• Annunci

    • Admin

      MOSTRA IL TUO BANNER QUI   16/01/2018

      HAI UN NEGOZIO NUMISMATICO? VUOI SPONSORIZZARE UN'ASTA NUMISMATICA? PUBBLICA IL TUO BANNER GRATUITAMENTE  E SENZA NESSUNA SPESA - INFO@TUTTONUMISMATICA.COM

Recommended Posts

I PATRIARCHI GHIBELLINI DI AQUILEIA

 

GOTIFREDO (1182-1194)

            Della casata degli Hohenstaufen, è investito del Comitato del Friuli, del Marchesato d’Istria e del Contado di Giapidia. E’ il primo patriarca ad indicare il proprio nome sulle monete aquileiesi, imitato dai suoi successori. Con il suo patriarcato cominciano ad essere battute monete inequivocabilmente aquileiesi pur risentendo ancora dell’influenza frisacene.

           

            Sotto il suo governo iniziano le guerre contro il vicino comune di Treviso (1183) per il controllo dei vescovadi di Belluno, Ceneda e Feltre. Gotifredo incorona a Milano Enrico di Svevia Re d’Italia (gennaio 1186), figlio di Federico Barbarossa, attirandosi le ire del Vescovo di Milano, futuro Papa Urbano III che riteneva di essere stato defraudato di un suo diritto.

            Nel frattempo Ottocaro VI, Duca di Stiria, vende i domini (compresa Pordenone) al suocero Leopoldo V di Babenberg, Duca d’Austria (1186), poi muore senza lasciare eredi diretti (1192). Nello stesso tempo Papa Alessandro III eleva Capodistria a sede vescovile (1186). Il comune di Rovigno conclude un trattato commerciale con Ragusa (1188) ed il comune di Pirano conclude un trattato commerciale con Spalato (1192). Nel 1188 ci sono scontri armati tra le truppe patriarcali e Treviso. Federico di Cuccagna rapisce Ginevra, figlia di Artico de Stasho. Nel 1189 Gemona diviene libero comune. Nel 1190 il comune di Sacile riceve dall’Imperatore Federico I “Barbarossa” il permesso di darsi uno Statuto, il più antico del Friuli. Il Barbarossa nomina Vicario Imperiale il Patriarca di Aquileia e parte per la III Crociata (1190) assieme a Bertoldo IV, Conte di Andechs, II Duca di Merania e Marchese d’Istria (1188-1204), successo al padre Bertoldo III. A Trieste dopo due anni di dispute e litigi, l’elezione del Vescovo è delegata al Capitolo (1192).

            Mainardo II Conte di Gorizia (1187-1233), successo con il fratello Engelberto III (1187-1220) al padre Engelberto II di Lurngau Conte di Gorizia, tenta di catturare il Re d’Inghilterra Riccardo “Cuordileone” di ritorno dalla III Crociata (1192) che sfugge ma è catturato da Leopoldo V di Babenberg Duca d’Austria.

            Il Comune di Treviso saccheggia le terre di Feltre, Ceneda e Belluno. Il Patriarca Gotifredo reagisce devastando una settantina di villaggi nel trevigiano ma muore il 9 Ottobre 1194 lasciando in eredità al successore grossi debiti e la guerra contro Treviso.

PELLEGRINO II (1195-1204)

            Della Casata degli Ortenburg-Sponheim, nato a Cividale, Priore del capitolo Cividalese, Arcidiacono d’Aquileia, è figlio di Enghelbert III di Ortenburg-Sponheim, Margravio d’Istria (1124-1173). Suo nipote è Ulrico II Duca di Carinzia (1181-1202). Il suo patriarcato è tormentato da continue guerre contro Gorizia, Treviso ed Ezzelino da Romano.

            Nel 1195 la Repubblica di Venezia ottiene il giuramento di fedeltà dalla città di Pola.

            Mainardo II, Conte di Gorizia effettua una spedizione in Terrasanta (1198) ed è presente ad Acri alla morte di Federico I “Il Cattolico” di Babenberg, Duca d’Austria (31 Dicembre 1198), figlio di Leopoldo V.

            Il Patriarca Pellegrino II si mantiene neutrale nella guerra scoppiata nel 1198 tra il ghibellino Filippo di Svevia, Re di Germania (figlio del Barbarossa) ed il guelfo ribelle Ottone, Duca di Brunswich ma prosegue la guerra contro Treviso, assediando Pordenone, ma nel1201 sono sconfitti dalla Lega presso il Tagliamento. Ulrico II di Ortenburg-Sponheim Duca di Carinzia, suo fratello Bernardo, Leopoldo VI “Il Glorioso” di Babenberg Duca d’Austria, Bertoldo IV Conte di Andechs, Duca di Merania e Marchese d’Istria cercano di mediare la pace. Pellegrino II non ebbe altra scelta che cercare l’alleanza con Venezia che però si rileverà in seguito un’arma a doppio taglio. Un congresso a San Quirino presso Cormons (1202) definisce il dissidio tra il Patriarca ed i Conti di Gorizia che escono dalla lega ghibellina, ottengono piena sovranità per il castello di Gorizia ed il possesso delle terre occupate. A questo punto i Conti di Gorizia emettono le prime monete.

            Sotto Pellegrino II le monete patriarcali cominciano a staccarsi dai modelli frisacensi.

          

 

VOLCHERO (1204-1218)

            Nobile bavarese della famiglia von Ellenbrechtskirchen, già vescovo di Passau, viene eletto patriarca nell’agosto 1204. Persegue un’abile politica grazie alla quale riporta le terre patriarcali alla loro massima espansione divenendo il più vasto stato italiano dell’epoca. Accoglie banchieri senesi, regola la trasmissione dei feudi, favorisce il parlamento del Patriarcato. Durante il suo governo nella regione giungono i primi francescani ma si ha notizia anche della presenza di eretici patarini. Il Patriarca inoltre ospita alcuni minnesager (Cantori d’Amore) tra i quali il bavarese Wolfram von Eschenbach (1170-1220), autore del “Parzival” ed il friulano Tommasino di Zerclare, autore del poema moraleggiante “Walischer Gast” (Ospite Cisalpino). Dopo l’assassinio dell’Imperatore Filippo di Svevia (21 giugno 1208), il Patriarca appoggia Ottone IV di Brunswich ed è suo legato in Lombardia (1209), dove ottiene la fedeltà di Milano, Pavia, Piacenza, Cremona e Brescia. Come ricordato dal Bernardi (Monetazione del Patriarcato di Aquileia, pag. 86) “L’opera da lui svolta gli valse, nel 1209, una bolla aurea imperiale, che è forse il documento ricordato nella bella moneta in cui si vede l’aquila che spiega un rotolo di pergamena”.

Rotta l’alleanza tra l’Imperatore Ottone IV ed il Papa Innocenzo III (1210), il Patriarca è con la maggioranza dei principi tedeschi a favore del Pontefice e di Federico II di Svevia, presso il quale invia ad Augusta come ambasciatore Corrado, Vescovo di Trieste (1212).

            In Istria il Patriarca favorisce i baroni ed i vescovi a scapito dei Comuni (divisi tra loro ed al loro interno). Le scomuniche e l’esercito, guidato da Mainardo II Conte di Gorizia, si rilevano vani ed il Patriarca concede ai Comuni la nomina dei Podestà, purchè scelti in Istria o in Friuli. Trieste e Capodistria nominano quindi per la prima volta un podestà al posto del gastaldo (1216).

            Volchero muore il 23 gennaio 1218.

 

BERTOLDO (1218-1251)

            Poiché il Capitolo è diviso sull’elezione, il Papa Onorio III gli toglie il diritto di elezione e nomina Bertoldo di Andechs Arcivescovo di Colonia, figlio terzogenito di Bertoldo IV Conte di Andechs, Duca di Merania e Margravio d’Istria. Il Patriarca favorisce la diffusione dei francescani, emette le norme dell’Imperatore Federico II contro gli eretici ed i flagellanti presenti in regione (1219).

            Il Comune di Treviso alleato con il Conte del Tirolo e con Bernardo di Ortenburg-Sponheim Duca di Carinzia (Gran Coppiere del Patriarcato), sobilla alla rivolta alcuni feudatari del Patriarcato di Aquileia ma Bertoldo trova l’appoggio del Papa, di Venezia e dei Comuni di Padova, Verona e Vicenza. Le truppe patriarcali sconfiggono i ribelli a Cavolano, presso Pordenone, saccheggiano Pordenone, Prata, Porcia e Ceneda (1219) e costringono Treviso alla pace (13 luglio 1221), mediata da Ezzelino II da Romano, fissando il confine sul fiume Livenza.  L’ingerenza diretta del Papa rappresenta una novità che prelude a sempre maggiori legami tra la Chiesa e il Patriarcato a scapito della nobiltà tedesca. Anche i rapporti con l’Imperatore sono ottimi tanto che il Patriarca l’accompagnò a Roma nel 1220 assistendo alla sua incoronazione e trattando dieci anni dopo in suo favore la pace con Gregorio IX.

Nel 1248 il Patriarca aderisce con un clamoroso voltafaccia alla lega guelfa tornando a guerreggiare con i Conti di Gorizia. Il Patriarca riesce a riappacificarsi con Mainardo III. Bertoldo muore il 23 maggio 1251 e fu sepolto nella Basilica di Aquileia. Alla morte del Patriarca ha termine la casata degli Andechs e la serie dei patriarchi tedeschi.

 

   

 

 

Principali Cariche del Patriarcato di Aquileia

Patriarca

Principe temporale e metropolita ecclesiastico. Riceve l’investitura imperiale nel duomo di Cividale ed è consacrato nella basilica di Aquileia.

Vicario
"in Spiritualibus"

Si occupa degli affari ecclesiastici aiutato da altri prelati.

Vicario
"in Temporalibus”

Si occupa degli affari temporali aiutato da altri dignitari.

Capitano Generale

Guida l’esercito che arriva a comprendere circa 500 elmi (cavalieri con scudiero e servente) forniti dai nobili vassalli liberi, ecclesiastici o ministeriali e 20.000 pedoni teorici (poche migliaia in realtà) raccolti nei feudi (servi di masnada, taglie) e nelle gastaldie, ed organizzati in decene.

Avvocato

Rappresenta e tutela legalmente il patriarcato ed il principato. La carica ereditaria è tenuta dai potenti conti di Gorizia.

Baroni

Grandi Feudatari con obbligo di omaggio al patriarca e servizio militare personale, diritto di esercitare giustizia e sub-infeudazione. Tra i maggiori ci sono i conti di Gorizia, i signori di Prata, di Porcia (avvocati del vescovo di Ceneda). Sono giudicati solo da loro pari. Il feudo si trasmette solo per linea maschile. La nobiltà è tedesca.

Vescovi, Abati e Capitoli

Feudatari ecclesiastici, esentati dal prestare servizio militare personale. Tra i maggiori ci sono l’abate di Moggio, i vescovi di Concordia e di Ceneda.

Habitatores

Feudatari (Gastaldi e Capitani) che amministrano Abitanze Nobili (con diritto di giurisdizione), Abitanze Minori (riscossione tasse e dazi), castellanie e ville (circa un centinaio).Si trasmettono anche in linea femminile.

Ministeriali
(Gasindi o Masnadieri)

Ministri del Patriarcato, si trasmettono anche in linea femminile:Camerlengo (finanze),Coppiere (carica ereditaria tenuta dai duchi di Carinzia, poi dai signori di Zuccola),Scalco o Dapifiero (duchi d’Austria),Camerario (signori di Partistagno-Cucagna che hanno per stemma un leone rampante),Marescalco e Gonfaloniere (capo della polizia, nel XIII sec. entrambi ai feudatari di Tricarno-Arcano che hanno feudi in Istria e Romagna, nello stemma tre cani neri e si dicono discendenti dei re di Croazia).

Ministeriali Ignobili

Prestano servizio alla corte patriarcale in cambio di un appezzamento di terra (cocchieri, barbieri, lavandai).

Arcidiaconi

Hanno giurisdizione ecclesiastica su circoscrizioni, che comprendono più pievi.

Municipi

Comunità urbane dotate di privilegi economici. Il Gastaldo, Podestà o Capitano è nominato dal Patriarca ed è affiancato da scabini, giudici, il consiglio maggiore e l’arengo (consiglio popolare).
Le civitas istriane invece contendono il potere ai propri vescovi: Capodistria è la prima ad eleggere un podestà. Trieste nomina un Sindacos Pocurator et Massarius (1216) che in pratica svolge le funzioni del podestà.

Vicinie

Comunità rurali governate da una carica elettiva: sindaco, un decano o un zupan (giudice), sottoposte ad un feudatario o un municipio. Eleggono inoltre un cameraro che amministra le chiese.

Parlamento

Assemblea dei rappresentanti del clero (Vescovi, Abati e Capitoli), dei Baroni, dei Ministeriali, degli Habitatores e dei Municipi (dal XII° sec.). Riunita ogni tre anni. Svolge le funzioni di corte d’appello, anche per i baroni.

La popolazione è formata da pochi liberi, per lo più nelle città, e dai servi della gleba (80% della popolazione) di proprietà dei feudatari. L’inizio dell’affrancamento è determinato dalle predicazioni dei domenicani e dei francescani (XIII° sec.) ma i coloni restano legati alla terra, devono prestare servizi gratuiti e pagare le tasse in natura. La servitù permane fino alla seconda metà del XV° sec. (circa 150 anni in più rispetto al resto d’Italia).



BIBLIOGRAFIA

Bernardi Giulio                          Monetazione del Patriarcato di Aquileia, Trieste, 1975

Kandler Pietro                          Codice Diplomatico Istriano, Trieste, 1846/64

Liruti Gian Giuseppe                 Della moneta propria e forestiera ch’ebbe corso nel Ducato di Friuli. Venezia, 1749

Puschi Alberto                          La zecca de’ Patriarchi di Aquileja. Trieste, 1884

Schweitzer Federico                  Serie delle monete e medaglie d’Aquileia e di Venezia. Trieste, 1848

Themessl Jakob                       Munzen und Munzwesen des Patriarchenstaates Aquileia. Vienna, 1911

 

AQ15a Bertoldo.jpg

AQ7 Gotifredo.jpg

AQ12 Volchero.jpg

AQ10a Pellegrino II.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Semplicemente eccezionale Riccardo.

Entrando nel vivo del collezionismo, le monete che hai esemplificato sono molto rare?

E, sopra tutto, quanto interesse destano ancora nel mercato numismatico...in questi tempi grami?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Admin, @PiakosSto seguendo con interesse e curiosità le vicende delle antiche zecche del Nord-Est, a me sinora sconosciute e mi chiedo: visto che, grazie a @Riccardo Paolucci, @andreakeber ed altri amici, il forum si sta arricchendo di contributi su di un numero sempre più vasto di zecche minori(??), per non parlare delle zecche del Sud non sarebbe il caso di impedire la "dispersione" di questi importanti contributi suddividendo il "contenitore"  Monetazione e Medaglistica degli Stati Medievali in Italia fino ai Moti Rivoluzionari , magari creando dei sottogruppi per macro-regioni (ad es.: Nord-Est, Sud, Centro, Nord Ovest)?

Questo consentirebbe, credo, una migliore facilità di inserimento e di accesso per coloro che si interessano specificatamente di queste zecche.

Liberi tutti, ovviamente, di non essere d'accordo!:) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao luciano avevo già attua una suddivisione come indichi tu ma poi ho dovuto desistere perché mi ritrovavo con sotto sezioni vuote.

Però se le discussioni aumentano sarà la prima cosa che farò.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Piakos Diciamo che a parte Volchero e Bertoldo il resto si trova facilmente. Ultimamente di materiale per Aquileia ne trovi anche di raro o molto raro. Io se me le offrono continuo a comprarle anche se le vendite in questo momento sono un po' calate. Speriamo in qualche altro nuovo appassionato

@Lugiannoni ottima idea

Grazie a tutti per i complimenti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, Riccardo Paolucci dice:

@Piakos Diciamo che a parte Volchero e Bertoldo il resto si trova facilmente. Ultimamente di materiale per Aquileia ne trovi anche di raro o molto raro. Io se me le offrono continuo a comprarle anche se le vendite in questo momento sono un po' calate. Speriamo in qualche altro nuovo appassionato

@Lugiannoni ottima idea

Grazie a tutti per i complimenti

Ciao Riccardo, mi dai un tuo parere sul mercato numismatico italiano attuale?

Mi riferiscono che pure sulla qualità in q fdc e sulle rarità anche 5 (o realisticamente 4 ) 15.000 /20.000 euro non li tira più fuori quasi nessuno. Salvo ciò che ha un (certo) riscontro internazionale, meglio ancora se in oro. Anzi...ad andare su cose più commerciali: tutto ciò che per cui si chiede più di 3.000 euro...soffre o resta invenduto. Se vogliamo fare esempi: le piastre papali, anche sullo spl. (quello vero non il BB++), sopra i 2.000 euro possono restare al palo. Invece con  le quadruple (meglio se in qualità) si mettono a litigare in asta sino a somme da milionari...senza bisogno di "arricchire" le dinamiche. :10_wink: 

La tua esperienza che ci può dire?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Piakos il mercato numismatico italiano soffre molto il momento finanziario assai poco lusinghiero in cui viviamo. Difficilmente trovi Collezionisti (o investitori) che tirano fuori le cifre che hai postato. Nelle nostre aste elettroniche difficilmente vendiamo monete con alte valutazioni tranne che non intervengano miei affezionati Clienti di tanti anni. Poi mettiamoci anche due "terribili" malattie di cui sono affetti gli italiani in questo momento:

1) le monete almeno qFDC

2) le monete sigillate.

Ci sono monete in BB+ (quello vero) o in SPL che ti permettono di avere uno sguardo più globale della monetazione che ti interessa. Eppoi oggi i veri "collezionisti" sono quelli dei cartellini di perizia!!! All'estero ste cose non esistono anzi, se trovano monete sigillate le tirano fuori e buttano via la perizia. Anni fa collaboravo con un attuale socio NIP sigillandogli le monete...ma sai quante cavolate ho sigillato? Monete che non valevano il prezzo della perizia!

Mi auguro che quanto prima si torni a discutere di monete e non di perizie o conservazioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, Riccardo Paolucci dice:

@Piakos

Mi auguro che quanto prima si torni a discutere di monete e non di perizie o conservazioni.

Sono pienamente d'accordo...ma, tra il dire e il fare...c'è di mezzo la formazione numismatica, una sufficiente  cultura ed un occhio adeguato.

Non so quanto tempo fa'...non voglio prendere la macchina del tempo...:14_relaxed:, le tre cose che ho sopra citato, erano non dico la norma... ma quasi. ERano almeno normali in numismatica e anche in genere nella vita di una persona sensibile e innamorata dell'arte, della storia, del Collezionismo.

Oggi?

Il deserto? L'ignavia? La carenza? Forse solo l'insufficienza.

Ecco...vai a fare Numismatica (che è scienza difficile) in assenza di basi adeguate.

Forse il Regno e V.E.III e le monetazioni siuccessive...con il massimo rispetto per queste categorie.

Con questo modestissimo ma volenteroso sito, sin dagli inizi, abbiamo cercato di metterci a disposizione, non dico per insegnare...ma almeno per sensibilizzare e per contribuire...per stimolare, per idre senza remore molte cose. Rien a faire! Tranne alcuni validi amici...la maggior parte  (o quasi) sono rimasti  dall'altra parte.:10_wink:

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, Riccardo Paolucci dice:

@Piakos il mercato numismatico italiano soffre molto il momento finanziario assai poco lusinghiero in cui viviamo. Difficilmente trovi Collezionisti (o investitori) che tirano fuori le cifre che hai postato. Nelle nostre aste elettroniche difficilmente vendiamo monete con alte valutazioni tranne che non intervengano miei affezionati Clienti di tanti anni. Poi mettiamoci anche due "terribili" malattie di cui sono affetti gli italiani in questo momento:

1) le monete almeno qFDC

2) le monete sigillate.

Ci sono monete in BB+ (quello vero) o in SPL che ti permettono di avere uno sguardo più globale della monetazione che ti interessa. Eppoi oggi i veri "collezionisti" sono quelli dei cartellini di perizia!!! All'estero ste cose non esistono anzi, se trovano monete sigillate le tirano fuori e buttano via la perizia. Anni fa collaboravo con un attuale socio NIP sigillandogli le monete...ma sai quante cavolate ho sigillato? Monete che non valevano il prezzo della perizia!

Mi auguro che quanto prima si torni a discutere di monete e non di perizie o conservazioni.

Sono perfettamente d'accordo.  Credo che quella del FDC sia una mania/malattia più da investitori che da veri collezionisti. Non parliamo poi della nuova mania (un'ennesima brutta moda importata) delle "scatolette" che si inserisce anch'esso nel filone "investimento puro". Sfido qualunque collezionista serio, che volesse anche studiare la moneta acquistata a farlo con quegli aggeggi.

Condivido anche quanto dice @Piakossulla necessità di riportare nella discussione numismatica <...la formazione numismatica, una sufficiente  cultura ed un occhio adeguato.>.

Non so se ci si riuscirà, ma credo che in questo forum si faccia il possibile per avvicinarsi all'obbiettivo!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
22 ore fa, Admin dice:

Ciao luciano avevo già attua una suddivisione come indichi tu ma poi ho dovuto desistere perché mi ritrovavo con sotto sezioni vuote.

Però se le discussioni aumentano sarà la prima cosa che farò.

 

A questo proposito potremmo riparlarne, adeguando   in progress il "contenitore".

Mi spiego. Il raggruppamento generale Monetazione e Medaglistica degli Stati Medievali in Italia fino ai Moti Rivoluzionari  potrebbe essere il contenitore per tutte  le altre discussioni non omogenee o generali. 

Allorchè si vengano a creare più topic su zecche di area contigua, si creano gli altri gruppi. Questi, non si formano a priori ma solo quando si verifica un numero sufficiente di topic (5, 10?). 

Quello del Sud di fatto già esiste, così come quello del Nord-Ovest sabaudo. 

Si tratterebbe di effettuare una verifica, ma credo che il Nord-Est (o come altro lo si voglia chiamare) cominci già a prendere unadiscreta consistenza, grazie anche ai contributi del nuovo acquisto  @Riccardo Paolucci

In questo modo, credo, si potrebbero anche coinvolgere più amici, responsabilizzandoli nei  nuovi gruppi così formati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Yes lucianone si può fare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, Lugiannoni dice:

Non parliamo poi della nuova mania (un'ennesima brutta moda importata) delle "scatolette" che si inserisce anch'esso nel filone "investimento puro". Sfido qualunque collezionista serio, che volesse anche studiare la moneta acquistata a farlo con quegli aggeggi.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo se vuoi entrare nel mercato numismatico USA devi poter "scatolettare" le monete. In USA è difficile vendere monete senza quelle garanzie, pensa che scatolano anche le Greche e le Romane :19_kissing:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Riccardo Paolucci dice:

Purtroppo se vuoi entrare nel mercato numismatico USA devi poter "scatolettare" le monete. In USA è difficile vendere monete senza quelle garanzie, pensa che scatolano anche le Greche e le Romane :19_kissing:

Come avrebbe detto Obelix <Sono pazzi questi americani!>. In realtà credo che, tranne poche rare eccezioni, il mercato americano sia fatto da pochi studiosi e  tanti investitori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il mercato USA è pazzo veramente. Credo che fra pochi anni non serva più la figura del Numismatico professionista, le monete inscatolate saranno vendute nei supermercati

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora