tinianum

User
  • Content Count

    65
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

tinianum last won the day on October 31 2018

tinianum had the most liked content!

Community Reputation

11 Status neutrale

About tinianum

  • Rank
    Usual user

User information

  • Gender
    Maschio / Male

Numismatists interests

  • Numismatic studies
    Monetazione etrusca / Etruscan coinage
  • Numismatic studies
    Monetazione romana antica / Ancient Roman coinage
  • Study level
    Numismatico professionista / Professionals Numismatic

Recent Profile Visitors

667 profile views
  1. I solchi erano nel conio ....e sono della stessa natura di quelli che si trovano sulle monete per tutto il periodo della battitura manuale. ..denari, sesterzi, zecchini, fiorini, piastre e altro ..,,basti questo a invalidare tutto il resto della tua analisi , quindi è inutile che affronti gli altri punti se già da questo si ha la misura.
  2. Ne avessi azzeccata una che è una....
  3. A me personalmente non hai salvato nulla....e lo sai....in ogni caso, per il futuro non me li evitare più, grazie.... gli eventuali problemi me li risolvo da solo , sempre che ci sia qualcuno in grado di crearmeli....voglio proprio vederlo... per il resto sono discorsi già fatti e rifatti e mi pare inutile ricordarti che i limiti delle tue convinzioni li hai già potuti verificare in prima persona...,e li si che qualcuno ti ha salvato il posteriore concretamente... l'unico punto condivisibile è che chi trae maggior vantaggio da queste analisi e controanalisi è proprio l’ultimo che vorremmo aiutare.
  4. Renzo,Puoi smettere di modificare i miei post?....grazie lo riscrivo: è una questione di metodo...Senza quello non si può entrare nel merito ...altrimenti sono solo chiacchiere senza costrutto
  5. No, così non ci siamo.... opponi ancora chiacchiere e vacue opinioni personali a richieste di dati e analisi oggettive. . Se non sei in grado di dare una risposta sensata, lascia stare....non c’è niente di male ad ammettere la propria incapacità. Inutile che tu cerchi di buttarla in caciara, sai benissimo che sei e resti due passi indietro rispetto a me... e i fatti pregressi lo hanno dimostrato abbondantemente... se vuoi discutere con me scendi sul campo tecnico e smetti le vesti della novella Durbè.
  6. Renzo, preferisci rispondere qui per coerenza di tipologia?
  7. Stiamo al gioco: perché dovrebbe essere falso....critiche oggettive e non impressioni estetiche grazie.
  8. Pensa....e io che invece pensavo l’esatta cosa di lei...però vede, a differenza di lei, non ho tutto questo tempo da buttare via a lavare la testa al proverbiale asino... quindi, quando ne ha voglia, si rilegga quel che ho scritto e se lo immagini o se lo disegni....o trovi qualcuno che lo faccia al posto suo. io la mia l’ho detta e di fare la vox clamantis non ho tempo e voglia. Come detto sopra, continuate a giocare nel vostro cortiletto in cui nessuno vi confuta. Io mi ritiro nei misi spazi. Aurevoire
  9. Ma potete anche continuare a giocare da soli nel vostro cortiletto per quel che mi riguarda....così nessuno vi contraddice. Divertitevi...,ciaone.
  10. Si che si risponde così...mi sono adattato al livello dell’interlocutore. Pensavo, sbagliando, che l’interesse comune fosse di capire la meccanica delle cause di quei segni, invece ho trovato un pavone che fa la ruota della sua laurea in statistica arroccato sulle sue personali convinzioni. Da parte mia la spiegazione tecnica della genesi del fenomeno l’ho abbondantemente data....la replica anziché tecnica è stata alla “ marchese del grillo”.... credo che questo illustri più che abbondantemente lo spessore culturale dell’interlocutore e il suo ego Quindi si, meritava niente altro che quella risposta.
  11. Proprio una risposta matura da universitario....finiti gli argomenti?! avevo già visto in occasione del workshop a populonia quale che fosse il suo spessore accademico..,...a mai più risentirci egregio Conte Mascetti in sedicesimo.
  12. Altra domanda: provi a determinare quale sia l’angolo massimo tra conio di incudine, ipotizzandolo come conio di dritto , e conio di martello, applicando le valutazioni dimensionali del suddetto come dette sopra determinate empiricamente dal disassamento rilevabile dai segni parzialmente impressi al rovescio , che permetta la trasmissione della forza di battitura senza che i due conii collidano e scarichino le forze tra di loro anziché sul tondello. Poi provi ad ad invertire i conii e rifaccia i conti.