Recommended Posts

L'occupazione italiana del Montenegro e del Sangiaccato avvenne nell’ aprile del 1941 durante l'invasione del Regno di Jugoslavia .

Nel 1941 gli eserciti dell'Italia fascista, del Terzo Reich, della Bulgaria e dell'Ungheria

(l'Ungheria partecipò solo all'operazione 25) occuparono i territori balcani e della Grecia.

Il Regio Esercito Italiano (R.E.I.) era presente con ben 31 Divisioni e 670 mila soldati.

All’inizio tutto il territorio del Montenegro e il Sangiaccato fu occupato e presidiato dalla Divisione di

fanteria “Messina”,dai Reali Carabinieri , dalla Polizia, Guardia di Finanza e dalle Unità di cetnici  montenegrini.

Il 12 luglio 1941 fu proclamato a Cettigne, sotto il protettorato dell’Italia, il “libero e indipendente” Regno di Montenegro.

Nel medesimo mese, al fine di sostenere le spese dell'occupazione militare , venne deciso di mettere in circolazione  banconote  dell' ex jugoslavia obliterate con timbratura italiana " verificato ".

 

Scan_Doc0001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un altro importante documento storico offertoci da Dea....

Se ricordo bene...in Grecia per la R.E.I. fu un disastro...

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Magari fosse stato un disastro solo in Grecia.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo ... per tutti coloro che ci hanno rimesso la vita o hanno subito menomazioni e sofferenze.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Banconota da 10 Dinari della Banca Nazionale del Regno di Jugoslavia con sovrastampa.

Scan_Doc0001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Banconota da 50 Dinari della Banca Nazionale del Regno di Jugoslavia con sovrastampa.

Scan_Doc_50 MONT0001.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bella...veramente bella.

E' anche rara?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Diciamo , non di facile reperimento .

Può sembrare strano, ma su banconote sovrastampate in numero rilevante (considera che dovevano essere "legalizzate" italiane per circolare in una nazione), esistono molti falsi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Falsi d'epoca o per collezionisti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non esiste il falso d'epoca o meglio, aveva  poco senso, negli anni della guerra, falsificare un timbro quando potevi andare in banca con la banconota e cambiarla con una timbrata.

Particolare da non trascurare è che si falsifica per guadagnare e in questo caso il cambio è alla pari.

Per i collezionisti , anche Crapanzano e Giulianini nel loro catalogo, avvertono di controllare i timbri causa aumento di banconote sul mercato, con "falsa obliterazione di recente fattura".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ottimo..bene a sapersi.

Una curiosità culturale e musicale:

Guido Crapanzano, insigne numismatico e studioso di varie scienze, nonchè ingegnere laureatosi nella seconda parte della sua vita, è stato nel 1960 e dintorni un cantante di qualche successo, noto come Guidone...membro anche del clan di Celentano. persona intelligente e di buon tratto e cultura già all'epoca, molto abile nei rapporti commerciali e negli affari (da buon padano). Aveva già all'epoca un'ottima padronanza dell'inglese e, riuscì anche ad allacciare un rapporto di buona conoscenza con i Beatle, ai quali fungeva da interprete nel sud Europa e dintorni. I membri della sua ultima band, dopo l'abbandono delle scene musicali da parte di Guidone...rientrarono in Italia e formarono i Giganti...complesso molto noto dalla fine dei sessanta.

Posto un link per chi vuole leggere qualcosa.

https://it.wikipedia.org/wiki/Guidone_(cantante)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora