Piakos

LA NUMISMATICA RICHIEDE ESPERIENZA E MAESTRI...quale commerciante o numismatico avete avuto come consulente o maestro?

Recommended Posts

Salve,

inutile far finta di niente...la numismatica come scienza richiede passione e studio, ognuno può dedicando tempo, farsi una cultura al riguardo.

La numismatica intesa anche  storicamente  e artisticamente richiede la conoscenza anche di quest discipline, molto importante la storia dell'arte per comprendere appieno le raffigurazioni incise.

La Numismatica tecnicamente intesa è cosa più difficile, da soli non è possibile imparare i metalli monetati stando a casa a studiare. Si possono avere in testa anche tutti i conii di un dato settore (di tutti i settori è impossibile) ma se non si conosce la trincea della numismatica e non si sa guardare e vedere con il miscroscopio e il contafili...è difficile non prendere fregature o lucciole per lanterne.

Occorre quindi fare esperienza sul campo...cioè: in trincea. Al riguardo la presenza di numismatici esperti e smaliziati è importante.

Avete avuto esperienza al riguardo? O avete aneddoti?

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Piakos La tua domanda può ottenere risposta quasi esclusivamente da chi è "nato" numismaticamente in un città dove erano  presenti studiosi e/o numismatici che hanno fatto la storia nel settore; Crippa, De Falco, Varesi, Baranowski, tanto per fare alcuni nomi; stessa cosa per chi si è avvicinato alla numismatica grazie alla presenza nella propria pur piccola cittadina di un negozio, magari piccolo, di numismatica.

Per gli altri, tutti  gli altri (e mi ci metto anch'io), l'approccio a questa scienza così bella, affascinante ma anche perigliosa è stato sostanzialmente da autodidatti, il che significa aver pagato spesso lo scotto dovuto all'imperizia.

Nel mio caso,ad esempio, dopo una giovanile cotta per quelle che ora considero delle "medagliette" (leggasi monete moderne commemorative) mi sono ritrovato un giorno sul tavolo di ufficio un cartoccio (letteralmente) con dentro alcune monete del Principato di Piombino ed alcune monete populoniesi, alcune delle quali - l'ho scoperto dopo alcuni anni, e non per merito mio - false.

Quel pugnetto di monete evidentemente risvegliò la fiammella che covava sotto la cenere e da lì è lentamente, faticosamente è iniziato un percorso fatto di volumi, cataloghi, ricerche, contatti con musei, riviste specializzate, ecc.

Il risultato è stato quello di essere riuscito a decuplicare la iniziale raccolta comunale, aver creato in un altro comune un piccolo museo numismatico e di essere il maggiore esperto di monetazione piombinese (ma solo perchè sono l'unico!:D).

Ovviamente ho anche una mia piccola collezione che ho esposto qui sul forum e che, non essendo di quelle più in voga (almeno da un punto di vista economico) mi ha messo relativamente in salvo dal pericolo di patacche, pasticcieri et similia, pericolo sempre maggiore quando, come me, si abita lontano da quei "numismatici esperti e smaliziati" ai quali l'ottimo Renzo fa cenno senza dire, per modestia, che lui è uno di quelli! 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao @Piakos,

come sempre poni quesiti interessanti e mai superflui.

Io ho la fortuna di abitare in una città numismaticamente viva (Roma) anche se negli ultimi anni la contrazione del settore si è fatta sentire e vi è stata la progressiva scomparsa di grandi "firme". Personalmente, ho un commerciante di fiducia tramite il quale cerco di imparare il più possibile esternando dubbi e perplessità, ma non direi che abbiamo, almeno sino ad oggi, sviluppato un vero e proprio rapporto "maestro/discepolo".

Comunque, ogni tanto guardiamo al microscopio qualche moneta su cui io esterno più dubbi del solito (patina/sospetta fusione) ed una volta, riportandogli indietro una moneta su cui avevo perplessità, si è dimostrato professionalmente ineccepibile accettando di approfondire con altri esperti la questione e riportandomi le risposte. La moneta si è dimostrata autentica e sono stato ben felice di riprendermela.

Per il resto del mese, studio da autodidatta, cerco di mettere su una mia piccola biblioteca numismatica e di non prendere fregature quando vedo una moneta in un'asta. Vorrei, fra le altre cose, investire su un microscopio, ma non sono sicuro di essere in grado di andare a verificare quello che serve.

Ciao.

 

P.S @Piakos, ad ogni modo, se tu sei disposto ad avere un discepolo, mi offro umilmente volontario. ;D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah ah ah...

che amici mattacchioni e simpatici.

Io sono nessuno...come diceva Ulisse al Ciclope Polifemo...

avessi anche diritto alla metà della Vs. cortese stima, l'avrei messa/la metterei a frutto...invece di fare l'appassionato scrittore vice dell'Admin (cosa di cui sono grato e ben contento) mi sarei lanciato sul mercato...sperando di non cadere male. Ih ih ih

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ulisse si presentò a Polifemo col nome di Nessuno, non certo per ingenuità ma per sopraffina astuzia. ;)

images.jpg.6cc86eb2150e350a45b364c9fdca9f4c.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho li ho cercati e interrogati questi Maestri...ma a quanto pare non avevano voglia di parlare con me, ma chissà forse gli ero antipatico...

Stai a vedere che è più difficile diventare discepoli che maestri della numismatica..

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, Piakos dice:

Ah ah ah...

che amici mattacchioni e simpatici.

Io sono nessuno...come diceva Ulisse al Ciclope Polifemo...

avessi anche diritto alla metà della Vs. cortese stima, l'avrei messa/la metterei a frutto...invece di fare l'appassionato scrittore vice dell'Admin (cosa di cui sono grato e ben contento) mi sarei lanciato sul mercato...sperando di non cadere male. Ih ih ih

Mattacchioni lo siamo sicuramente, simpatici si spera almeno un pochino, ma sappiamo cosa sei in grado di fare. :10_wink:

Claudio in realtà, in maniera un po' scherzosa, pone un quesito non da poco. Come diventare discepoli? La Numismatica è una materia da apprendistato, perché include aspetti quali l'analisi dei metalli, l'osservazione attenta degli esemplari, l'utilizzo del microscopio per captare "messaggi" non visibili ad occhio nudo. Tutti aspetti tecnici che solo chi è in grado può trasmettere. Ma il semplice collezionista come può fare? Assorbire il più possibile per quell'oretta già messa gentilmente a disposizione dal commerciante di turno al mese (se va bene)?

D'altra parte, mi e vi domando, perché un maestro dovrebbe prendersi l'onere di trasmettere la propria conoscenza ad un semplice collezionista ansioso di apprendere, ad un semplice cultore?

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, Spoudaios dice:

................................

D'altra parte, mi e vi domando, perché un maestro dovrebbe prendersi l'onere di trasmettere la propria conoscenza ad un semplice collezionista ansioso di apprendere, ad un semplice cultore?

Azzardo una risposta. 

Un "Maestro", se è davvero tale - e in passato ve ne sono stati molti -  è in primo luogo uno studioso, un collezionista e un commerciante; oppure può essere, ma la differenza è minima, un collezionista, uno studioso e un commerciante. In entrambi i casi la voglia di mettere in comune le proprie conoscenze si concretizza  con la pubblicazione dei propri studi e/o attraverso  le dialettica con i propri clienti quando questi dimostrano di voler andare oltre il semplice riempimento di cassetti o teche.

Al contrario se si ha a che fare con un semplice venditore sarà difficile, se non impossibile, stabilire un rapporto Maestro-discepolo per la semplice ragione che quello non ha nulla da insegnare. 

Oggi, purtroppo, il contatto cliente-venditore (sia questi studioso o no) avviene sempre più spesso per via telematica mettendo così una barriera tra l'uno e l'altro.

Nulla da fare dunque? Assolutamente no, perchè in buona parte c'è un nuovo "Maestro collettivo" (rubo il termine a Gramsci, parafrasandolo) ed è  il Forum che consente la messa in comune di dati, informazioni e conoscenze tra i vari maestri e i discepoli con il vantaggio, rispetto al passato, che il maestro, a seconda degli argomenti, può divenire discepolo e questi maestro a sua volta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 ore fa, Spoudaios dice:

Claudio in realtà, in maniera un po' scherzosa, pone un quesito non da poco. Come diventare discepoli?

Bhè innanzitutto il sapere numismatico deve essere tramandato. A tal fine c'è bisogno sia di chi deve insegnare, senza remore, e dall'altra parte c'è bisogno dei discepoli che hanno voglia di capire la VERA numismatica, e non solo il compra compra... 

Nella realtà i Maestri secondo me non hanno voglia di dirti tutti i segreti e i saperi della Numismatica e i discepoli a volte sono un po troppo distratti da altro che sembra numismatica ma non lo è...

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 minuti fa, Lugiannoni dice:

Nulla da fare dunque? Assolutamente no, perchè in buona parte c'è un nuovo "Maestro collettivo" (rubo il termine a Gramsci, parafrasandolo) ed è  il Forum che consente la messa in comune di dati, informazioni e conoscenze tra i vari maestri e i discepoli con il vantaggio, rispetto al passato, che il maestro, a seconda degli argomenti, può divenire discepolo e questi maestro a sua volta.

Luciano questa tua frase dovrebbe essere scolpita sull'intestazione del nostro forum ;D

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Lugiannoni dice:

Azzardo una risposta. 

============snipped============

Oggi, purtroppo, il contatto cliente-venditore (sia questi studioso o no) avviene sempre più spesso per via telematica mettendo così una barriera tra l'uno e l'altro.

Nulla da fare dunque? Assolutamente no, perchè in buona parte c'è un nuovo "Maestro collettivo" (rubo il termine a Gramsci, parafrasandolo) ed è  il Forum che consente la messa in comune di dati, informazioni e conoscenze tra i vari maestri e i discepoli con il vantaggio, rispetto al passato, che il maestro, a seconda degli argomenti, può divenire discepolo e questi maestro a sua volta.

condivido in pieno quanto scritto da Luciano @Lugiannoni .

Il "Maestro collettivo" ha un potere evocativo formidabile delle possibilità offerte dai fora. Personalmente ne apprezzo la discontinuità. Intendo la possibilità di avere un'interocuzione differita nel tempo che permette di maturare opinioni, informazioni, nozioni prima di porre altre domande. Inoltre quanto di cui si discute "resta", e non v'e' possibilità di fraintendimenti, fatto salvo il portato della fretta.

Riconosco un limite ai fora. L'impossibilità di discutere "moneta in mano", condizione essenziale per affrontare alcuni temi, quali, ad esempio le contraffazioni, la metallurgia monetale, la "chimica applicata alle monete".

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Lugiannoni

@Spoudaios

@f.dc

e tutti gli altri appassionati che vorranno cortesemente leggerci.

Riflettendo sui Fora...mi sono convinto che la chiarezza e la sintesi sono importanti per attrarre l'utenza, spesso sono un po' logorroico...non va bene...a meno non ci si voglia rilassare con discorsi numismatici scientifici ed esoterici, in tre o quattro di noi, cosa meravigliosa.

Qui si sta facendo un discorso complesso...cercherò quindi di essere stremamente leggibile e comprensibile.

Per formare un "occhio numismatico tecnico" ci vuole molta dedizione (passione/volontà) molta cultura personale di carattere non matematico scientifico...ma umanistica ed artistica. Poi ci vorrebbe un bagaglio tecnico, da idraulico/tornitore/installatore, ad esempio, che andrebbe benissimo, perchè costui sa come muovere le mani sui metalli e conosce alcune reazioni chimiche del metallo, sia a freddo che con calore.

Cioè:

- tanto tempo da dedicare e si può scegliere se affrettarlo in tre/cinque anni - o diluirlo in venti/trenta...dipende da noi e anche dalle circostanze.

- cultura artistico storica: per la classificazione e sensibilità per gli stili e l'arte; questo è un cavallo vincente...perchè l'idraulico/tornitore/installatore di solito non ha queste doti per vari ovvi motivi parascolastici e quindi l'umanista ha un marcia in più.

- Però il tornitore metallurgo idraulico conosce il metallo...quindi anche lui ha una marcia in più.

Chi dei due ha la macchina più potente...purtroppo ce l'ha l'idraulico se si mette a studiare. Studiare? Certo...mica si mette a studiare la storia dell'arte, non avrebbe voglia, basi e approcci. Si mette a studiare le monete: i conii, i falsi, l'ambiente, i cataloghi.

L'ideale sarebbe unire le due cose. In Italia ne conosco due...trattasi di top player, a tempo perso uno dei due scrive qualcosina anche sui fora.

 I metallari/metallurghi sono di più...due scrivono anch'essi sui fora...uno dei due è un vero e proprio Principe delle Tenebre, nel senso letterale del termine: può decidere di accendere o spegnere la luce...e allora diventa dura.

- Qualcosina si può affinare anche in foto e sui fora, @f.dc mi perdonerà al riguardo ma, parlo per me con estrema umiltà: se si sono acquisite delle BASI tecniche con le monete in mano, È RELATIVAMENTE FACILE RICONOSCERE DELLE PROBLEMATICHE IN FOTO sui Fora o sui cataloghi, con foto ben fatte sopra tutto.

Andiamo ora a bomba: i Maestri?

Ci sono, ma non possono essere unici...perchè si romperebbero le balle a starci appresso o ad averci intorno.

Ed allora?

Ed allora occorre frequentarne un po' rubando un po' di tempo a tutti...in cambio ci si mostrerà gentili e sopra tutto DISCRETI...MOLTO DISCRETI...che è la regola numero uno. Inoltre è ovvio che bisognerà comprare monete dai Maestri ragazzi...a gratis quasi nulla o molto poco. Infine...non si può imparare molto rimanendo sottocasa...anche a tAnche trarovare un maestro, occorre variare e poi non tutti sanno tutto. occorre prendere la macchina o il treno, teoricamente anche l'aereo. Occorre andare alle aste, ai convegni...almeno nei primi tempi, occorre andare dai Maestri che non stanno nella nostra città, dagli altri appassionati che abbiamo avuto la fortuna di conoscere...ecc. ecc.

Vedete quante cose...e certo. Poi dicano che la numismatica è difficile. In realtà non è difficile...di più.:14_relaxed:

Aneddoti ed elenchi...in seguito. :10_wink:

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ai miei albori con la Numismatica ho incontrato un Maestro di vita di nome Vittorio Amoroso che aveva un piccolo negozietto in centro a Trieste, la NUMISMATICA ISTRIA. Dopodichè rimasi folgorato sulla via di Damasco da Giulio Bernardi: quante ore a parlare di monete e di letteratura numismatica! Un'altro Numismatico che per me fu quasi Maestro, ma ci sentivamo solo telefonicamente stando lui a Firenze, fu Luigi Simonetti. Altri tempi purtroppo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 7/2/2018 at 18:08, Riccardo Paolucci dice:

Ai miei albori con la Numismatica ho incontrato un Maestro di vita di nome Vittorio Amoroso che aveva un piccolo negozietto in centro a Trieste, la NUMISMATICA ISTRIA. Dopodichè rimasi folgorato sulla via di Damasco da Giulio Bernardi: quante ore a parlare di monete e di letteratura numismatica! Un'altro Numismatico che per me fu quasi Maestro, ma ci sentivamo solo telefonicamente stando lui a Firenze, fu Luigi Simonetti. Altri tempi purtroppo

Per avere certezze...almeno al 90%...:10_wink: su un denarino (si fa' per dire...) di Claudio...atteso l'ambiente romano un po' controverso all'epoca...alla fine presi il treno e andai a Trieste da Giulio.

Cioè, andai  prima a trovare un amico carissimo ad Udine che la mettina dopo, mentre lavorava in Trieste come rapp.te...mi accompagnò da Bernardi.

Che esperienza!

Alla fine...non la faccio lunga...dalle 10,00  ... alle 12,00 ne venimmo a capo. Non era buona.

Salutato il Maestro...dal quale presi due denarini imperiali favolosi...una bella spaghettata con le vongole sul lungomare uscendo dalla città...e poi un salto in Slovenia.

Quella...si era numismatica.

Il falso sono riuscito a restituirlo...a chi meglio meritava di prenderlo.

;D

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, Riccardo Paolucci dice:

ora con i suoi 81 anni il buon Giulio si gode la meritata pensione

Che dire...a poterselo permettere...sarebbe il caso di andarci prima.

Ma l'uomo è così..continua, continua, continua...a lavorare, a  girare, a cercare di guadagnare....e anche se alla fine ci rimette...continua a fare, fare, fare.

Cos'è!? Un fraseggio filosofico?

Lo confesso. Lo è!

Qui abbiamo un po' la fissa della cultura e del fraseggio esoterico...in fondo la Numismatica cos'è? Appunto: è un ambito esoterico. Chi lo capisce ed ha le idee chiare, ringrazia per il divertimento, si scusa per il disturbo e se ne va da un'altra parte. :10_wink:

:14_relaxed:

Che ne dici Riccardo?

TI tastiamo amicalmente il polso...vediamo se sei sociologo, psicologo. filosofo...oltre che un grande numismatico tecnico e pragmatico.

Di solito quando vado giù così...un po' sull'esoterico, chiamavo anche @Arka...prima mi dava retta...adesso è un annetto circa che elude gli inviti, probabilmente ha meno tempo. Per esempio abbiamo avuto un dialogo qui...

ed anche in tanti altri topic.

Ti piacciono le greche?

Hai visto anche qui:

 

Confesso che a volte siamo un po' pesanti...:14_relaxed: ma ci dobbiamo anche caratterizzare...per evitare di sembrare un doppione rispetto a chi ha una decina di anni di vantaggio, sicuramente meritato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ringrazio per la definizione di grande numismatico tecnico e pragmatico. Come Numismatico ho spaziato in vari campi (le decimali le ho abbandonate quasi subito) mi sono innamorato perdutamente delle medioevali di questa zona e delle monete romane. Il mio guaio è che prima di essere un Professionista o Commerciante che dir si voglia, sono un Collezionista.

Hai ragione affermando che la Numismatica è cultura.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Piakos Sì, il tempo è tiranno., ma quando posso partecipo sempre volentieri alle discussioni. Comunque Vi leggo sempre. 

Arka

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.