OEDEMA

User
  • Content Count

    35
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

2 Status neutrale

About OEDEMA

  • Rank
    Normal user

User information

  • Gender
    Maschio / Male

Numismatists interests

  • Numismatic studies
    Monetazione del Sud Italia / South Italy Coinage
  • Numismatic studies
    Monetazione medievale / Medieval Coinage
  • Study level
    Studioso autonomo / self-taught
  1. Buon pomeriggio, Ho letto solo ora questa discussione e mi fa piacere contribuire con le immagini di questa moneta.
  2. Caro @@Admin Claudio, Ho scaricato la foto della parte del mosaico raffigurante Ruggiero II. La lunga fascia verticale dell'abito potrebbe essere realmente quella raffigurata sulle monete. Come avrai notato, la fattura delle monete è molto rozza ed i dettagli dell'abito sono solo abbozzati. Ti ringrazio per il tuo prezioso suggerimento. Amedeo Figliolia
  3. Buon giorno, Amici ho già pubblicato su “Lamoneta.it” uno studio relativo alla moneta (follaro) denominata “RV CA-TA” (la denominazione deriva dalle lettere che vi sono impresse) e l’articolo è stato pubblicato anche sulla rivista “Monete Antiche”. Questo studio non perviene a risultanze certe per assenza di documenti dell’epoca, malgrado le ricerche che eminenti numismatici hanno compiuto. In sostanza le ricerche sono iniziate ma si sono sempre arenate. E’ fondamentale lo studio sulle ribattiture effettuate su questa rara ed enigmatica moneta. Purtroppo le monete conosciute sono poche e sicuramente ve ne sono altre, ma i numismatici sono restii a pubblicarle. Più monete si conoscono e più lo studio sulle ribattiture si po’ ampliare. All’epoca ed ancora oggi molti ritengono che il nostro follaro fu ribattuto su una monete di Gisulfo I o II. Nel mio abbozzo di studio faccio riferimento ad una moneta di ROBERTO II, Principe di Capua dal 1127 al 1135. Le similitudini nel rovescio delle monete sono molto evidenti. Purtroppo la moneta è solo disegnata ed è riportata solo dal CNI pag. 248 tav. XIII N° 11 e Sambon, • Repertorio », n. 834. La moneta è conservata nella Bibliothèque nationale de France e proviene dalla collezione Engel. Ho provato a contattare il Direttore, ovviamente in francese, ma non ho ottenuto risposta !!!! (allegato). Allego il file del mio articolo e spero che interessi e mi sia dato un aiuto ad ottenere l’immagine fotografica della moneta di Roberto II dalla Bibliothèque nationale de France. Vi ringrazio. Amedeo Figliolia Il misterioso follaro ”RV CA-T A” - PARTE PRIMA.pdf Il misterioso follaro ”RV CA-T A” - PARTE SECONDA.pdf Richiesta in Francia.doc
  4. Ciao, Che siano monete comuni lo sapevo; volevo solo dire che non ho trovato monete con le stesse caratteristiche delle mie monete. Ti ringrazio per le tue precisazioni e ti saluto. Amedeo
  5. Buon giorno @@Admin, Noto che anche tu sei un nottambulo. Ti ringrazio per il tuo appassionato interessamento. Come avrai notato la fisionomastica è la stessa, ma la tua moneta è solo simile. Sicuramente il personaggio è lo stesso (Apollo?). Come ho già evidenziato in apertura, l'immagine della mia moneta differisce per i particolari della capigliatura. Poi, solo ora ho notato che, nel rovescio, le zampe posteriori dei cavalli tagliano la linea (barra) sottostante. Posto l'immagine dell'altra moneta che possiedo. Un caro saluto. Amedeo
  6. Un saluto a tutti i nottambuli. Degli appassionati amici ritengono che questa moneta sia da catalogare come "Crawford 350A/2". In realtà l'immagine è molto simile, ma differisce per il piccolo fiocco alla base dei capelli ed i piccoli riccioli. La moneta è autentica e ne possiedo anche un altro esemplare. Io nel web non sono riuscito a trovare nulla di simile. Cosa ne pensate?, avete delle immagini simili?. Un saluto. Amedeo
  7. Devo fare una ricerca per saperlo. Però ritengo che la moneta non sia stata ribattuta su di un'altra. Non conosco nessun Cavallo di peso superiore ribattuto su altra moneta.
  8. Vi ringrazio di cuore per il vostro benvenuto. Mi ha fatto tanto piacere. Come potrete vedere ho iniziato a scrivere ed ho avuto risposte. Grazie ancora. Amedeo Figliolia
  9. E' vero, quelle di peso maggiore sono tutte dello Spinello. Pur avendo letto tanti articoli su di lui, non ho trovato mai qualcosa al riguardo. Però chi sa quanti altri articoli non ho letto? Io volevo far notare che di Cavalli "pesanti"con corona a 4 punte non ne ho visti altri, sia nei cataloghi che nelle aste. Oedema...sì si certo che l'ho notato, infatti questo è il primo che vedo con la corona a quattro punte. Meno male che parliamo di monete con corone a 4 o 5 punte e non di ... stelle a 5 punte!
  10. La tua ipotesi può essere valida ed è per questo motivo che ho aperto questa discussione. Più ne parliamo e più ci avviciniamo alla soluzione.
  11. E' vero, quelle di peso maggiore sono tutte dello Spinello. Pur avendo letto tanti articoli su di lui, non ho trovato mai qualcosa al riguardo. Però chi sa quanti altri articoli non ho letto? Io volevo far notare che di Cavalli "pesanti"con corona a 4 punte non ne ho visti altri, sia nei cataloghi che nelle aste.
  12. Hai ragione. Monete di peso maggiore sono poche e non hanno alcun segno distintivo che le qualifichi per un valore superiore.
  13. Infatti, giusto, come è anche giusto a mio modo di vedere che questi cavalli possono definirsi Multipli...... Il tuo è di un ritratto particolare, anche se la moneta mi sembra troppo lucida...forse pulita ? Non è una prova ... e questa fu una moneta usata nelle piccole transazioni dell'epoca e credo che non si faceva troppo caso al peso una volta emesse ed autorizzate a circolare. Logicamente pesando di più doveva valere anche di più ? ma non se ne accorgeva nessuno, almeno credo. Questa è una mia ipotesi. La moneta fu fotagrafata subito dopo essere stata lavata delicatamente con acqua demineralizzata. Se vuoi posso fare altre foto e postarle. Cosa pensi della corona con solo 4 punte su questa moneta di 3,4 grammi? Infatti, giusto, come è anche giusto a mio modo di vedere che questi cavalli possono definirsi Multipli...... Il tuo è di un ritratto particolare, anche se la moneta mi sembra troppo lucida...forse pulita ? Non è una prova ... e questa fu una moneta usata nelle piccole transazioni dell'epoca e credo che non si faceva troppo caso al peso una volta emesse ed autorizzate a circolare. Logicamente pesando di più doveva valere anche di più ? ma non se ne accorgeva nessuno, almeno credo. Questa è una mia ipotesi.
  14. Se fosse stato ribattuta su un tondello precedente si sarebbe notata la sottoimpressione. Inoltre, in base al maggior peso, la moneta avrebbe avuto un diametro molto più grande. Nell'articolo di Arthur Sambon " I «Cavalli» di Ferdinando I d’Aragona" del 1891 si legge: "I cavalli di Ferdinando I d’Aragona furono coniati nelle zecche di Amatrice, Aquila, Brindisi, Napoli. In ogni libbra tagliavansi 180 cavalli, 12 dei quali formavano un grano. Di modo che l’intera libbra di rame monetato, veniva ad essere rappresentata dal valore nominale di 15 grana.". Da ciò si evince che venivano "estratti" da pezzi di rame e non da vecchi tondelli.