Search the Community

Showing results for tags 'problemi numismatici'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Tuttonumismatica.com

  • Initiatives and Projects
    • La tua collezione esposta on-line
    • Collaborazione con la Rivista Numismatica Internazionale OMNI
    • Dizionario Enciclopedico Numismatico
    • Vademecum Numismatico
  • Coins (scientific sections)
    • Monetazione Etrusca e delle popolazioni pre-romane in Italia
    • Monetazione Greca
    • Monetazione Romana
    • Monetazione Barbarica
    • Monetazione Bizantina/Islamica
    • Monetazione e Medaglistica Papale
    • Monetazione e Medaglistica degli Stati Medievali in Italia fino ai Moti Rivoluzionari
    • Monetazione e Medaglistica del Sud Italia
    • Monetazione e Medaglistica Sabauda
    • Monete e Medaglie delle Monarchie Medievali Europee
    • Monetazione e Medaglistica Napoleonica
    • Monetazione e Medaglistica Moderna Italiana
    • Monetazione e Medaglistica dei Moderni Stati Nazionali (dal'800 ad oggi)
    • Euro
  • Banknotes (scientific sections)
    • Cartamoneta pre-unitaria
    • Dal Regno d'Italia alla Luogotenenza di Umberto II
    • Banconote circolanti nelle colonie italiane
    • Repubblica Italiana
    • Banconote Straniere
    • Euro
  • General numismatic topics (scientific sections)
    • Errori e varianti
    • Prove, Progetti, Coniazioni private o di Stati non riconosciuti
    • Medaglie e onorificenze militari
    • Pesi, gettoni monetali, sigilli e tessere.
    • La numismatica in generale
  • Collectibles
    • Catalogazione
    • Valutazione economica e dello stato di conservazione
    • Vera o falsa?
    • Aste Numismatiche
    • Tecniche di pulizia ed esposizione di monete e banconote
    • Il collezionista curioso
  • Numismatics and legal norms (scientific sections)
    • Legislazione in ambito numismatico.
  • Numismatic library
    • Pubblicazioni dei propri studi
    • Cataloghi, riviste e testi numismatci
    • Convegni ed iniziative riguardanti la Numismatica
  • General area
    • Presentazioni
    • Spazio libero
    • Le novità del forum
    • Suggerimenti e proposte
    • Problemi tecnici

Calendars

  • Aste Numismatiche
  • Eventi Numismatici
  • Pubblicazione Libro

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Place


Name


Scientific director of


Moderatore della sezione


Donations

Found 1 result

  1. Sono anni che si discute della consistenza e delle dinamiche del mercato numismatico. E' una problematica assimilabile al segreto di Fatima...non in senso sacrilego...ma esoterico o misterico. Occorre precisare che il mercato del collezionismo numismatico è' una realtà geograficamente complessa e difficile, spesso in ombra...con molta gente che non compare...ma comunque opera sul mercato. Altra gente che compra e conserva , altra che si stanca...vuole cambiare genere...monete, oppure vuole uscire perchè delusa da troppe problematiche e da molte delusioni. Non c'è un' analisi completa che possa giungere ad una conclusione sulla Numisamtica...ma possiamo provare a tratteggiare luci e problemi. Ognuno conosce la propria esperienza e, solo in parte, quella di amici, conoscenti, colleghi, i quali avranno la propria, con altre conoscenze, altri clienti, operatori e così via...come in una giostra senza luci. Ognuno di questi personaggi non ha interesse a divulgare delle verità o i propri asset commerciali..semmai il contrario. Dire e non dire...far credere...favoleggiamenti...telefonate al dottore di turno...al notabile illustrissimo:...ecco, passi...abbiamo questo e quello...certo dottore...massima discrezione mi raccomando...certo è reciproca. Illustrissimo dottore c'è l'asta giusta per il suo bel compendio...conferisca...conferisca pure. Carissimo Architetto, la compri Lei questa bella moneta...l'ha vista Caio...la paga di più, ma vuole una rateizzazione eccessiva. I comuni denominatori non sono moltissimi...in Italia alcuni interagiscono o leggono più o meno nei Fora, come questo, ma gli altri? Il materiale di prima scelta è in realtà relativamente abbondante nei cavau e negli stock, ma vienen tesaurizzato o centellinato: può apparire come i coriandoli a carnevale e poi scomparire...per qualche mese...per qualche anno...per molto tempo, gestito con attenzione. Nei periodi di crisi - per ovvi motivi di carente liquidità - una parte del materiale fuoriesce più spesso e in modo copioso: dalle nebbie, dalle collezioni, dai caveau, dagli stock, dalle millanterie. Quindi ingenera confusione ed incertezza, si può restare disorientati. Di qui le domande correnti. E' altrettanto ovvio che in un periodo critico del ciclo economico...tutto quel materiale non potrà trovare assorbimento: specificamente nella conservazione media o bassa. Oggi vediamo tante Aste, ma anche molti operatori, commercianti, trafficanti, pseudo collezionisti che puntano a costituire la propria collezione a gratis o, esclusivamente a fare soldi con le monetetrafficando occultamente ai margini del mercato professionale. In un ambiente ove i collezionisti che spendono più di qualche euro non sono moltissimi, ognuno di quei personaggi professionali intanto può anche compensare ed operare direttamente sul mercato per compensare la latitanza di veri collezionisti. E così, gli operatori (trafficali o professionale) tutti incidono operando insieme...intanto che arriva il cliente o riparte il ciclo...si comprano e vendono le monete tra di loro. Ognuna di quelle transazioni tra "colleghi" incide e contribuisce a muovere un mercato non amplissimo come altri, un po' come accade alle azioni a scarso flottante. Per di più, ad ogni Asta, ci sono monete di un'altra asta o di Aste colleghe...che poi le scambiano di nuovo. In queste condizioni...vai a fare uno screening? O un'analisi di mercato che abbia qualche valore? Ed allora se ne può fare a meno...di analisi che, nella migliore della ipotesi, saranno pur sempre parziali e, l'importante, è saperlo...avere coscienza di quanto sopra rappresentato. Parliamo invece di certezze o di ipotesi positive: Chi al momento del passaggio dalla lira all'euro aveva belle monete invece di liquidi in banca ha salvato il proprio capitale da una svalutazione media che va del 50% al 100%. Non è poca cosa. Chi in questi ultimi anni ha conservato belle monete invece di acquistare strumenti finanziari...ha salvato qualcosa o parte del proprio patrimonio oltre a gratificare la propria cultura e il proprio piacere. E' probabile che, prima o poi, pagheremo il conto dei derivati finanziari e del salvataggio delle banche e dei valori economici...con un ritorno dell'inflazione. Le belle monete potrebbero, in tal caso, rivelarsi una valida diversificazione patrimoniale oltre che un motivo di soddisfazione per gli appassionati. In tale previsione potete anche spiegare uno dei motivi che inducono i prezzi delle monete integre e ben conservate in alto, malgrado la crisi delle partite correnti. In ogni caso quando il materiale importante o di qualità viene alla luce bisognerebbe avere il coraggio di comprare, pensando che - come sempre - nuovamente andrà rarefacendosi, alla ripresa del ciclo o per esaurimento delle scorte commerciali. Prima della crisi del 2011, il mercato della numismatica andava bene...pensate al regno d'Italia, a V.E.III e ad alcune monete in particolare: alle papali, a molte tra le moderne ed anche alle monete romane dove, ad esempio nel bronzo, la qualità BB era più comprata delle monete importanti o di ottima conservazione. Difficilmente la numismatica potrà finire come la filatelia, da tempo entrata in una crisi semi irreversibile. I francobolli sono interessanti, belli e documentano molto...ma non hanno consistenza...è carta. Non pensate che io sia volgare...purtroppo, in questo momento, il mondo è volgare. Le monete hanno consistenza non solo materiale...sono assimilabili a oggetti preziosi e/o ad opere d'arte. Sono tascabili e affascinanti. Sono molto più facili da commerciare o da restituire al mercato...di molti altri prodotti d'arte. Le aste: hanno avuto, sino al 2000, un grande merito: hanno affrancato i collezionisti dal servaggio nei confronti degli operatori, sia in acquisto che - sopra tutto - in vendita. Gli appassionati...lentamente hanno capito e si sono mossi da soli senza ritornare dal commerciante che, ovviamente, deve vendere al doppio di quanto ha speso e deve ricomprare almeno alla metà. Internet ha fatto il resto. Tuttavia oggi le aste sono veramente troppe...coprono tutti i giorni dell'anno con un minimo di sosta solo nei periodi di vacanza o ferie. In questo modo stanno distorcendo il mercato giocando ormai un ruolo inverso...spesso pernicioso. Ormai, per il mercato è importante solo vendere...va bene tutto, specialmente ciò che sembra bello e magari non lo è...o lo è con l'aiutino di belle foto...o con l'aiutino del restauro...al limite della falsificazione, o tamite qualche forzatura spacciata per consigli ai collezionisti. La dottore la compri...ne vale la pena...le darà soddisfazione...è molto bella...c'è un difettino ma è compensato dal pedigree...ecc. ecc. Chi si può permettere di comprare senza riflettere troppo...preso dalla passione per le monete, alla fine dice le solite cose: ma che mi importa dei valori e dell'investimento, io compro perchè mi piace. Chi invece non ama buttare il proprio danaro e per comprare monete fa delle rinuncie...dovrebbe muoversi con molta prudenza e centellinare gli acquisti.