lorenzo

Il grosso, una moneta europea

Recommended Posts

Da:

https://www.ebay.it/itm/31790-Munten-Frankrijk-Gros-Metz-ZF-Zilver-Boudeau-1641/202228366996?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649

 

1.thumb.jpg.49297f116a96f2959e3efff1ebfe0c08.jpg

Grosso francese di Metz

Da;

https://www.ebay.it/itm/481195-France-Gros-au-Saint-Etienne-debout-Metz-SUP-Argent-Boudeau-1641/192309523006?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649

France, Gros au Saint-Etienne debout, Metz, SUP, Argent, Boudeau:1641

2.thumb.jpg.ff52503bd32c5d7835656d0fcefd105f.jpg

Un altro grosso di Metz

Da:

https://www.ebay.it/itm/GROSSO-AGONTANO-ANCONA-MONETAZIONE-AUTONOMA-1210-1330 ARGENTO/152965527468?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2057872.m2749.l2649

3.thumb.JPG.0d863f949be609aa82695ed08403d3ed.JPG

Un grosso anconetano detto anche grosso agontano

Da:

https://www.ebay.it/itm/GROSSO-AGONTANO-ANCONA-MONETAZIONE-AUTONOMA-1210-1330 ARGENTO/152965527468?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2057872.m2749.l2649

4.thumb.jpg.ac2a9d6caf324746c2a05f15970099fc.jpg

 

Un grosso agontano pesante

Da:

https://www.ebay.it/itm/DO-RIMINI-Monetazione-Autonoma-GROSSO-AGONTANO-Ag/173293557737?_trkparms=aid%3D111001%26algo%3DREC.SEED%26ao%3D1%26asc%3D20140423084956%26meid%3Da6d202f73bf34f35abaee8e2af7a7a4a%26pid%3D100033%26rk%3D7%26rkt%3D8%26sd%3D263396079431%26itm%3D173293557737&_trksid=p2045573.c100033.m2042

5.thumb.jpg.216dfffcbe0a441d9fd7af791b484fe7.jpg

Un grosso di Rimini

Da:

https://www.ebay.it/itm/Milano-Galeazzo-II-Visconti-1355-1378-Grosso-da-1-1-2-Soldi-g-2-2-RR-Mir108/162781714479?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649

Milano Galeazzo II Visconti (1355-1378) - Grosso da 1 1/2 Soldi g.2,2 RR Mir108

6.thumb.jpg.79e087665e5d6b3f5f5e14cc545d0dc2.jpg

Grosso da 1,5 soldi di Milano

Da:

https://www.ebay.it/itm/1-Grosso-da-2-soldi-1329-1339-Ducato-di-Milano-Azzone-Visconti-BB-SPL/153009314150?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649

7.thumb.JPG.06119a7a18cf2aad5cc4d7e35d2ea210.JPG

Da:

https://www.ebay.it/itm/FIRENZE-Grosso-Guelfo-1482-I-semestre-zecchiere-Ludovico-Masi-Ar/222905252749?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649

 

8.thumb.jpg.876971afeae5fa6327da7c2defa74df4.jpg

Monete di Zecche Italiane. FIRENZE. Grosso Guelfo 1482, I° semestre, zecchiere Ludovico Masi. Ar. gr. 2,07. mm 23,3.  d/ FLOR ENTIA Giglio con due fiori. r/ S IOHAN NES B Il Santo con nimbo perlato in piedi di fronte: simbolo stemma Masi con L sopra. CNI 190; Bern. 3262.

Da:

https://en.numista.com/catalogue/pieces81995.html

9.thumb.JPG.31b3c1dc4c5c7415f11233e2d88acbc1.JPG

Prague Gross - Ferdinand I Kuttenberg

Country

Royal mint Bohemia
(Kingdom of Bohemia)

Type

Common coin

Years

1533-1541

Value

1 Gross (1)

Metal

Silver

Weight

2.7 g

Diameter

25 mm

Da:

https://en.numista.com/catalogue/pieces81650.html

Prague Gross - Karl IV von Luxemburg

10.thumb.JPG.08231d59d0d87f2eae61af25dc5984ab.JPG

 

Country

Royal mint Bohemia
(Kingdom of Bohemia)

Type

Common coin

Years

1346-1378

Value

1 Gross (1)

Metal

Silver

   
   
   
   
   
   

   
   
   
   
   

…….. ed infine un bel grosso tornese francese, attualmente in asta da Reinhard Fischer

 

Da:

https://en.numista.com/catalogue/pieces81650.html

Prague Gross - Karl IV von Luxemburg

11.JPG.4a4bb3f6fe7eed9f80dca00f6d365eb5.JPG

 

Gross tournois (3, 25g), undated (1354-1411), Robert. Av: cross, therefore double script circle. Rev: castle, therefore circumscription, in the outer wreath 12 lilies. Ss.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con un pizzico di sano campanilismo aggiungerei anche il grosso battuto a Massa Marittima dal 1317 al 1337, quando la città venne conquistata da Siena.

1599857078_grossodiMassaM_ma.jpg.59b75891fec0150f9730465de6e10977.jpg

La tipologia è quella classica dei grossi italiani: al D/ DE . MASSA e croce patente con due piccole M nel primo e terzo quarto; al R/ S . CERBON (S. Cerbone, patrono di Massa M.ma e della diocesi di Massa e Populonia).

Share this post


Link to post
Share on other sites

aggiungo i grossi coniati in Abruzzo nelle zecche di Chieti e Atri,

esemplari di estrema rarità, R5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ringrazio tutti per i contributi

Share this post


Link to post
Share on other sites

ed ancora...

Da:

https://www.ebay.it/itm/Reggio-Emilia-Ercole-I-dEste-1471-1505-Grosso-da-2-soldi/362294255601?hash=item545a6b9ff1:g:sygAAOSwef9a0chZ

Reggio Emilia. Ercole I d'Este. 1471-1505. Grosso da 2 soldi

1.JPG.4b3f2ffb0278da0c7cec7da38f16cd72.JPG

Zecche Italiane - Reggio Emilia. Ercole I d'Este. 1471-1505. Grosso da 2 soldi. MIR 1263. Bell.6. Peso gr. 1,01. BB+. R.

…. e la bellezza di questo esemplare la potevamo trascurare?

….. e poi Roma con i sui Papi

Da:

https://www.ebay.it/itm/Roma-PAOLO-III-Grosso-Ag/222948541564?_trkparms=aid%3D222007%26algo%3DSIM.MBE%26ao%3D2%26asc%3D20170831090034%26meid%3D2c6e7ffc99784d71bc1e1bfbd2b8c1cc%26pid%3D100005%26rk%3D2%26rkt%3D12%26sd%3D362294255601%26itm%3D222948541564&_trksid=p2047675.c100005.m1851

 

2.jpg.8808b16286a036e639634cf06a8c0ded.jpg

 

Zecche Italiane - Roma. PAOLO III (1534-1549) Grosso s.d. D/ Stemma R/ San Paolo con spada. Munt. 65. Ag. g 1,78 mm 22,97. SPL/qSPL. Gradevole leggera patina e bel modulo. Ottimo esemplare

 

Da:

https://www.ebay.it/itm/Padova-Ulrico-di-Valsee-1320-1321-Grosso-aquilino-Ag/222923407068?_trkparms=aid%3D444000%26algo%3DSOI.DEFAULT%26ao%3D1%26asc%3D20170221122447%26meid%3D3b98066ead9e49ac8395832c9a2e1c41%26pid%3D100752%26rk%3D5%26rkt%3D6%26sd%3D222948541564%26itm%3D222923407068&_trksid=p2047675.c100752.m1982

 

3.jpg.3d735956e1baec2268818acca7edfeb9.jpg

 

Zecche Italiane - Padova. Ulrico di Valsee (1320-1321). Grosso aquilino. CNI tav. XIX, 4. B. 1726. AG. g. 1,33;  mm. 19,29 BB+.

E anche questa non è male.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

0000.jpg.b768f965d52b9cea6e497f8b8532ac9d.jpg

 

Cittaducale (Abruzzo fino al 1927. oggi  in provincia di Rieti)

Monetazione Autonoma (1459-1460) Doppio Bolognino o Grosso D/ DE CIVITA DVCALI R/ S. MAI NN VS. (CNI 1var.) Silver gr. 1,21 Very Rare, Provenienza Asta Kunst u. Med.Listino N.51 VF

E' questa la variante con la legenda al dr. che inizia con una castello stilizzato.

Ancora oggi, nonostante autorevoli recenti interventi, non si è sciolta la ragione della presenza del castello ad inizio legenda in vece della croce della tipologia ordinaria. Giuliani e Fabrizi nei loro recenti studi sulla monetazione Angioina  ci hanno introdotto alle c.d "allegorie di prescrizione", ma, trattandosi si una monetazione autonoma, non penso si possa estendere il concetto al presente tondello. Ottimo pane per chi volesse dedicare tempo alla ricerca. 

La medesima moneta, in forma piu' smagliante e correttamente orientata al dr., la troviamo sulla copertina del volume MIR sulle zecche minori meridionali.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interessanti contributi amici, alta numismatica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
44 minuti fa, realino santone dice:

grosso di Atri, [Abruzzo ]

moneta di esimia rarità , R5

 

grosso Atri - Copia.jpg

questa è dura davvero...durissima...anche di piu'!

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 ore fa, Riccardo Paolucci dice:

Ma chi si è fatto sigillare una moneta medioevale? Che tristezza

magari come garanzia di autenticità... non credo abbia senso farlo per la conservazione, potrei comunque giustificare il primo caso solo se di estrema rarità.

Comunque ti comunico con somma delusione che alle aste si vedono facilmente siciliane bronzee di Manfredi o Federico II o ancora Corradino sigillati, e sto parlando di pezzi da qualche decina di euro... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chiedo scusa, ma stavo dimenticando la Serbia.

 

Da: https://www.ebay.it/itm/Serbien-Stefan-Uros-IV-Dusan-Dinar-Grosso-MONETA-REX-Helm-Serbia-Jovanovic-11-5/170932454020?hash=item27cc5e4284:m:mR6jT2vub7aoEjMrvUXAJNA

 

7.jpg.a14ffb4f8c278f1903b2ce85c2144cb1.jpg

 

Dettagli su  Serbia Stefan Uros IV Dusan Dinara grosso moneta REX CASCO Serbia Jovanovic 11.5

Serbien Stefan Uros IV. Dusan

König 1331-1345 / Zar 1345-1355

Dinar, o.J., 1331-1345

1,19 g, 18-19 mm

Erhaltung: Gegenstempel, sehr schön

Vs: + MONITA - REX STEF

Topfhelm mit Kamm und Helmzier nach links.

Rechteckiger Gegenstempel Typ "Schwan".

Rs: IC - XC

Christus mit Kreuznimbus und Evangeliar en face auf Thron sitzend.

Im Feld P-V

Jovanovic 11.5.

Ljubic VII 5-8; Jovanovic 35; Ivanisevic 6.4.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
5 ore fa, lorenzo dice:

Chiedo scusa, ma stavo dimenticando la Serbia.

 

 

Da: https://www.ebay.it/itm/Serbien-Stefan-Uros-IV-Dusan-Dinar-Grosso-MONETA-REX-Helm-Serbia-Jovanovic-11-5/170932454020?hash=item27cc5e4284:m:mR6jT2vub7aoEjMrvUXAJNA

 

 

7.jpg.a14ffb4f8c278f1903b2ce85c2144cb1.jpg

 

 

Dettagli su  Serbia Stefan Uros IV Dusan Dinara grosso moneta REX CASCO Serbia Jovanovic 11.5

 

Serbien Stefan Uros IV. Dusan

 

König 1331-1345 / Zar 1345-1355

 

Dinar, o.J., 1331-1345

 

1,19 g, 18-19 mm

 

Erhaltung: Gegenstempel, sehr schön

 

Vs: + MONITA - REX STEF

 

Topfhelm mit Kamm und Helmzier nach links.

 

Rechteckiger Gegenstempel Typ "Schwan".

 

Rs: IC - XC

 

Christus mit Kreuznimbus und Evangeliar en face auf Thron sitzend.

 

Im Feld P-V

 

Jovanovic 11.5.

 

Ljubic VII 5-8; Jovanovic 35; Ivanisevic 6.4.

 

 

 

spero che si sia notata la contromarca bulgara

🤔...

... Nella Dobrugia (una regione geografica situata tra il Danubio e il Mar Nero) la monetazione serba circolava ma aveva la caratteristica (ma anche altre monetazioni straniere come ad esempio i basilikon bizantini) di aver impressa una contromarca. La contromarca aveva la funzione di "parificare" la moneta straniera (che aveva un fino di circa il 90,3%) rispetto alla mistura del circolante locale. Sono note 4 diverse contromarche:
1. La lettera τ all'interno di un quadrato.
2. Un quadrato vuoto.
3. due cerchi concentrici.
4. Un uccello all'interno di un quadrato image.png.7bf6fb9114c297c2340d4e4dfbcb57f2.png

Edited by Guest

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grande Andrea...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 ore fa, ggpp dice:

magari come garanzia di autenticità... non credo abbia senso farlo per la conservazione, potrei comunque giustificare il primo caso solo se di estrema rarità.

Comunque ti comunico con somma delusione che alle aste si vedono facilmente siciliane bronzee di Manfredi o Federico II o ancora Corradino sigillati, e sto parlando di pezzi da qualche decina di euro... 

una tristezza infinita...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buon giorno. Ringrazio Andrea per la necessaria e importante precisazione circa il grosso serbo. Grazie veramente di cuore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda la monetazione di Atri, questa viene descritta in modo chiaro ed esauriente da Alberto D’Andrea nel suo bellissimo trattato riguardante “Le monete del Teramano” (© Tutti i diritti riservati Finito di stampare nel mese di Giugno 2005 da MEDIA Mosciano S.A) il quale da pagina 59 così descrive le monete medievali di Atri:

2.1 Cenni storici su Atri

Atri fu, assieme a Teramo, negli anni che vanno dalla fine del XIV secolo fino all’inizio della seconda metà del XV secolo, uno dei principali centri amministrati dalla famiglia degli Acquaviva.

Antonio di Matteo Acquaviva fu investito conte di San Flaviano dal re Carlo di Durazzo nel 1382, poi (1384) gli fu assegnata anche la contea di Montorio (tolta ai Camponeschi), la signoria di Teramo (1390) ed il ducato di Atri (20 giugno 1393). Quest’ultima città gli fu venduta per 15.000 ducati come premio per i servigi che aveva reso ai sovrani di Napoli, dopo che i reali stessi avevano comunque avuto l’assenso del Papa. Nel 1394 gli successe il figlio Andrea Matteo, che nel 1395 espugnò Ascoli e la tenne fino al febbraio del 1396; morì nel 1407 in un agguato della famiglia

teramana dei Melatini. Il suo successore fu il figlio Antonio, che compì diverse azioni militari (tra cui la battaglia di Roccasecca nel 1411) e morì, senza figli, nel 1415. Il titolo ed i beni passarono quindi a suo fratello Pierbonifazio, che li tenne fino alla morte, avvenuta nel 1418, gli successe il figlio Andrea Matteo II. Nel 1421 Teramo fu assegnata a Braccio da Montone, in quanto Andrea Matteo II fu ritenuto dai sovrani “ribelle e fellone”, per poi passare a Giosia Acquaviva che la ricomprò dalla madre e tutrice di Braccio con l’avallo della regina. Giosia Acquaviva sarà investito, il 22 luglio 1446, del titolo di Duca d’Atri. Teramo fu invece incorporata, da re Alfonso, nel demanio statale, cosa che non ebbe assolutamente l’approvazione di Giosia, il quale insorse ma fu sconfitto dalle truppe regolari napoletane, e perse così anche il Ducato d’Atri, che gli sarà riaffidato solo nel 1459 dal re Ferdinando su pressione di Giannantonio Orsini.

Indignato comunque per il comportamento del sovrano, non appena fu nuovamente in forze, mosse ancora una volta guerra agli Aragonesi, questa volta andando a colpire il loro alleato papa Pio II: attaccò Ascoli, ma inutilmente. Dopo vari rovesci militari (tra cui la perdita di Teramo il 18 ottobre del 1461 e di Atri nel gennaio del 1462, entrambi ad opera di Matteo Di Capua) fu costretto a rifugiarsi con la famiglia nella rocca di Cellino, dove morì di peste il 22 agosto 1462. Gli successe il figlio Giulio Antonio che, deposte le armi l’anno seguente, chiesta la grazia a Ferdinando, riottenne il Ducato di Atri il 6 gennaio 1464 da Matteo Di Capua (che vi rinunciò in cambio di altri beni); morì combattendo contro i Turchi nell’assedio di Otranto nel 1481. Da questo punto in poi la storia di Atri seguirà le vicissitudini del Regno di Napoli.

2.2 La  m o n e t a z i o n e  d i  A t r i

Si conoscono ad oggi tre monete della zecca di Atri: la prima è un bolognino d’argento coniato sotto Giosia Acquaviva tra il 1459 ed il 1462, le altre due sono un bolognino ed un doppio bolognino coniate sotto Matteo Di Capua tra il 1462 ed il 1464.

Riguardo a queste monete è bene fare una precisazione: non si trattò di una monetazione fatta dalla

zecca di Atri su licenza e permesso del governo centrale di Napoli, ma fu una coniazione autonoma. Nel caso di Giosia Acquaviva egli provvide a coniare la moneta come segno di autonomia rispetto al governo centrale napoletano (basti pensare al desiderio di rafforzare i suoi domini a danno del re Ferdinando e del suo alleato Pio II); nel caso di Matteo Di Capua come chiara imposizione sulla popolazione atriana, a voler cioè mostrare di essere il nuovo Duca. La giurisprudenza dell’epoca, inoltre, prevedeva che il permesso di coniare moneta fosse dato, benché ci si trovasse nel Regno di Napoli, anche dalla Santa Sede, tant’è che nel 1463 (XVII giorno delle calende di febbraio) Pio II emise un editto contro tutte le coniazioni non autorizzate dalla Corte Pontificia

2.2.1 Disegno e descrizione delle monete

1.jpg.04217d2feb1be83df5eb9516e9b076d1.jpg

MONETA: Bolognino di Giosia Acquaviva.

FONTE: Lazari Vincenzo, Zecche e monete degli Abruzzi nei bassi tempi, Bologna, Aldo Forni Editore, 1987, Ristampa anastatica dell’edizione del 1858 impressa a Venezia, tavola allegata.

ANNO: dal 1459 al 1462.

DIRITTO: Sul bordo presenta un leone rampante e la scritta IOASISDAQVA; al centro le lettere VIVA disposte a croce con una sferetta (o una stella) al centro.

ROVESCIO: Sul bordo presenta la scritta DUXADRIE; al centro la lettera A fra quattro stelle.

METALLO: Argento.

PESO: 13 acini napoletani (corrispondenti a circa 0,58 gr.).

RARITA’: R4.

VALUTAZIONE DI MERCATO: Di recente non è apparsa in vendita nei listini delle case d’aste, per cui ci si deve riferire solo alle trattative fra i privati che la stimano intorno ai 2.000,00 euro in conservazione BB

3.JPG.1a7336bb6d52753b64bf89cfdc101a1d.JPG

MONETA: Doppio bolognino (chiamato anche grosso) di Matteo Di Capua.

FONTE: Lazari Vincenzo, Zecche e monete degli Abruzzi nei bassi tempi, Bologna, Aldo Forni Editore, 1987, Ristampa anastatica dell’edizione del 1858 impressa a Venezia, tavola allegata.

ANNO: dal gennaio 1462 al gennaio 1464.

DIRITTO: Sul bordo presenta uno scudo araldico e la scritta: M: D’: CAPVA: DVX: ADRIE; al centro una croce patente.

ROVESCIO: Sul bordo presenta la scritta • SNICOLAVS •; al centro il disegno di un vescovo santo posto frontalmente, con la mano destra benedicente e con la sinistra recante un crocifisso da processione.

METALLO: Argento.

PESO: 27 acini napoletani (corrispondenti a circa 1,2 gr.)

RARITA’: R4.

VALUTAZIONE DI MERCATO: Di recente non è apparsa in vendita nei listini delle case d’aste, per cui ci si deve riferire solo alle trattative fra i privati che la stimano intorno ai 2.000,00 euro in conservazione BB

2.JPG.56c7efeec78246a54816b845004210d6.JPG

MONETA: Bolognino di Matteo Di Capua.

FONTE: Cagiati Memmo, Le monete battute nelle zecche minori dell’antico Reame di Napoli,

Napoli, Tip-Editrice Meridionale Anonima, 1922.

ANNO: dal gennaio 1462 al gennaio 1464.

DIRITTO: Sul bordo presenta uno scudo araldico e la scritta ADRIANA; al centro le lettere U•R•B•I• disposte a croce attorno ad un globetto.

ROVESCIO: Sul bordo presenta la scritta S • NICOLAVS •; al centro il disegno di un busto di un vescovo santo mitrato con piviale chiuso da fibbia rotonda. Il Corpus Nummorum Italicorum

riporta due esemplari di questa moneta, che si differenziano fra di loro solo per il particolare della fibbia della cinta.

METALLO: Argento.

PESO: 13 acini napoletani (corrispondenti a circa 0,58 gr.)

RARITA’: R4.

VALUTAZIONE DI MERCATO: Di recente non è apparsa in vendita nei listini delle case d’aste, per cui ci si deve riferire solo alle trattative fra i privati che la stimano intorno ai 2.000,00 euro in conservazione BB.”

Quello che si deduce dalla descrizione dei pochi esemplari di Atri è che le iconografie subiscono appieno l’influenza di quelle medievali di questo periodo. Richiamano alla mente con una certa facilità (V.R.B.I. – l’effige di S.NICOLAVS.- ecc.) cose già viste.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie @lorenzo

Tra tutti i grossi autonomi abruzzesi, l'Atriano spicca per rarità.

Le rarissime apparizioni sono, inoltre,  di tondelli in conservazione veramente misera ove non miserrima. E' presente in pochissime collezioni specializzate.

Moneta molto ricercata anche in passato, come testimoniato dai tanti falsi del sec. XIX, che giunti fino a noi, sono talvolta accolti nelle collezioni per colmare un "buco" di difficile ricopertura. Carattere della rarità, comune anche ai bolognini Atriani; tutti nummi di rarità esimia.

Fa riflettere il fatto che il grosso atriano non fu, al suo tempo, scarso. E' documentato da molteplici fonti d'epoca.

Molto utile lo studio del c.d. "Tesoro Ceccarani", tesoretto trovato a Perugia e studiato congiuntamente e repertoriato dai proff. Catalli e Manconi, dopo un primo intervento della prof.ssa Travaini.

3800 monete del quattrocento italiano, prevalentemente in argento provenienti, vista la zona del ritrovamento, dalla casa di un notabile o di un commerciante.

Erano presenti nel rinvenimento, oltre ad altri nominali, 15 grossi di Chieti, 6 grossi di Atri e 5 di Cittaducale. 

Eppure, già nell'800 Atri è sostanzialmente inaccessibile ai collezionisti.

 

 

 

Edited by f.dc

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perfetto: esaurientissimo contributo che hai dato e che è pure chiarissimo da leggere . Grazie e complimenti ancora.

Share this post


Link to post
Share on other sites

aggiungo che un grosso di Atri in buona conservazione è presente nella coll. reale

Share this post


Link to post
Share on other sites

Altro grosso, un po' tardo (1588-1600).

Principato di Piombino, Jacopo VII d'Appiano (o Appiani).

40120131_eBaynov.2017-exArtemideXLVIIl.634-exNAC89-d.thumb.jpg.07f12266a7154d0ac56c8e2e252a9a06.jpg732080459_eBaynov.2017-exArtemideXLVIIl.634-exNAC89-r.thumb.jpg.76b2340fe4589ad8840085850ec85909.jpg

D/ IAC VII . ARAG . APP . PRIN . PLVMB, al centro stemma Appiani Aragona;

R/+ FLECTE . RAMOS . ARBOR . ALTA; al centro croce patente; in esergo 9 . R . 8.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una moneta bellissima, Lugiannoni, di grande effetto anche così come ci è pervenuta. Ti ringrazio e sottolineo quante cose interessanti abbiamo tirato fuori su questa monetazione poco divulgata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

..... ed ancora:

Da: https://www.ebay.it/itm/930-Loraine-Nancy-Charles-II-Gros-tr%C3%A8s-bel-exemplaire/162956509861?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649

Loraine - Nancy - Charles II - Gros !! très bel exemplaire

nancy.thumb.JPG.caa41d3199da13b7808d6c396d92fdc0.JPG

 

Da: https://www.ebay.it/itm/472711-Monnaie-France-Gros-Metz-TTB-Argent-Boudeau-1659/202245176158?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649

France, Gros, Metz, TTB, Argent, Boudeau:1659

metz.thumb.JPG.f6cb76f44ed087c343050b5c9d10e377.JPG

 

Da: https://www.ebay.it/itm/472717-Monnaie-France-Petit-Gros-Cambrai-TB-Argent-Boudeau-2008/323109881386?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2055119.m1438.l2649

Cambrai.thumb.JPG.0338e223131059b3625d985883521067.JPG

France, Petit Gros, Cambrai, TB, Argent, Boudeau:2008

Da: https://www.ebay.it/itm/Verona-Federico-II-di-Svevia-1218-1250-AD-Grosso-da-20-Denari-qFDC-Z12-arscoin/172808266372?_trkparms=aid%3D222007%26algo%3DSIM.MBE%26ao%3D2%26asc%3D20170831090034%26meid%3Df7357043d51a493b86ceb03b9ed1ad04%26pid%3D100005%26rk%3D1%26rkt%3D7%26sd%3D153004717237%26itm%3D172808266372&_trksid=p2047675.c100005.m1851

verona.thumb.jpg.a869909b93733e34e7008e4e2d16beed.jpg

Verona. Frederick II of Swabia (1215-1250) Grosso 1218-1250. Verona mint, 1.65 gr. - 20.0 mm. O:\ + CI + VI + CI + V:I || VE | RO | N | A, cross pattée over large annulet. R:\ + * VE * RO * NA * || CI | VI | CI | V:I, cross pattée over large annulet. Biaggi-2971. UNC. Rare. \\\ Verona. Federico

Da: https://www.ebay.it/itm/Parma-Federico-II-1220-1250-Denaro-Grosso-Ag-g-1-34-Mir-902/162781714460?_trkparms=aid%3D222007%26algo%3DSIM.MBE%26ao%3D2%26asc%3D20170831090034%26meid%3D0445c3fd6b3a4eefb8dd1277f5b2c010%26pid%3D100005%26rk%3D2%26rkt%3D6%26sd%3D172808266372%26itm%3D162781714460&_trksid=p2047675.c100005.m1851

parma.jpg.ee04b2f73b5192726e8fc6cd92d8911a.jpg

Da: https://www.ebay.it/itm/DO-GENOVA-Rep-prima-dei-Dogi-1139-1339-GROSSO-da-6-DENARI-Argento/173304223350?_trkparms=aid%3D222007%26algo%3DSIM.MBE%26ao%3D2%26asc%3D20170831090034%26meid%3D0445c3fd6b3a4eefb8dd1277f5b2c010%26pid%3D100005%26rk%3D3%26rkt%3D6%26sd%3D172808266372%26itm%3D173304223350&_trksid=p2047675.c100005.m1851

genova.thumb.jpg.ffe5985d03b34927410fc4c233c1d2ab.jpg

GENOVA - Repubblica prima dei Dogi a Vita (1139-1339)   GROSSO da 6 Denari (Ag), Castello Genovese e sotto la base un punto R/ Croce. Lunardi 3 ; Raro ; [Diametro (indicativo) =21,00mm] ; Conservazione come da foto [la moneta presenta una falla di conio passante e/o corrosione alle ore 11 sopra la A di IANUA ma peraltro bella moneta e di buon modulo].

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.