Recommended Posts

Girellando su SIXBID ho trovato questa "cosa".

Delle due l'una: o io non sono più capace di tradurre e capire l'inglese o domattina devo correre da un bravo oculista.

Opinioni in proposito?

 

Asta ROMA NUMISMATICS limited e-22, lotto 31.

Etruria, Populonia PB Didrachm of 10 Units (or Litrai ?). Late 5th century BC. Head of Metus facing, hair bound with diadem, X below, dotted border / Blank. Cf. EC I, 8.46-7 and HN Italy 117. 8.04g, 22mm.   

Estimate: 200 GBP (282 €)  |   Starting price: 160 GBP (226 €)

post-334-0-74225900-1447273709_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

: QUESTION : e che è? mah a me non sembra neanche una moneta...

Share this post


Link to post
Share on other sites

caro Luciano:

- o hanno creduto di riconoscere qualcosa che magari ci sfugge...

- o la suggestione e la carenza di materiale spinge a valutazioni visionarie.

Non vedo alternative.

Se q.cuno svela la cosa...gli diamo una menzione.

;)  :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stranamente non venduto...

 

https://www.numisbids.com/n.php?p=lot&sid=1226&lot=20

 

non ditemi che questa non è stata una operazione commerciale?! Hanno provato a metterla su per vedere se qualche riccone russo abbocca, forte della sua ignoranza...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stranamente non venduto...

 

https://www.numisbids.com/n.php?p=lot&sid=1226&lot=20

 

non ditemi che questa non è stata una operazione commerciale?! Hanno provato a metterla su per vedere se qualche riccone russo abbocca, forte della sua ignoranza...

In effetti l'avevano già messa in vendita nell'asta precedente (ROMA NUM. X); ora ci riprovano ruotandola di 90°. Incredibile! : SILENT :

Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabilmente conferita insieme ad altre monete di Populonia...e di li la catalogazione per associazione dovuta a comune provenienza

Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabilmente conferita insieme ad altre monete di Populonia...e di li la catalogazione per associazione dovuta a comune provenienza

Quello che mi ha colpito è la descrizione puntuale e minuziosa  <Head of Metus facing, hair bound with diadem, X below, dotted border> Testa di Gorgone di fronte, i capelli legati da un diadema, sotto X bordo perlinato!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buona notte a tutti,mi sono iscritto proprio oggi anche per seguire questa sezione dedicata alla monetazione etrusca ben curata dall amico Luciano che già conosco e che saluto,per quanto riguarda l'esemplare in questione credo che la cosa più grave sia il fatto che non si tratti neanche di argento ma di piombo,il colore è proprio tipico della patina ultra secolare di questo metallo molto diffuso in forme e dimensioni simili a questo in luoghi frequentati dall'uomo in tutte le epoche.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buona notte a tutti,mi sono iscritto proprio oggi anche per seguire questa sezione dedicata alla monetazione etrusca ben curata dall amico Luciano che già conosco e che saluto,per quanto riguarda l'esemplare in questione credo che la cosa più grave sia il fatto che non si tratti neanche di argento ma di piombo,il colore è proprio tipico della patina ultra secolare di questo metallo molto diffuso in forme e dimensioni simili a questo in luoghi frequentati dall'uomo in tutte le epoche.

 

Ciao Margheludo!

Sentivo dire che con il piombo...sigilli, statuette, ecc. occorre stare attenti.

Sembra che essendo un metallo malleabilissimo si presta agli scherzzi dei pataccari che potrebbero rifilare chessò...un bel sigillo dei Crociati. Ma non dei cavalieri di Rodi o di Malta...proprio dell'Ordine del Tempio coevo al servizio reso in Palestina nel 1200.

: TEARS :

Le patine le fanno in vario modo...anche con il water...

Terribile!

: DIZZY :

Share this post


Link to post
Share on other sites

Saluto e do il benvenuto all'amico @@margheludo!

 

Hai perfettamente ragione a proposito del piombo. In merito a questo metallo, possiamo dire che a Populonia era molto utilizzato, particolarmente per realizzare candelabri, piatti e vasi.

 

Dai monti del Campigliese (colline metallifere) i populoniesi estraevano la galena argentifera e questo spiega la "precoce" produzione di monete in argento e il contemporaneo largo utilizzo del piombo.

 

Potrebbe essere anche possibile che, per motivi che per ora non conosciamo, gli etruschi realizzassero  qualcosa di simile ai gettoni, ma l'oggetto "misterioso" di cui parliamo potrebbe essere anche uno scarto di lavorazione di qualche altro oggetto in piombo.

 

Comunque, piombo o argento che possa essere, mi ha colpito la fantastica scarsa serietà della meticolosa descrizione!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche in Numismatica la fantasia non ha limiti...si possono suggestionare su a tutto pur di suggestionare, a loro volta,  le passioni del collezionista.

: LOVE :

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buon giorno,la patina sembra originale,sempre che si tratti di un pezzo di piombo,altrimenti non saprei proprio,la cosa strana è che anche coinarchives lo abbia inserito nel suo database.a proposito,digitando coinarchives nella sezione ancient coins,inserendo la parola etruria ci sono un bel po di monete interessanti da vedere.buona visione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this