Sign in to follow this  
Menelao

DALLA NUMISMATICA LA SOLUZIONE AI MISTERI DELL'APOCALISSE

Recommended Posts

L'Apocalisse: il libro più oscuro della Bibbia, pieno zeppo di misteri. L'enigma più famoso ed inestricabile posto dall'Apocalisse, ad esempio,

è quello relativo all'identità del personaggio indicato con il numero 666.

Lo sapevate che la numismatica fornisce, inaspettatamente, la soluzione di questi misteri?

https://www.academia.edu/24762775/É_Nerone_la_Bestia_dellApocalisse._Una_nuova_interpretazione_del_libro_più_misterioso_della_Bibbia

 

666_logo.jpg

Edited by Menelao

Share this post


Link to post
Share on other sites

"E vidi salire dal mare una bestia che aveva dieci corna e sette teste, e sulle corna dieci diademi e sulle teste nomi di bestemmia.

E la bestia che io vidi era simile a un leopardo, i suoi piedi erano come quelli dell'orso e la sua bocca come quella del leone; e il dragone le diede la sua potenza, il suo trono e grande autorità".

https://www.academia.edu/25033968/Sinossi_del_libro_Apocalisse._La_soluzione_dellenigma_di_Federico_De_Luca

12832340_617783765036002_5959473086311380814_n.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chi è la Bestia che marchia sulla mano di tutti il suo numero, il 666, chi sono i quattro Cavalieri dell'Apocalisse e dove si trova Harmagheddon, il luogo in cui avverrà lo scontro finale tra il Bene ed il Male??

1235962_235770339904015_434888380_n.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anno 67 d.C.: l’imperatore Nerone perseguita i cristiani accusandoli ingiustamente di aver appiccato il grande incendio di Roma; l’esercito romano marcia verso Gerusalemme per soffocare la rivolta giudaica. L’Apocalisse è il libro della Bibbia scritto in quell’anno concitato: il suo autore è fortemente impressionato da questi eventi e li scambia per quelli preannunciati da Gesù per il momento della fine del mondo. Per questo nell’Apocalisse si parla dello scontro ultimativo tra le forze del Bene e quelle del Male che avverrà ad Harmagheddon…

1401731_263329917148057_413470806_o.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

 αποκάλυψις,apokálypsis

Ciao Federico...con queste premesse apocalittiche, forse anche escatologiche, siamo qui a leggere...

\mathfrak{p}98, con i versetti 1:13-2:1 dell'Apocalisse

Papyrus 98 (Rev 1,13-2.1).JPG

 

Datazione 90-95
Attribuzione Giovanni di Patmos
Luogo d'origine Asia Minore
Manoscritti {\displaystyle {\mathfrak {p}}}\mathfrak{p}98 (II secolo)
Destinatari chiese dell'Asia Minore

 

La tradizionale attribuzione all'apostolo Giovann]non è, come anche nel passato, unanimemente riconosciuta. Secondo la tradizione, rappresentata già da Giustino e largamente diffusa già dalla fine del II secolo, questo testo sarebbe stato scritto dallo stesso autore del Vangelo secondo Giovanni e delle tre Lettere di Giovanni, anche se fino al V secolo le Chiese di Siria, di Cappadocia e anche di Palestina non sembrano aver inserito il libro nel Canone delle Scritture. È anche da osservare che se Giovanni è da identificare con l'apostolo che stava ai piedi della croce con Maria e a cui Gesù affidò la propria madre, alla fine del primo secolo, data della redazione finale del libro, doveva essere, se vivente, molto anziano, cioè avere almeno novant'anni.

In effetti c'è una vasta dialettica sull'autore di questo fondamentale testo, alcuni ritengono trattarsi di una scuola nata dall'insegnamento dell'apostolo Giovanni.

 

Secondo l'esegeta francese Paul Beauchamp "la letteratura apocalittica nasce per aiutare a sopportare l'insopportabile". Nasce cioè in momenti di estrema crisi per portare un meLa bestia. 13,1: "Vidi salire dal mare una bestia". Il mare nel simbolismo biblico indica una miriade di genti e popoli. Deriva la sua forza dal drago, da Satana. Essa si contrappone a Cristo, come falso cristo. San Paolo lo chiama anche "avversario". Il suo numero è il 666 che potrebbe indicare una persona posta ai vertici ma che fa un utilizzo negativo dei poteri, ad esempio Nerone[21]. In altri testi il numero della bestia viene associato al numero 616, perché non veniva calcolata nella somma la seconda lettera "N" in "Nerone" (in greco viene scritto in modo diverso naturalmente). Questa persona è aiutata da un altro essere delle tenebre, definito seconda bestia, falso profeta o bestia della terra. Il Corano colloca queste persone entrambe nello stesso luogo definito, ove regna El-Dajjal.ssaggio di speranza: anche se il male sembra prevalere, bisogna aver fiducia nella vittoria finale del Bene. Sarebbe quindi erratLa bestia. 13,1: "Vidi salire dal mare una bestia". Il mare nel simbolismo biblico indica una miriade di genti e popoli. Deriva la sua forza dal drago, da Satana. Essa si contrappone a Cristo, come falso cristo. San Paolo lo chiama anche "avversario". Il suo numero è il 666 che potrebbe indicare una persona posta ai vertici ma che fa un utilizzo negativo dei poteri, ad esempio Nerone[21]. In altri testi il numero della bestia viene associato al numero 616, perché non veniva calcolata nella somma la seconda lettera "N" in "Nerone" (in greco viene scritto in modo diverso naturalmente). Questa persona è aiutata da un altro essere delle tenebre, definito seconda bestia, falso profeta o bestia della terra. Il Corano colloca queste persone entrambe nello stesso luogo definito, ove regna El-Dajjal.o pensare che l'Apocalisse sia "un libro che rivela dei segreti speciali e particolari sulla storia futura".La bestia. 13,1: "Vidi salire dal mare una bestia". Il mare nel simbolismo biblico indica una miriade di genti e popoli. Deriva la sua forza dal drago, da Satana. Essa si contrappone a Cristo, come falso cristo. San Paolo lo chiama anche "avversario". Il suo numero è il 666 che potrebbe indicare una persona posta ai vertici ma che fa un utilizzo negativo dei poteri, ad esempio Nerone[21]. In altri testi il numero della bestia viene associato al numero 616, perché non veniva calcolata nella somma la seconda lettera "N" in "Nerone" (in greco viene scritto in modo diverso naturalmente). Questa persona è aiutata da un altro essere delle tenebre, definito seconda bestia, falso profeta o bestia della terra. Il Corano colloca queste persone entrambe nello stesso luogo definito, ove regna El-Dajjal.

  • La bestia:  "Vidi salire dal mare una bestia". Il mare nel simbolismo biblico indica una miriade di genti e popoli. Deriva la sua forza dal drago, da Satana. Essa si contrappone a Cristo, come falso cristo. San Paolo lo chiama anche "avversario". Il suo numero è il 666 che potrebbe indicare una persona posta ai vertici ma che fa un utilizzo negativo dei poteri, ad esempio Nerone[21]. In altri testi il numero della bestia viene associato al numero 616, perché non veniva calcolata nella somma la seconda lettera "N" in "Nerone" (in greco viene scritto in modo diverso naturalmente). Questa persona è aiutata da un altro essere delle tenebre, definito seconda bestia, falso profeta o bestia della terra. Il Corano colloca queste persone entrambe nello stesso luogo definito, ove regna El-Dajjal.

Ho preso queste bervi note dal Wikiweb per contribuire all'iniziativa bella e suggestiva di Fedrico ed argomentare il topic. Fondamentalmente stiamo parlando di temi escatologici: i destini del mondo e l'eterna lotta tra il bene e il male.

Passo l'argomentazione a Federico in attesa che "spezzi il pane".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh, caro Renzo qui ci sarebbe tanto da scrivere...

Anticipo solo che nel 1800 tre studiosi tedeschi, in maniera indipendente l'uno dall'altro, scoprirono che il numero 666 dell'Apocalisse corrispondeva al nome NERO CAESAR traslitterato dal greco all'ebraico. Il problema era che non si comprendeva perchè, per risolvere l'enigma, era necessario passare dal greco (lingua in cui è scritta l'Apocalisse) all'ebraico 

1378241_247216872092695_222809711_n.jpg

2305407.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me l'indizio che suggerisce di passare all'ebraico è celato in questo passaggio del Capitolo 13 dell'Apocalisse.

Prima si descrive la Bestia che sale dal mare: " Vidi salire dal mare una bestia che aveva dieci corna e sette teste, sulle corna dieci diademi e su ciascuna testa un titolo blasfemo" (Ap 13,1)

Poi viene descritta un'altra bestia, quella che sale dalla terra: "Vidi poi salire dalla terra un'altra bestia, che aveva due corna, simili a quelle di un agnello, che però parlava come un drago" (Ap 13,11)

Qui c'è il passaggio clou:

 "(La Bestia dalla terra) faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia (dal mare) o il numero del suo nome. 
Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d'uomo. E tal cifra è seicentosessantasei" (Ap 13, 16-18).

 

PROVATE A RISOLVERE L'ENIGMA! DOV'E' MASCHERATO L'INDIZIO CHE SUGGERISCE IL RICORSO ALL'EBRAICO PER LA SOLUZIONE DELL'ENIGMA?

 

Edited by Menelao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao @Menelao,

molto interessante ciò che scrivi.

Mi verrebbe da dire "il numero del suo nome". Questo potrebbe rappresentare un suggerimento alla translitterazione. Ciò che mi sfugge è il suggerimento a translitterare specificamente in ebraico. Forse la bestia che vien dal mare ha sette teste come la Menorah? Potrebbe essere un riferimento?

:12_slight_smile:

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Spoudaios

Grazie per la tua risposta e complimenti per l'arguzia: quello che hai ipotizzato non è lontano dal vero perchè sull'identità e sul numero di teste della Bestia dal mare si sono fatte molte ipotesi tra cui una molto simile alla tua. L'apocalisse è piena di enigmi, di misteri di numeri simbolici e uno tra i più ricorrenti è proprio il numero 7

demonic-presence-21387708.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adesso dirò dove, secondo me, è nascosto l'indizio... E mi piace farlo qui perchè la numismatica c'entra tantissimo.

La tesi espressa nel mio libro (Federico De Luca, “Apocalisse. La soluzione dell’enigma“, Guida Editore 2013) è che Giovanni, l'autore dell’Apocalisse,  dicendo che la Bestia dalla terra “faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra” (il marchio della prima Bestia, quella dal mare), ha voluto riferirsi alla moneta in circolazione nell’impero romano e recante il ritratto dell’imperatore al potere. Cos’è, infatti, che tutti gli uomini di ogni condizione sociale (“piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi”) avevano se non almeno uno spicciolo recante l’effige dell’imperatore, il suo marchio?

Con la parola “marchio” viene resa in quasi tutte le traduzioni dell’Apocalisse il termine greco usato da Giovanni in Ap 13,16 che è charagma. Ma quest’ultimo termine ha una gamma piuttosto vasta di significati perché oltre a significare “marchio”, “contrassegno”, indica, più in generale, qualsiasi tipo di segno e di oggetto ottenuto dalla pressione di qualche altro oggetto idoneo a lasciare stabilmente una determinata forma o segno, dal marchio impresso col ferro rovente sui cavalli alla moneta ottenuta da un conio. In altri casi, poi, il termine charagma non indica solo un oggetto ottenuto da una matrice, ma la matrice stessa, l’oggetto cioè in grado di imprimere un’impronta come il calco che plasma la statua di terracotta o il conio che dà la forma alla moneta.

Il termine charagma, quindi, indica sia il conio della zecca che l’oggetto finito che reca l’impronta del conio e cioè la moneta stessa: ad entrambe queste accezioni voleva riferirsi Giovanni. Ecco allora che tutto diventa chiaro: il marchio nella mano di  “piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi” è il ritratto dell’imperatore riportata sulla moneta che si imprime al negativo nel palmo della mano che la stringe. La moneta ottenuta da un conio, da una matrice, diventa essa stessa matrice se stretta nella mano, rilascia un’impronta del ritratto che reca. Infatti, una moneta dai rilievi forti (come erano quelle antiche) premuta nella mano lasciava un marchio: ciò che sulla moneta era al positivo, nella mano rimaneva impresso al negativo; le legende scritte da sinistra verso destra, apparivano sulla mano scritte al contrario.

             Appare dunque trovato l’indizio che mancava alla tesi degli studiosi ottocenteschi: bisogna fare ricorso ad una lingua in cui la scrittura procede non da sinistra verso destra come il greco ed il latino, ma da destra verso sinistra, come l’ebraico. Il totale numerico delle lettere ebraiche che compongono il nome NERONE CESARE, traslitterato dal greco (la lingua delle legende riportate sulle monete che circolavano in Oriente) all’ebraico è infatti pari a 666 e, quindi, come affermato da Giovanni, il marchio della Bestia-Nerone è uguale al suo numero, vale a dire al totale numerico delle lettere ebraiche che compongono il suo nome. Un’analisi delle monete emesse da Nerone conferma l’esattezza delle conclusioni a cui si perviene perché Nerone è l’unico imperatore che riporta sulle monete il suo nome scritto per esteso (NERO CAESAR), non seguito dal lungo elenco di tutti i titoli imperiali abbreviati: IMP(ERATOR) AVG(USTUS) P(ONTIFEX) M(AXIMUS) TR(IBUNICIA) P(OTESTATE) CENS(OR) P(ERPETUUS) P(ATER) P(ATRIAE). Solo sulle monete di Nerone, quindi, il suo ritratto, il suo marchio, coincide perfettamente col suo nome e col numero del suo nome. La cifra 666, pertanto, non è il principale elemento per identificare la Bestia come si è sempre creduto, ma uno strumento di verifica: prima bisogna risolvere l’enigma di Ap 13,16-17 (che cos’è il marchio sulla mano e sulla fronte di tutti?) e poi verificare il totale numerico delle lettere che compongono il nome individuato, traslitterato in ebraico (il marchio della bestia che corrisponde al suo nome al contrario, vale a dire al numero del suo nome): ad un enigma in senso stretto (indovinello), quindi, segue un enigma in senso lato basato sulla reversibilità tra le lettere alfabetiche ed i numeri.

Fabio Porfidia_ 1.jpg

Edited by Menelao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma l’enigma del numero 666 dell’Apocalisse non è un caso isolato e non è l’unico punto di contatto con la numismatica perché su alcune monete  antiche vi sono veri e propri giochi enigmistici. Nel libro “Apocalisse. La soluzione dell’enigma” viene dimostrato come alcune legende riportate su determinate monete greche non sono -come si crede- monogrammi di magistrati monetali, ma numeri che indicano le quantità di monete via via coniate (a tale conclusione si perviene analizzando delle monete che riportano segni che sono inequivocabilmente numeri e si ricostruisce la sequenza dell’emissione in modo da analizzare la relativa progressione numerica). Ciò evidentemente avveniva per scongiurare ruberie ed ammanchi: il quantitativo di metallo prezioso ricevuto dai responsabili all’inizio della coniazione dell’emissione doveva tradursi interamente in monete ed i numeri apposti su di esse avevano la funzione di rendere possibile la verifica di ciò. Ora accade che in alcuni casi determinate cifre, anziché essere espresse in maniera concisa, come avveniva di solito, venivano indicate in maniera più complessa, in modo che solo per effetto di alcune operazioni (per lo più moltiplicazioni) venivano ad indicare  la cifra desiderata. Ciò avveniva perché la notazione numerica veniva espressa in modo da essere letta anche come una parola, dando luogo ad un gustoso gioco enigmistico per la cui comprensione era necessario applicare lo stesso ragionamento richiesto per la comprensione della cifra 666 dell’Apocalisse, basato sulla reversibilità tra lettere e numeri.

seven-seals-of-revelations.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dalla soluzione dell’enigma centrale del 666 dell’Apocalisse derivano tutta una serie di conseguenze che mi portano a concludere che l’Apocalisse è in realtà una profezia errata perché fissava il momento della fine del mondo non per un tempo lontano, di là da venire, ma già per 71 d.C.

Una conclusione troppo audace? No a parere di autorevoli riviste teologiche. Ecco cosa ne pensano due di queste.

99k.jpg

 

yy.jpg

Edited by Menelao

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Il tema dei numeri riportati sulle monete greche è stato poi da me analiticamente sviluppato in quest’altro libro:

http://www.classicadiana.it/libreria/content/federico-de-luca-i-numeri-svelati

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Menelao.

Innanzi tutto complimenti per:

- la Tua competenza;

- la Tua passione;

- la Tua capacità di correlare cultura, storia e numismatica...come in effetti si dovrebbe da parte dei Numismtatici e come, credo evidente, cerca di fare questo Sito.

Detto questo...mi prendo un po' di tempo per riflettere e meditare sui tuoi post, non è facile rispondere all'impronta senza essere banali o pedissequi, a meno di essere specialisti degli argomenti da te trattati. Ci terrei sinceramente a fornire un pur modesto contributo...in tuo omaggio.

:14_relaxed:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come vedete, c'è da divertirvi nel caso in cui volete saperne di più di numeri e monete....

12091334_963109223753940_7972792121154407274_o.jpg

Edited by Menelao

Share this post


Link to post
Share on other sites

se volete conoscere l'identità dei quattro cavalieri dell'Apocalisse.....

1377235_250926311721751_963223106_n.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

se volete conoscere dove si trova Harmagheddon, il luogo in cui avverrà lo scontro finale tra il Bene e il Male

4cCQe7.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

...sapere chi è la Grande Prostituta che beve il sangue dei Santi....

17-WOMAN-DRUNK-WITH-BLOOD2.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

.....dove si trova Babilonia da cui i Giusti sono invitati a fuggire...

bab.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

...chi è la Donna vestita di Sole che sta per partorire un Bambino....

b6186orerw7bidk6yctpukdrk.275x480x1.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

...cosa avverrà alla fine della prigionia millenaria di Satana....

devil_in_prison-657.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 minuti fa, Piakos dice:

Ciao Menelao.

Innanzi tutto complimenti per:

- la Tua competenza;

- la Tua passione;

- la Tua capacità di correlare cultura, storia e numismatica...come in effetti si dovrebbe da parte dei Numismtatici e come, credo evidente, cerca di fare questo Sito.

Detto questo...mi prendo un po' di tempo per riflettere e meditare sui tuoi post, non è facile rispondere all'impronta senza essere banali o pedissequi, a meno di essere specialisti degli argomenti da te trattati. Ci terrei sinceramente a fornire un pur modesto contributo...in tuo omaggio.

:14_relaxed:

Sei sempre gentilissimo. Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono sincero, non conosco l'apocalisse ma mi hai fatto davvero davvero incuriosire su questo tema :):)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this