Guest elledi

PIO VIII (1829-1830)

Recommended Posts

Guest elledi

PIO  VIII  Francesco Saverio Castiglioni

Papa dal 5-4-1829  al 30-11-1830

Nato a Cingoli, presso Macerata, successe a Leone XII

      Nel 1800 fu consacrato Vescovo da Pio VII e si trasferì a Montalto, ma dopo l'annessione delle Marche, avvenuta nel 1808 al Regno d'Italia, rifiutò di giurare fedeltà al suo Re, Napoleone, e pertanto venne deportato a Pavia. Ritornerà libero a Montalto solo nel 1814 anche se sarebbe passato un ulteriore anno perché finalmente avesse fine l'occupazione delle legazioni di Gioacchino Murat.  Fu creato Cardinale nel 1816 e si trasferì nella diocesi di Cesena.  Fu eletto Papa il 31 marzo del 1829.

      Scelse il nome di Pio VIII per onorare il suo grande protettore Pio VII e la sua elevazione al soglio Pontificio non fu una scelta a caso: era moderato (si usciva dal papato turbolento di Leone XII), era di salute cagionevole, aveva già una certa età ed era nota la sua bontà. Un ottimo compromesso ed un perfetto Papa di transizione, come in effetti fu.

      Pio VIII fu un Papa incline al perdono e piuttosto schivo come persona, fino a respingere tutte le fastose cerimonie; favorì il trionfo della morale gesuita, abolì il nepotismo, abbandonò la pratica dello spionaggio e della delazione (molto utilizzata dai suoi predecessori) ed emanò una Enciclica di condanna delle società bibliche e delle associazioni segrete per il loro anticlericalismo grazie alla collaborazione del Segretario di Stato Albani a cui aveva delegato l'ampio compito di occuparsi della politica dello Stato.

Promosse libertà di culto tra i cattolici in Inghilterra e riconobbe il nuovo Re di Francia.

      Dopo una breve ma dubbia malattia, si dice causata da elevato stress conclusasi con un collasso, si spense a Roma il 30 novembre 1830. Alla sua morte, come nel caso del suo predecessore, sulla statua del Pasquino si trovò la solita satira romanesca che in questo caso recitava: L'ottavo Pio fu Papa, visse, è morto e grazie a Dio nessun se n'è accorto. 

      Tempi non facili in quell'Europa della restaurazione, percorsa da scosse risorgimentali e tensioni sociali. In questo periodo esisteva la censura su pubblicazioni e spettacoli non solo nello Stato Pontificio ma anche in tutti gli Stati Pre Unitari. Non si tollerava minimamente la messa in discussione della Fede e della organizzazione cattolica. Questo fu sicuramente aspro terreno di scontro con il movimento patriottico italiano che sosteneva la necessità di una unificazione della penisola a patto di cancellare il dominio pontificio sulle regioni centrali di essa (Lazio, Umbria, Marche, Emilia Romagna).  Infatti qualunque Unità Italiana era incompatibile con lo Stato della Chiesa.

      Questo Papa fu un grande appassionato e studioso di Numismatica, entusiasmo ed attitudine che ereditò dal padre. Medaglie e monete rappresentarono sempre per lui argomento di studio arrivando ad intrattenere frequenti rapporti con molti esperti del settore.

Approfondimenti numismatici PIO VIII

      Sotto questo Pontefice, che regnò per un periodo troppo breve, ritroviamo una scarsa varietà di monete; ma sebbene povera come tipologia era notevolmente ricca di innovazione.

      Giusto per inquadrare l'uomo ed il suo contesto storico, è noto che l'appellativo di "numismatico" dato a questo Pontefice è dovuto al fatto che, grazie alla sua immensa passione per la Numismatica, egli cercò di migliorare l'aspetto delle monete sotto il suo pontificato ed incoraggiò lo studio delle medaglie.

Alle sue monete apportò una serie di modifiche variando i Rovesci, facendo porre su quello del Testone (che lui chiamò invece 30 baiocchi) le immagini dei due Santi Esuperanzio e Sperandia, protettori di Cingoli e patroni appunto della città natale di Pio VIII e su quello dello scudo i Santi Pietro e Paolo.

Cessarono così le raffigurazioni in uso fino al periodo di Pio VII dell' "AVXILIO de SANCTO" e si dette inizio a nuovi tipi monetali che diedero nuovo lustro alle monete Pontificie.

Oltre a questo troviamo altre due importanti innovazioni nelle monete d'argento:

-l'incisore è Carlo Federico Voigt (non più Cerbara)

-non più un contorno ornato in rilievo ma una più moderna ghiera rigata.

Carlo

      Ecco una moneta del Papa Pio VIII

30 BAIOCCHI    (testone)

Argento 917

Diametro 26 mm

Peso 7,93 g

Contorno rigato

Diritto:  PIVS.VIII.PON. MAX.ANNO II Busto a destra con zucchetto, mozzetta e stola  in basso ROM.1830 N.C.     

Rovescio: S.EXVPERANTIVS.EP. S.SPERANDIA.VIRG  i due santi con pastorale e crocetta, nell'esergo CINGVLI. PATRONI

Questa moneta commemora i patroni di Cingoli, città natale di Pio VIII

By Carledo49, 10.03.2013

post-0-1392073157,33_thumb.jpg

post-0-1392073158,08_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora