Guest elledi

ACINO

Recommended Posts

Guest elledi

ACINO: Il termine acino, indica i semi di uva o di alcune graminacee che anticamente venivano utilizzati nelle zecche, allo scopo di regolare il peso delle monete auree nell’ordine dei centesimi di grammo. Questa singolare pratica rimase in uso nell’Italia meridionale fino alla definitiva chiusura delle zecche borboniche. Con Acino si intendeva anche la ventesima parte di un Tarì in oro, misura di origine araba che successivamente assunse per noi il significato di una misura pari a 0,89 grammi. Di conseguenza un acino corrispondeva a circa 4,445 centigrammi, cioè 18,93 grammi di oro avente titolo 996/1000. Dunque, 425 acini. Il tutto corrispondeva, ai tempi di re Ferdinando II di Borbone (1830-1859) ad una moneta in oro da 15 ducati. Per tale motivo il Ducato d’oro borbonico veniva considerato una moneta fuori dal tempo, in quanto riferibile ad una metrologia oramai in disuso nel resto del continente europeo.

by elledi, 07.02.2013

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora