Sign in to follow this  
Piakos

Mikrà Kermata

Recommended Posts

Il termine, in  greco antico o classico, “kermata” , richiamato da molti autori a far data dalla seconda metà del V secolo a.C. trova la sua comune traduzione nella parola italiana: "frazione".
Rispetto ai nominali maggiori in argento, come il tetradramma e la didramma (monete di valore significativo che potevano essere anche tesaurizzate), le frazioni in argento nel mondo greco avevano la funzione di consentire spese correnti e quotidiane ed avevano pesi sotto il grammo che oscillavano a seconda dei ponderali da 0.90 (litre e oboli del mon do greco antico) sino a poco più di 0,10 grammi (onkia).
Lo storico Teopompo di Chios narra che Cimone, stratega ateniese, era aduso passeggiare in insieme a due giovani “manutengoli” al fine di tenere le monete, exontas kérmata, che Cimone stesso doveva utilizzare al mercato, per pagare il biglietto d'ingresso a teatro, per gli acquisti quotidiani, per il bordello, per i pasti fuori dalla sua casa.

 

Postiamo un esempio di frazione: tetras o trionkion.

Al diritto testa di nifa a sinistra, al rovresccio chicco d'orzo fra tre pallini che fungono da segno del valore.

(Siclia antica fine del V sec. a.C. / inizi del IV a.C.).

Trattasi di frazione coniata probabilmente a Panormos (Palermo) dai cartaginesi.

post-208-0-91271200-1392758476.jpg Carthago inSicilia trionkion

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this