Sign in to follow this  
rick2

denario suberato repubblicano con simbolo

Recommended Posts

mi aiutate a identificare questo suberato

vi faccio notare che dietro la testa c e` un simbolo che pare un bastone 

sarebbe interessante confrontare questo con un denario originale con lo stesso simbolo e vedere cosa ne esce

 

non son sicuro di aver gia` postato la moneta 

post-329-0-72553400-1424967569_thumb.jpg

post-329-0-22802600-1424967574_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Rick.

Il denario suberato da te presentato in questo topic è il seguente:

 

Autorità: C. Vibius Varus.

D/ Testa laureata di Ercole barbuto rivolta a destra.

R/ Minerva armata stante a destra, regge con la mano sinistra una Vittoria, mentre con l'altra tiene una lancia. Intorno, C. VIBIVS - VARVS.

Riferimenti: Crawford, 494/37; Babelon "Vibia", 23.

Luogo ed anno di emissione: Roma, 42 a.C.

Rarità: R.

 

Ecco una foto (ex Gemini VIII, lotto 236) dello stesso denario a titolo di esempio:

 

post-156-0-53013300-1425750169_thumb.jpg

 

In definitiva, per rispondere anche all'altra domanda, quella riguardante il presunto simbolo, ti faccio presente che non vi è alcuna sorta di simbolo dietro la testa di Ercole, ma quello che tu hai scambiato per un bastone altro non è che ciò che rimane dei lacci che pendono dal nodo della corona di alloro indossata dalla figura del semidio, come potrai ben notare dall'immagine allegata.

Spero di esserti stato d'aiuto.  ;)

Edited by Caio Cesare Germanico

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao @@Caio Cesare Germanico complimenti per l'identificazione. .

Colgo l'occasione per chiederti: secondo te il denario di @@rick2 è uscito dalla zecca ufficiale di Roma?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Admin,

 

grazie per i complimenti. La questione delle monete suberate, come saprai, non è del tutto chiusa. Le tesi principali sono due: la prima, vuole che i suberati siano dei falsi, quindi non approvati dall'autorità centrale; la seconda, invece, li considera come emissioni realizzate con coni "originali", non prodotti da falsari, a causa di particolari esigenze economiche e politiche. Personalmente, sarei più vicino alla seconda ipotesi, in quanto molti denari suberati (tra cui penso possiamo inserire anche questo di Rick) presentano un'accurata esecuzione, anche a livello stilistico, dei dettagli dei soggetti effigiati e questo mi porta a pensare che il conio utilizzato per la battitura sia stato realizzato da artigiani specializzati (che troviamo presso le zecche "autorizzate"). Credo quindi che l'emissione di suberati sia legata a qualche fattore storico-economico che portò lo Stato alla produzione di suberati per incrementare il numerario di circolante per affrontare al meglio grandi spese in periodi o zone geografiche particolarmente critici.

 

Nel caso in questione, parliamo del denario di Rick: questo tipo fu emesso nel 42 a.C., come ho detto nel primo messaggio, anno in cui si combatterono, sul piano storico, le due battaglie di Filippi, in Macedonia, che videro contrapposti i partiti dei Cesaricidi (Bruto e Cassio) e i Cesariani (Ottaviano e Marco Antonio). La guerra civile che si combatteva in questo periodo portò alla creazione di grandi eserciti e, si sa, per mantenere tutti questi uomini c'era bisogno di denaro (per vettovaglie, trasporti, paghe e armamento in generale). Questa situazione di conflitto portò lo Stato, cioè i partiti rivali, ad avere costante bisogno di denaro, coniato dai magistrati che apposero i propri nomi sulle monete. In questo caso, Vibio Varo fu magistrato monetale schierato dalla parte di Ottaviano e dunque lavorava e coniava monete per il sostegno del partito dei Cesariani. Non è da escludere, dunque, che l'emissione suberata di cui stiamo disquisendo sia stata realizzata dall'autorità centrale (Ottaviano) per far fronte alle particolari esigenze e spese che comportava lo stato di guerra (le battaglie di Filippi).   

Edited by Caio Cesare Germanico

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie !

i conii son diversi 

 

 

comunque aggiungo anche la mia 

 

in un sistema monetario basato sull aureo (e sul credito) con un economia in espansione puoi arrivare ad una situazione di scarsita` di metallo , questo esacerbato anche da una bilancia dei pagamenti (contro l india) in deficit

a questo punto o si ha una situazione di crisi bancaria derivante dalla scarsita di circolante (che e` successa sotto tiberio in italia) oppure deflazione (nerone con la svalutazione del 54 ha fatto il primo esperimento di quantitative easing) 

con conseguenze negative sull economia

 

come si risolve ?

 

si mantiene la convertibilita` dell aureo a 25 denarii o 100 sesterzi per decreto ma si emettono denarii suberati necessari per far funzionare l economia e provvedere alle necessita` del circolante

 

una cosa simile ma concettualmente diversa secondo me succede anche sotto gallieno , si mantiene la convertibilita` dell antoniniano in aurei e questo consente l emissione di quantita` di moneta eccessiva fino a che il mercato non accetta piu`, la moneta si svaluta e ritornano a circolare monete precedenti che vengono tesaurizzate (gordiani e sesterzi)

Share this post


Link to post
Share on other sites

una cosa simile successe anche nel 1793 durante la rivoluzione francese con gli assignat

ed e` la ragione per cui la banconota si affermo` solo agli inizi del 1900 quando l economia era in espansione massiccia dovuta a grandi cambiamenti tecnologici legati a elettricita` e chimica (seconda rivoluzione industriale)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche io la penso come te @@Caio Cesare Germanico nel senso che alcuni suberati repubblicani sono usciti dalla zecca ufficiale di Roma e questo è un dato di fatto

Alcuni ritengo che se Roma in particolari momenti di crisi coniava denari suberati allora dovevano essere tutti così e non si dovevano ritrovare contemporaneame denari "puri" e denari "suberati". Io penso che se la zecca in particolari momenti doveva fronteggiare un improvviso aumento di coniazioni allora ricorreva alla tecnica dei suberati..

Share this post


Link to post
Share on other sites

E anche successivamente alla Roma Repubblicana successe la stessa cosa come ha detto @@rick2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarà un grande giorno...per tutti noi e per la Numismatica.

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this