Piakos

RICCARDO PAOLUCCI: UN NUMISMATICO EGREGIO E' CON NOI

Recommended Posts

In competenti occasioni abbiamo evidenziato che in questo Sito amiamo cercare ed evidenziare delle verità afferenti la numismatica ed il relativo ambiente. Trattasi di peculiarità che  possono non "andare a braccetto" con il mercato..e questo è un motivo   per cui il  Sito è letto, ma poco interagito, atteso che  le verità non piacciono a nessuno: possono non non piacere ad alcuni operatori e nemmeno alla zona grigia (trafficanti, pasticceri e falsificatori). Purtroppo la verità non piace nemmeno ai collezionisti, i quali non amano sentire argomentazioni  che possono correlarsi in vario modo alle monete possedute...magari sminuendone il valore o complicando il possesso dei vari esemplari.

Si potrebbe rispondere: ma allora...scaltritevi! Non dite nulla che possa risultare indigesto!

Purtroppo questo non è nella nostra natura... ci piace affrontare la Numismatica sotto tutti gli aspetti e cercare di contrastare i punti deboli che, a nostro sommesso ma convinto avviso, costituiscono delle negatività per i veri appassionati, anche se i punti deboli, della numismatica in Italia, possono tornare comodi ad altri. Al riguardo è sufficiente scorrere il nostro Vademecum Numismatico 

http://www.tuttonumismatica.com/forum/137-vademecum-numismatico/

per sondare concretamente ciò che stiamo valutando.

Un altro lettore potrebbe eccepire: ma se continuate a dire le cose come stanno finirete per creare danni all'ambiente e per disincentivare i collezionisti! Poi è chiaro che molti qui, anche se vi leggono, non interagiscono.

Noi al riguardo la pensiamo diversamente. La Numismatica non può essere una trincea frequentata da: smaliziati, scafati, caduti e feriti. La Numismatica dovrebbe acquisire un'etica...una deontologia a 360 gradi...con dei paletti non valicabili, così da attrarre ancora più persone e moltiplicare il numero degli appassionati attivi e nuovi  compratori e  investitori.

Sapete quante persone lasciano la numismatica dopo aver sperimentato anche economicamente che trattasi di una disciplina non solo difficile di per sè...ma anche complicata negli acquisti, nelle valutazioni,  nei valori, nella integrità del materiale che gira sul mercato?

Ebbene, per l'esperienza riferitami da alcuni (non pochi) operatori a cui aggiungo anche la mia (pur modesta): almeno un neofita su due non prosegue dopo il primo anno di frequentazione. Qualcuno (molto esperto) arriva ad indicare una percentuale del 70% nella stima dei neofiti che lasciano l'ambiente.

Posta la premessa occorre adesso soffermarsi su un ulteriore aspetto:   non è facile trovare, per la numismatica,  operatori competenti ed esperti che non abbiano remore - o impedimenti - nel rendere e dire pane e vino, peraltro con simpatia ed in sereno dialogo.

Riccardo Paolucci - Amministratore delegato di ANTIQVA LTD - Perito e Consulente Numismatico - si è recentemente iscritto a questo Sito e con cortese disponibilità sta dialogando con noi, sia per i temi scientifici, sia per la Numismatica corrente e sia per le iniziative dal medesimo proposte nell'ambiente tramite la propria professionalità e  la propria Casa d'aste. Evidenziamo inoltre che Riccardo è appassionato  e studioso insigne, specificamente per la numismatica medievale del nord est italiano. Bibliofilo oltre che numismatico Riccardo dedica particolare attenzione alle pubblicazioni numismatiche di ogni tempo, che ama cercare in prima persona e rendere disponibili con la sua casa d'aste.  Ancora dobbiamo evidenziare che Riccardo ha pubblicato molte monografie e studi di numismatica riconosciute come testi di riferimento dall'ambiente professionale.

Pur con questo profilo "pesante"che potrebbero portare Riccardo ad assumere un aplomb professionale e distaccato, permettendosi ance supponenze e autoreferenzialità...Riccardo ama essere  persona prima che professionista, sempre alla mano e disponibile...non si nasconde e non generalizza se deve partecipare delle verità ambientali e numismatiche al servizio degli appassionati, siano essi degli studiosi o dei collezionisti.

Merce rara...una certezza numismatica e un  valore aggiunto per il Sito.

 

 

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Piakos amico mio mi commuovi, grazie delle bellissime parole ma non merito tanto. Ripeto sempre "so di non sapere" e difficilmente mi cimento in monetazioni delle quali so poco o nulla. Il nostro è un mondo particolare, errori se ne fanno nessuno è infallibile. Rimettersi a studiare per evitare in futuro gli stessi errori. Da me un consiglio il Collezionista o il semplice accumulatore-investitore lo trova sempre. Ho avuto due Maestri, Vittorio Amoroso della Numismatica Istria e Giulio Bernardi. Mi rapportavo spesso con quel gentiluomo d'altri tempi di Luigi Simonetti e da loro ho imparato tanto. Ormai alla quasi venerabile età che ho sono anche diventato paziente e diplomatico. E' un piacere discorrere con voi tutti e mi scuso se qualche volta per mancanza di tempo posto solo poche righe. Sappiate tutti che quando volete, anche in privato per mail o per telefono io sono presente. Grazie ancora

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 21/3/2018 at 16:36, Piakos dice:

In competenti occasioni abbiamo evidenziato che in questo Sito amiamo cercare ed evidenziare delle verità afferenti la numismatica ed il relativo ambiente. Trattasi di peculiarità che  possono non "andare a braccetto" con il mercato..e questo è un motivo   per cui il  Sito è letto, ma poco interagito, atteso che  le verità non piacciono a nessuno: possono non non piacere ad alcuni operatori e nemmeno alla zona grigia (trafficanti, pasticceri e falsificatori). Purtroppo la verità non piace nemmeno ai collezionisti, i quali non amano sentire argomentazioni  che possono correlarsi in vario modo alle monete possedute...magari sminuendone il valore o complicando il possesso dei vari esemplari.

Si potrebbe rispondere: ma allora...scaltritevi! Non dite nulla che possa risultare indigesto!

Purtroppo questo non è nella nostra natura... ci piace affrontare la Numismatica sotto tutti gli aspetti e cercare di contrastare i punti deboli che, a nostro sommesso ma convinto avviso, costituiscono delle negatività per i veri appassionati, anche se i punti deboli, della numismatica in Italia, possono tornare comodi ad altri. Al riguardo è sufficiente scorrere il nostro Vademecum Numismatico 

http://www.tuttonumismatica.com/forum/137-vademecum-numismatico/

per sondare concretamente ciò che stiamo valutando.

Un altro lettore potrebbe eccepire: ma se continuate a dire le cose come stanno finirete per creare danni all'ambiente e per disincentivare i collezionisti! Poi è chiaro che molti qui, anche se vi leggono, non interagiscono.

Noi al riguardo la pensiamo diversamente. La Numismatica non può essere una trincea frequentata da: smaliziati, scafati, caduti e feriti. La Numismatica dovrebbe acquisire un'etica...una deontologia a 360 gradi...con dei paletti non valicabili, così da attrarre ancora più persone e moltiplicare il numero degli appassionati attivi e nuovi  compratori e  investitori.

Sapete quante persone lasciano la numismatica dopo aver sperimentato anche economicamente che trattasi di una disciplina non solo difficile di per sè...ma anche complicata negli acquisti, nelle valutazioni,  nei valori, nella integrità del materiale che gira sul mercato?

Ebbene, per l'esperienza riferitami da alcuni (non pochi) operatori a cui aggiungo anche la mia (pur modesta): almeno un neofita su due non prosegue dopo il primo anno di frequentazione. Qualcuno (molto esperto) arriva ad indicare una percentuale del 70% nella stima dei neofiti che lasciano l'ambiente.

Posta la premessa occorre adesso soffermarsi su un ulteriore aspetto:   non è facile trovare, per la numismatica,  operatori competenti ed esperti che non abbiano remore - o impedimenti - nel rendere e dire pane e vino, peraltro con simpatia ed in sereno dialogo.

Riccardo Paolucci - Amministratore delegato di ANTIQVA LTD - Perito e Consulente Numismatico - si è recentemente iscritto a questo Sito e con cortese disponibilità sta dialogando con noi, sia per i temi scientifici, sia per la Numismatica corrente e sia per le iniziative dal medesimo proposte nell'ambiente tramite la propria professionalità e  la propria Casa d'aste. Evidenziamo inoltre che Riccardo è appassionato  e studioso insigne, specificamente per la numismatica medievale del nord est italiano. Bibliofilo oltre che numismatico Riccardo dedica particolare attenzione alle pubblicazioni numismatiche di ogni tempo, che ama cercare in prima persona e rendere disponibili con la sua casa d'aste.  Ancora dobbiamo evidenziare che Riccardo ha pubblicato molte monografie e studi di numismatica riconosciute come testi di riferimento dall'ambiente professionale.

Pur con questo profilo "pesante"che potrebbero portare Riccardo ad assumere un aplomb professionale e distaccato, permettendosi ance supponenze e autoreferenzialità...Riccardo ama essere  persona prima che professionista, sempre alla mano e disponibile...non si nasconde e non generalizza se deve partecipare delle verità ambientali e numismatiche al servizio degli appassionati, siano essi degli studiosi o dei collezionisti.

Merce rara...una certezza numismatica e un  valore aggiunto per il Sito.

 

 

Scusi Piakos, ma vedo che il Paolucci risulta bannato...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Capita...

la numismatica è un ambiente difficile. Un certo Andrea Keber altro noto e singolare personaggio del parterre monetale ha in antipatia il Paolucci in quanto entrambi insigni ed eccellentissimi, nonchè illustri, studiosi della numismatica del nord est italiano, in concorrenza tra loro. 

Capita spesso che nell'ambiente (e in genere nella vita...) possano insorgere gelosie e rivalità. Beati costoro che non hanno altro da fare e pensare che ingarellarsi in diatribe sempre insidiose. 

Non entro nei particolari di cui, in verità, sono ancora delle tracce in alcuni topic del Sito.

Il Paolucci finito sotto attacco del Keber, pur difendendosi e ipotizzando mancata correttezza del  rivale...alla fine si è stressato e ha commesso qualche errore o svista che lo staff della piattaforma ha ritenuto contrari allo statuto e quindi passibili di censura... Io confesso che non sarei stato d'accordo...avrei bannato in anticipo  l'altro intervenuto qui a fare caciara,  proteggendo una risorsa del sito da sberleffi e provocazioni. Ma tant'è. Non tutti vedono e pesano le cose alla stessa maniera...magari averi potuto avere torto io. 

Fatto singolare e istruttivo: il Keber...mentre attaccava il Paolucci scriveva e postava tra noi cose egregie, una volta fatto fuori il Paolucci - che c'è comunque cascato come un fagiano - ha lasciato di fatto il sito ed è tornato a scrivere su La Moneta.it da dove era giunto come un novello Ulisse tra i flutti delle coniazioni istriane e furlane. 

Bella storia eh?! La numismatica è anche questo, come la vita non è fatta solo di negozi di fiori.

Spero di essere stato esaustivo e auspico la sua migliore permanenza e collaborazione qui tra noi. Ci conto. 😃 Scriva di Numismatica con la N perchè so che se vuole ne è capace...e qui sarà apprezzato e benvoluto, anche con incarichi adeguati.

Ad majora.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le considerazioni di Renzo sono considerazioni personali da semplice Utente e che non corrispondono al modo di pensare del forum e del sottoscritto

  • Haha 1
  • Triste 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.