Sign in to follow this  
Riccardo Paolucci

CONSIDERAZIONI PERSONALI

Recommended Posts

I social, un guaio ed un danno enorme per la Numismatica. Su Facebook c'è un gruppo intitolato "Monete Medievali Zecche Italiane e Straniere" dove al di là di pdf, fotocopie, libri copiati, foto rubate etc. non si va. A Roma sarebbero considerati "pulciari". Ora siccome ho sempre acquistato e continuo ad acquistare tutti i libri e le pubblicazioni che mi servono per le mie ricerche vengo accusato di essere ricco. ma mettere in funzione il cervello prima di scrivere no? Ho già salutato il gruppo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un'altra considerazione personale è la pochezza che c'è OGGI a Trieste a livello di Numismatica. Dopo il pensionamento del buon Giulio Bernardi, dopo che lo scrivente è andato all'estero, OGGI a Trieste non c'è più nessuno. E' rimasto Gianni Paoletti ma ormai sembra che sia diventato più un compro-oro. Altri Numismatici non ne vedo. Il Circolo Numismatico Triestino è ormai defunto. Convegni a Trieste non se ne fanno più da una vita. Il Collezionismo, a parte qualche "pulciaro" non c'è più. E' molto più viva la Slovenia. Che bella che era una volta la Numismatica a Trieste!!! Gli anni '80 sono stati stupendi: c'erano tre/quattro negozi e si lavorava tutti. C'erano due circoli, un convegno. Forse è il destino di una splendida città che si specchia troppo nella propria bellezza

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
1 ora fa, Riccardo Paolucci dice:

Altri Numismatici non ne vedo. Il Circolo Numismatico Triestino è ormai defunto. Convegni a Trieste non se ne fanno più da una vita. Il Collezionismo, a parte qualche "pulciaro" non c'è più.

E' vero che Trieste si sia ridimensionata a livello nummismatico rispetto ad alcuni decenni fa, ma essere così drastico mi sembra eccessivo.

A livello di circoli (ricordo anche il  dopo lavoro ferroviario) è rimasta unicamente l' associazione numismatica slovena J. V. Valvasor, fatta da triestini di lingua slovena. Si riunisce periodicamente, discute, crea iniziative. (Pur sempre qualcosa e ricordo che pur essendo di una minoranza linguistica se ospitano qualcuno parlano in italiano per educazione)

A livello di studiosi direi che non siamo ancor da buttare: Feruglio, Callegher,  Štekar, Famigliari e (anche se ti sto sui ⚽🏀) nel mio piccolo io.

Convegni, non se ne tengono, ma bisogna anche dire che ben pochi oltre a Verona "reggono" ancora.

A livello collezionistico sono anche cambiati i tempi, le tasche ecc. (ci sono nnuovi canali rispetto agli anni '80 come la rete e le sue numerose aste...)

Un pulciaro 😄😜

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 minuti fa, andreakeber dice:

E' vero che Trieste si sia ridimensionata a livello nummismatico rispetto ad alcuni decenni fa, ma essere così drastico mi sembra eccessivo.

A livello di circoli (ricordo anche il  dopo lavoro ferroviario) è rimasta unicamente l' associazione numismatica slovena J. V. Valvasor, fatta da triestini di lingua slovena. Si riunisce periodicamente, discute, crea iniziative. (Pur sempre qualcosa e ricordo che pur essendo di una minoranza linguistica se ospitano qualcuno parlano in italiano per educazione)

A livello di studiosi direi che non siamo ancor da buttare: Feruglio, Callegher,  Štekar, Famigliari e (anche se ti sto sui ⚽🏀) nel mio piccolo io.

Convegni, non se ne tengono, ma bisogna anche dire che ben pochi oltre a Verona "reggono" ancora.

A livello collezionistico sono anche cambiati i tempi, le tasche ecc. (ci sono nnuovi canali rispetto agli anni '80 come la rete e le sue numerose aste...)

Un pulciaro 😄😜

Callegher non è triestino, Feruglio? Familiari? Son studiosi? E tu non mi stai sulle ⚽🏀, mi da solo fastidio quando non citi le fonti o i proprietari delle monete in foto 😉 oppure quando butti letteralmente via i tuoi studi

Edited by Riccardo Paolucci

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, andreakeber dice:

bisogna anche dire che ben pochi (...) "reggono" ancora.

Secondo me in realtà manca la voglia di organizzarli e di farli.

Nella mia città, Messina, non esistevano eventi di tipo numismatico mentre adesso da circa un anno e mezzo si organizzano con continuità e con affluenze sempre maggiori. Ed il prossimo evento ospiterò gente non solo dal meridione ma anche aste e ragazzi dal nord della penisola. Direi che non è male come risultato.

 

Ma dipende molto dalla gente... il ragazzo che organizza Messina ha provato a creare qualche convegno in più in Sicilia, prossima settimana c'è un piccolo evento a Siracusa ma proprio i collezionisti del posto hanno quasi tutti dato per confermata la loro assenza. Ecco che, con questi feedback negativi, sono loro che si negano gli eventi. E credo sia quello che sta accadendo in giro: dire semplicemente "non è più come prima, non ci sono convegni, non ci sono eventi" ma senza nessuno che si metta in gioco anche solo per provarci. E nell'ultimo esempio che ho fatto non avevano neanche alcuno sforzo,  dovevano solo partecipare. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sembrerebbe non ci sia stato alcun cambio generazionale in merito alla organizzazione e concretizzazione di eventi numismatici. Il tutto parrebbe lasciato nelle mani di pochi di buona volontà che però a malapena riescono a perseguire risultati importanti. Un declino irreversibile della numismatica?  Carlo

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, carledo49 dice:

 Un declino irreversibile della numismatica?  Carlo

A Trieste si purtroppo, della Numismatica e dei Numismatici

Edited by Riccardo Paolucci

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Riccardo Paolucci dice:

A Trieste si purtroppo, della Numismatica e dei Numismatici

Anche in Sardegna, purtroppo. Le associazioni numismatiche stanno morendo, o sono morte e non se ne sono ancora accorte😫

La numismatica oramai è circoscritta al web e si è ridotta agli acquisti on line se il pezzo proposto ha prezzi stracciati. Una tristezza.

Carlo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io a Trieste mi ricordo delle bellissime discussioni in Circolo, quella volta frequentato da Professionisti e Collezionisti (entrambe volutamente con la maiuscola). Ci riunivamo due volte la settimana, si organizzavano Mostre, Conferenze. Schedammo le monete del Museo di Aquileia (un lavoraccio), ogni anno emettevamo una medaglia, stampavamo l'Annuario. Oggi da quello che so, si riuniscono una volta al mese (forse). Come contraltare avevamo il Circolo del Dopolavoro Ferroviario dove c'erano una miriade di "trapoleri" (termine usato a Trieste per indicare i commercianti abusivi). All'interno del nostro Circolo c'erano personaggi come Amoroso, Bernardi, Brunetti, Cirami, Covre, De Giorgio, Drioli, Finazzer, Fuchs, Guerra, Paoletti, più modestamente il sottoscritto che allora ero alle prime armi, Scordilli...che bei tempi!!! Quando c'era il Convegno di Padova, Verona o Klagenfurt si partiva tutti insieme.

Cosa rimane di quella Numismatica? Di quell'ambiente? Che tristezza infinita. Oggi imperversano i gruppi sui social o personaggi che entrano nei Forum con l'unico intento di chiedere "Cosa vale?"

Edited by Riccardo Paolucci

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' una tristezza che mi porto dietro da tempo. Sono il vicepresidente della Associazione dei Numismatici della Sardegna e parlo con cognizione di causa. Anche la nostra associazione è morta, è rimasto uno sterile atto notarile, ma nulla di più. Niente riunioni da anni, niente convegni, niente organizzazioni di discussioni, mostre o quant'altro. Il nulla. Qualcuno è rimasto a vendere monete nel suo negozio o nel web, chi a scrivere qualche libretto, chi ha mollato definitivamente, chi si è stufato ed ha buttato in un angolo la collezione per poi alienarla alla migliore occasione e chi si è intristito, come il sottoscritto nel vedere questo inesorabile declino e non poter far nulla. I pochi che ancora si vedono tra loro si danno appuntamento saltuariamente a Verona. Altro non c'è!

Carlo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come presidente del piccolo circolo Filatelico Numismatico Piombinese mi associo alle lamentazioni degli amici che mi precedono. E' evidente che un piccolo circolo in una piccola cittadina com'è Piombino abbia una vita stentata e un corpo sociale che per benevolenza - visto che comprende anche me - posso definire "maturo" ma   ho il sospetto che  sia anche un po' (tanto) colpa nostra.

Siamo certi di aver fatto di tutto e di più per attrarre i giovani, facendoli accostare al collezionismo e allo studio numismatico? Il caso  milanese, con "Quelli del Cordusio" o quello del Circolo Partenopeo (ma so di esperienze interessanti ad esempio anche nel fiorentino) sono  solo una miracolosa eccezione o c'è qualcosa che in altri contesti è  mancata? 

Mi rendo conto che si parla di due città con oltre un milione di abitanti ciascuna per cui se solo un abitante su 2.000 si interessa di numismatica abbiamo un nucleo potenziale di 500 persone!

Sarebbe interessante - e utile -  poter aprire una discussione ed avere la testimonianza di qualche amico che frequenta questi circoli per cogliere il "trucco" della loro vitalità.

E' probabile che  si debbano superare gli angusti limiti territoriali dei piccoli centri guardando forse ad una "intercomunalità".

Proviamo a coinvolgere i giovani che seguono il Forum, cercando di capire il loro modo di pensare e di vedere  il problema.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caro Luciano, io ero segretario al Circolo Numismatico Triestino. Ogni anno organizzavamo una Mostra alla Sala Comunale d'Arte nello splendido scenario di Piazza Unità d'Italia. Gente ne veniva, giovani anche. Poi...il nulla. Piano piano, vuoi per i problemi della sede che costava ed il Comune non ci ha mai dato una mano in tal senso, vuoi perchè tutti aspettavano che si muovesse il buon Giulio Bernardi, vuoi per l'età avanzata dei frequentatori, l'interesse è scemato ed il Circolo ora sopravvive nelle sporadiche riunioni e nella Cena sociale che si tiene una volta l'anno. Eravamo il Centro Regionalwe di Studi Numismatici del Friuli-Venezia Giulia ora buio totale. Io nel 1990 andai via da Trieste, mi trasferii a Bergamo. Anche lì dopo la morte del Popi Lorenzelli il Circolo ha vivacchiato, organizzava forse uno dei Convegni più belli d'Italia, era ad invito e per entrarci dovevi fare anni di attesa. Ora organizzano assieme ai Filatelici e prendono come espositori anche i venditori di pupazzetti per bambini!!! Capisco i problemi per un giovane: la mancanza di lavoro e di un'entrata fissa dalla quale attingere, ma i giovani oggi sono attratti da altro. Sai io che mi sono laureato in Archeologia, vuoi o non vuoi ero nel mio mondo. Vedo anche mio figlio, 22 anni quasi, è attratto da altre cose. Io a 22 anni ero Segretario del Circolo!!! Ecco, mi piacerebbe sapere quanti under 25 sono presenti in questo Forum, credo che il risultato sia un disastro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Discorso diverso all'estero: nei miei anni nel Regno Unito ho frequentato la Yorkshire Numismatic Society ed i Convegni inglesi. Lì l'interesse c'è ancora, giovani ne vedi e tanti.

In Austria la stessa cosa. Che sia un problema tutto italiano?

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, Riccardo Paolucci dice:

Discorso diverso all'estero: nei miei anni nel Regno Unito ho frequentato la Yorkshire Numismatic Society ed i Convegni inglesi. Lì l'interesse c'è ancora, giovani ne vedi e tanti.

In Austria la stessa cosa. Che sia un problema tutto italiano?

Non lo escluderei. Ma non escluderei anche qualche altro elemento; intanto -sempre relativamente ai giovani - l'aspetto economico ha il suo peso.

Pur condividendo in buona parte il tuo pessimismo vorrei volgere la cosa in positivo e qui mi rivolgo a tutti gli amici dello staff ma non solo. Intanto sarebbe utile avere una prima risposta ( @Admin  ?) al tuo quesito sui giovani del forum. In secondo luogo suggerirei di pensare insieme a come organizzare una breve indagine almeno sulla vita nei circoli delle città più grandi (i capoluoghi di provincia?): attività, iscritti, ecc.

Share this post


Link to post
Share on other sites
16 ore fa, Riccardo Paolucci dice:

Discorso diverso all'estero: nei miei anni nel Regno Unito ho frequentato la Yorkshire Numismatic Society ed i Convegni inglesi. Lì l'interesse c'è ancora, giovani ne vedi e tanti.

In Austria la stessa cosa. Che sia un problema tutto italiano?

Caro Riccardo...temo la situazione sia difficile:

per le monete ci vogliono i soldi, dicevano i filatelici a Piacenza già 20...15 anni fa', cosa che comunque la si capisce subito.

Per qualche "ruzzica" interessante già partono da 20 a 50 euro, se non 70.

Figurarsi quelle più belle, rare ed interssanti. Oggi in Italia  non si spendono soldi per i libri e le pubblicazioni...figurarsi sei giovani  restano attratti dalle monete che sono, comunque e sempre, una manifestazione storica e culturale.

E temo che la cosa abbia una rilevanza tutta interna: in esaurimento anagrafico e cimiteriale la vecchia guardia, scomparsa la classe media, pecorona ma relativamente colta e maniacale nelle passioni, restano i nuovi ricchi e tanti giocani squattrinati che vedono la numismatica come uno sviluppo delle collezioni giovanili....appassionandosi man mano. Ma peraltro costoro spesso diventano scambisti...trafficanti...per cui prende valore un'ipotesi proposta da chi la sa lunga:

poco ci manca che sono di più gli operatori che i veri collezionisti...e gli operatori si scambiano ed assorbono  le monete tra di loro, per fatto tecnico, per cambiare stock, per difendere i prezzi, per creare un minimo di movimento. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 ore fa, Riccardo Paolucci dice:

Confermo che la situazione a Trieste è sempre peggio...

Cioè che c'è una flessione di appassionati non trafficanti?

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, Piakos dice:

Cioè che c'è una flessione di appassionati non trafficanti?

Trafficanti ce ne sono e tanti purtroppo, sono i Numismatici che latitano

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 20/3/2019 at 05:22, Riccardo Paolucci dice:

Trafficanti ce ne sono e tanti purtroppo, sono i Numismatici che latitano

Riccardo! Abbiamo perso un 50% di collezionisti negli ultimi 20 anni?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vedi @Piakos io in tante branchie della Numismatica, come il buon vecchio Socrate, so di non sapere e quindi tante volte nemmeno mi ci infilo nelle discussioni, oggi invece vedo tanti tuttologi che pontificano su argomenti che non sono di loro competenza. Portami delle romane, delle medioevali, rinascimentali e parliamo. Se mi porti le greche ascolto perchè ho sempre da imparare anche se ho avuto un ottimo Maestro come Lopez Spagni. Sulle decimali alzo le braccia, non è il mio campo. Difficilmente vedi mie monete sigillate con la data degli ultimi 10/15 anni. Ecco questa è un'altra piaga di chi si avvicina alle monete oggi: i collezionisti di sigillature!!! Gente che si fa sigillare anche monetine da 100 € per non parlare di quelle che valgono nemmeno il costo della bustina, del cartellino e dei sigilli!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Riccardo Paolucci dice:

Ecco questa è un'altra piaga di chi si avvicina alle monete oggi: i collezionisti di sigillature!!! Gente che si fa sigillare anche monetine da 100 € per non parlare di quelle che valgono nemmeno il costo della bustina, del cartellino e dei sigilli!!!

Questa passione maniacale di raccogliere bustine sigillate ha avuto la sua massima espressione almeno 10 anni or sono. Ci si è avvicinati anche per le numerose fregature che i collezionisti poco preparati stavano subendo. Il fenomeno ha continuato per gli anni successivi ed ora troviamo sigillati anche i ramini dell'euro. Ricordo all'epoca di essere andato controcorrente in maniera drastica liberando tutte le monete in mio possesso dai loro sepolcri plastificati, anche quelle di valore venale sostanzioso. Magari conservo i cartellini...ma le monete son tutte rigorosamente nude.

Ci sarebbe poi da ridire sui cosiddetti saputelli che millantano lauree in numismatica o esperienze qualificate e qualificanti nel settore. Ho paura che le cause principali siano state le discussioni sui forum di allora, dove chi non si allineava al pensiero comune (di pochi) veniva sbeffeggiato e tacciato di ignoranza e peggio altro. Ma questo è solo il mio pensiero!

Carlo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 22/3/2019 at 08:36, carledo49 dice:

Questa passione maniacale di raccogliere bustine sigillate ha avuto la sua massima espressione almeno 10 anni or sono. Ci si è avvicinati anche per le numerose fregature che i collezionisti poco preparati stavano subendo. Il fenomeno ha continuato per gli anni successivi ed ora troviamo sigillati anche i ramini dell'euro. Ricordo all'epoca di essere andato controcorrente in maniera drastica liberando tutte le monete in mio possesso dai loro sepolcri plastificati, anche quelle di valore venale sostanzioso. Magari conservo i cartellini...ma le monete son tutte rigorosamente nude.

Ci sarebbe poi da ridire sui cosiddetti saputelli che millantano lauree in numismatica o esperienze qualificate e qualificanti nel settore. Ho paura che le cause principali siano state le discussioni sui forum di allora, dove chi non si allineava al pensiero comune (di pochi) veniva sbeffeggiato e tacciato di ignoranza e peggio altro. Ma questo è solo il mio pensiero!

Carlo

Santa verità

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 10/3/2019 at 06:57, Riccardo Paolucci dice:

Ecco, mi piacerebbe sapere quanti under 25 sono presenti in questo Forum, credo che il risultato sia un disastro.

Presente. Ma credo la lista non sia molto lunga oltre il sottoscritto...

 

Riguardo alcuni traffichini, alcuni lo fanno perché hanno trovato nella numismatica il modo di racimulare qualche euro non avendo un lavoro fisso o mancando di entrate, che poi altri lo facciano per mera speculazione è un altro discorso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this