Vai al contenuto
bubbolo

Treboniano Gallo - Antoniniano

Recommended Posts

Ho questo antoniniano di Treboniano che presenta alcune particolarità :

post-244-0-21959100-1404550574_thumb.jpg

sotto il busto c'è un numero VI, lo stesso che si può vedere all'esergo del rovescio. ( sulla foto non è chiaro ma dalla moneta è lo stesso VI )

Non ne ho trovato altri con questa particolarità. (wildwinds è irraggiungibile. Hanno avuto problemi per attacchi informatici, se ho capito bene il messaggio, la pagina è questa :   http://wildwinds.com/coins/ric/i.html     ma non si apre niente)

pensavo fosse stato coniato a Roma,  poi ho trovato questo( la moneta è un'altra ma i numeretti sotto il busto e all'esergo ci sono anche qui:

post-244-0-59214400-1404551285_thumb.jpg

la descrizione mi dice Antiochia.

"Trebonianus Gallus. AD 251-253. Antoninianus (21mm, 3.85 g, 12h). Antioch mint, 7th officina. Radiate, draped, and cuirassed bust right; VI below / Aequitas standing facing, head left, holding scales and cornucopia; IIV in exergue. RIC V 80; RSC 8."  ex  CNG

 

Chiedo lumi

Grazie ( Rick ? , Claudio ? )

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cercando su acsearch vedo che tutte le monete con all'esergo dei puntini, due tre o quattro sono date alla zecca di Antiochia.

Credo che dopo i quattro si sia passato ai numeri romani per indicare l'officina.

Il tipo con IVNO MARTIALIS seduta e senza segni di officina viene dato sia ad Antiochia che a Roma o a Mediolanum.

(Chi compila i cataloghi delle aste non sta troppo a preoccuparsi di "simili inezie". Va bene tutto e "così è, se vi pare" )

Ne ho trovata un'altra come la mia:

post-244-0-27381400-1404559468_thumb.jpg

classificata(RIC 83 / cf. RSC 47) -

Alla fine tra i 239 antoniniani di acsearch con VI ne ho trovati tre.

Mi sono quindi già risposto da solo.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

la zecca di antiochia di solito ha uno stile particolare , come quella di viminacium che opera sotto valeriano

 

io andrei comunque con il ric anche se le attribuzioni del ric a volte posson esser sbagliate o noi non sappiamo usarlo

 

per quanto riguarda i segni di officina per roma iniziano con gallieno ad apparire spesso , ma anche li non son molto intuitive 

 

wildwinds sara online nei prox giorni 

 

comunque per me quel VI non e` l officina 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho visto sotto il busto e all'esergo globetti in  numero variabile da uno a quattro sempre gli stessi sia al D/ che al R/

Poi ho visto VI al D/ e IIV al R/ e VI sia al d/ che al R/

Se non sono l'officina che cosa potrebbero essere ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

potrebbero anche esser l officina 

 

comunque i simboli sulle monete nascono in questo periodo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che il numero indichi l'officina di Antiochia.

Io ho questo di Treboniano con VII; è il RIC 92.

 

20210110_142948.jpg

20210110_142900.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@elia benvenuto  sul  forum 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie; un saluto a Tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@elia benvenuto anche da parte mia.

Complimenti per l'antoniniano. La tua classificazione è corretta: zecca di Antiochia RIC 92 con "segno di zecca VII sia al diritto sia al rovescio.

Ci sono alcune interpretazioni relative a questi segni presenti sia al diritto sia al rovescio. Ritengo anch'io che possano essere segni d'officina utilizzati in quel momento ad Antiochia.

Al rovescio i segni possibili sono: i pallini (da 1 a 4), VI, VII, IIV, IV.

Cosa vogliono dire esattamente?

  • 4 officine dove IIV è equivalente a 3 pallini e IV a 4 pallini? VI, e VII sarebbero invece scritte retrograde a significare  sempre 3 e 4? Ma perché scrivere 3 nel modo assurdo IIV invece di III e perché usare a volte i pallini e il numero?
  • Oppure 7 officine dove le prime 4 sono indicate con i pallini e poi VI (o IV retrogrado) e VII ( o IIV retrogrado)? Perché poi manca la l'officina 5? Potrebbero venire dall'officina V monete senza alcun simbolo o quella che era chiamata 5 si occupava d'altro (es. realizzazione di attrezzature, manutenzione)?
  • Qual è invece il significato dei segni al diritto (spesso non corrispondenti a  quelli al rovescio)?

Le domande sono molte ed è difficile dare una risposta esaustiva...

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @elia, benvenuto anche da parte mia e di tutto lo staff del forum!

@Ross14, mi ha fregato in velocità, sottoscrivo tutto quello che ha spiegato.

Ed infine complimenti per la moneta, ancora ben leggibile ed affascinante.

Ave!

Quintus

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Quintus dice:

Ciao @elia, benvenuto anche da parte mia e di tutto lo staff del forum!

@Ross14, mi ha fregato in velocità, sottoscrivo tutto quello che ha spiegato.

Ed infine complimenti per la moneta, ancora ben leggibile ed affascinante.

Ave!

Quintus

Grazie,  l'antoniniano della zecca di Antiochia l'ho preso per caso: era in un lotto di Antoniniani di Treboniano Gallo con l'indicazione della zecca di Mediolanum, come questo:

 

20210110_204529.jpg

20210110_204520.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, elia dice:

Grazie,  l'antoniniano della zecca di Antiochia l'ho preso per caso: era in un lotto di Antoniniani di Treboniano Gallo con l'indicazione della zecca di Mediolanum, come questo:

Molto bello pure questo.  🙂

Ma perché non ci racconti qualcosa della tua collezione?  Prediligi antoniniani?  Oppure ti sta "specializzando" su Treboniano Gallo?  Sono molto curioso... anche perché le 2 monete che hai postato sono niente male!

Ave!

Quintus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@elia

Bellissimo antoniniano, congratulazioni. Mi piace molto.

IMP CAE C VIB TREB GALLVS AVG

Con CAE al diritto in luogo della sola C è piuttosto raro.

Sono con il telefono e non riesco a consultare il RIC ma il British darebbe zecca di roma Ric 35.

https://www.britishmuseum.org/collection/object/C_1937-0509-948

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
43 minuti fa, Quintus dice:

Molto bello pure questo.  🙂

Ma perché non ci racconti qualcosa della tua collezione?  Prediligi antoniniani?  Oppure ti sta "specializzando" su Treboniano Gallo?  Sono molto curioso... anche perché le 2 monete che hai postato sono niente male!

Ave!

Quintus

Colleziono da poco tempo monete antiche; prima facevo solo, per tradizione di famiglia, moderne (Regno e altro).

Qualche anno fa mi sono affacciato alla monetazione precedente.

Ho cominciato a comprare senza cognizione, ma solo con occhio al portafoglio e alla qualità della moneta, denari repubblicani, nel senso che, senza spendere cifre esagerate, potevo trovare monete comuni, ma in conservazione splendida o anche più. Non ero un collezionista,  all'inizio non badavo più di tanto alla rarità, ma uno che comprava la moneta che gli piaceva. In seguito ho trovato qualche denario imperiale.

Poi, la cosa ti prende la mano, cominci a studiare e vorresti ampliare; così, ho cominciato a prender anche altro.

So molto poco sugli antoniniani; come dicevo, ho preso un paio di lotti, solo perché erano della zecca di Milano; oggi ho catalogato quelli di Quintillo, ma ho trovato anche altre zecche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, elia dice:

Colleziono da poco tempo monete antiche; prima facevo solo, per tradizione di famiglia, moderne (Regno e altro).

Qualche anno fa mi sono affacciato alla monetazione precedente.

Ho cominciato a comprare senza cognizione, ma solo con occhio al portafoglio e alla qualità della moneta, denari repubblicani, nel senso che, senza spendere cifre esagerate, potevo trovare monete comuni, ma in conservazione splendida o anche più. Non ero un collezionista,  all'inizio non badavo più di tanto alla rarità, ma uno che comprava la moneta che gli piaceva. In seguito ho trovato qualche denario imperiale.

Poi, la cosa ti prende la mano, cominci a studiare e vorresti ampliare; così, ho cominciato a prender anche altro.

So molto poco sugli antoniniani; come dicevo, ho preso un paio di lotti, solo perché erano della zecca di Milano; oggi ho catalogato quelli di Quintillo, ma ho trovato anche altre zecche.

Io ho iniziato con qualche denario imperiale per poi passare ad acquisti "a tutto tondo". 🙂

Solo da un paio di anni sono passato a quasi solo sesterzi e follis tetrarchici... perché io sono uno "smanazzone" ed in mano, le monetone, mi danno molta soddisfazione.  Anche se le belle monete mi attraggono, sia che siano silique o piccoli nummi.

Spero vorrai condividere con noi le tue "bellezze"... mi ha veramente incuriosito.  E poi, se possiamo esserti utili in qualche modo... siamo qui!

Ave!

Quintus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie, Quintus. 

Anche a me piacciono i sesterzi; ne ho qualcuno, ma aprirò altre discussioni, per non inquinare questa.

Buona serata!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
51 minuti fa, Ross14 dice:

@elia

Bellissimo antoniniano, congratulazioni. Mi piace molto.

IMP CAE C VIB TREB GALLVS AVG

Con CAE al diritto in luogo della sola C è piuttosto raro.

Sono con il telefono e non riesco a consultare il RIC ma il British darebbe zecca di roma Ric 35.

https://www.britishmuseum.org/collection/object/C_1937-0509-948

 

Sì, hai ragione; pure questo non è di Milano.

Io non ho il RIC: come si distingue il RIC 35 dal RIC 69?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, elia dice:

Sì, hai ragione; pure questo non è di Milano.

Io non ho il RIC: come si distingue il RIC 35 dal RIC 69?

 

La differenza sta nella legenda al diritto:

RIC 35: IMP CAE C VIB TREB GALLVS AVG coniata a Roma

RIC 69: IMP C C VIB TREB GALLVS AVG coniata a Milano

Il database del British Museum definisce però come zecca Roma per entrambe le versioni (RIC 35 e 69). Non so perché ci sia questa differenza: si consideri che l'archivio online del British è estremamente preciso ed autorevole. Ecco un esempio di come viene catalogata la ric 69 dal British:

https://www.britishmuseum.org/collection/object/C_1937-0509-1035

Per la tua il RIC riporta R2: veramente non male considerando che questo livello di rarità, spulciando nei database delle aste e del British (1 solo esemplare per quest'ultimo!), pare corrispondere a realtà.

In ogni caso riporto i due stralci del RIC.

image.png.424e2a6701f2f74618d6d00273c20d95.png

image.png.33b59a21cee5c2e2a6b88a383c64d6da.png

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, mi sembrava proprio che la differenza  tra Roma e Milano fosse nella legenda, avendo letto questa discussione su un forum estero:

https://www.cointalk.com/threads/question-about-the-mediolanum-mint-issues-of-trebonianus-gallus.332837/

Non ne ero certo perché nelle aste non vanno tanto per il sottile (a me hanno dato un lotto di 4 monete, ma solo due sono di Milano) e su wildwinds sia per il RIC35, sia per il RIC69 riportano CC e non CAE sia nel testo che nella foto; il Sear ha solo un tipo con IVNO MARTIALIS al 9631, che corrisponde al RIC 69 e riporta "Uncertain Mint".

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho ritrovato, nel marasma delle mie monete, un antoniniano che mi ricorda qualcosa... in brutto.

2t.jpg.c785f95f6c34bb10e6e4c6e379f1c7a6.jpg3t.jpg.5163a0a2974778a4aaf1d2c108fdc3c8.jpg

Vi ricorda nulla?

Pagato una follia... quasi 30€. 😛

Ave!

Quintus

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Quintus dice:

Ho ritrovato, nel marasma delle mie monete, un antoniniano che mi ricorda qualcosa... in brutto.

2t.jpg.c785f95f6c34bb10e6e4c6e379f1c7a6.jpg3t.jpg.5163a0a2974778a4aaf1d2c108fdc3c8.jpg

Vi ricorda nulla?

Pagato una follia... quasi 30€. 😛

Ave!

Quintus

È la versione con C C che il ric assegna a Milano e il BM sempre a Roma. Con questa legenda è molto più  comune di quello do @elia ma, pur con una consunzione maggiore, risulta pienamente godibile.

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
47 minuti fa, Ross14 dice:

È la versione con C C che il ric assegna a Milano e il BM sempre a Roma. Con questa legenda è molto più  comune di quello do @elia ma, pur con una consunzione maggiore, risulta pienamente godibile.

Esatto... è l'unico antoniniano di Treboniano in mio possesso.  In mano è decisamente meglio, questa è la foto del venditore.  Sovraesposta e di minuscole dimensioni.

Mi state facendo tornare la voglia di riprendere anche antoniniani e denari.  😞

Ave!

Quintus

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×
×
  • Crea Nuovo...