Giuseppe Gugliandolo

Moderatore di sezione
  • Numero contenuti

    1196
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    68

Giuseppe Gugliandolo è stato il miglior utente nel giorno 7 Febbraio

Giuseppe Gugliandolo ha scritto i contenuti più apprezzati del forum!

Reputazione Forum

333 Utente molto apprezzato

4 Seguaci

Su Giuseppe Gugliandolo

  • Rank
    Utente premium
  • Compleanno 17/10/1996

Informazioni Utente

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    Messina

Interessi Numismatici

  • Settore
    Nessuno
  • Settore
    Monetazione del Sud Italia
  • Livello Studio
    Neofita
  • Moderatore della sezione
    Monetazione Sud Italia

Visite recenti

9225 visite nel profilo
  1. Questo è interessante, un novizio ne sarebbe ingannato [a maggior ragione se le aste, che dovrebbero avere degli esperti, propongono il materiale in maniera errata]
  2. Ciao Realino, la moneta risulta ben leggibile nella sua interezza, non mi dispiace proprio. Posso chiederti i particolari che ti consentono la datazione a moneta postuma?
  3. Attualmente non ricordo, dovrei controllare. Mi sovviene un'aggiudicazione nel 2017 da Ranieri a 2000€ Interessante l'approfondimento sulla fondazione di Messina, a fare un excursus storico dalla fondazione agli anni recenti bisognerebbe investirci un quantitativo di tempo immenso. È interessante come si discutesse di ciò anche nella letteratura settecentesca ed anzi, addirittura vi erano diatribe accese sulla questione che ha sempre, fin dall'antichità, incuriosito chi si trovava sulle sponde dello stretto... la sicilia è sempre stata staccata dalla penisola, o no? Approfondiremo anche questo, portando le varie fonti
  4. E fin qui ci sono, mi chiedevo come poter fare per vedere quelle non esposte, se fossero accessibili anche ai ragazzetti tipo me o se viene concesso solo a studiosi di livello e solo su alcune monete. Eventualmente puoi anche contattarmi in privato
  5. Potresti gentilmente spiegarmi come funziona questa prassi? [m'interesserebbe ma per altre monete] E già che ci sono faccio violenza psicologica: se hai meno di 26 anni il biglietto a palazzo massimo è di 2 euro... quindi per me è giusto 2 caffé in meno E per il materiale numismatico presente ne vale assolutamente la pena
  6. Giuseppe Gugliandolo

    Buon Compleanno

    Auguroni Daniele!!
  7. Purtroppo la medaglistica è un settore di un peso [anche economico] molto più elevato della numismatica. Chi colleziona monete a bassi livelli per motivi di tasche, può solo ammirarle. Chi colleziona monete senza studio difficilmente riuscirebbe ad apprezzare la medaglistica. Sono profondamente legato alla Sicilia ed a Messina, città che ha purtroppo perso l'importanza che ha sempre avuto storicamente, e mi dispiace davvero esserne lontano. Da questa bella medaglia ho avuto l'idea di illustrarvi i luoghi storicamente più importanti o le particolarità più belle di quella che era la città precedentemente ai terremoti del 1783 e del 1908, precedente alla distruzione effettuata da Ferdinando II nel 1848, ma che già aveva subito il primo colpo in seno a seguito della rivolta antispagnola avvenuta tra il 1674 ed il 1678. Nei prossimi giorni amplierò pian piano la discussione con gli altri elementi d'interesse
  8. In una numismatica volta principalmente al commerciale, è importante il concetto artistico della moneta derivante da un'iconografia più o meno simbolica e certamente di qualità e fascino. Una moneta di grande livello artistico ne verrà sicuramente premiata nel valore commerciale, sia che si tratti di una moneta rara sia che si tratti di una moneta più o meno comune [vedi il 5 Lire quadriga briosa a paragonato con il 20 Lire quadriga lenta] Potrei non concordare con il "numerosi" proprio perché trattasi di periodi di nicchia e/o regionali, inoltre questi dovrebbero oltre ad essere interessanti, possedere anche un portafogli ampio [e si restringe ancor di più la "lista"] Però queste personalità ci sono, e se non le si conosce sicuramente se ne percepisce la presenza, almeno nell'ambito che tratto io
  9. Giuseppe Gugliandolo

    AUGURI anche a...

    Auguroni!!! Chiedo venia per non essermene accorto prima Buon compleanno
  10. Ciao ragazzi! Oggi mi stavo guardando qualche asta ed in una vecchia nomisma ho avuto modo di vedere questa bella medaglia asburgica. In seguito alla guerra di Successione Spagnola, la sicilia venne ceduta ai Savoia che, grazie all'isola, poterono per la prima volta fregiarsi del titolo di sovrani, nonostante la famiglia di antichissima nobiltà. Negli anni successivi la Spagna tentò una riconquista dell'isola ma non fu altro che una piccola parentesi le cui tracce storiche sono rimaste anche nella monetazione isolana: nel 1718* si fermano le coniazioni di Vittorio Amedeo ed sono presenti delle rare monete da un grano e da 3 piccioli a nome di Filippo V di Spagna. Nel 1719, però, Carlo d'Asburgo riconquista l'isola e viene coniata questa medaglia per commemorare la presa della cittadella di Messina. Cercando informazioni sulla cittadella, su wikipedia si dice che non fu mai espugnata... ed allora il dubbio, ma come? Tutti i sovrani che in questo periodo si sono impossessati dell'isola sono dovuti per forza passare da lì. La spiegazione sta nel gioco di parole con cui, l'autore dell'articolo su wikipedia, presenta l'inespugnabilità della fortezza: nessun nemico è mai riuscito a penetrare la fortificazione voluta da Carlo II in seguito alla rivolta di Messina [1674-1678], ma le volte in cui venne "conquistata" fu in seguito ad assedi che costrinsero alla resa per mancanza di viveri o di risorse gli occupanti. Una mezza verità ben celata Abbiamo accennato alla cessazione delle coniazioni di Vittorio Amedeo nel 1718, la città di Palermo [e quindi la Zecca] venne conquistata per prima durante l'avanzata Spagnola, ma... esistono delle monete da un grano con data 1719 che risultano anche di una certa Rarità, se n'è parlato su lamoneta e lo studioso Antonio Loteta ha approfondito nel suo articolo "Storia della moneta da un grano in Sicilia" pubblicato negli "Appunti numismatici 2019" editi dal circolo numismatico romano laziale. Nel post citato troverete anche la foto del grano del 1719. https://www.lamoneta.it/topic/179611-grano-1719/?tab=comments#comment-2016571 Grano di Filippo V prima di perdere la Sicilia durante le guerre di Successione D/ PHILUPPVS V DEI GRA \ TIA, R/ REX SI \ CILIAE, nel centro dentro ornata FE \ LICI \ TAS \ 1701 su 4 righe Grano di Vittorio Amedeo del 1718 D/ VICT AME DG SIC ET CIP REX R/ PUBLICA COMMO \ DITAS \ 1718 su 4 righe Grano di Filippo V coniato nel 1719, insieme al 3 Piccioli sarà l'unica coniazione effettuata dal sovrano spagnolo nella terra sicula appena ri-conquistata. D/ D • G • / H / IS / P Aquila coronata ad ali spiegate volta a destra portante un nastro con la scritta PHILIPPVS • R/ ET. / SIC / ILIAE / R / EX, entro ornato VT / COMM / ODIVS / 1719 in 4 righe Guardando la rappresentazione della mia città, mi sono lasciato colpire da un'idea: identificarne i posti più rappresentativi tra quelli presenti. 1) - Partiamo dalla punta della falce, il forte San Salvatore, caratterizzato da mura spesse ben 8 metri, è una struttura imponente. Ad oggi ospita una stelle con la statua della Madonna della Lettera alla quale la città di Messina è molto devota. Si narra che una delegazione messinese di cristiani, giunta in terra santa, ricevette una lettera di benedizione direttamente dalla madre del Cristo chiusa e legata con alcuni suoi capelli. Parte del contenuto della lettera è riportata nella parte del forte esposta verso la città "VOS ET IPSAM CIVITATEM BENEDICIMUS" 2) - Faro "Nel 1537 nell'ambito della realizzazione di un imponente sistema difensivo esteso all'intera città, ordinata dall'Imperatore Carlo V, viene stabilito di riedificare una nuova torre con funzioni di "faro portuale" nel braccio di San Raineri, a servizio della città, dandone incarico per la progettazione e la costruzione allo Scultore fiorentino Giovanni Angelo Montorsoli, che in quegli anni era stato chiamato dal Senato messinese per edificare, allo sbocco dell'acquedotto del Camaro, sulla piazza del Duomo, la fontana di Orione e altre opere come la fontana del Nettuno, l'apostolato del Duomo e la chiesa di San Lorenzo. La Lanterna fu edificata nel periodo tra il 1555 e il 1557. Il Montorsoli utilizzò parte della struttura preesistente, costituita dai ruderi del Monastero dedicato a San Raineri, risalente al XIII secolo, progettando un corpo di fabbrica a forma di piramide tronca dell'altezza originaria di 29 metri, con paramenti inclinati a "scarpa". Lo sviluppo è su tre piani, che accolgono altrettante camere sovrapposte a pianta quadrata con soffitti a volte e collegate tra loro da una scala a chiocciola in pietra, ricavata tra le mura, che conduce al terrazzo dove era posizionata la loggetta della lanterna." Estratto dal sito marina.difesa.it, vedi http://www.marina.difesa.it/cosa-facciamo/per-la-cultura/musei/forte_salvatore_messina/Pagine/La-Lanterna.aspx Ho visto che sul sito sono presenti anche approfondimenti sul Forte San Salvatore. http://www.marina.difesa.it/cosa-facciamo/per-la-cultura/musei/forte_salvatore_messina/Pagine/forte_sansalvatore_homepage.aspx 3) - Cittadella di Messina La cittadella tanto citata per gli importanti avvenimenti bellici citati. Di questa, oggi, non restano che poche tracce e qualche muro perimetrale ancora in piedi, il tutto nel completo abbandono. 4) - Forte don Blasco Facente parte delle fortificazioni volute da Carlo V [le stesse mura della città sono state volute dal sovrano asburgico], adesso è completamente distrutto. Da un bar che ha aperto in loco è possibile vedere parte delle mura della città e del forte 5) Duomo di Messina Il Duomo di messina è già argomento ben noto e dai tanti approfondimenti e restauri. Meno conosciuta è la cripta sotterranea di cui recentemente sono venuto a conoscenza. Sul sito del FAI è stata molto approfondita. https://www.fondoambiente.it/luoghi/cripta-della-cattedrale-messina Come vedete ci sono altri punti evidenziati... li approfondiremo con calma nei prossimi giorni. Tutte le foto di materiale numismatico provengono da aste Nomisma.
  11. Ragazzi preparati e davvero ottime persone Ho il piacere di conoscerli e di averci condiviso qualche "gita fuori porta". Avessi saputo che venivano avrei provato ad infiltrarmi
  12. Bella moneta, per essere un ramino dell'epoca è conservato molto bene, oserei dire
  13. La risposta è dentro di te. Epperò è sbagliata.
  14. Giuseppe Gugliandolo

    HADRIANVS, sesterzio CERES

    Quintus, questo mi era proprio sfuggito!!! Bello, bello, bello!!! Ritratto veramente piacevole e dettagliato, mi piace tanto Complimenti