Recommended Posts

Resta difficile da capire la reale origine dei segni sul rovescio. Per il diritto dell'esemplare mostrato sembra soltanto che il conio (di incudine) doveva essere ormai piuttosto usurato, come sembra indicare l'usura dei rilievi specialmente all'altezza della guancia a sinistra. Ovviamente bisogna controllare l'evoluzione di quel conio.

Quando il conio di incudine comincia a usurarsi, istintivamente il "malleator" può aumentare la forza di battitura o ripetere più volte la martellata, per poter ottenere una buona impronta dell'incudine (l'unico con la figura e quindi il più importante) sul tondello. Non so se esiste una correlazione tra "archi" sul rovescio e il grado di usura del conio di incudine... Ossia, in altre parole, verificare se questi archi si osservano in combinazione con un conio di incudine anche molto fresco oppure compaiono solo quando è stanco....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, Alberto Campana dice:

Resta difficile da capire la reale origine dei segni sul rovescio. Per il diritto dell'esemplare mostrato sembra soltanto che il conio (di incudine) doveva essere ormai piuttosto usurato, come sembra indicare l'usura dei rilievi specialmente all'altezza della guancia a sinistra. Ovviamente bisogna controllare l'evoluzione di quel conio.

Quando il conio di incudine comincia a usurarsi, istintivamente il "malleator" può aumentare la forza di battitura o ripetere più volte la martellata, per poter ottenere una buona impronta dell'incudine (l'unico con la figura e quindi il più importante) sul tondello. Non so se esiste una correlazione tra "archi" sul rovescio e il grado di usura del conio di incudine... Ossia, in altre parole, verificare se questi archi si osservano in combinazione con un conio di incudine anche molto fresco oppure compaiono solo quando è stanco....

@Alberto Campana per la mia relazione al convegno sulla monetazione etrusca ho analizzato anche, dove possibile, delle sequenze.

Bene, per rendere le cose ancora più difficili  e per rispondere alla tua giustissima osservazione, è risultato che con il conio seguente gli archi li troviamo nelle prime fasi della sequenza

5a7d9ae55e39a_6-62-1xx_2Lt_ndD.jpg.bad620f0fa0a95d681e9e21bc32c7d25.jpg5a7d9afa26a87_6-62-1xx_2Lt_nd.jpg.64ebfedb3b458542fb1d83f27b516da4.jpg

mentre con quest'altro si trovano alla fine!

5a7d9d067f53c_8xx.thumb.jpg.0b9c3c577ef2c5fb2a3c339b8b17fe4c.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non conosco più di tanto questa monetazione. Non possono essere estrusioni per aggiustare il peso?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, lucerio dice:

non conosco più di tanto questa monetazione. Non possono essere estrusioni per aggiustare il peso?

No, la banda di oscillazione di queste monete è abbastanza ampia, si va da 4,05 a 9,32 con un peso teorico di 8,4; le monete con gli "archi di cerchio" oscillano tra min. e Max. in misura identica alle altre.

Inoltre i "segni" sono impressi, non scavati o bulinati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora