Giuseppe Gugliandolo

Denario Alessandro Severo

Recommended Posts

Ultimamente si è parlato in questi lidi delle donne della dinastia dei Severi e delle loro politiche sottili ed indirette per tenere il portere e fallo arrivare a chi facesse loro comodo.

Le varie Giulie portarno quindi al trono Alessandro Severo. Nato come Bassiano Alessiano il primo Ottobre del 208 d.C. e figlio di Giulia Mamea, raggiunse il trono a seguito dell'uccisione del cugino Eliogabalo. Quest'ultimo si era alienato l'approvazione del popolo sia per le sue promiscuità sia per la sua eccentricità (sposò difatti una vergine vestale che, in quanto sacerdotessa di Vesta, doveva restare vergine fino alla fine del servizio come sacerdotessa). Accortesi di ciò Giulisa Mesa e Giulia Mamea decisero di avvicinare alla figura imperiale il cugino Alessandro che divenne figlio adottivo del cugino. La madre riuscì ad impartirgli un'educazione di stampo greco-romano nonostante l'imperatore volesse farne un sacerdote di El-Gabal.

 

Man mano che Eliogabalo perdeva l'approvazione ed il consenso del popolo lo guadagnava il cugino, anche tramite donativi al popolo, accortosì di ciò provò prima a danneggiarne l'immagine ed in seguito anche a toglierlo di mezzo ma fallendo in tutti i tentativi decise di togliergli il titolo di Cesare e di negarlo alla vita pubblica causando l'insurrezione dei pretoriani. In un secondo momento fece trapelare informazioni riguardo una malattia che avesse solpito il cugino, i pretoriani insorsero di nuovo e una volta che Eliogabalo si mostrò in pubblico con Alessandro acclamarono il secondo come imperatore e stanchi dell'imperatore si ammutinarono e l'uccisero.

Le donne della dinastina severiana, quindi, avevano letteralmente in mano il potere di far salire sul trono chi compiacesse di più alle loro aspettative ma con Alessandro fecero un errore di calcolo: mancava dell'approvazione dell'esercito e della piena fiducia in lui e durante una campagna militare in germania, mentre trattava gli accordi di pace con i germanici, venne ucciso dall'esercito che acclamò come nuovo imperatore Massimino il Trace, generale di tutt'altro stampo e dalle grandissime capacità militari.

 

Wikipedia gli attribuisce la frase "Non fare agli altri ciò che non vuoi fatto a te". Mi sembra una frase fin troppo generica per poter dire con certezza che a lui appartenga ma volevo inserirla per il significato di questa.

 

Passiamo adesso alla moneta, si tratta di un denario. 

Al rovescio troviamo Giove con in piedi con scettro e saetta, leggenda PM TRP COS PP. Lo stessa iconografica del rovescio è presente con la leggenda IOVI CONSERVATORI e sono presenti aurei con lo stesso conio del denario in questione. Approfondendo ho notato che la coniazione si attesta tra il 221 ed il 222 d.C. quindi a cavallo tra Alessandro Cesare sotto Eliogabalo e Alessandro  Imperatore. La qui presente è del secondo periodo e porta al dritto la leggenda IMP C M AVR SEV ALEXAND AVG.

 

 

IMG_20180408_142340.thumb.jpg.f0fe70b259ce5b83af5aa2a8d29d219d.jpgIMG_20180408_142347.thumb.jpg.019d558b765394d50d6415779c4f7465.jpg

Modificato da ggpp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Admin credo che le foto enfatizzino i punti forti della moneta 

Ultimamente mi sto dedicando a questa pratica nel tentativo di diventare più bravo nel farle

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bella moneta e bella foto...diventerai un paparazzo...oltre che un grande numismatico...già sei a buon punto 😃

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Piakos sei sempre parecchio gentile ma ho davvero tantissimo da imparare in entrambi i settori.

Ultimamente sto conoscendo però molta gente e sto cercando di vedere il più monete possibile per farmi un'idea, per conoscerle e imparare qualcosina. Cercando anche di apprendere anche dai consigli che sento ma stando comunque attento: un caro amico diceva:"Sii rete e non spugna, perché è filtrando e non assorbendo che si diventa sapienti".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora