Recommended Posts

Piombino, come Terni e come Taranto, sta vivendo momenti difficili; l'economia che li accomuna, basata sulla siderurgia è in un momento di grave difficoltà.

Piombino, in particolare, vede in crisi un'attività che non solo da vita a migliaia di persone, ma che ha un particolare valore storico e costituisce il leit motiv produttivo di quest'area,, visto che qui si lavora il ferro ininterrottamente da oltre 2600 anni.

Così importante, sin dagli inizi, fu questa attività che gli etruschi di Populonia  dedicarono al ferro, al dio che lo simboleggiava ed agli strumenti di lavoro una moneta.

 

post-334-0-15023600-1415382057_thumb.jpg

 

 

post-334-0-32937600-1415381316_thumb.jpg

 

D/ testa di Efeso

R/ pinze da ferro, martello e globetti indicanti il valore; sotto PVPLVNA

 

Per quanto ne so, non è comune che su monete si trovino strumenti di lavoro (mi viene in mente un denario romano con gli strumenti dello zecchiere) e quindi vorrei iniziare questa discussione invitando gli amici del forum a indicare altre esempi, in particolare nella monetazione antica.

Vorrei, si parva licet, dedicare questa discussione a chi non ha ancora un lavoro, a chi l'ha perduto, a chi rischia di perderlo e a chi ce l'ha precario, con l'augurio che questi difficili momenti possano essere superati.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Visto che l'ho accennato, unisco l'immagine del denario, con, non a caso, strumenti analoghi a quelli populoniesi.

 

post-334-0-53986500-1415383071_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao @@Lugiannoni anche questo denaro di Caesio http://www.tuttonumismatica.com/topic/1860-i-lares-praestites-su-un-denario-della-gens-caesia/ è strettamente connesso al fuoco e ferro...infatti nel rovescio, in alto, troviamo il piccolo volto di Vulcano, che forgiava le armi degli dei, infatti accanto al volto troviamo le tenaglie..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il ferro dell'Elba...Populonia.

I Calcidesi (di stanza nell'emporio di Ischia, almeno dalla fine dell'VIII sec. a.C. e i Rodii stanziatisi  sull'isolotto di Castel Dell'Ovo forse sullo scorcio del IX a.C., in compagnia dei marinai e dei commercianti del Levante (in quanto per definizione l'emporion non era un approdo chiuso) rischiavano la vita su navi dal difficile governo nautico, per il ferro etrusco.

Tempi d'eroi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

@@Piakos,

Infatti a Pithecusa è stato trovata dell'ematite elbana, che molto verosimilmente è passata per il tramite di Populonia, che dell'Elba aveva il controllo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now