Sign in to follow this  
Guest elledi

TONDELLI VERGINI

Recommended Posts

Guest elledi

Apro questa discussione per chiedere se abbiamo conoscenza dell'esistenza di tondelli vergini relativi alla monetazione classica, medioevale o di Antichi Stati italiani.

Oggi ho notizia solo di tondelli vergini relativi a monetazione Euro e Repubblicana....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest elledi

Grazie del contributo. Si tratta però, mi sembra di capire, di tondelli per monetazione falsa.

Mi chiedo invece se ai nostri giorni sono giunti tondelli originali...che so, conosciamo ad esempio tondelli vergini per monete da 10 tornesi o per battere sesterzi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Da una ricerca con google:

-Questo settore del Palatino, al confine con la zona del Velabro, non è stato in precedenza oggetto di scavi sistematici, pur presentando un ... Agli interventi di spoliazione di epoca medievale è probabilmente da collegare l'attività di una calcara di notevoli dimensioni, ... 1.14) e un'anfora contenente monete di bronzo, per la maggior parte tondelli non coniati, databili in epoca tardoantica (secolo V d.C).-

Roma: memorie dal sottosuolo : ritrovamenti archeologici 1980/2006 di Maria Antonietta Tomei

post-456-1392076551,27_thumb.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

da: http://archeologiamedievale.unisi.it/NewPages/TESTIprogetti/cicali.pdf

_Alla penuria di circolante talvolta si è sopperito coniando materiale in luoghi non propriamente

‘legali’, fuori dalle zecche ufficiali; un esempio in tal senso è stato studiato per la Garfagnana (

CIAMPOLTRINI, NOTINI, ROSSI 2001) dove è stato scavato proprio un ambiente, che, per i

materiali rinvenuti, crogiuoli con resti metallici, grumi, verghe, listelli, tondelli non coniati, prove di

conio in piombo, è stato interpretato come zecca ‘abusiva’. Non si tratta di monete falsepoiché

mantengono la qualità dell’intrinseco disposta dall’autorità emittente, bensì monete che sicuramente

hanno circolato tra il numerario corrente, poiché di buon valore, ma ottenute cercando di lucrare sui

guadagni della zecca.-

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Lo scavo Agyrion 2008, organizzato dalla Presidenza regionale di SiciliAntica sotto la direzione scientifica della dott.ssa B. Basile coadiuvata dall'archeologo M.Cottonaro e finanziato dall'amministrazione comunale, ha permesso di individuare, nell'area del castello medievale, coincidente con l'acropoli della città greca, diversi ambienti della zecca greca che hanno restituito una notevole quantità di reperti metallici (tondelli non battuti, scarti di fusione) afferenti all'attività della zecca nella seconda metà del IV sec. a.C.

http://www.siciliantica.eu/sicilia-Gli+scavi+di+Agira+(EN)+anni+2008+2010.L'abitato+e+la+necropoli-182.asp

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

da: Ripostigli dalla piana lametina Di Emanuela Spagnoli

per i ritrovamenti di Laos:

https://www.academia.edu/2963138/G._Aversa-F._Mollo_Il_Parco_di_Laos._Guida_allarea_archeologica_di_Marcellina_Scilla_2010

di cui cito:(pag.56)

-Subito a valle della plateia, si deve ricordare anche la “casa della zecca”, individuata a Sud dell’incrocio tra la strada 5 e la grande plateia. Al suo interno furono rinvenute quantità assai rilevanti di elementi metallici, tra cui varie scorie di bronzo e ferro, piccolissimi frammenti di bronzo, ferro e piombo,alcuni anellini in bronzo, chiodi di bronzo e ferro, frammenti di fibule e cinturoni in bronzo. Inoltre furono rinvenute molte monete di bronzo della Laos lucana, ma soprattutto 19 tondelli in bronzo non battuti, ma corrispondenti per peso e dimensioni alle penultima serie di monete in bronzo con legenda λAFINOΣ.Probabilmente pronti per essere coniati, questi tondelli segnalano l’attività in loco di un atelier monetale che batteva monete di Laos; abbiamo quindi la prova definitiva che la città scoperta sul colle di San Bartolo non può che essere Laos.-

e da: https://www.academia.edu/3532855/S.Maria_del_Cedro_CS_ (pag 298)

- Piuttosto singolare è da considerarsi, poi, il rinvenimento di 23 tondelli in bronzo, non ancora coniati, recuperati in un ....-

post-456-1392076553,18_thumb.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this