Sign in to follow this  
carledo49

Ottavo di scudo di Carlo Emanuele III 2° tipo

Recommended Posts

          Carlo Emanuele III     ottavo di scudo  2° tipo

 

Argento 904/1000  

Peso  gr. 4,35  

Diametro  24 mm   

zecca di Torino

Al D  semibusto del sovrano rivolto a sinistra con corazza, mantello e lunga capigliatura  circondato da:

CAR. EM. D. G. REX. SAR. CYP. ET. IER.   Nell’esergo 1755

Al R scudo rotondo inquartato sormontato da corona e caricato al centro da un ovale contenente l’aquila di Sicilia con scudo sabaudo crociato sul petto il tutto avvolto dal collare dell’Annunziata e circondato da:  DVX. SABAVD: ET. MONTISFER. PRINC. PEDEM. &.

Moneta proveniente da collezione privata (presenza di piccolo appiccagnolo rimosso)

 

post-234-0-12345300-1407052762_thumb.jpg       post-234-0-54763100-1407052808_thumb.jpg

 

 

L’ottavo di scudo del 2° tipo, oltre a valere un ottavo dello scudo da 6 Lire,  corrispondeva a 15 soldi.

I nuovi nominali d’argento di questo sovrano, coniati a partire dal 1755, sono stati emessi per numerosi millesimi e in discrete quantità:

SCUDO da 6 Lire per 9 anni per un totale di 230 mila esemplari

MEZZO SCUDO per 18 anni per un totale di 3 milioni  di esemplari

QUARTO DI SCUDO per 18 anni per un totale di 3 milioni e 900 mila esemplari

OTTAVO DI SCUDO per 4 anni per un totale di 116 mila esemplari (sono a tutti gli effetti i più rari di tutti, soprattutto con millesimi 1757-58).

 

Come spiegarsi, per una moneta così “popolare” e largamente utilizzabile, una coniazione così breve e striminzita?

Ipotizzo un risparmio d’argento della Real Casa Savoia con la contemporanea coniazione delle monete in bassa mistura da 7,6 soldi che equivalevano alla metà dell’ottavo di scudo e ad 1/16 dello scudo da 6 Lire.

Gli esemplari emessi, nei quattro anni di coniazione dell’ottavo di scudo, sono ben 15 milioni di pezzi in totale, dando modo alla popolazione di usufruire in maniera organica di una buona pezzatura. Due monete da 7,6 soldi corrispondevano all’ottavo di scudo con pure minori problemi di resto al momento di acquisti. Piuttosto pratico!

Carlo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Carlo,

è sempre un piacere leggere i tuoi topic.

E' giusto riflettere sull'ultimo punto messo in evidenzia da Carlo 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Carlo scripsit:

Ipotizzo un risparmio d’argento della Real Casa Savoia con la contemporanea coniazione delle monete in bassa mistura da 7,6 soldi che equivalevano alla metà dell’ottavo di scudo e ad 1/16 dello scudo da 6 Lire.

 

Ciao Carlo, sempre ben felice di leggere i tuoi contributi e la tua ipotesi è più che plausibile.

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this