lorenzo

Falsi moderni di monete antiche

Recommended Posts

Falsi moderni di monete antiche

Inizio qui una breve descrizione di alcuni falsi che ho incontrato nel passato e che ho tenuto per effettuare uno studio su come siano state fatte le copie. In realtà, questa esperienza mi ha causato non poco disagio, per cui ho dovuto studiare le monete greche solo sulle immagini. Questi primi esemplari sono riferiti ad emissioni della Magna Graecia e della Sicilia Greca, ma vi è stato pure un esemplare di pura fantasia che non imitava niente ma veniva spacciato, insieme ad altri tondelli, come moneta greca d’argento del VI secolo.

Da: https://it.wikipedia.org/wiki/Exakestidas

Camarina_AR_Tetradrachm_851447.jpg.f36831d90a572e36634fe2d6ac9dd079.jpg

Exakestidas, (in greco antico: ᾿Εξακεστίδας) (... – ...), è stato un medaglista e un incisore di coni greco antico, attivo alla fine del V secolo a.C. a Camarina.

Le monete

Il (..) tetradramma presenta su un lato la testa giovanile di Eracle e sull'altro una quadriga veloce.

Testa di Eracle, volto a sinistra, ha come copricapo una pelle di leone; l'etnico, ΚΑΜΑΡΙΝΑΙΟΝ, è situato davanti e tutto è raccolto entro un leggero cerchio incuso.

Nell'altro lato c'è Atena, con l'elmo ornato da lungo cimiero e con il chitone, guida una quadriga veloce che corre verso destra, con la mano destra tiene il kentron e con la sinistra le redini; in alto una Nike in volo verso sinistra, la incorona con una corona di alloro adorna di nastri; sulla linea di esergo, con caratteri minuti, c'è la firma, EΞAKEΣTIΔAΣ; in esergo sono raffigurate due anfore. Le anfore in esergo sono collegate tra loro da una linea e sono interpretate come il premio per una corsa di carri in onore della dea e quindi piene dell'olio a lei sacro.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa che segue è l’immagine di un falso moderno tratto dallo stesso tipo di moneta.

 

 

kamarina.JPG.1d12385999e804eef84a44a6d2f6f94b.JPG

Il metallo non è argento ma molto probabilmente è piombo. Si vede chiaramente come questo tondello è un falso mal riuscito dai rilievi poco marcati, quando le immagini non sono confuse.

 

Da: http://www.tuttonumismatica.com/topic/3037-un-tetradramma-favoloso-di-leontini/

lentini_moneta2.jpg.d60ad00e1a1448f292e1d0aea2337edd.jpg.880dd7b9a7eca57903542f6e251baa82.jpg

LEONTINOI. Ca.466 B.C.
Tetradrachm.
Quadriga driven r. by beardless charioteer, being crowned by Nike flying l., lion running r. in ex. Rv. Laureate head of Apollo r. with short hair, ΛEO-NTIN-O-N and three laurel leaves around, running lion r. below. 17.10 grams. Rizzo pl.XXII.14, Cf. SNG Dewing 623. Elements of double striking, faint on the reverse, more noticeable on the obverse. Notwithstanding, an attractive example of the very rare and important Demareteion series. Choice Very Fine. (30,000-35,000)
The death of Hieron I of Syracuse in 467/6 B.C. resulted not only in the fall of tyranny and the establishment of a moderate democracy in Syracuse, but also in the independence of Leontinoi. This provides a compelling reason for dating the Demareteion issue to ca.466 B.C. insofar as versions
were struck in both Leontinoi and Syracuse and, consequently, must have celebrated something specifically important to both cities. The Leontinoi obverse of quadriga with running lion in the exergue is clearly derived from the Syracusan type while the substitution of Apollo for Arethusa and three laurel leaves and the lion (a punning allusion for Leontinoi) for the four dolphins suggests an independent but not adversarial relationship with Syracuse.
From the Lawrence R. Stack Collection of Ancient Greek Coins.

Questo esemplare fu postato da Piakos il 9 maggio 2016 su questo forum e il seguente è il suo clone.

Leontini.JPG.47f192f8e549d35fca9002f6e70dae7b.JPG

Il tondello dichiarato falso con il punzone appostovi ne impediva la circolazione come autentico. Il metallo parrebbe essere argento, ma non subisce ossidazione per cui presumo si tratti di argentone, una lega metallica di nichel-zinco-rame, con rame al 60%, zinco al 25% e nichel al 15%. Di aspetto simile all'argento, fa parte della famiglia delle leghe dette alpacca, ed è usato principalmente per monete, posate, vasellame ed altro.

L’esemplare ha notevoli punti in comune con l’originale, ma il bordo non lascia dubbi.

Da: http://www.wildwinds.com/coins/greece/sicily/syracuse/hieron_II/Calciati_195.5.jpg

Calciati_195.5.jpg.386b75a3e852120fda5c5c753a1f76d4.jpg

Sicily, Syracuse. Hieron II. 274-216 BC. Æ 26mm (15.82 gm). Diademed head left /

Horseman galloping right, with couched lance; F below. Calciati II pg. 380, 195 Rl35; Favorito 63. Good VF, dark brown patina. Estimate $150.

Quello che segue è una copia neppure riuscita bene. Mostra una serie notevole di imperfezioni: rilievi schiacciati, segni di una grafia sotto il volto di Ierone che non trovano alcun riscontro negli originali, segni grafici in esergo al rovescio. Il metallo non è argento.

 

Siracusa.JPG

 


 Moneta greca d’argento del VI secolo 
Questo tondello non significa nulla; non è neppure una moneta, ma è stata venduta come tale

tondello.JPG

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Da:  https://www.pegasusauctions.com/05-05-2013-auction-2-2005-ancient-greek-thrace-apollonia-pontica-diobol-struck-400-shy-350-bc-silver-1-21g

Apollonia Pontica

 

5a13029790854_Apolloniap.JPG.abf104a0f4ee90afda6b9c21e3abba6f.JPG

Lot: 2005. Ancient Greek,Thrace, Apollonia Pontica, Diobol (Struck 400­-350 BC) Silver (1.21g)
Diobol (Struck 400-­350 BC) Silver (1.21g) Obv.: Head of Apollo facing. Rev.: Anchor, A to left, crayfish to right. BMC (Mysia) 9 XF well centered! (1+/01)

Ecco di seguito l’immagine di un falso moderno abbastanza noto prodotto una ventina di anni fa in Asia. E’ in argento e in una quantità enorme. Era presente anche nei mercatini di paese

 

5a13051b3b002_ApolloniaPontica.JPG.713e8e0176511747760181920ce76b65.JPG

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Confermo...ne vidi una 15na...una piccola collezione, tuttavia sei o sette erano autentici ed ebbero un buon successo...a riprova di comela serie fosse/sia...ambita.

:14_relaxed:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DA. https://www.deamoneta.com/auctions/view/106/40

 

40D.jpg.9875e74f4a58bfa46e39e8cc7b8f1c02.jpg

Monete 40 Bruttium, Rhegion AR Tetradrachm. Circa 415-387 BC. Lion’s head facing / Laureate head of Apollo right, RHΓINON before, laurel sprig behind. HN Italy 2496; Herzfelder 90. 17.07g, 23mm, 4h. Good Very Fine. Struck in high relief; old cabinet tone. Ex CNG MBS 47, September 1998, lot 78.

Cito l’esemplare di deamoneta solo perché è somigliante a quello che vedremo sotto e che è un falso in oro. E’ questo:

rhegion.JPG.81b1351c08c7a11924c035a98d42aa53.JPG

Somigliante solo, ma non altrettanto bello. L’Apollo ha i resti di due lettere greche e non sono ancora state trovate monete in oro di Rhegion. Un tondello grosso come una lenticchia, senza alcuna attrattiva, proviene dal Canada.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da: https://www.numisbids.com/n.php?p=lot&sid=454&lot=114

 

GREEK COINS Arkadia

 

feneos.thumb.JPG.4efa5fa57bda8e79a398dc03f1d73e72.JPG

Pheneos. Circa 360-350 BC. Stater (Silver, 12.13 g 10). Head of Demeter to right, wearing grain wreath, elaborate disc and crescent earring with pendants, and pearl necklace. Rev. ΦΕΝΕΩΝ Hermes, nude but for his petasos and for a cloak over his shoulders, partially facing and moving to the left, holding a kerykeion in his right hand; his head is turned back to right to gaze at the infant Arkas, whom he holds on his left arm with his left hand and who raises his right hand towards Hermes' face. BCD Peloponnesos 1617 (this coin). BMFA 1265 (same dies). Shultz 3.4, dies V2/R2 (this coin). Very rare. A lovely, toned and sharply struck coin of great freshness, beauty, and style. Extremely fine.

Uno statere rarissimo di Pheneos copiato in modo quasi accettabile forse in Germania, da dove è arrivato. Un falso in argento di mediocre fattura, quindi, dai particolari poco netti, con il bordo, che è stato limato, molto spesso. Sappiamo come la limatura del bordo del tondello sia indice di falsità.

Cattura.JPG.8bba95f9c3e62156bb90335bc4986405.JPG

e questo esemplare non fa eccezione.

Sorvolo sulle dimensioni, tanto è tempo perso.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In una recente asta è passata questa moneta, oltretutto "dorata"!

23D.jpg.4f6da294672ad3d9fcb37068181d869a.jpg23R.jpg.381842a9c035b23a12f1fbfd9ed579d8.jpg

quella che segue, invece, è originale

5a15f229e91b0_137-8xx_1cdc-D.jpg.3edb6d12bcb609625f6fcde5ce6644f3.jpg5a15f240b7be3_137-8xx_1cdc-R.jpg.16f5eff9cb6862234dd4c0927f2315cd.jpg

Da notare che per questo tipo è stato utilizzato un unico conio.

Inutile aggiungere che è stata comprata.:TEARS:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve. Inutile dire che la differenza non è poca. Un occhio avvezzo all'osservazione noterebbe subito quali e quante siano le diversità: addirittura il secondo tondello è incompleto: Potrebbero obiettare che le due X mancano perchè il tondello è stretto, ma non è solo questo: complessivamente sono due oggetti differenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, lorenzo dice:

Salve. Inutile dire che la differenza non è poca. Un occhio avvezzo all'osservazione noterebbe subito quali e quante siano le diversità: addirittura il secondo tondello è incompleto: Potrebbero obiettare che le due X mancano perchè il tondello è stretto, ma non è solo questo: complessivamente sono due oggetti differenti.

In effetti in quella autentica mancano i due segni di valore X : X perchè in generale - e nella serie METUS/CADUCEI in particolare -  nell'officina monetaria populoniese non si badava affatto alla precisione del tondello nè alla centratura del conio; evidentemente il falsario ne è stato tratto in inganno ed ha omesso la doppia punteggiatura.

Oltre a questo 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Posso dire il mio pensiero? Ci sono emissioni greche che hanno rappresentato personaggi con la lingua protrusa (la gorgone), come pure è nel caso in esame. Su di me questa monetazione non ha alcuna attrattiva. Siamo lontani dalle immagini greche di nostra conoscenza.

Monetazione greca, dicevo: ecco un esempio che in qualche modo si rende accettabile, ma non certo attraente.

Da: https://nomosag.com/default.aspx?page=ucAuctionDetails&auctionid=6&id=46&p=1&s=&ca=0&co=0&re=0&ci=0&ru=0

image00046.jpg.8d002a276385e12b01e1b1b1e0f9feb6.jpg

 
MACEDON, Neapolis. Circa 424-350 BC. Hemidrachm (Silver, 1.92 g 7). Gorgoneion facing with protruding tongue. Rev. Ν Ε Ο Π Head of the nymph of Neapolis to right, her hair coiled around her head and with a bun at the back, wearing a plain necklace with a pendant. SNG ANS 444 ff. SNG Copenhagen 227/8. A particularly lovely, toned example with splendid detail. Extremely fine.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da: http://www.oldcoin.com.au/greek.htm

cngkroton.jpg.ccf11d3f519c94dc07e2a24a52588a27.jpg

BRUTTIUM, Kroton. Circa 480-430 BC. Silver Nomos  (22mm, 8.06 g). Tripod, legs terminating in lion's feet; to left, heron standing right / Incuse tripod. SNG ANS 259-60; HN Italy 2102. VF, lightly toned.

“Come per molte città della Magna Grecia, Kroton fu fondata da coloni provenienti dalla Grecia continentale. Myskellos, obbedendo a una direttiva dell'oracolo di Delfi, guidò un gruppo di coloni achei nel sito e fondò la città intorno al 710 aC. Questa divina sanzione è rappresentata dal treppiede dell'oracolo, che è diventato il distintivo civico di Kroton ed è presente nelle sue monete. Kroton fu tra le prime città a produrre monete in Italia, il suo primo tipo di incuso copiò lo standard acheo. Come dimostra la sua generosa monetazione, Kroton era una delle città più importanti e ricche dell'Italia meridionale. Anche se le sue fortune aumentarono e diminuirono nel corso dei secoli, mantenne la sua produzione di una vasta gamma di denominazioni e metalli fino al periodo romano.”

E questache segue  è una “opera d’arte” moderna. Proviene dal sud Italia ed il venditore l’ha venduta come riproduzione, dichiarandone quindi la non autenticità

 

 

crotone.JPG.80f898c58bfd66c7df728ce5b4707f4b.JPG

 

 

Un tondello di fattura grossolana la quale non convincerebbe neppure il più inesperto collezionista che si è da poco avvicinato al collezionismo di monete della Magna Graecia.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da: https://www.numisbids.com/n.php?p=lot&sid=2287&lot=115

image00115.thumb.jpg.eecc8075ba7fdd298dddd3a2bc7ec394.jpg

Lot 115 - Italy. Southern Lucania, Thurium. AR Stater, 400-350 BC. Obv. Head of Athena right, wearing crested Attic helmet decorated with Scylla shading her eyes; palmette on neck guard. Rev. ΘΟΥΡΙΩΝ. Bull butting right; water bird beneath bull; in exergue, fish. HN Italy 1792. SNG Fitzwilliam 607 (same dies). SNG Ashmolean 959. SNG Cop. 1435. AR. g. 7.76 mm. 23.00 Good VF.

Lucania: Thurium, statere d’argento: volto di Atena rivolto a destra e toro cozzante anch’esso rivolto a destra.

 

Ecco ancora un tondello del cospicuo gruppo proveniente dal sud Italia:

 

 

5a23cafa3133d_thurium(2).JPG.422a55f704e087e8fec62797eca5f69d.JPG

 

 

Tondello dichiarato falso dal venditore la fattura del quale è assolutamente indecente. Numerosi resti di metallo, Scylla si confonde quasi del tutto con l’elmo attico di Atena. In esergo il pesce sembra poco un pesce autentico. Nel complesso, il tondello è una lontana copia di uno statere lucano.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora