Giuseppe Gugliandolo

Moderatore di sezione
  • Numero contenuti

    1069
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    50

Tutti i contenuti di Giuseppe Gugliandolo

  1. Giuseppe Gugliandolo

    The New York Sale - Auction 45 -- Moussaieff Collection

    Non che quelle da 200 mi facciano schifo, però...
  2. Giuseppe Gugliandolo

    The New York Sale - Auction 45 -- Moussaieff Collection

    Ecco, forse è meglio. Già le preunitarie sono anch'esse soggette a rimaneggiamenti. Attualmente su deamoneta c'è in asta un 120 Grana di Giuseppe Napoleone bello "sistemato" Personalmente non li invidio ...a meno ché non collezionino carte da 500, in quel caso...
  3. Giuseppe Gugliandolo

    The New York Sale - Auction 45 -- Moussaieff Collection

    Come rompere una moneta con 100 anni di pedigree
  4. Giuseppe Gugliandolo

    Le Lire dell'Eritrea di Umberto I

    Una domanda, forse stupida. Nelle monete per uso nazionale i regnanti sono raffigurati sempre senza corona mentre è presente nelle monete per le colonie. C'è un motivo particolare?
  5. Giuseppe Gugliandolo

    The New York Sale - Auction 45 -- Moussaieff Collection

    Dicci di più
  6. Giuseppe Gugliandolo

    The New York Sale - Auction 45 -- Moussaieff Collection

    Tra le imperiali c'è tanto di quel giallo che ci stavo perdendo la vista
  7. Giuseppe Gugliandolo

    LVCIVS VERVS, medagione da Numismatik Naumann

    A me sembra tutt'altro che convincente: porosità e rilievi evanescenti per quella che, teoricamente, non sarebbe una brutta conservazione. I rilievi sono alti ma la corona d'alloro è praticamente saldata ai capelli... per me è bocciato.
  8. Giuseppe Gugliandolo

    Un'asta tedesca e il mercato dei bronzi romani

    Parere da persona che di restauri e patine ne capisce ben poco: il Marco Aurelio secondo me non è esattamente "come mamma l'ha fatto". A me il Decio non mi sembra malvagio, il colore è compatibile con la "patina deserto", ben spiegata qua da @rick2 ed è ancora più plausibile leggendo la riga finale "Export permit approved by the Israel Antiquities Authority, #538341. ", questo tipo di patina infatti dovrebbe essere caratteristico delle regioni medio-orientali. Patina del deserto: cos'è e come si forma Guardando bene le immagini i fondi sembrano porosi però e, se non ricordo male, dovrebbe essere una delle patine più semplici da replicare.
  9. Giuseppe Gugliandolo

    Monete mostruose

    Ragazzuoli, vi va di creare una discussione sulle monete sistemate, ritoccate, falsificate ed imbruttite al limite dell'orrendo? Potremmo fare a gara a chi posta la peggiore Ovviamente terrei volutamente fuori quelle fatte per fini ricreativi tipo le americanate con gli ufo al posto del presidente... Comincio io! In una prossima asta è presente questa moneta dallo stile alieno, base 1200€ [loro dicono forata a scopo gioielleria, e poi richiusa]
  10. Giuseppe Gugliandolo

    Monete mostruose

    La definizione di FDC è fantastica Il consiglio dei cataloghi non è sbagliato solo che non è del tutto onesto: ovvero che i valori sono un pelino più alti di quelli di mercato e che quindi un 20 in MB può significare che in MB se va bene la piazzi a 5€, forse neanche, senza contare che il valore delle 200 lire [dal suo esempio] farà al massimo rimpiangere la spesa fatta. Insomma, ci sono 200 modi più semplici ed immediati per arrivare agli stessi risultati
  11. Giuseppe Gugliandolo

    POSTVMVS, sesterzio LAETITIA AVG

    Erano dovuti alla pulizia del conio? Come la si effettuava in periodo romano? Inoltre la moneta comunque puzza di sistemazioni varie, sarebbe interessante approfondire il tuo punto di vista. ...non avevo visto che io e @Quintus abbiamo chiesto le stesse cose contemporaneamente
  12. Giuseppe Gugliandolo

    asta NAC 112 - zecche italiane

    Non era certo mia intenzione sminuirlo, ma credo doni quel tocco in più d'interesse e fascino l'idea che il libro riporti anche studi a livello internazionale sul tipo di coniazione e non limitato al nostro ambiente, se riesco a farti comprendere quel che intendo.
  13. Giuseppe Gugliandolo

    Storia , Arte e Mitologia.

    Non conosco il greco ma con fantasia e ricordando un minimo di matematica neanche troppo sofisticata ci leggo un bel "POSEIDON". Monete antiche col suo busto ce ne sono tante, non ne conosco però con la scritta "POSEIDON" dietro la testa. Per fare un esempio Tetradracma macedone, 225 a.C. ANTIGONE DOSON (229-220). Tétradrachme. A/. Tête barbue à droite de Poséidon, cheveux sur la nuque. R/. Proue de navire à gauche sur laquelle est assis Apollon.- Références : SNG, Delepierre, n° 1065 - SNG, Copenhague, n° 1204 - Pozzi, n° 968 - Argent. 17,16 g. (0h). Très Beau.
  14. Giuseppe Gugliandolo

    asta NAC 112 - zecche italiane

    Comprensivo anche degli studi di questi ragazzi spagnoli? Oltre che interessante sarebbe anche un bel tocco di classe
  15. Giuseppe Gugliandolo

    asta NAC 112 - zecche italiane

    Hanno aggiunto altro, altri particolari? Potrebbe essere interessante parlarne
  16. Giuseppe Gugliandolo

    Omni n.11 - ecco le scadenze

    Già solo il titolo è "pesante" Io sto studiando, cercando foto, monete, riferimenti... Conto di iniziare a scrivere a breve L'articolo non sarà lungo perché tecnicamente la questione si risolve in due righe... Ma va approfondita
  17. Giuseppe Gugliandolo

    Auguri a f.dc

    Oggi il nostro @f.dc fa il compleanno! Leggo con piacere i suoi post, sempre di importante levatura e ognuno col suo significato. Sperando di risentirlo presto, i migliori auguri da parte di un ragazzetto che apprezza molto ciò che scrive [e come lo scrive].
  18. Giuseppe Gugliandolo

    Monete mostruose

    Dici che mi ci compro la macchina? @Piakos secondo te cosa gli hanno fatto? Hanno aggiunto metallo? La fantasia non gli manca però
  19. Giuseppe Gugliandolo

    Un 12 Tarì... R3

    Oggi vi presento una variante del 12 Tarì dell'Incoronazione di Carletto. Le varianti sulla leggenda sono innumerevoli: caratteri grandi, caratteri piccoli, caratteri mezzi, punto di separazione tra SIC e ET (CAROLVS D G SIC ET HIER REX HISP INF) vicino a SIC, nel mezzo sopra la testa, in basso... insomma le varietà sono tante ma rinvenibili tutte con una certa semplicità ed a mio avviso meno eclatanti ed interessanti. Perché tante varianti? Si ritiene che le monete per commemorare l'incoronazione siano con state coniate anche negli anni successivi [e questo spiegherebbe la mancanza di coniazioni di grosso modulo dopo il 1735], a sostenere questa tesi vi è una variante del 3 Tarì dell'incoronazione che riporta la data anacronistica del 1747, errore che sarebbe difficile da giustificare ed abbastanza improbabile se le coniazioni di questa tipologia fossero cessate nel 1735. Secondo alcuni, questa variante del 12 Tarì è stata quella di "primo conio", il primo conio del 12 Tarì dell'incoronazione, ma questa resta una semplice ipotesi della quale è difficile trovare corrispondenze. Passiamo alla moneta. La conservazione non è ottimale ma... ci accontentiamo. Il gigante riporta, da quest'anno, la variante "leggenda continua" come R3. Personalmente oltre questo conosco pochissimi pezzi e cercando immagini sul web per questa variante, non se ne trova traccia: da nessuna parte, ne sui vari forum, ne sui vari siti ne viene riportata dalle aste [almeno quelle di cui ho traccia]. Differisce dai conii ben noti prima di tutto per la leggenda che qui risulta continua e senza separazioni sopra la testa. Aggiungo un'esemplare esitato da bolaffi nell'auction 24 del 2014 per il confronto. Ma la vera ed interessante differenza sta nella data: il cinque nella monetazione di Carlo per la Sicilia è sempre rappresentato da una S, le monete riportano difatti la data come 173S. Questa variante no, riporta [correttamente?] un 5 al posto della S. Facciamo un piccolo paragone [perdonatemi la differenza di dimensioni tra le due immagini, non era voluta]. La teoria per la quale la variante con leggenda continua e 5 anziché S nella data sia stata la prima emissione prende un minimo di credibilità se concepisce l'idea che i ragazzi in zecca hanno perso, rotto, distrutto il punzone col 5 ma... ma quanto è probabile? Secondo altri la coniazione della data con la S è dovuta allo stile contemporaneo che si era adottato e non ad una mancanza della zecca. Secondo voi? Sarebbe interessante notare e capire anche la differenza del carattere usato per il 5, non solo nelle date ma nei valori: la cinquina [mezzo tarì = 5 grani] d'argento riporta il valore sempre con una S mentre la stessa moneta ma per il predecessore, Carlo VI d'Asburgo indica il valore con un bel 5. Solo nel 1795 col figlio Ferdinando [le coniazioni a suo nome del 1775 e del 1785 rimangono con la S nella data].
  20. Giuseppe Gugliandolo

    Un 12 Tarì... R3

    E io che speravo passasse inosservata... Mettiamola così, che c'è anche una mia offerta Anche se attualmente per problemi miei il budget è praticamente zero quindi penso svolazzerà via se non l'ha già fatto La variante senza sigle è considerata R2 Spesso nelle aste classificano le siciliane col MIR che manca di varianti o riporta informazioni non troppo aggiornate. La tipologia del 4 tarì è comune, la variante in questione no
  21. Giuseppe Gugliandolo

    Help

    Con tutto il rispetto a me sembra una fusione che ha ben poco da spartire con un pezzo originale [tenendo comunque conto che le foto non sono il massimo]. Se fosse una sorta di gadget/souvenir?
  22. Giuseppe Gugliandolo

    Palancone 10 centesimi 1893 BI

    Le monete comuni che diventano decisamente meno comuni quando così belle! Direi che siamo al top Ma da qui una domanda, e credo possa essere interessante parlarne. Perché le monete non venivano battute tutte in Italia? Non creava debito farle battere fuori?
  23. Giuseppe Gugliandolo

    POSTVMVS, sesterzio LAETITIA AVG

    Io invece vi pongo un'altra domanda. La moneta, se guardate i bordi, ha parti di metallo superficiale che sono "saltate"*, non c'è il rischio che salti via anche qualche altro pezzo e, che so, sparisca il ragazzetto che fa squat sull'imbarcazione? In tal caso non sarebbe un acquisto "pericoloso"? *mi si perdoni ma di metallurgia so ben poco
  24. Giuseppe Gugliandolo

    Prossima HESS DIVO n°335 del 6/12/2018

    Spaghi o rosticceria di qualità?
  25. Giuseppe Gugliandolo

    Omni n.11 - ecco le scadenze

    Io forse riesco a scrivere qualcosa proprio per questo Vediamo che riesco a buttare giù, sarei veramente felice di poter pubblicare qualcosa [magari in inglese cosicché abbia più attenzioni]