Guest elledi

ACMONITAL

Recommended Posts

Guest elledi

ACMONITAL: abbreviazione di Acciaio Monetario Italiano. (ACciaio MONetario ITALiano ). Costituito da una lega di acciaio inox al cromo nichel (Ferro 81,75% e Cromo 18,25%) con all’interno percentuali di molibdeno e vanadio. E’ la lega usata in Italia per la coniazione delle monete a partire dal 1937. E’ stato utilizzato per tutte le monete della serie impero del Regno d’Italia dal valore di 20 centesimi fino alle 2 lire. La Repubblica Italiana ha utilizzato l’acmonital per le monete da 50 e 100 lire e per la parte interna delle monete da 500 lire dal 1953 fino al 2001. L’acmonital è essenzialmente composto da acciaio, nichelio, cromo e vanadio in proporzioni variabili; normalmente magnetico,  viene attratto dalle calamite; questa proprietà si riduce man mano che la percentuale di nichelio nella lega si alza. Dopo la campagna d’Etiopia (1935-1936) i materiali metallici scarseggiavano. Allo scopo di evitare l’uso del rame e del nichel, venne deciso di commissionare ad un apparato industriale del Nord Italia la realizzazione di un tondello “autarchico” possibilmente composto da acciaio ed altri elementi minori. Nacque così il tondello in acmonital. Il Professor Giampaoli venne incaricato di eseguire delle prove di conio, rese difficili dal fatto che l’acmonital è un metallo durissimo ed è pressochè impossibile procedere alla coniazione di monete dai rilievi alti.

by elledi, 07.02.2013

foto di  ilcollezionista.myblog.it

post-0-1392072597,84_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora