Recommended Posts

@Piakos,  non so se con "Carlo" ti riferivi a me :QUESTION:

Comunque sia, non posso non rispettare  Il tuo "innamoramento" per quella monetina di Adriano. Del resto ogni considerazione critica è, alla fin fine, assolutamente soggettiva.  Mi ricorda un po' il topic che avevo aperto sulla monetazione celtica, e le diametralmente opposte valutazioni di Arslan e di Bianchi Bandinelli.

Potremmo forse trovare un punto di incontro dicendo che, si, la moneta è rozza, l'accenno del volto è "infantile", che il tutto dimostra una perdita delle capacità tecniche degli artigiani di quel tempo, ma tuttavia la sua bellezza ed il suo fascino stanno proprio nel suo essere testimone esatto di un particolare momento storico-culturale.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

A questo proposito sono stato fulminato dalla teoria, che ritengo valida, di Ernst Kitzinger. Parlando della ritrattistica imperiale della fine del III secolo pone una semplice domanda: è possibile che nel giro di pochi anni la capacità degli scultori (e io aggiungo degli incisori di monete) adibiti alla ritrattistica imperiale sia così scaduta per cui dai ritratti ancora realistici di Aureliano, Probo, Tacito, Caro, si passi ai volti un po' grossolani e massicci di Diocleziano e soci? 

La risposta è ovviamente no, non è possibile. Allora come mai questa rivoluzione nella ritrattistica? Fu una scelta politica e il messaggio rivolto alla popolazione doveva essere adeguato. 

La stessa cosa potrebbe essere capitata qualche secolo dopo a Roma. E quindi quello strano ritratto rispondeva a una scelta politica.

Arka

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, Arka dice:

.... Allora come mai questa rivoluzione nella ritrattistica? Fu una scelta politica e il messaggio rivolto alla popolazione doveva essere adeguato. 

La stessa cosa potrebbe essere capitata qualche secolo dopo a Roma. E quindi quello strano ritratto rispondeva a una scelta politica.

Arka

Facciamo una premessa, cercando di individuare - naturalmente a grandissime linee e semplificando - le tendenze della ritrattistica imperiale.

1^ fase - da Augusto a Caracalla  27 a.C.- 217; i ritratti sono realistici, la resa plastica è notevole, ma nella parte finale si nota un impoverimento.

2^ fase - da Macrino a Carino  217-285; la qualità è generalmente scadente, pur conservandosi una ricerca del realismo nei ritratti, è la fase di "un imperatore all'anno"..

3^ fase - da Diocleziano a  Vetranio  284-350 ; è la fase dei "colli a tubo", il realismo scompare quasi del tutto scomparso, i volumi del volto si appiattiscono,  il volto dell'imperatore, dopo la fase "un imperatore all'anno" , deve dimostrare solidità, potenza granitica.

4^ fase - da Nepotiano II a Giovanni 350-425;  nuovo decadimento qualitativo, timido tentativo - e mal riuscito - di ritorno al realismo.

5^ fase - da Teodosio II (VI sec.) a Bisanzio; l'immagine dell'imperatore diventa una icona: frontale, con scodo, elmo e lancia. L'imperatore deve essere  talmente lontano da non essere più un individuo ma diviene la raffigurazione lontana e astratta dell'Autorità Imperiale (le maiuscole  sono volute!).

Se ora accettiamo, per ipotesi di lavoro, questa schematizzazione, vediamo che i momenti critici, dal punto di vista estetico, sono anche i momenti di crisi dell'Impero o, ma è lo stesso, momenti in cui si vuole ristabilire "i bei tempi andati".

Allora è chiaro che i momenti di crisi politica dell'impero sono anche momenti di crisi dell'economia, dell'arte, insomma della società nel suo complesso.

Ma, mentre quella che ho chiamato 5^ fase prosegue, con poche modifiche e fratture, per tutto l'impero bizantino, in Italia arrivano i barbari, quelli veri, quelli che provenivano dalle steppe dell'Asia o dalle cupe foreste del centro Europa. E il melting pot  tra quelle culture e quella romana diede l'unico risultato possibile: una media al ribasso di tutta la società, quando addirittura non prevalse l'elemento barbarico.  Ricordiamoci il celebre coro manzoniano dell'Adelchi:

Dagli atrii muscosi, dai Fori cadenti,
Dai boschi, dall’arse fucine stridenti,
Dai solchi bagnati di servo sudor,
Un volgo disperso repente si desta;
Intende l’orecchio, solleva la testa
Percosso da novo crescente romor.

Dai guardi dubbiosi, dai pavidi volti,
Qual raggio di sole da nuvoli folti,
Traluce de’ padri la fiera virtù:
Ne’ guardi, ne’ volti confuso ed incerto
Si mesce e discorda lo spregio sofferto
Col misero orgoglio d’un tempo che fu.

È il volgo gravato dal nome latino
Che un’empia vittoria conquise e tien chino
Sul suol che i trionfi degli avi portò;
Che, in torbida voce, qual gregge predato,
Dall’Erulo avaro nel Goto spietato,
Nel Vinnulo errante, dal Greco passò.

Quel "volgo gravato dal nome latino" ha ormai scordato l'arte degli avi e il meglio che riesce a fare è un ingenuo scudo con dei segnetti al centro: l'incisore dei volti di Cesare, di Adriano, di Marc'Aurelio vivendo tremante "negli atrii muscosi" e nei "fori cadenti" ha perso  capacità e ricordo, è tornato "bambino". Dovrà ricominciare faticosamente a ricostruire, nel futuro, l'arte del passato.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cambiando genere e città emittente parliamo della c.d. FECUNDITAS per Napoli, moneta ambita e rarissima in grande conservazione.

Per il diritto abbiamo scelto questo esemplare, recentemente postato in questo Forum che, anche se presenta strappi di conio ad h. 17 sembra essere quello che ha un grading più vicino (se non coincidente) con il FdC:

image.png.5f293e82f3a0ee2d38d0e10bd5e2f562.png

Poichè invece il rovescio della stessa moneta ha un fuori fuoco che non consente di apprezzarla appieno...postiamo quest'altro esemplare, giudicata qFdc. e proveniente dalla vendita Varesi " Utriusque Siciliae" ,  del 20/05/2000.

 

image.png.d4b90a3b183fdda932a9898c715c3f6d.png    image.png.e01a018e2d38e35d70c9fb4cca19471b.png

Napoli. Piastra da 120 Grana 1772 Fecunditas

Ferdinando IV di Borbone, 1759-1825. I periodo: 1759-1799. Piastra 1772, AR 24,97g. Busti accollati dei sovrani a d.; ai lati, C – C (Cesare Coppola, maestro di zecca). Rv. FECVNDITAS Figura muliebre seduta a s. con fanciullo in grembo; dietro, cornucopia. Sullo sfondo a s. il Sebeto sdraiato e il Vesuvio e, a d. un vascello alla fonda. è una piastra napoletana del 1772 che commemora la nascita di Maria Teresa primogenita di Ferdinando IV di Borbone e di Maria Carolina d'Austria. Questa piastre apre il filone delle piastre commemorative di Ferdinando IV , è certamente è una delle più belle piastre a livello stilistico.

Rovescio Legenda: FECVNDITAS
Iscrizione rovescio: M. THERESIA NATA / NON IVNI

Questa moneta commemora la nascita della primogenita dei sovrani,principessa Maria Teresa avvenuta il 9 giugno 1772,che sposò Francesco D'Asburgo Lorena arciduca D'Austria,divenuto,poi,imperatore come Francesco I.

Faccio notare che quasi sempre la leggenda FECVNDITAS al R/ non appare visibile in modo uniforme,poichè le lettere IT non sono ben visibili, per problemi di battitura.

Trattasi di una delle monete napoletane più ambite dai collezionisti, è un pezzo relativamente comune in conservazione BB e dintorni...diventa molto rara o rarissima man mano che si riesca a trovare in grande conservazione. La moneta ha un appeal notevole in entrambi i lati, l'incisore dei conii  Bernardo Perger, valentissimo,  descrive splendidamente  il ritratto dei giovani sovrani accollati, rendendone mirabilmente le caratteristiche fisiognomiche e dando vita ad un doppio ritratto barocco...sicuramente il più riuscito nelle coniazioni per Napoli. Mirabile è la resa dei volumi circondati da un fuoco d'artificio tra merletti, decorazioni, ciocche montate e riccioli disciolti, che creano dei contro tempi  grafici immediatamente percepibili all'impatto della resa estetica, giocata tutta sugli effetti: fra i riccioli delle parrucche, il manto reale trapuntato con la croce di Malta, i merletti e il riflesso della lorica col mascherone. Per la verità la qualità - artistica ed estetica-  di questa moneta supera perfino i coevi ritratti della medaglistica borbonica...pur notevole per esemplari ed ottime espressioni. Indubbiamente una gran moneta.

Al rovescio il Golfo di Napoli la fa' da padrone...come nell'altra moneta analoga denominata PRO FAUSTO...dall'inizio dell'epigrafe del rovescio e già descritta in questa discussione. Anche qui, nella fecunditas  vediamo il Vesuvio, il Sebeto a sinistra (che rappresenta il perduto fiume di Napoli) e a destra il mare...con una nave alla fonda, in quanto le vele non sono spiegate.

La figura al centro che tiene il bambino?

Forse è un  ritratto della regina Maria Carolina immedesimata  nella allegoria della Fertilità (fecunditas...).

C'è un precedente numismatico:  un sesterzio coniato a nome dell'imperatrice Lucilla, moglie di Lucio Vero dal 164 d. C., che celebra

la nascita di un figlio. Anche qui la legenda FECVNDITAS e una rappresentazione diversa da altri sesterzi con analoga legenda (Iulia

Mamea e Faustina Junior) e molto simile a quella della piastra in esame: una donna seduta su una sedia-trono, in una posizione

analoga, sta per allattare un bimbo che gli siede in grembo, mentre altri due bambini di maggiore età si trovano ai

lati.

image.png.3ef6941411f98e3fafb847f18f0de0f0.pngFECUNDITAS per Napoli.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

LA SANTA SINDONE : IL VOLTO SINDONICO TRAFFIGURATO NELLE MONETE.

Sulla santa sindone possiamo rilevare che:

- l'esame al radiocarbonio che voleva ascriverlo ad epoca basso medioevale è stata effettuata su micro tessuti coinvolti da precedenti incendi ed è noto che  le fonti di calore sballano il dato di questo test;

- i pollini, alcune evidenze vegetali e le polveri che sono rinvenibili nella Sindone sono ascrivibili alla Palestina e compatibili con l'epoca storica del Cristo;

- la S. Sindone non è stata dipinta e non è una falso tout court realizzato con tecniche atte a bidonare la storia;

- da ultimo si è scoperto che l'immagine si è formata per una irradiazione, in qualche modo rapportabile ad una sorta di episodio termico nucleare ridotto che come energia,emanata dal corpo ha proiettato l'impronta sindonica.

In un mondo quale era quello posteriore alla caduta di Roma e per tutto il medioevo, il fenomeno sindonico avrebbe rappresentato il mistero sommo e richiamato la massima attenzione e studio, ove ci fossero state le tecniche odierne. Allora non era possibile capire il mondo senza Dio...perchè appunto Dio "faceva Mondo". Oggi le cose sono cambiate...e potremmo smettere di comprendere il mondo solo se togliessimo la parola "danaro". La secolarizzazione e l'efficienza della  "tecnica" (cioè il massimo risultato con il minimo impiego dei mezzi),  si sono spinte a tal punto che della Santa Sindone al "sistema economico, politico e sociale" importa poco o nulla...anzi, al massimo potrebbe temerla, in quanto - ove verificata, comporterebbe moti di massima riflessione e criticità del presente: accertato che fosse ciò che si crede non accertabile.

Data questa premessa rammentiamo che la Sindone, con la massima probabilità, rimase nascosta a Gerusalemme dove, nei  primi tempi del cristianesimo per evitarne la profanazione. Quindi  il sudario di Cristo rimase probabilmente nascosto, temendo i primi cristiani una sacrilega distruzione o un furto. Da Gerusalemme fu traslato ad Edessa dove molte tracce storiche e citazioni sono concordi sul punto, qui il sudario venne poi ancora occultato nel timore di distruzione o asportazione a seguito di assedio e capitolazione della città (i Persianierano aggressivi)...addirittura venne dimenticata l'esatta ubicazione del nascondiglio. Il Sudario venne ritrovato nel VI sec. d.C. in occasione dell'assedio persiano di Corsroe I alla città, il campo del re persiano prese fuoco e il suo esercito dovette ritirarsi...dopo che il sudario di Cristo venne portato in processione all'interno delle mura della città. Fosse anche stata una coincidenza...fatto è che la Sindone ritrovata rivelò il volto sindonico...creduto di Cristo. Nel 944, quando Edessa fu occupata dai musulmani, i bizantini trasferiscono la Sindone a Costantinopoli per metterla al sicuro nella città che si credeva inespugnabile.

Occorre evidenziare che ad Edessa il Sacro Telo era probabilmente conservato ripiegato, di guisa che appariva in cima il quadrato in cui era visibile il Volto Sindonico...e tale apparato era noto come Mandylion.  Emanuela Marinelli - studiosa indipendente della Sindone[ - conferma la tesi  che il Mandylion/Sindone venisse originariamente tenuto ripiegato in modo da mostrare il solo volto di Gesù: in effetti ripiegando la Sindone tre volte nel senso della larghezza, in modo da formare otto strati sovrapposti, rimane visibile una sezione nella quale l'immagine del volto è in posizione centrale. Alcune antiche raffigurazioni del Mandylion confermerebbero questa ipotesi: esse mostrano un reliquiario le cui dimensioni corrispondono a quelle della Sindone piegata in otto, con un'apertura circolare al centro attraverso la quale si vede il volto di Cristo, mentre tutto il resto dell'immagine rimane nascosto.

310px-Sindone_mandylion.jpg

Come apparirebbe la Sindone ripiegata in otto e inserita in un reliquiario con un'apertura circolare.

 

Normalmente il Mandylion veniva conservato in uno scrigno in una cappella chiusa: solo una volta all'anno l'arcivescovo di Edessa poteva entrare, da solo, nella cappella e aprire lo scrigno. I comuni fedeli potevano soltanto guardare lo scrigno chiuso dall'esterno della cappella attraverso una grata, o una volta all'anno quando veniva portato, sempre chiuso, in processione. La  Marinelli ipotizza quindi che solo a Costantinopoli il reliquiario fu aperto, si scoprì l'immagine intera, e si comprese la reale natura del telo. Occorre ulteriormente considerare che la tradizione consolidata vuole che il Mandylion sia un'immagine di Gesù vivente: secondo la leggenda Cristo si sarebbe asciugato il viso con un telo e su di esso sarebbe rimasta impressa l'immagine del suo volto (e solo di esso), questo telo sarebbe stato poi consegnato al re di Edessa. E ad Edessa sarebbe rimasto sino alla traslazione a Costantinopoli. Per l'appunto se il Mandylion costantinopolitano è da mettere in relazione con la leggenda del re di Edessa esso non può essere identificato con la Sindone che ovviamente reca l'immagine di un uomo morto. D'altro canto il Mandylon è un elemento ricorrente nell'iconografia bizantina: esso è sempre raffigurato come un telo recante il volto di Cristo e mai la figura del suo corpo. E, soprattutto, come ben si vede in queste icone, Cristo è vivo (ha gli occhi aperti) e non reca i segni della Passione. Se la Sindone di Torino fosse il Madylion non si comprenderebbe quale sia l'origine (risalente e costante) dell'iconografia utilizzata per raffigurare quest'ultimo. A ciò bisogna aggiungere che al tempo della disputa iconoclasta il Mandylion è utilizzato dagli iconoduli come argomento a favore della liceità delle immagini sacre: queste testimonianze fanno riferimento sempre al Mandylion inteso come rappresentazione del volto di Cristo.

L'ipotesi di identificazione del Velo della Veronica con la Sindone di Torino appare a prima vista impossibile: la Sindone è un lenzuolo funebre e reca impressa una figura intera umana, mentre le leggende, come le icone pervenuteci, sono relative a un panno di limitate dimensioni con la raffigurazione del solo volto, analogo al già citato mandylion  di Edessa. Tuttavia, come si è già visto sopra, è stato ipotizzato da alcuni storici che il mandylion coincidesse la Sindone ripiegata in modo tale da mostrare il solo volto. Secondo questa ipotesi quindi le leggende e le copie occidentali del Velo della Veronica potrebbero fondarsi indirettamente sulla Sindone-Mandylion, e l'esame dei tratti iconografici comuni a veli e Sindone ne sarebbe la prova.

Ci supporta finalmente la Numismatica.

E' proprio  nel 692 d.C. - quando il telo sindonico fu ritrovato a Edessa, che una prima moneta con il volto sindonico è comparsa. Si tratta in assoluto del primo volto di Cristo: un solido fatto coniare da Giustiniano II, che riporta numerosi dettagli riscontrabili solamente da chi avesse avuto modo di osservare la Sindone:

- tumefazioni delle guance; - capelli e barba fortemente asimmetrici; - naso rotto; - occhio destro chiuso o semichiuso per le percosse; 

- la barba e i capelli, sono entrambi copiosamente carenti sul lato destro del volto. Questo particolare sarà poi presente in tutte le monete con l'immagine di cristo fino al 1400.

- Inoltre i capelli asimmetrici della sindone sono sono molto più lunghi alla sinistra del volto, come nella moneta da noi postata e cadono sulla spalla;

- un ricciolo al centro dell'attaccatura dei capelli sulla fronte, che in realtà è la colatura di sangue presente nel volto sindonico;

Con varie tecniche sperimentate e credibili si è comunque scoperto che i punti di contatto tra la moneta in foto e la sindone sono ben 168.

Accostiamo, di seguito,la moneta di Giustiniano II; il volto sindonico e  anche la foto del Ducato pontificio di Paolo II con la  Veronica; così è possibile effettuare la comparazione delle immagini:

post-208-0-89791900-1447196156_thumb.jpg post-208-0-29918900-1447195577_thumb.jpg5a6272ce735dc_ducatoPaoloIIparticolareveronica.jpg.627cbf58235fad629b85959f418b2113.jpg

Anche la moneta di Paolo II, che fu pontefice dal 1464 al 147,  mostra i seguenti particolari:

-  una  ciocca di capelli corti in mezzo alla fronte, dove la Sindone presenta una macchia di sangue a forma di ricciolo;

- i capelli asimmetrici molto più ricchi in una parte del volto;

- il setto nasale deviato,

- un occhio più aperto e uno semichiuso esattamente come nella sindone e nella moneta di Giustiniano II.

- le guance tumefatte ed una più gonfia dell'altra;

Ergo, trattasi dell'immagine del Cristo già suppliziato.

 

5a627288b0948_ducatopaoloIIveronica.thumb.jpg.4f479ba70bed7bf818eb22f7bffc1558.jpg

Questo prova, in primis, che dopo le prime ostensioni del telo Sindonico a far data dal 1353 a Lirey in Francia, dove sarebbe finita in quanto trafugata  nel sacco di Costantinopoli del 1024, era stato  direttamente accertato il volto Sindonico in Europa, oltre al riferimento delle  immagini sacre che prendono le mosse dal Cristo pantocratore del Monastero di S. Caterina (Sinai).

Per mera curiosità numismatica riporto che la moneta con la Veronica è stata licitata all'ultima asta Nac Milano del dicembre scorso ed è stata aggiudicata a 14.000 euro, dopo competizione serrata in sala (per un ducatino di pochi grammi è molto). Erano presenti infatti degli appassionati (esteri) delle monete oro papali in grande conservazione...ed il ducato sopra postato era stimato Fdc (o quasi ad essere molto severi). Mi consento di dubitare che tali competitori avessero individuato l'immagine sindonica nel Cristo raffigurato nella moneta...più probabile che il ducato sia stato considerato come curiosità storico numismatica...in eccezionale conservazione. E qui torniamo - con piena riprova - a quanto si diceva all'inizio di questo tema, e cioè di quanto  sia cambiato l'uomo (e le proprie cose) da quando Dio "faceva mondo" rispetto ad oggi dove la chiave è la parola "denaro".

Cosa dire...? Che Dio e il mondo naturale  possano essere indulgenti con noi uomini economici, cinici e tecnologici.

Sic transeat gloria mundi.

Hans_Memling_026.jpg

Santa Veronica  e il velo con il volto di Gesù, dipinto del 1433 di Hans Memling, dove il volto immaginato dal grande pittore non è - per converso al ducato di Paolo II - quello Sindonico.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo una lunga serie di monete antiche è ora di ritornare nell'attualità, coso mai si dovesse pensar che oggi non vengano coniate  più belle monete. . Su preziosa segnalazione del nostro @dearitio : una moneta da 10 euro.

image.png.65194f51a815fcf038369408860ace51.png

Ambrogio Lorenzetti. Allegoria del Buon Governo, 
particolare. (1338-1340) affresco. Siena, Palazzo Pubblico.
 

È italiana la moneta più bella al mondo per il 2017.  La moneta è uscita nel 2015.

Il riconoscimento più prestigioso arriva da Berlino in occasione di World Money Fair, il più importante appuntamento numismatico internazionale (febbraio 2017)

La moneta ha una bella grafica contemporanea, l'ispirazione è rinascimentale.

Il volto al diritto affonda l'e radici nella monetazione greca della Sicilia antica, per la chioma riccioluta e per l'espressione, ovviamente rivisitata:

image.png.787126ed00cf505aa8eeb573013781ec.pngimage.png.65194f51a815fcf038369408860ace51.png

Questo è un didramma o nomos di kroton (Crotone) dell'inizio del IV sec. a.C.

Il rovescio è più schiettamente rinascimentale per l'ispirazione, rappresnta le figure muliebri senesi del 1400, ed - infatti - eccola qua:

Ambrogio Lorenzetti. Allegoria del Buon Governo, 
particolare. (1338-1340) affresco. Siena, Palazzo Pubblico:

image.png.cb70091baaeaf08a427fce8c63d77369.pngLa figura seduta della moneta da 10 euro rappresenta il buon governo

La figura seduta della moneta da 10 euro rappresenta il buon governo nella città. Infatti la figura sta seduta tranquilla, non ha timori ed è quieta, in una posa contemplativa in quanto può dedicarsi alla lettura ed alla meditazione. Tiene in mano una fronda di ulivo con chiaro significato simbolico.

 

 


 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' il caso di riprendere questa discussione di successo senza postare monete particolarissime o difficili od esoteriche.

Ci accontentiamo di una bella moneta...speriamo che condividiate il giudizio: un bronzo imperiale che dovrebbe avere i crismi non dico dell'untouched assoluto (non toccato assolutamente: una categoria difficilissima tra il bronzo antico) ma almeno di una integrità sostnziale...considerando che la quasi totalità dei bronzi imperiali viene sottoposta a restauro o ad una pulizia massiccia per eliminare le ossidazioni, le corrosioni e le intrusioni.

Questioni ancora oggi dibattute nella Sezione monete romane apposita di questo sito...quasi ogni giorno.

In più postiamo l'immagine di un imperatore assurto algi onori mondiali col film di Ridley Scott: il gladiatore...cioè Commodo, con il quale inizia ireversibilmente la decadenza dell'impero...che sin dopo di lui, con Settimio Severo...prenderà connotati netti che faranno perdere a Roma, man mano, la centralità nel mondo antico e nel mondo intero come storicamente allora conosciuto.

1548387571_commodo2.thumb.jpeg.c5e428da00e0f5ef749dd5347442d855.jpeg

197529978_Commodo1.thumb.jpeg.5b8e3ad1be8506da36b1c3a0fe8b8fe9.jpeg

La moneta qui postata proviene da archivio fotografico per essere un esemplare transitato alla NAC numismatica Zurigo alcuni anni fa.

Al rovescio...molto interessante vediamo che è riconoscibile Commodo nelle sembianze di Ercole mentre approva un trofeo romano con la clava sotto il braccio sinistro  e la pelle di leone tenuta con la mano sinistra.

DI seguito vediamo una pregevole statua con lo stesso tema imperiale.

image.png.ae05e7b888bf413c99bbff35307a2cec.png

Dai Musei capitolini.

Sul tema potete leggere cliccando sui link:

https://www.academia.edu/37069900/Ercole_e_Commodo._Indossare_l_habitus_di_Ercole_un_nuovo_basileion_schema_nella_costruzione_dell_immagine_imperiale

https://cronologia.leonardo.it/storia/anno190.htm

Per concludere. una bella e interessante moneta che si avvale dei rilievi integri per rendere in pieno la potenza imperiale di Roma e i

le suggestioni dell'arte antica. Si chiama fascino.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qui c'è poco da dire.

Meglio star zitti, in religioso silenzio, e godersi lo stupendo ritratto che, pur non avendo dei rilievi altissimi, ha un'espressività che è incredibile!

Se poi ci mettiamo anche il suggestivo retro e la stupenda patina... mamma che invidia, come voreri una moneta così per le mani! 🙂

Invece, se parliamo dell'imperatore... Commodo è al secondo posto tra i miei più antipatici, secondo solo ad Elagabalo, non per quello che ci ha inculcato lo stupendo "Il gladiatore" ma per come l'ho conosciuto leggendo qua e la.

C'è anche , a chi può interessare, una bella mini-serie su Netflix a lui dedicata.  Per l'esattezza è la prima stagione de "L'Impero romano", le 8 puntate della prima stagione sono appunto incentrate su vita e morte di Commodo.

Ma tornando alla moneta... BELLISSIMA, stavo guardando anche le altre monete della discussione ma, ad onor del vero, per quanto le riconosca belle non mi emozionano come quelle romane.

Ave!

Quintus

P.S.  @Piakos, io non ho trovato foto belle, se sai dove trovare qualche immagine di monete di Postumo con il doppio ritratto, credo anche quelle siano bellissime!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ringrazio gli amici per la meravigliosa collaborazione e mi permetto di postare qualcosa di veramente pesante: come sosteneva Dostoevskij: la bellezza salverà il mondo?

1642218989_RodiIMG_9921.thumb.jpg.613046ee894742ad65671f4f32cee304.jpg

A voi la risposta su questo tratradrammo di Rodi 404 - 370 a,C. circa...(la città fondata dalle tre storiche polis rodiane) che qualche anno fa realizzò  alla Genevensis 250.000 fr. sv.oltre ai diritti e, secondo me...avrebbe potuto pagarla anche di più se la vera bellezza fosse comprensibile da chi avrebbe potuto...

@Quintus @Spoudaios @Lugiannoni @Menelao @Ross14 @Giuseppe Gugliandolo @lorenzo @Arka @realino santone

e chiunque altro...

le città dell'isola di RODI (Lindos, Kamiros, Ialisos) ...misero le loro genti nel golfo di Napoli, anche se non è ben chiaro come e quando e quanti...certamente Castel Dell'Ovo sorge sui primi insediamenti Rodii e la collina di Pizzofalcone dovrebbe essere l'acropoli dell'insediamento. Abbiamo postato altre monete frontali dell'Elios Rodiano...in una lunga discussione su Neapolis, ma questa credo sia la più bella...temo superiore ai ritratti frontali dei tetra sicelioti.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, Piakos dice:

No, non questi... foto decenti (e magari di monete meglio conservate) di cose così...

jacquier562.jpg.8962370e6ad787e70ad9aea456220d0a.jpg

jacquier582.jpg.793b1f93d1945e3cbf3ac1bc5793d427.jpg

Oppure anche questo medaglione...

jacquier571.jpg.fa5875897e9bbd14f8247d4322e738ab.jpg

So di averne viste di stupende, ma non riescoa ritrovarle.

Ave!

Q.

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, Piakos dice:

tratradrammo di Rodi 404 - 370 a,C.

Nulla da dire se non STUPENDA!

Normalmente le monete al di fuori dell'Impero Romano mi piacciono poco, ma in alcuni cari c'è solo da star zitti e ammirare. 🙂

Ave!

Q.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Piakos  @Quintus

Il grande critico d'arte Cesare Brandi, vedendo per la prima volta la splendida Tomba del Tuffatore a Pestum, esclamò:<Questa è invero la Bellezza!>.

Credo  fermamente che avrebbe esclamato la stessa cosa di fronte al tetradracma rodio.

Quello che mi sconcerta è invece l'amico Quintus quando afferma <Normalmente le monete al di fuori dell'Impero Romano mi piacciono poco>; ogni gusto personale è lecito, ovviamente, purchè se ne colgano le conseguenze.

Fuor di metafora: la differenza in qualità estetica tra le monete imperiali e quelle del mondo greco è la stessa che passa  (absit iniuria verbis e prescindendo da qualsiasi valutazione politica) tra  la  ministra Bellanova e Claudia Schiffer! 😂

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bello il Rodi, perfetta la conservazione e importante il prezzo raggiunto. Tuttavia preferisco alcune frontali siciliane a questo Helios che sembra Arethusa nelle acque...

Postumo in quanto novello Ercole è interessante, ma non lo metterei tra le monete più belle. Restando su Postumo e sulla bellezza è notevole il suo aureo con il ritratto frontale.

Arka

Diligite iustitiam

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, Arka dice:

Bello il Rodi, perfetta la conservazione e importante il prezzo raggiunto. Tuttavia preferisco alcune frontali siciliane a questo Helios che sembra Arethusa nelle acque...

Postumo in quanto novello Ercole è interessante, ma non lo metterei tra le monete più belle. Restando su Postumo e sulla bellezza è notevole il suo aureo con il ritratto frontale.

Arka

Diligite iustitiam

Concordo Arka....è lezioso! Bello...ma lezioso per essere Helios il potente! Allora occorre trovare qualcosa di più consono...

 image.thumb.png.9fed5192c6105d113a352d5a060ca90a.png

Meglio?

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo è un bel confronto.Che ne dite?

Le com priamo tutte e due e poi scappiamo nei paradisi...

@Arka

Rodi IMG_9921.jpg

image.png

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

E bravo Piakos, hai tirato fuori quello che è l'Helios più bello. L'espressione pensierosa, lo sguardo perso nell'infinito, i capelli come dovrebbero essere quelli di un giovane focoso. Sì, questo Rodi mi piace...

Arka

Diligite iustitiam

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

piccoli capolavori di   " arte numismatica "

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, Lugiannoni dice:

Quello che mi sconcerta è invece l'amico Quintus quando afferma <Normalmente le monete al di fuori dell'Impero Romano mi piacciono poco>; ogni gusto personale è lecito, ovviamente, purchè se ne colgano le conseguenze.

Fuor di metafora: la differenza in qualità estetica tra le monete imperiali e quelle del mondo greco è la stessa che passa  (absit iniuria verbis e prescindendo da qualsiasi valutazione politica) tra  la  ministra Bellanova e Claudia Schiffer! 

Caro amico,

per farmi piacere una moneta non basta le mera estetica ma anche le sensazioni e la conoscenza del periodo in cui è stata coniata.  Così come una bellissima, stupida, donna non mi dice assolutamente nulla invece una donna "passabile" ma intelligente, sensuale e che mi capisce e, magari abbiamo anche gli stessi interessi mi acchiappa subito!  Anzi, probabilmente ci passerei tutta la vita.

Ecco, per le "non romane" non c'è la scintilla del coinvolgimento.  Si, ce ne sono di belle, ma per il mio cuore sono sterili e senza un futuro insieme. 🙂 Sono monete da "una botta e via", mentre un bel sesterzio di Antonino Poi è un amico da tenere vicino per gli anni a venire. 😛

E sempre fuor di metafora ti lascio sia a Schiffer che la ministra... 🙂

Ave!

Quintus

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, Arka dice:

Postumo in quanto novello Ercole è interessante, ma non lo metterei tra le monete più belle. Restando su Postumo e sulla bellezza è notevole il suo aureo con il ritratto frontale.

Se lo ritrovassi in buone condizioni... comunque sia " De gustibus non disputandum est".

Ave!

Quintus

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per me questo ritratto di 3/4 di Apollo è semplicemente meraviglioso... 

Leu Numismatik AG (1991-2007), Auction 81, lot 158, 16/05/2001. Stima di partenza CHF 180.000,00

Tetradrachm (Silver, 14.42 g 1), 357/6. Laureate bust of Apollo facing, his head turned slightly to the right and with drapery around the neck line. Rev. on square frame surrounding a race torch with its flame to right; to left of the torch handle, Sphinx seated to right. Cf. Kraay/Hirmer 415. Le Rider pl. 50, 20 (this coin). Lorber 43 a (this coin, illustrated in an enlargement on the cover). Very attractively toned, a well-nigh perfect coin, the most beautiful of all the facing-head tet-radrachms of Amphipolis and one of the prettiest of all ancient Greek coins. Extremely fine.
From the Thessalonica Region Hoard of 1965 (Coin Hoards I, 37). This coin is unquestionably one of the great masterpieces of Greek numismatic art, and is surely one of the loveliest. Facing heads were very difficult to engrave, and only the very best, or most confident, die cutters attempted to do them. First used successfully on coinage in late 5th century Sicily (as above, 68, 74, 108), there was a great vogue for such heads in the 4th century, the best known being those on coins from Rhodes, Amphipolis, Ainos, Klazomenai and Larissa. On the whole, those from Amphipolis were the best made, by engravers of great ability, though often with highly varied ideas about how Apollo should look. In some cases he has the toughness of an athlete, while in others he can be very delicately portrayed. The present coin shows us a very young Apollo of a dazzling, ideal beauty, without, however, even a hint of either the staring intensity which makes him clearly godlike on some Amphipolis dies, or the insipidity which appears on others.

82713.jpg

  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Menelao dice:

 

82713.jpg

Che meraviglia ... un tripudio di bellezza

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

838089360_dracmanaxos2.png.0b40a5240c6b2d0448f3a9ae795e5daf.png

NAXOS dracma arcaica (530 - 510 aC,) ; CALKIDIAN DRACM una delle monete più ambite dal grande collezionismo internazionale che focalizza le monete greche: Dioniso al diritto e il grappolo d'uva al rovescio con l'etnico NAXION retrogrado.

Naxos è ritenuta la prima colonia greca ad essere fondata in Sicilia nel 735 a.C dall'etnia Calcidese, proveniente dalla città di Calcide nella lontana Eubea in Grecia, di stirpe ionica.

Occorre precisare che la marineria euboica e segnatamente quella calcidese, a far data almeno dal 1000 a.C. esplorava man mano l'intero mediterraneo in concorrenza quasi sempre amichevole con i Fenici e i Rodii, e tutte e tre queste marinerie  erano era padrone delle rotte e dei commerci nel mondo antico del mediterraneo.

Calcide ha una storia antichissima. Le sue prime tracce abitative, secondo le scoperte archeologiche, risalgono al paleolitico e la sua prima forma di città risale all'inizio del neolitico, attorno al 3000 a.C. Viene citata da Omero nell'Iliade; secondo il poeta, Calcide ha partecipato nella spedizione a Troia con 40 navi comandate da Elefenore.

Fu abitata da genti di stirpe ionica. I Calcidesi fondarono numerose colonie nel Mar Mediterraneo soprattutto in Italia e in Sicilia, stringendo intensi legami commerciali e culturali con gli Etruschi. Gli Etruschi usavano come alfabeto quello Calcidese. Fra l'VIII e il VII secolo a.C. nella sola Italia peninsulare e insulare nacquero:

 

Osservate di seguito la somiglianza del profilo della moneta con le figure di questa ceramica calcidese:

Chalkidian_Hyria_by_the_Inscription_Painter_Staatliche_Antikensammlungen_Munich_4.thumb.jpg.64d35cbf717de848cdba52df994a1460.jpg

potete vedere che il profilo della figura nera in primo piano è quasi uguale a quella della monete sopra postata: Pittore delle iscrizioni, hydria a figure nere, Monaco di Baviera, Staatliche Antikensammlungen 596. ESEMPIO INSIGNE DI CERAMICA CALCIDESE DI PROBABILISSIMA PROVENIENZA REGGINA (Reghion) ove il pittore delle iscrizione visse e produsse ceramiche meravigliose.

 

Pittore delle iscrizioni è il nome convenzionale attribuito al ceramografo greco antico considerato caposcuola dello stile che Andreas Rumpf, lo studioso che per primo lo ha individuato e classificato, ha chiamato calcidese. Attivo tra il 560 e il 530 a.C.. probabilmente a Reghion ove sono state rinvenute una copiosa quantità di ceramiche calcidesi in genere e numerose di questo pittore. il Pittore delle iscrizioni ha decorato a figure nere vasi di grandi dimensioni come anfore, hydriai, e crateri. Ancora non si conoscono le sue origini; si ritengono opere già mature quelle fino ad oggi attribuite, quindi rimane sconosciuto il periodo di formazione dell'autore; il nome deriva dalle iscrizioni in alfabeto calcidese presenti nel gruppo di vasi a lui attribuiti e chiamato Gruppo delle anfore iscritte.

Il Pittore delle iscrizioni è dotato di un originale senso decorativo, che assegna maggiore importanza alle ampie zone colorate rispetto ai contorni e ai dettagli interni delle figure; anche il rapporto tra la forma e la decorazione, tra le zone chiare non dipinte e gli scuri della rappresentazione sono resi in modo attento ed equilibrato. Le  influenze corinzie sono numerose, ma giunte attraverso la mediazione attica.

SENZA APPROFONDIRE QUESTI TEMI È DIFFICILE COMPRENDERE A PIENO L'ARTE, LA CULTURA E I CONTESTI STORICI E GEOPOLITICI DEL MONDO GRECO ITALIOTA E SICELIOTA...QUINDI ANCHE DELLE RELATIVE CONIAZIONI.

UN MONDO INTERO SI APRE E SI RIVELA AL NUMISMATICO CURIOSO ED APPASSIONATO DELLE MONETE DEL MONDO ANTICO.

(Continua...)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dracma_Naxos_Dioniso_uva_vite.jpg.8539e1e629187946bf2ac1790f9c5139.jpg

 

Postiamo un altro tipo della dracma Calcidese di Naxos (città siceliota...cioè dei Greci antichi in Sicilia) emessa intorno al 520 a.C.

E'  stata licitata recentemente il 1 ottobre scorso alla NAC di Zurigo...stima intorno ai 60.000 franche mi pare...ha realizzato 90.000 fr. sv. 

I tratti arcaici del profilo umano sono tipici e impossibili da non riconoscere...e in questi tratti arcaici trova fondamento il fascino di questa moneta...peraltro non di grande modulo. Il profilo rappresenta Dioniso (il Dio del vono e dell'ebrezza...dell'irrazionale insito nell'uomo) e al rovescio il grappolo d'uva simboleggia la materia da cui trarre il vino.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco una moneta importante , significativa non solo per la bellezza monetata e qui fissata dall'incisore in metallo nobile.

E' una quadrupla pontificia: monete d'oro di grande modulo...rarissime sopra tutto in grande conservazione...di interesse anche  internazionale.

italian-states-rome-papal-state-5217511-O.jpg.a08de564171ffb58a7b34be1c31959d7.jpg

Questa quadrupla papale di Clemente IX mostra al diritto (in realtà rovescio) lo stemma del pontefice; al rovescio (o diritto) la Vergine su crescente lunare: CANDOR LUCIS AETERNAE. Moneta di grande rarità...(almeno R3 a voler essere severi) e in grande conservazione, siamo intorno al FdC e probabilmente il miglior esemplare conosciuto o, sicuramente, il migliore comparso negli ultimi 25 anni, sussiste comunque una leggera sofferenza del metallo al rovescio a dx  nel campo...probabile incidente di produzione con la tecnica a rullo che, almeno , è inconfutabile sintomo di autenticità, considerando che le quadruple papali   state oggetto di falsificazione atteso il loro costo e l'interesse che suscitano nella numismatica operativa.

Abbiamo insistito sulla conservazione perchè con i rilievi integri è possibile valutare la piena bellezza dell'immagine incisa e lo splendore del barocco...che allora, nel periodo della coniazione di questa moneta;  era uno stile e un movimento di modernità nobilitato a Roma dal Bernini e dal Borromini.

Le quadruple papali riscuotono da sempre e, segnatamente da qualche anno, il favore del collezionismo di elite...atteso che solo quel mondo può permettersele, in realtà vorremo possederle in molti.

Hanno un fascino particolare che potrebbe anche essere descritto nella radice...ma lo faremo un'altra volta: ora occupiamo ci di questa moneta.

Questa moneta e la Storia.

La seconda cosa che può dare corpo alla bellezza sopra decantata è...il crescente lunare che lungi dall'essere solamente un escamotage estetico è, in realtà, un simbolo di antico e colto significato come vedremo di seguito.

Il Concilio di Efeso, sulla base di forti pressioni popolari che "reclamavano" per l'assenza di "divinità femminili" nel Cristianesimo, proclamò MARIA "Madre di Dio". Tale rassicurante e superstiziosa venerazione colmava il "vuoto" lasciato dalle varie Dee della religione pagana. Maria prese dunque il posto, nella devozione popolare, di Diana, Iside, Artemide, e varie altre dee.

Maria nacque senza peccato?   

  “Quando una donna sarà rimasta incinta e darà alla luce un maschio, sarà immonda per sette giorni; . . . Quando i giorni della sua purificazione . . . saranno compiuti, porterà al sacerdote all’ingresso della tenda del convegno un agnello . . . Se non ha mezzi da offrire un agnello, prenderà due tortore o due colombi: uno per l’olocausto e l’altro per il sacrificio espiatorio. Il sacerdote farà il rito espiatorio per lei ed essa sarà monda”. (Lev. 12:2, 6, 8) “Quando venne il tempo della loro purificazione secondo la Legge di Mosè, [Giuseppe e Maria] portarono il bambino [Gesù] a Gerusalemme per offrirlo al Signore . . . e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o di giovani colombi [una come olocausto, l’altra come offerta espiatoria per Maria”.
  Luca 2:22, 24.

496829086_Madonnacrecente.thumb.jpg.3288f5b59efab59e81f375680d1f37df.jpg

 

tuttaviamoon_goddess-230x300.jpgltlt

Nascente luna, in cielo esigua, come il sopracciglio della giovinetta. Gabriele D'Annunzio, Lungo l'Affrico, da Alcyone.

La luna crescente è la luna della speranza...e della promessa così come i fedeli imploravano Artemide e poi Maria madre di Gesù: pensare alle partorienti e non solo...pensate agli innamorati..ma pensate anche a chi invocava il ritorno dal mare per i propri mariti e per i propri padri.

Pensate a Telemaco...sulla spiaggia di Itaca, giusto erede, ad attendere Ulisse e ad invocare gli Dei, con la luna crescente,  a protezione e a svelare la promessa.

Sono convinto che la numismatica non può e non deve essere solamente disquisizione tecnicatuttavia specifica: incisore, variante, lettere da una parte o lettere diverse dall'altra, metallo, difetti, rarità...ma rivestono contenuto estetico, artistico e storico, quindi culturale notevole che, purtroppo, spesso viene ignorato anche se le monete più importanti e non solo, hanno sempre riferimenti afferenti la storia dell'arte e della cultura che non andrebbero ignorati.

Per comprendere le monete occorre sopra tutto formare un occhio attento e colto..oltre il solo metallo. Lo stile e le incisioni sono    importanti come il metallo per capire le monete stesse, falsi compresi.

INFO:  abbiamo duplicato qui questo post con qualche accrescimento e già pubblicato nella Sezione competente di questo forum nell'intento di promuovere questa discussione sulle monete più belle nel mondo...che ha il principale scopo di accrescere l'occhio e la cultura degli appassionati, correlando le monete più affascinanti al periodo storico coevo e alla storia dell'arte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now