Quintus

Il piccolo ripostiglio del grande Follis Tetrarchico

Recommended Posts

2 ore fa, Giuseppe Gugliandolo dice:

Ti posso smollare un po' di quelle  che ogni tanto regalo ai bambini in giro... Ma non sono sicuro sia roba che t'interessi :D (per lo più roba liscissima del regno d'Italia) 

 

😂no grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tanto per tornare in tema...

Galerio

Gaio Galerio Valerio Massimiano (in latino: Gaius Galerius Valerius Maximianus).
Nato a Felix Romuliana nel 250 a.d. circa e morto a Serdica il 5 maggio 311 a.D., è stato un imperatore romano durante la tetrarchia dal 293 fino alla sua morte.

s-l1600.thumb.jpg.801fe176f14ae66438e247f12e6c88eb.jpgs-l1601.thumb.jpg.732570106ae4989460eed18fae8ebcef.jpg

Valore nominale: Follis
Diametro: 24,50 mm circa
Peso: n.d.

Dritto: IMP C GAL VAL MAXIMIANVS PF AVG, busto laureato a destra
Rovescio: GENIO IMP-ERATORIS, Genio nudo volto a sinistra, modio sul capo, clamide sulla spalla sinistra, patera con liquido che esce nella mano destra e cornucopia nella mano sinistra.

Campo sinistro: delta
Campo destro: epsilon
Marchio di zecca: ANT punto
Zecca: Antiochia
Anno di coniazione: 308 a.D.
Riferimento: RIC VI Antiochia 88; Sear 14519
Rarità: C

Ave!

Q.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Diocleziano

Gaio Aurelio Valerio Diocleziano, nato Diocle (in latino Gaius Aurelius Valerius Diocletianus).
Nato a Salona il 22 dicembre 244 d.C. e morto a Spalato nel 313 d.C., è stato un imperatore romano che governò dal 20 novembre 284 al 1º maggio 305 col nome imperiale di Cesare Gaio Aurelio Valerio Diocleziano Augusto Iovio (nelle epigrafi GAIVS AVRELIVS VALERIVS DIOCLETIANVS AVGVSTVS).

s-l1600.thumb.jpg.dfce612e0c2ca9e6b1b9a35c99090a7e.jpgs-l1601.thumb.jpg.c47a3bb4e5f963dcded0bb9c102c565f.jpg

Valore nominale: Follis
Diametro: 26,00 mm circa
Peso: n.d.

Dritto: IMP C DIOCLETIANVS PF AVG, busto laureato a destra
Rovescio: GENIO POPV-LI ROMANI, Genio nudo volto a sinistra, clamide sulla spalla sinistra, patera con liquido che ne sce nella mano destra e cornucopia nelal mano sinistra.

Campo sinistro: K
Campo destro: A su V
Marchio di zecca: ANT
Zecca: Antiochia
Anno di coniazione: 300 - 301 a.D.
Riferimento: RIC VI Antiochia 54a; Sear 12797
Rarità: C2

Ave!

Q.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Quintus ma le ultime due sono affette dal cancro del bronzo??

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Admin dice:

@Quintus ma le ultime due sono affette dal cancro del bronzo??

La prima sicuramente no. La seconda, stando al venditore, neppure... dovrebbero essere concrezioni di malachite.

Ovviamente attendo di averle in mano per esserne certo.  Nel caso proverei, comunque, a sistemarle invece di rimandarle al mittente per essere poi buttate.

Ave!

Q

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

i punti tendenti al bianco sono cancro del bronzo, se provi a passarci sopra con uno stuzzicadenti si sbriciolano facilmente

come una polvere simile alla farina

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, realino santone dice:

i punti tendenti al bianco sono cancro del bronzo, se provi a passarci sopra con uno stuzzicadenti si sbriciolano facilmente

come una polvere simile alla farina

Purtroppo ho già avuto a che fare con il cancro del bronzo, ho già in casa EDTA e tutto il necessaire per curarle.

Grazie per l'interessamento.

Q

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perdona il pessimismo ma secondo me in alcune parti c'è del cancro del bronzo... le concrezioni non scavano la moneta ed in alcuni punti sembra non solo "incisa" dal cancro ma anche pastosa, farinosa... magari sono le foto ingannevoli, spero sia così.

Ho avuto in collezione un follis pieno di solchi dovuti al cancro del bronzo, lo tenevo sempre in una bustina di acetato per non farlo venire a contatto con le altre ma, ovviamente, se puoi curarle è meglio e potrai mostrarci orgogliosamente i tuoi risultati ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Giuseppe Gugliandolo dice:

Perdona il pessimismo ma secondo me in alcune parti c'è del cancro del bronzo... le concrezioni non scavano la moneta ed in alcuni punti sembra non solo "incisa" dal cancro ma anche pastosa, farinosa... magari sono le foto ingannevoli, spero sia così.

Diciamo che poco m'importa... se fosse cancro lo si cura e si salva la moneta, se fosse altro meglio.  Le foto sono certamente poco chiare ma la speranza è l'ultima a morire!

27 minuti fa, Giuseppe Gugliandolo dice:

Ho avuto in collezione un follis pieno di solchi dovuti al cancro del bronzo, lo tenevo sempre in una bustina di acetato per non farlo venire a contatto con le altre ma, ovviamente, se puoi curarle è meglio e potrai mostrarci orgogliosamente i tuoi risultati ;)

Ma se lo tieni semplicemente imbustato non blocchi la corrosione e la moneta è, a breve, destinata a "morire".  Perché non provi una cura?

Certo che si, uan volta sistemati di certo li rifotograferò e provvederò a postare le foto!

Ave!

Q

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Quintus dice:

Ma se lo tieni semplicemente imbustato non blocchi la corrosione e la moneta è, a breve, destinata a "morire".  Perché non provi una cura? 

Ti parlo di qualche anno fa che non conoscevo i metodi per curarla.

Mi stupice però il tuo "a breve"... è davvero così veloce?

Share this post


Link to post
Share on other sites
36 minuti fa, Giuseppe Gugliandolo dice:

Ti parlo di qualche anno fa che non conoscevo i metodi per curarla.

👍

37 minuti fa, Giuseppe Gugliandolo dice:

Mi stupice però il tuo "a breve"... è davvero così veloce?

Non ho documenti scritti con tempistiche rilevate ma a me, in qualche mese, si è espansa al 50% di una moneta.  Quindi nnon sono tempi brevissimi ma neppure troppo lunghi.

In molti documenti ho letto di tempistiche "brevi" ma non hanno mai quantificato.

Tipo qui... dove parlano anche di una "cura alternativa".

http://www.campanologia.it/contenuto/pagine/01-ATS/ATS-G10/ATS-G10-07-Bronzo-cancro.htm#Il cancro del bronzo

Ave!

Q

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, Quintus dice:

👍

Non ho documenti scritti con tempistiche rilevate ma a me, in qualche mese, si è espansa al 50% di una moneta.  Quindi nnon sono tempi brevissimi ma neppure troppo lunghi.

In molti documenti ho letto di tempistiche "brevi" ma non hanno mai quantificato.

Tipo qui... dove parlano anche di una "cura alternativa".

http://www.campanologia.it/contenuto/pagine/01-ATS/ATS-G10/ATS-G10-07-Bronzo-cancro.htm#Il cancro del bronzo

Ave!

Q

Ti ringrazio! Io pensavo fosse una cosa meno grave... del tipo che "okay si mangia la moneta ma non accadrà nel tempo che mi resta da vivere"... e invece :unsure:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Galerio

Gaio Galerio Valerio Massimiano (in latino: Gaius Galerius Valerius Maximianus).
Nato a Felix Romuliana nel 250 a.d. circa e morto a Serdica il 5 maggio 311 a.D., è stato un imperatore romano durante la tetrarchia dal 293 fino alla sua morte.

s-l1600.thumb.jpg.1993de994644686fa85d37e89e154a73.jpgs-l1601.thumb.jpg.b8fd2b86f3db0ec50b7a69a33b8e665e.jpg

Valore nominale: Follis
Diametro: 25,00 mm circa
Peso: n.d.

Dritto: GAL MAXIMIANVS PF AVG, busto laureato a destra
Rovescio: GENIO A-VGVSTI, Genio nudo volto a sinistra, modio sul capo, clamide sulla spalla sinistra, patera con liquido che esce nella mano destra e cornucopia nella mano sinistra.

Campo sinistro: B
Campo destro: stella
Marchio di zecca: MKV
Zecca: Cizico
Anno di coniazione: 309 - 310 a.D.
Riferimento: RIC VI Cizico 53; Sear 14509
Rarità: C

Ave!

Q.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Massimiano

Marco Aurelio Valerio Massimiano Erculio, noto più semplicemente come Massimiano o Massimiano Erculio (in latino: Marcus Aurelius Valerius Maximianus Herculius).
Nato a Sirmio il 250 a.D. circa e morto a  Massilia nel  luglio 310 a.D., è stato cesare privo di tribunicia potestas (dal luglio 285 a.D.) e poi augusto (dal 1º aprile 286 a.D. al 1º maggio 305 a.D.) dell'Impero romano.
Condivise quest'ultimo titolo con il suo amico, co-imperatore e superiore Diocleziano, le cui arti politiche erano complementari alle capacità militari di Massimiano.

s-l1600.thumb.jpg.7ed897da669d693fa533fb46f15a9df9.jpgs-l1601.thumb.jpg.1ae4eea02d5dfd446ee01cca481f1194.jpg

Valore nominale: Follis
Diametro: 27,00 mm circa
Peso: n.d.

Dritto: IMP CMA MAXIMIANVS PF AVG, busto laureato a destra
Rovescio: GENIO POPV-L-I ROMANI, Genio nudo volto a sinistra, modio sul capo, clamide sulla spalla sinistra, patera nella mano destra e cornucopia nella mano sinistra.

Campo sinistro: XXI
Campo destro: gamma
Marchio di zecca: ALE
Zecca: Alessandria
Anno di coniazione: 300 a.D.
Riferimento: RIC VI Alessandria 30b; Sear 13282
Rarità: C2

Ave!

Q.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, Quintus dice:

Massimiano

Marco Aurelio Valerio Massimiano Erculio, noto più semplicemente come Massimiano o Massimiano Erculio (in latino: Marcus Aurelius Valerius Maximianus Herculius).
Nato a Sirmio il 250 a.D. circa e morto a  Massilia nel  luglio 310 a.D., è stato cesare privo di tribunicia potestas (dal luglio 285 a.D.) e poi augusto (dal 1º aprile 286 a.D. al 1º maggio 305 a.D.) dell'Impero romano.
Condivise quest'ultimo titolo con il suo amico, co-imperatore e superiore Diocleziano, le cui arti politiche erano complementari alle capacità militari di Massimiano.

s-l1600.thumb.jpg.7ed897da669d693fa533fb46f15a9df9.jpgs-l1601.thumb.jpg.1ae4eea02d5dfd446ee01cca481f1194.jpg

Valore nominale: Follis
Diametro: 27,00 mm circa
Peso: n.d.

Dritto: IMP CMA MAXIMIANVS PF AVG, busto laureato a destra
Rovescio: GENIO POPV-L-I ROMANI, Genio nudo volto a sinistra, modio sul capo, clamide sulla spalla sinistra, patera nella mano destra e cornucopia nella mano sinistra.

Campo sinistro: XXI
Marchio di zecca: gamma
Zecca: Alessandria
Anno di coniazione: 300 a.D.
Riferimento: RIC VI Alessandria 30b; Sear 13282
Rarità: C2

Ave!

Q.

Mamma mia, sei scatenato😁 complimenti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Acquisti pre-ferie, tra 1 settimana tutto languirà fino a settembre! 🙂

E, comunque, questa è una delle ultime. 😞

Ave!

Q

Edited by Quintus

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, Quintus dice:

Acquisti pre-ferie, tra 1 settimana tutto languirà fino a settembre! 🙂

E, comunque, questa è una delle ultime. 😞

Ave!

Q-

In che senso è una delle ultime?

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Otrebla dice:

In che senso è una delle ultime?

Se tutto va bene ne ho in arrivo almeno un altro paio! .-)

Vedremo in settimana come va.

Q

Share this post


Link to post
Share on other sites
28 minuti fa, Quintus dice:

Se tutto va bene ne ho in arrivo almeno un altro paio! .-)

Vedremo in settimana come va.

Q

Aahh....mi stavo preoccupando😀

Share this post


Link to post
Share on other sites

Galerio

Gaio Galerio Valerio Massimiano (in latino: Gaius Galerius Valerius Maximianus).
Nato a Felix Romuliana nel 250 a.d. circa e morto a Serdica il 5 maggio 311 a.D., è stato un imperatore romano durante la tetrarchia dal 293 fino alla sua morte.

450F.thumb.jpg.f2a97396dc732f334ab616f1f395cb19.jpgs-l1600.thumb.jpg.63233275f1e4cf02eb3a3a36993c5ad1.jpg

Valore nominale: Follis
Diametro: 29,00 mm circa
Peso: 8,41 gr

Dritto: MAXIMIANVS NOB CAES, busto corazzato a destra
Rovescio: GENIO POPV-LI ROMANI, Genio nudo volto a sinistra, modio sul capo, clamide sulla spalla sinistra, patera nella mano destra e cornucopia nella mano sinistra.

Marchio di zecca: nessuno
Zecca: Londra
Anno di coniazione: dal 300 a.D.
Riferimento: RIC VI London 15; Sear 14344
Rarità: C2
Note: Le monete RIC VI Londra 15, 21 e 35 sono virtualmente identiche.  Cambiano dimensioni di collo, testa e busto.

Ave!

Q.

Edited by Quintus
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella e di grande modulo !

Share this post


Link to post
Share on other sites

Costanzo I

Flavio Valerio Costanzo, meglio noto come Costanzo Cloro o Costanzo I (in latino: Flavius Valerius Constantius).
Nato ad
Illyricum  il  31 marzo 250 a.D.  circa e morto ad Eboracum  il 25 luglio 306  a.D., è stato un imperatore romano (dal  293   al  306 a.D.) durante la tetrarchia e padre di Costantino I.

s-l1600.thumb.jpg.2ec7a16cf5c5114946578a5061a98b92.jpg449F.thumb.jpg.236e40fcda42ce3f85dd05c6ae56f18f.jpg

Valore nominale: Follis
Diametro: 27,00 mm circa
Peso: 10,85 gr

Dritto: FL VAL CONSTANTIVS NOB C, busto corazzato a destra
Rovescio: GENIO POPV-LI ROMANI, Genio nudo volto a sinistra, modio sul capo, clamide sulla spalla sinistra, patera nella mano destra e cornucopia nella mano sinistra.

Marchio di zecca: nessuno
Zecca: Londra
Anno di coniazione: dal 300 a.D.
Riferimento: RIC VI London 14a; Sear 14034
Rarità: R
Note: Le monete RIC VI Londra 14a, 20 e 30 e RIC VI Lione 18 sono virtualmente identiche.  Cambiano dimensioni di collo, testa e busto.

Ave!

Q.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esemplari belli e particolari @Quintus. Lo stile rozzo del secondo (e l'assenza di zecca nell'esergo) potrebbero quasi far propendere per una coniazione "da campo".

Andrebbe confrontato con i testi di riferimento.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molto bella anche questa...complimenti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now