston-et-Marie-Liard-au-GM-1628/392042184574?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 DOMBES - Gaston et Marie - Liard au GM - 1628 - Da: https://www.ebay.it/itm/Dombes-Marie-de-Bourbon-Montpensier-liard-1608-Tr%C3%A9voux-Joli-Bd-1077/263685792988?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Marie de Bourbon Montpensier - liard 1608 Trévoux - Joli ! Bd#1077 Da: https://www.ebay.it/itm/33741-Munten-Frankrijk-Denarius-Marseille-ZF-Zilver/202228451811?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Munten, Frankrijk, Denarius, Marseille, ZF, Zilver Da: https://www.ebay.it/itm/DO-CHIVASSO-Giovanni-I-Paleologo-1338-72-Obolo-Bianco-Mistura/173320975599?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 CHIVASSO - Giovanni I Paleologo (1338-72) Obolo Bianco (Mistura) Da: https://www.ebay.it/itm/MANFREDONIA-Manfredi-Re-Denaro/163045125893?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 MANFREDONIA - Manfredi Re - Denaro
  12. lorenzo

    Le lettere dell'alfabeto sulle monete

    Lettera I Da: https://www.ebay.it/itm/PORTUGAL-JOAO-Ier-1385-1433-1-4-de-Real-de-10-Soldos-Bolhaos-Lisbonne/323221752419?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 PORTUGAL - JOAO Ier (1385-1433) - 1/4 de Real de 10 Soldos Bolhaos - Lisbonne Da: https://www.ebay.it/itm/509773-Monnaie-France-Louis-IV-Denier-Langres-Type-immobilis%C3%A9-TB/142738772844?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Monnaie, France, Louis IV, Denier, Langres, Type immobilisé, TB+ Lettera L Da: https://www.ebay.it/itm/535-Lorraine-L%C3%A9opold-1er-XXX-Deniers-2-52-tr%C3%A8s-bel-exemplaire-RARE/162888445456?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Lorraine Léopold 1er XXX Deniers 2,52 ! très bel exemplaire !! RARE Da: https://www.ebay.it/itm/Toscana-LUCCA-REPUBBLICA-1369-1799-Picciolo-volto-santo-e-L-BELLISSIMO/222983666090?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Toscana - LUCCA - REPUBBLICA 1369-1799 - Picciolo volto santo e "L" BELLISSIMO Da: https://www.ebay.it/itm/LUCCA-REPUBBLICA-SEC-XVI-AG-GROSSO-DA-3-BOLOGNINI-ARMETTA-ARNOLFINI/122992809305?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 LUCCA - REPUBBLICA SEC. XVI -AG/ GROSSO DA 3 BOLOGNINI - ARMETTA ARNOLFINI Da: https://www.ebay.it/itm/ARCHEV%C3%8ACH%C3%89-DE-LYON-ANONYMES-1220-1250-PITE-ancienne-collection-SUP/323250148116?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 ARCHEVÊCHÉ DELYON - ANONYMES (1220-1250) - PITE - ancienne collection - SUP Da: https://www.ebay.it/itm/33707-Munten-Duitse-staten-LORRAINE-Leopold-Joseph-15-Deniers-Nancy/202228451943?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Munten, Duitse staten, LORRAINE, Leopold Joseph, 15 Deniers, Nancy
  13. lorenzo

    Le lettere dell'alfabeto sulle monete

    Lettera E Da: https://www.ebay.it/itm/SAVOIE-Emmanuel-philibert-forte-2eme-type-RARE/263516008407?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 SAVOIE Emmanuel Philibert forte 2eme type ! RARE Lettera F Da: https://www.ebay.it/itm/BRINDISI-Puglia-Federico-II-di-Svevia-Quarto-di-Denaro/253519952124?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 BRINDISI-Puglia (Federico II di Svevia) Quarto di Denaro Lettera G Da: https://www.ebay.it/itm/NAPOLI-CARLO-II-di-Spagna-Mezzo-Ducato-1693-FDC/251392471961?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 NAPOLI (CARLO II di Spagna) Mezzo Ducato 1693-FDC. Lettera H Da: https://www.ebay.it/itm/Navarre-Henri-DAlbret-Liard-a-LH/173306711521?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Navarre - Henri D'Albret - Liard a L'H - Da: https://www.ebay.it/itm/DOMBES-Henri-II-de-Bourbon-Montpensier-Liard-au-H-1607/392042202613?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 DOMBES - Henri II de Bourbon Montpensier - Liard au H - 1607 Lettera K Da: https://www.ebay.it/itm/COMTE-DE-FLANDRE-double-mite-au-K-CHARLES-QUINT/153006401525?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 COMTE DE FLANDRE double mite au K CHARLES QUINT Da: https://www.ebay.it/itm/508606-Munten-Frankrijk-Charles-II-Denarius-Quentovic-ZF-Zilver/202284263344?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Munten, Frankrijk, Charles II, Denarius, Quentovic, ZF, Zilver
  14. lorenzo

    Le lettere dell'alfabeto sulle monete

    Lettera C Da: https://www.ebay.it/itm/Italie-Charles-Emmanuel-Ier-de-Savoie-quart-de-sol-1-4-de-soldo-Chambery/263670111057?_trkparms=aid%3D222007%26algo%3DSIM.MBE%26ao%3D2%26asc%3D20170831090034%26meid%3Da50bbb6086c34843beab1db5048033bf%26pid%3D100005%26rk%3D4%26rkt%3D12%26sd%3D263483946097%26itm%3D263670111057&_trksid=p2047675.c100005.m1851 Italie - Charles-Emmanuel Ier de Savoie - quart de sol - 1/4 de soldo, Chambéry Da: https://www.ebay.it/itm/Lorraine-Charles-IV-liard-de-4-deniers-peu-commun-et-jolie-qualit%C3%A9/192492755123?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Lorraine Charles IV liard de 4 deniers Da: https://www.ebay.it/itm/SAVOIE-CHARLES-EMANUELLE-Ier-QUART-DE-SOL-Quarto-di-soldo-Bourg-type-III-v/222960238041?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 SAVOIE - CHARLES-EMANUELLE Ier - QUART DE SOL (Quarto di soldo) Bourg type III Da: https://www.ebay.it/itm/SAVOIE-CHARLES-EMANUELLE-Ier-QUART-DE-SOL-Quarto-di-soldo-8e-type-RARE/222973462743?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 SAVOIE - CHARLES-EMANUELLE Ier - QUART DE SOL (Quarto di soldo) - 8e type – RARE Da: https://www.ebay.it/itm/SAVOIE-CHARLES-EMANUELLE-Ier-QUART-DE-SOL-Quarto-di-soldo-7e-type-RARE/323250151377?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 SAVOIE - CHARLES-EMANUELLE Ier - QUART DE SOL (Quarto di soldo) - 7e type - RARE Da: https://www.ebay.it/itm/PROVENCE-FORCALQUIER-GUILLAUME-V-DE-SABRAN-Denier-Ancienne-collection/222973465302?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 PROVENCE - FORCALQUIER - GUILLAUME V DE SABRAN - Denier Da: https://www.ebay.it/itm/Merovingian-Indeterminate-Silver-Coin-with-Monogram-700-AD/362314307812?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Merovingian indeterminato moneta d'argento con monogramma 700 D.C
  15. lorenzo

    Il grosso, una moneta europea

    Ed ora credo proprio di poter concludere con una chicca: una moneta che per il suo periodo e per chi l’ha voluta, posso tranquillamente affermare che si tratta di un vero gioiello, che nello specifico è il grosso di Carlo I D’Angiò. Introduco la moneta con una specie di accompagnamento di altri grossi del Senato Romano. Da: https://www.deamoneta.com/auctions/view/211/1196 Lot 1196 Senato Romano (1184-1367), Grosso anonimo, Roma, c. 1253; AR (g 3,37; mm 22; h 11); + SENATVS SPQR, leone a s., Rv. + ROMA CAPVT MVNDI, Roma seduta in trono frontalmente, regge globo e palma. Biaggi 2081. Raro, patina di collezione. q.spl. Da: https://auctions.auroranumismatica.com/it/lot/4420/roma-senato-romano-1257-1270-grosso-/ Roma - Senato Romano (1257-1270) - Grosso - Rara MIR 118/2 Ag mm 25 g 3,37 - bella patina, debolezze, BB+ Da: https://www.vcoins.com/en/stores/numismatica_fiorentina_srl/228/product/senato_romano_11841347_ag_grosso/881428/Default.aspx SENATO ROMANO 1184-1347 AG/ GROSSO MUNT. 62 BIAGGI 2081 (R) gr. 3,41 qSPL PATINATO ! …… ed infine la mia preferita: quella che avevo annunciato ad inizio di questa ultima sezione: da: https://www.numisbids.com/n.php?p=lot&sid=2266&lot=665 ROMA. Carlo I d'Angiò, I senatoriato, 1263-1266; II senatoriato 1268-1278; III senatoriato 1281-1284. Grosso. Ar gr. 3,27 Dr. SENATVS P Q R Leone al passo verso s. Rv. ROMA CAPVT MVNDI Roma seduta in trono e frontale, con globo e ramo di palma. CNI 76; M 7; B. 102. Raro. Buon BB Provenienza: Asta Finarte n. 929 del 16/03/1995 - Numismatica Ranieri S.r.l. Auction 12 - Part 1 9 Dec 2017 – Collezionando arte di Luca Iacovino. Questa breve ed abbastanza elementare rappresentazione dei diversi tipi di questa moneta è servita a mettere sotto un riflettore il grosso. Un elemento di grande importanza mi piace di mettere in evidenza: abbiamo potuto illustrare un po’ di storia della monetazione di Atri e questo grazie alla grande competenza ed alla disponibilità dei colleghi studiosi. Da ultimo riporto quanto Wikipedia dice sulla moneta: “Il valore storicamente era compreso tra alcuni e un dozzina di denari. È stato coniato nel Medio Evo nei seguenti paesi: Italia (dal 1172) Francia (dal 1266) Boemia (dal 1300, successivamente adottato dalla maggior parte dei paesi dell'Europa centrale) Polonia (dal 1367, 3,2 grammi di argento, equivalenti a 12 denari) In Catalogna il suo equivalente era il Croat, emesso per la prima volta nel 1285. Più tardi l'uso del grosso è stato abbandonato nella maggior parte degli stati mentre altri hanno continuato a coniare soltanto monete di peso minore del grosso originale. In Polonia dal 1526 venivano coniate monete da 1/2 grosso, da 1 grosso, da un grosso e mezzo, da 2, 3, 4 e 6 grossi. Il loro peso è diminuito gradualmente fino ad 1,8 g di argento e dal 1752 furono sostituiti da monete di rame dello stesso nome. In tempi moderni il nome è stato adottato per due valute: In Polonia il grosz (plurale: grosze o groszy) è la centesima parte dello złoty polacco In Austria il Grosch (plurale: Groschen) era la centesima parte dello scellino austriaco. Nell'Ucraina occidentale grosh è ancora il termine in gergo per la copeca, la centesima parte di una hryvnia. Anche la parola ucraina per denaro, hroshi, deriva da questo termine”
  16. Da: https://www.ebay.it/itm/31790-Munten-Frankrijk-Gros-Metz-ZF-Zilver-Boudeau-1641/202228366996?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Grosso francese di Metz Da; https://www.ebay.it/itm/481195-France-Gros-au-Saint-Etienne-debout-Metz-SUP-Argent-Boudeau-1641/192309523006?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 France, Gros au Saint-Etienne debout, Metz, SUP, Argent, Boudeau:1641 Un altro grosso di Metz Da: https://www.ebay.it/itm/GROSSO-AGONTANO-ANCONA-MONETAZIONE-AUTONOMA-1210-1330 ARGENTO/152965527468?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2057872.m2749.l2649 Un grosso anconetano detto anche grosso agontano Da: https://www.ebay.it/itm/GROSSO-AGONTANO-ANCONA-MONETAZIONE-AUTONOMA-1210-1330 ARGENTO/152965527468?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2057872.m2749.l2649 Un grosso agontano pesante Da: https://www.ebay.it/itm/DO-RIMINI-Monetazione-Autonoma-GROSSO-AGONTANO-Ag/173293557737?_trkparms=aid%3D111001%26algo%3DREC.SEED%26ao%3D1%26asc%3D20140423084956%26meid%3Da6d202f73bf34f35abaee8e2af7a7a4a%26pid%3D100033%26rk%3D7%26rkt%3D8%26sd%3D263396079431%26itm%3D173293557737&_trksid=p2045573.c100033.m2042 Un grosso di Rimini Da: https://www.ebay.it/itm/Milano-Galeazzo-II-Visconti-1355-1378-Grosso-da-1-1-2-Soldi-g-2-2-RR-Mir108/162781714479?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Milano Galeazzo II Visconti (1355-1378) - Grosso da 1 1/2 Soldi g.2,2 RR Mir108 Grosso da 1,5 soldi di Milano Da: https://www.ebay.it/itm/1-Grosso-da-2-soldi-1329-1339-Ducato-di-Milano-Azzone-Visconti-BB-SPL/153009314150?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Da: https://www.ebay.it/itm/FIRENZE-Grosso-Guelfo-1482-I-semestre-zecchiere-Ludovico-Masi-Ar/222905252749?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Monete di Zecche Italiane. FIRENZE. Grosso Guelfo 1482, I° semestre, zecchiere Ludovico Masi. Ar. gr. 2,07. mm 23,3. d/ FLOR ENTIA Giglio con due fiori. r/ S IOHAN NES B Il Santo con nimbo perlato in piedi di fronte: simbolo stemma Masi con L sopra. CNI 190; Bern. 3262. Da: https://en.numista.com/catalogue/pieces81995.html Prague Gross - Ferdinand I Kuttenberg Country Royal mint Bohemia (Kingdom of Bohemia) Type Common coin Years 1533-1541 Value 1 Gross (1) Metal Silver Weight 2.7 g Diameter 25 mm Da: https://en.numista.com/catalogue/pieces81650.html Prague Gross - Karl IV von Luxemburg Country Royal mint Bohemia (Kingdom of Bohemia) Type Common coin Years 1346-1378 Value 1 Gross (1) Metal Silver …….. ed infine un bel grosso tornese francese, attualmente in asta da Reinhard Fischer Da: https://en.numista.com/catalogue/pieces81650.html Prague Gross - Karl IV von Luxemburg Gross tournois (3, 25g), undated (1354-1411), Robert. Av: cross, therefore double script circle. Rev: castle, therefore circumscription, in the outer wreath 12 lilies. Ss.
  17. lorenzo

    Il grosso, una moneta europea

    Da: https://www.ebay.it/itm/HN-PESARO-Costanzo-Sforza-1473-83-1-3-di-grosso-Ag-SPL-MOLTO-RARO-sm154/253280000635?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 PESARO Costanzo Sforza 1473-83 1/3 di grosso Ag SPL MOLTO RARO Da: https://www.ebay.it/itm/Monnaies-France-Flandre-Louis-de-Male-Double-Gros-1366-1384-Gent-410421/192377600881?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 France, Flandre, Louis de Male, Double Gros, 1366-1384, Gent, TTB Da: https://www.ebay.it/itm/472168-Monnaie-France-Provence-Charles-II-dAnjou-Gros-Tournois-Avignon/322994537588?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 France, Provence, Charles II d'Anjou, Gros Tournois, Avignon Da: https://www.ebay.it/itm/Jean-II-le-Bon-1350-1364-Gros-blanc-à-la-couronne-26-mars-1357-TTB-5591/322909417342?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Jean II le Bon (1350-1364) - Gros blanc à la couronne 26 mars 1357 Da: https://www.ebay.it/itm/Alsace-Ville-de-Strasbourg-Semissis-ou-Demi-Gros-Strasbourg/322872218490?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Alsace - Ville de Strasbourg - Semissis ou Demi Gros
  18. lorenzo

    Il grosso, una moneta europea

    ..... ed ancora: Da: https://www.ebay.it/itm/930-Loraine-Nancy-Charles-II-Gros-tr%C3%A8s-bel-exemplaire/162956509861?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Loraine - Nancy - Charles II - Gros !! très bel exemplaire Da: https://www.ebay.it/itm/472711-Monnaie-France-Gros-Metz-TTB-Argent-Boudeau-1659/202245176158?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 France, Gros, Metz, TTB, Argent, Boudeau:1659 Da: https://www.ebay.it/itm/472717-Monnaie-France-Petit-Gros-Cambrai-TB-Argent-Boudeau-2008/323109881386?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 France, Petit Gros, Cambrai, TB, Argent, Boudeau:2008 Da: https://www.ebay.it/itm/Verona-Federico-II-di-Svevia-1218-1250-AD-Grosso-da-20-Denari-qFDC-Z12-arscoin/172808266372?_trkparms=aid%3D222007%26algo%3DSIM.MBE%26ao%3D2%26asc%3D20170831090034%26meid%3Df7357043d51a493b86ceb03b9ed1ad04%26pid%3D100005%26rk%3D1%26rkt%3D7%26sd%3D153004717237%26itm%3D172808266372&_trksid=p2047675.c100005.m1851 Verona. Frederick II of Swabia (1215-1250) Grosso 1218-1250. Verona mint, 1.65 gr. - 20.0 mm. O:\ + CI + VI + CI + V:I || VE | RO | N | A, cross pattée over large annulet. R:\ + * VE * RO * NA * || CI | VI | CI | V:I, cross pattée over large annulet. Biaggi-2971. UNC. Rare. \\\ Verona. Federico Da: https://www.ebay.it/itm/Parma-Federico-II-1220-1250-Denaro-Grosso-Ag-g-1-34-Mir-902/162781714460?_trkparms=aid%3D222007%26algo%3DSIM.MBE%26ao%3D2%26asc%3D20170831090034%26meid%3D0445c3fd6b3a4eefb8dd1277f5b2c010%26pid%3D100005%26rk%3D2%26rkt%3D6%26sd%3D172808266372%26itm%3D162781714460&_trksid=p2047675.c100005.m1851 Da: https://www.ebay.it/itm/DO-GENOVA-Rep-prima-dei-Dogi-1139-1339-GROSSO-da-6-DENARI-Argento/173304223350?_trkparms=aid%3D222007%26algo%3DSIM.MBE%26ao%3D2%26asc%3D20170831090034%26meid%3D0445c3fd6b3a4eefb8dd1277f5b2c010%26pid%3D100005%26rk%3D3%26rkt%3D6%26sd%3D172808266372%26itm%3D173304223350&_trksid=p2047675.c100005.m1851 GENOVA - Repubblica prima dei Dogi a Vita (1139-1339) GROSSO da 6 Denari (Ag), Castello Genovese e sotto la base un punto R/ Croce. Lunardi 3 ; Raro ; [Diametro (indicativo) =21,00mm] ; Conservazione come da foto [la moneta presenta una falla di conio passante e/o corrosione alle ore 11 sopra la A di IANUA ma peraltro bella moneta e di buon modulo].
  19. lorenzo

    Le lettere dell'alfabeto sulle monete

    …. E proseguiamo con: da: https://www.ebay.it/itm/Fort-Du-III-Eme-Type-D-Am%C3%A9d%C3%A9e-VI-Comte-De-Savoie-Savoia/142798719833?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Fort Du III Eme Type D’Amédée VI Comte De Savoie « Savoia » Rare fort escucellato d’Amédée VI comte de Savoie Poids 1,10grs Diam 20mm Da: https://www.ebay.it/itm/DOMBES-Gaston-dOrl%C3%A9ans-Denier-tournois-type-12-1651/323251391483?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 DOMBES - Gaston d'Orléans - Denier tournois, type 12 - 1651 Lettera B Da: https://www.ebay.it/itm/LANGUEDOC-DENIER-ARGENT-ANDUZE-ET-SAUVE-BERNARD/282967136188?_trkparms=aid%3D777003%26algo%3DDISCL.MBE%26ao%3D1%26asc%3D20140620091512%26meid%3D2ed535ece21246b3b22f74d9ab82d269%26pid%3D100009%26rk%3D3%26rkt%3D10%26sd%3D163052167322%26itm%3D282967136188&_trksid=p2047675.c100009.m1982 LANGUEDOC DENIER ARGENT ANDUZE ET SAUVE BERNARD Da: https://www.ebay.it/itm/FRANKISH-KINGDOM-THEUDEBERT-I-Bronze-Coin-503-540-AD/362318564909?hash=item545bde8e2d:g:Cx4AAOSwj2Za-DvJ FRANKISH KINGDOM - THEUDEBERT I Bronze Coin 503-540 ADam formed letters BXDS in a garland TEODOBERTI REX.Cross/Monogram formed letters BXDS in a garland
  20. lorenzo

    Il grosso, una moneta europea

    Una moneta bellissima, Lugiannoni, di grande effetto anche così come ci è pervenuta. Ti ringrazio e sottolineo quante cose interessanti abbiamo tirato fuori su questa monetazione poco divulgata.
  21. lorenzo

    Il grosso, una moneta europea

    Perfetto: esaurientissimo contributo che hai dato e che è pure chiarissimo da leggere . Grazie e complimenti ancora.
  22. lorenzo

    Il grosso, una moneta europea

    Per quanto riguarda la monetazione di Atri, questa viene descritta in modo chiaro ed esauriente da Alberto D’Andrea nel suo bellissimo trattato riguardante “Le monete del Teramano” (© Tutti i diritti riservati Finito di stampare nel mese di Giugno 2005 da MEDIA Mosciano S.A) il quale da pagina 59 così descrive le monete medievali di Atri: 2.1 Cenni storici su Atri Atri fu, assieme a Teramo, negli anni che vanno dalla fine del XIV secolo fino all’inizio della seconda metà del XV secolo, uno dei principali centri amministrati dalla famiglia degli Acquaviva. Antonio di Matteo Acquaviva fu investito conte di San Flaviano dal re Carlo di Durazzo nel 1382, poi (1384) gli fu assegnata anche la contea di Montorio (tolta ai Camponeschi), la signoria di Teramo (1390) ed il ducato di Atri (20 giugno 1393). Quest’ultima città gli fu venduta per 15.000 ducati come premio per i servigi che aveva reso ai sovrani di Napoli, dopo che i reali stessi avevano comunque avuto l’assenso del Papa. Nel 1394 gli successe il figlio Andrea Matteo, che nel 1395 espugnò Ascoli e la tenne fino al febbraio del 1396; morì nel 1407 in un agguato della famiglia teramana dei Melatini. Il suo successore fu il figlio Antonio, che compì diverse azioni militari (tra cui la battaglia di Roccasecca nel 1411) e morì, senza figli, nel 1415. Il titolo ed i beni passarono quindi a suo fratello Pierbonifazio, che li tenne fino alla morte, avvenuta nel 1418, gli successe il figlio Andrea Matteo II. Nel 1421 Teramo fu assegnata a Braccio da Montone, in quanto Andrea Matteo II fu ritenuto dai sovrani “ribelle e fellone”, per poi passare a Giosia Acquaviva che la ricomprò dalla madre e tutrice di Braccio con l’avallo della regina. Giosia Acquaviva sarà investito, il 22 luglio 1446, del titolo di Duca d’Atri. Teramo fu invece incorporata, da re Alfonso, nel demanio statale, cosa che non ebbe assolutamente l’approvazione di Giosia, il quale insorse ma fu sconfitto dalle truppe regolari napoletane, e perse così anche il Ducato d’Atri, che gli sarà riaffidato solo nel 1459 dal re Ferdinando su pressione di Giannantonio Orsini. Indignato comunque per il comportamento del sovrano, non appena fu nuovamente in forze, mosse ancora una volta guerra agli Aragonesi, questa volta andando a colpire il loro alleato papa Pio II: attaccò Ascoli, ma inutilmente. Dopo vari rovesci militari (tra cui la perdita di Teramo il 18 ottobre del 1461 e di Atri nel gennaio del 1462, entrambi ad opera di Matteo Di Capua) fu costretto a rifugiarsi con la famiglia nella rocca di Cellino, dove morì di peste il 22 agosto 1462. Gli successe il figlio Giulio Antonio che, deposte le armi l’anno seguente, chiesta la grazia a Ferdinando, riottenne il Ducato di Atri il 6 gennaio 1464 da Matteo Di Capua (che vi rinunciò in cambio di altri beni); morì combattendo contro i Turchi nell’assedio di Otranto nel 1481. Da questo punto in poi la storia di Atri seguirà le vicissitudini del Regno di Napoli. 2.2 La m o n e t a z i o n e d i A t r i Si conoscono ad oggi tre monete della zecca di Atri: la prima è un bolognino d’argento coniato sotto Giosia Acquaviva tra il 1459 ed il 1462, le altre due sono un bolognino ed un doppio bolognino coniate sotto Matteo Di Capua tra il 1462 ed il 1464. Riguardo a queste monete è bene fare una precisazione: non si trattò di una monetazione fatta dalla zecca di Atri su licenza e permesso del governo centrale di Napoli, ma fu una coniazione autonoma. Nel caso di Giosia Acquaviva egli provvide a coniare la moneta come segno di autonomia rispetto al governo centrale napoletano (basti pensare al desiderio di rafforzare i suoi domini a danno del re Ferdinando e del suo alleato Pio II); nel caso di Matteo Di Capua come chiara imposizione sulla popolazione atriana, a voler cioè mostrare di essere il nuovo Duca. La giurisprudenza dell’epoca, inoltre, prevedeva che il permesso di coniare moneta fosse dato, benché ci si trovasse nel Regno di Napoli, anche dalla Santa Sede, tant’è che nel 1463 (XVII giorno delle calende di febbraio) Pio II emise un editto contro tutte le coniazioni non autorizzate dalla Corte Pontificia 2.2.1 Disegno e descrizione delle monete MONETA: Bolognino di Giosia Acquaviva. FONTE: Lazari Vincenzo, Zecche e monete degli Abruzzi nei bassi tempi, Bologna, Aldo Forni Editore, 1987, Ristampa anastatica dell’edizione del 1858 impressa a Venezia, tavola allegata. ANNO: dal 1459 al 1462. DIRITTO: Sul bordo presenta un leone rampante e la scritta ★IOASIS★D★AQVA★; al centro le lettere VIVA disposte a croce con una sferetta (o una stella) al centro. ROVESCIO: Sul bordo presenta la scritta ★DUX★ADRIE★; al centro la lettera A fra quattro stelle. METALLO: Argento. PESO: 13 acini napoletani (corrispondenti a circa 0,58 gr.). RARITA’: R4. VALUTAZIONE DI MERCATO: Di recente non è apparsa in vendita nei listini delle case d’aste, per cui ci si deve riferire solo alle trattative fra i privati che la stimano intorno ai 2.000,00 euro in conservazione BB MONETA: Doppio bolognino (chiamato anche grosso) di Matteo Di Capua. FONTE: Lazari Vincenzo, Zecche e monete degli Abruzzi nei bassi tempi, Bologna, Aldo Forni Editore, 1987, Ristampa anastatica dell’edizione del 1858 impressa a Venezia, tavola allegata. ANNO: dal gennaio 1462 al gennaio 1464. DIRITTO: Sul bordo presenta uno scudo araldico e la scritta: M: D’: CAPVA: DVX: ADRIE; al centro una croce patente. ROVESCIO: Sul bordo presenta la scritta • S★NICOLAVS •; al centro il disegno di un vescovo santo posto frontalmente, con la mano destra benedicente e con la sinistra recante un crocifisso da processione. METALLO: Argento. PESO: 27 acini napoletani (corrispondenti a circa 1,2 gr.) RARITA’: R4. VALUTAZIONE DI MERCATO: Di recente non è apparsa in vendita nei listini delle case d’aste, per cui ci si deve riferire solo alle trattative fra i privati che la stimano intorno ai 2.000,00 euro in conservazione BB MONETA: Bolognino di Matteo Di Capua. FONTE: Cagiati Memmo, Le monete battute nelle zecche minori dell’antico Reame di Napoli, Napoli, Tip-Editrice Meridionale Anonima, 1922. ANNO: dal gennaio 1462 al gennaio 1464. DIRITTO: Sul bordo presenta uno scudo araldico e la scritta ADRIANA; al centro le lettere U•R•B•I• disposte a croce attorno ad un globetto. ROVESCIO: Sul bordo presenta la scritta S • NICOLAVS •; al centro il disegno di un busto di un vescovo santo mitrato con piviale chiuso da fibbia rotonda. Il Corpus Nummorum Italicorum riporta due esemplari di questa moneta, che si differenziano fra di loro solo per il particolare della fibbia della cinta. METALLO: Argento. PESO: 13 acini napoletani (corrispondenti a circa 0,58 gr.) RARITA’: R4. VALUTAZIONE DI MERCATO: Di recente non è apparsa in vendita nei listini delle case d’aste, per cui ci si deve riferire solo alle trattative fra i privati che la stimano intorno ai 2.000,00 euro in conservazione BB.” Quello che si deduce dalla descrizione dei pochi esemplari di Atri è che le iconografie subiscono appieno l’influenza di quelle medievali di questo periodo. Richiamano alla mente con una certa facilità (V.R.B.I. – l’effige di S.NICOLAVS.- ecc.) cose già viste.
  23. lorenzo

    Il grosso, una moneta europea

    Buon giorno. Ringrazio Andrea per la necessaria e importante precisazione circa il grosso serbo. Grazie veramente di cuore.
  24. lorenzo

    Il grosso, una moneta europea

    Chiedo scusa, ma stavo dimenticando la Serbia. Da: https://www.ebay.it/itm/Serbien-Stefan-Uros-IV-Dusan-Dinar-Grosso-MONETA-REX-Helm-Serbia-Jovanovic-11-5/170932454020?hash=item27cc5e4284:m:mR6jT2vub7aoEjMrvUXAJNA Dettagli su Serbia Stefan Uros IV Dusan Dinara grosso moneta REX CASCO Serbia Jovanovic 11.5 Serbien Stefan Uros IV. Dusan König 1331-1345 / Zar 1345-1355 Dinar, o.J., 1331-1345 1,19 g, 18-19 mm Erhaltung: Gegenstempel, sehr schön Vs: + MONITA - REX STEF Topfhelm mit Kamm und Helmzier nach links. Rechteckiger Gegenstempel Typ "Schwan". Rs: IC - XC Christus mit Kreuznimbus und Evangeliar en face auf Thron sitzend. Im Feld P-V Jovanovic 11.5. Ljubic VII 5-8; Jovanovic 35; Ivanisevic 6.4.
  25. lorenzo

    Il grosso, una moneta europea

    …… e visto che ci siamo, perché non aggiungere da: https://www.ebay.it/itm/ROMA-PAOLO-V-1605-1621-AG-1-2-GROSSO-RARA/123022536527?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Un grosso di Paolo V? Ed anche da: https://www.ebay.it/itm/ROMA-BENEDETTO-XIV-1740-1758-AG-GROSSO/123022408209?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 un grosso di Benedetto XIV? e da: https://www.ebay.it/itm/15092-Munten-Frankrijk-Gros-Undated-Calais-ZF-Zilver-Boudeau-1943/202227794117?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Munten, Frankrijk, Gros, Undated, Calais, ZF, Zilver, Boudeau:1943 Un grosso di Calais Ed ancora un grosso di Cipro: Da: https://www.ebay.it/itm/CHYPRE-ROYAUME-DE-CHYPRE-HUGUES-IV-DE-LUSIGNAN-Gros/282959087889?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 Questa sezione la arricchisco con un doppio grosso di Bruges https://www.ebay.it/itm/15123-Munten-Frankrijk-Double-Gros-dit-Vierlander-Undated-Bruges-ZF/202227807515?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649 E la chiudo con un mezzo grosso di ROMA - CLEMENTE XI 1700-1721 -AG/ 1/2 GROSSO A.XII RARA !