ilnumismatico

Utente
  • Numero contenuti

    326
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    12

ilnumismatico è stato il miglior utente nel giorno 1 Novembre

ilnumismatico ha scritto i contenuti più apprezzati del forum!

Su ilnumismatico

  • Rank
    Utente avanzato

Informazioni Utente

  • Sesso
    Non inserito

Interessi Numismatici

  • Settore
    Nessuno
  • Settore
    Nessuno
  • Livello Studio
    Neofita

Visite recenti

2797 visite nel profilo
  1. ilnumismatico

    5 Lire Umberto I 1879

    qBb, parzialmente pulita al dritto nei campi. dalla foto non si vede se il bordo è esente da colpettini, che se presenti incidono ulteriormente sul valore. orientativamente si aggira su una 40na di euro
  2. ilnumismatico

    Fotografare le monete, attrezzatura, tecnica e consigli

    Buonasera, Con la qualità tecnica disponibile oggi, migliorata in modo impensabile anche a confronto di pochi anni fa, la scelta dell’attrezzarura risulta meno complicata. Limitatamente alla fotografia monetale, se non si hanno necessità professionali, a si ricercano comunque risultati qualitativi di un certo spessore, le moderne bridge danno sicuramente soddisfazioni ad un costo contenuto. Nkn scarterei comunque le moderne compatte, se non si ricercano risultati particolari, specie in fase di stampa. Un’immagine vale più di mille parole. L’attrezzatura, per quanto riguarda la fotografia monetale, potrebbe anche avere un’importanza di secondo piano se si sa come sfruttarla al meglio, e sopperire le eventuali limitazioni tecniche con un appropriato uso della post produzione. allego le foto di un 5 lire di Vittorio Emanuele II, fotografato con una vecchia compatta acquistata più di 10 anni fa, e di un littore fotografato con una reflex di qualche anno fa con ottica macro. Come vedete, seppur per il 5 lire è stata usato un vero e proprio “reperto archeologico” il risultato è comunque accettabile
  3. Se si parla di top propriamente inteso (foto permettendo) direi di no: per colore, superficie dei rilievi e dei campi e sopratutto per quella macchiolina verde, che sul rame vanno sempre attenzionate; ovviamente da verificare in mano il tutto Se invece si cerca un bell'esemplare, questo sicuramente fa la sua figura (sempre da verificare in mano quanto sopra specificato) Una vecchia asta nac ce ne era uno eccezionale, per ramatura, integrità dei rilievi e dei campi, centratura e stato del tondello. Una bomba. Dovrei ritrovare il passaggio e la foto...
  4. ilnumismatico

    Un 2 tornesi carino per Ferdinando II

    Ciao, il conio effettivamente non è in gran forma, ma considerando la tipologia neppure più di tanto (giusto le lettere del nominale e il punzone dell a corona un po sofferenti). questi difetti congeniti non incidono sulla conservazione, bensì solo sul valore economico finale. Per quello che la foto permette di vedere, sembrerebbe essere in conservazione interessante, i campi manifestano una brillantezza ed una ramatura assai gradevole, anche per tonalità del rosso. Peccato per la piccola frattura del tondello, anche questo tipico della monetazione ma personalmente evito di innamorarmi di un pezzo con questo tipo di difetto. Bordo debolmente impresso per la maggiprova parte del bordo, ma nel complesso ben centrato. Dalle foto mi sembrerebbe tra una forbice valutativa di un bello spl ed un spl/fdc, in gran parte rosso, con bella patina. Tu che la hai in mano puoi confermare o meno il mio parere sulla brillantezza dei campi, la chiave di volta è tutta li. Se non ti è costata più di una 70 euro, al massimo, direi che hai fatto bene a prenderla, nonostante la frattura di tondello (parere personale) un saluto, Fabrizio
  5. Ti ringrazio per aver esposto il tuo parere obiettivo
  6. Sorvolando sul quarto del dritto che proprio non mi sembra, confido nella vista di chi scrive che "non servono i pixel" per vedere quello che c'è da vedere...
  7. Con questi presupposti, non serve a nulla scrivere, visto che vengo anche accusato di torcere le parole dal senso del post. Solo per correttezza e completezza riguardo alle mie affermazioni sul l'esemplare nac 16, posto la foto scattata alla pagina del catalogo. Ognuno potrà compararla (per quel che è possibile vedere) con le affermazioni sopra fatte. cordialmente Fabrizio
  8. Eviterei di chiamare in causa l'educazione al Suo posto. Grazie
  9. Bene, per riepilogare i miei post sono sempre: - polemici e non sereni - "de coccio" - ed ora anche "a picchio" (che tra parentesi lo considero un onore immeritato per cui ringrazio dopo i "gentili apprezzamenti" sempre velatamente riservatemi) Sentitamente il signor numismatico sempre ringrazia. @Admin
  10. Questa ha sicuramente un tondello migliore, ed una buona battuta, ma se guardi dalla foto c'è usura, particolarmente enfatizzata al R/
  11. continuo a non capire quale senso abbiano foto di quel genere di monete in un topic dove si parla anche di investimento e di conservazione ragguardevole.
  12. Ciao, Visto che si parlava di investimento, è tassativo esaminare la qualità in maniera scrupolosa. Francamente, quella di Nomisma dalla foto non mi entusiasma affatto, sia per patina che per conservazione (ed il prezzo "invitante" mi darebbe ragione... un qFDC di base a 2500€?) Si, ricordo la moneta di cui scrivi, era slabbata NGC come "tooled", ha fatto un bel giro anche sulla baia. Era in bella conservazione, anche se lavata.
  13. l'affermazione era nella mia citazione. Bene, se ha potuto vedere di meglio, non capisco perchè postare queste monete di inferiore qualità
  14. Dal momento che non ricorda la qualità della NAC 16, sarebbe meglio evitare di fare affermazioni che poi non si possono comprovare. L'esemplare della NAC 16 è osservabile in un'ottimo ingrandimento sul relativo catalogo, oltre che nel compendio relativo alla serie MIR napoli edito da Varesi Dal momento che parlavo di esemplari egregi, e l'ideatore del post ben conosce cosa intendo per tali, mi stupisco dei due esemplari sopra riportati, in quanto nessuno merita il podio. La prima, lapidariamente bocciata dal mercato (visto cmq la base "invitante") manifesta chiaramente tutti gli handicap della tipologia monetale (che sfigurano abbondantemente le due facce). La seconda è belloccia, ma oltre a mancare la scansione del R/, da quello che si vede (chiaramente per quello che una scansione in bassa risoluzione permette) manca di quelle prerogative tecniche per ambire ad essere un esemplare di rilievo
  15. Ma scusate... la fecunditas "quasi eccezzziunalee" quale sarebbe, quelle delle foto in topic? Francamente, quella fotografata non è granchè, l'altra è bella, ma non è ne quasi, ne eccezionale... In tutta la mia vita, di quasi eccezionale, ne ho vista solo una, e poi basta. Ex nac 16, collezione Pannuti. Qualche minimo graffio di conio... ma per il tipo, il quasi eccezionale ci sta tutto Non è una moneta tipologicamente rara a trovarsi, ma in eccezionale stato di conservazione si... decisamente molto molto molto rara. Quasi utopia.