Sign in to follow this  
Guest elledi

GETTONI DEL CAFFE'

Recommended Posts

Guest elledi

Forse non tutti ne sono a conoscenza, ma esistevano gettoni, addirittura in argento da lire 1, emessi dal proprietario di un noto caffè di Milano, il COVA. Il proprietario si chiamava Giuseppe CHIERICHETTI...circolarono fino al 1890 e oggi sono molto ricercati

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Da catalogo asta CRONOS 6 2012 (http://www.cronosmonete.com/CRONOS6catalogo/CRONOS6mr.pdf)

619 COVA CAFFE’ PASTICCERIA DI MILANO – Gettone da 1 lira in argento 1873. Testa a d. di Giuseppe Chierichetti. R/

Stemma del Cova e valore. Ø mm. 25,6 - g. 5,34

621 Gettone da 50 centesimi in argento 1877. Testa a d. di Giuseppe Chierichetti. R/ Valore; sotto, piccolo stemma del Cova. rame Ø mm. 20,3 - g. 3,02

623 Gettone da 20 centesimi in rame 1873. Testa a d. di Giuseppe Chierichetti. R/ Stemma del Cova e valore. Ø mm.31,8 - g. 10,53

vi erano inoltre gettoni da 10 (Ø mm. 31,8 - g. 10,66) e 5 centesimi (Ø mm.20,3 - g. 2,55)

post-456-1392076428,91_thumb.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest elledi

Da catalogo asta CRONOS 6 2012 (http://www.cronosmonete.com/CRONOS6catalogo/CRONOS6mr.pdf)

619 COVA CAFFE’ PASTICCERIA DI MILANO – Gettone da 1 lira in argento 1873. Testa a d. di Giuseppe Chierichetti. R/

Stemma del Cova e valore. Ø mm. 25,6 - g. 5,34

621 Gettone da 50 centesimi in argento 1877. Testa a d. di Giuseppe Chierichetti. R/ Valore; sotto, piccolo stemma del Cova. rame Ø mm. 20,3 - g. 3,02

623 Gettone da 20 centesimi in rame 1873. Testa a d. di Giuseppe Chierichetti. R/ Stemma del Cova e valore. Ø mm.31,8 - g. 10,53

vi erano inoltre gettoni da 10 (Ø mm. 31,8 - g. 10,66) e 5 centesimi (Ø mm.20,3 - g. 2,55)

Grazie per aver ampliato il mio spunto...attendiamo adesso altre osservazioni :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Giuseppe Chierichetti, brillante titolare dello storico Caffè Cova, utilizzò fino al 1890 i presenti gettoni come resto ai clienti. Sembra la situazione di quando io ero bambino negli anni 70 , quando per mancanza di moneta circolante se le erano inventate tutte (caramelle, foglietti di carta scritti a mano, mini assegni ecc.)  ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

una domanda... visto lo stile e i metalli, potevano pure circolare come moneta spiccia? anche se in maniera fraudolenta?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest elledi

una domanda... visto lo stile e i metalli, potevano pure circolare come moneta spiccia? anche se in maniera fraudolenta?

In effetti circolarono...un po' come i gettoni telefonici...proprio fraudolenta non direi visto che potevano essere regolarmente cambiati presso il bar COVA.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

dando un occhiata alla monetazione di Umberto I:

2 lire tra primo e secondo tipo oltre 25 mil di pezzi coniati, infatti non vi sono gettoni da due lire;

1 lira circa 24 mil di pezzi (fino al 1890);

50 centesimi 600.000 pezzi (fino al 1890);

20 centesini nulla (fino al 1890);

10 centesimi nulla (fino al 1890);

5 centesimi nulla (fino al 1890);

proprio tanto circolante non c'era

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

da: Giurisprudenza italiana, Volume 46 Filippo Bettini

.....sia per le difficili condizioni presenti della circolazione minuta, quali sono rivelate da una copiosa circolazione illegale di biglietti fiduciari, sia per la necessità di provvedere a tempo, onde evitare gravi disordini, ai bisogni di medio

circolante minuto,......  passo della relazione al re di Sonnino del febbraio 1894 (introduzione del nominale da 20 centesimi)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this