Riccardo Paolucci

CARACALLA Sesterzio artisticamente stupendo

Recommended Posts

7 ore fa, Spoudaios dice:

Non sono d'accordo @Piakos. L'utilizzo costante e profondo del pensiero è ben codificato eccome.

Vorremmo forse qui ignorare la fenice rappresentata sugli aurei adrianei? E l'introduzione, nei suoi denarii, della Providentia Deorum?

Oppure dovremmo forse riferirci al misterioso Toro della Secvritas di Giuliano Imperatore?

O la Vittoria Alata che continua a rimanere impressa sui solidi teodosiani, testimonianza di una cristianizzazione che è opera di sincretismo complesso fra due culture.

E la misteriosa "Costantiniana Dafne", distribuita dalla neonata zecca di Costantinopoli agli operai della Seconda Roma?

No, non è banale cristalizzazione e lo sappiamo bene. Queste monete parlano delle nostre radici profonde, del pensiero greco-romano che permea la cultura clericale prima e neoclassica poi per i secoli a venire e plasma la civiltà occidentale. Cultura neoclassica e illuminista che darà avvio alla Rivoluzione Francese e a tutti i moti a seguire.

 Rimaniamo sull'opera di verità di cui sopra: le monete moderne o pre-moderne son più facili. Non devi conservare tonnellate di documentazione (o meglio, dovresti, ma l'obbligo diventa "meno stringente" de facto); la probabilità di pasticci diminuisce sensibilmente; i falsi ci sono, ma possono essere più sgamabili (anche se, ripeto, ho visto monete del Regno che dubbie sono e dubbie rimangono a seconda dell'esperto che senti).

Ho sentito di moltissimi collezionisti che "collezionavano Romane", ma per tutti o parte dei motivi di cui sopra, si son fatti piacere qualche altra monetazione.

Non sono i primi, non saranno gli ultimi. 

Spesso la monetazione antica è messaggio o celebrazione o propaganda...o gloria degli dei e dell'imperatore. Sicuramente era un mondo meno complesso.

Il fascino delle monete antiche è sicuramente inarrivabile. Io ancora agogno un tetra di Reghion e uno di Rodi...di quelli più belli, perchè pur nella loro bellezza sono più acquisibili rispetto a certi tatradrammi sicelioti inarrivabili economicamente e perchè giudico queste monete comunque di grande interesse storico e iconografico.. Darei molto per un tetra di Anfipoli...frontale...di massimo stile, ma non posso vendermi l' appartamento.

Non concordo sul fatto che le monete moderne o pre moderne possono farsi piacere...non puoi collezionare se non sei appassionato a ciò che acquisisci. Resto dell'avviso che il fascino che sprigionano le antiche colpisce la nostra psiche o, se preferite, la chimica del nostro cerebrale. 

Sotto questo aspetto e per assurdo...le monete moderne sono più difficili. Non ci sono arrivato subito e non ho voluto farle per scappare dalle classiche...non vale nella passione il chiodo scaccia chiodo, magari fosse così. E' PIUTTOSTO UNA QUESTIONE DI MATURAZIONE. 

Caravaggio è più affascinante di Van Gogh?

Opere di Giotto non se ne trovano sul mercato...ma un fondo oro di Maso Di Banco  (suo ottimo allievo e collaboratore) è meglio di un Monet?

Io credo che le monete siano tutte magnifiche...poi ci sono quelle meglio incise e più belle o più interessanti...ma non credo sia una questione di periodo. Non è così.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso che il mondo, in qualsiasi epoca, sia stato maledettamente complesso. Difficile fare una classifica, così come non si può dire che Maso di Banco sia meglio o peggio di un Monet. Dipende da cosa trasmettono a chi li guarda.

Ma qui il discorso è diverso e non siete i primi a farlo. Le monete antiche non si fanno, perché difficili e farlocche in larga parte, perché particolarmente "attenzionate", non perché non piacciono. È qui l'inghippo.

Torno alla metafora: collezionate allievi di Giotto? Sono belle opere, le facevo anche io, ma son restaurate o false in larga parte...e da gente che sa il fatto suo.

Prendetevi un De Chirico, invece, che non lo falsifica quasi nessuno (e per quale motivo? Boh!).

Ma a me la metafisica di De Chirico non piace. Se poi andate sul neoastrattismo, non vi seguo proprio.

Se poi sarà un mio percorso personale a portarmi a collezionare i De Chirico, il discorso cambia. Ma l'ho già detto: non stiamo parlando in questi termini qui. Stiamo parlando della "collezionabilità" della monetazione antica. Altrimenti, de gustibus...

Bé, son stanco, in generale. E un po' anche nel particolare.

@Quintus, come era quella storia delle banconote kenyote?

P.s. a me il Caravaggio piace.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le monete antiche hanno un fascino particolare...che colpisce il nostro inconscio. Come Maso Di banco e Duccio...e i senesi.

L'arte è un'altra cosa...resta arte.

Le monete sono tutte belle e interessanti...se ci si sgancia dall'intrigo dell'antico.

Le monete classiche sono collezionabilissime...se le si conosce e se si è disposti ad avere un archivio documentale. Chi se ne è sganciato non sapeva le cose...non le conosceva e c'è rimasto male. Io invece, per caso, ho scoperto che la frumentazione di Innocenzo XIII o il porto di Ripetta...per fare due esempi tra tanti possibili  e mi sono detto...son belle anche queste... non si può fare tutto...le classiche sono state apprezzate...cambiamo.

fienagione.thumb.jpg.66444f49452a5d200c985286089f4b65.jpgripetta.thumb.jpg.c23a8d05c027ef006f4dfbfd1ef9ea44.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

E questa no? Sempre e solo altro esempio tra tanti,genova.thumb.jpg.beb9978aae1b9ba6300612e00222ea66.jpg

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Artisticamente ineccepibili Renzo.

Belle. Verissimo. Ma se quel periodo storico non attira la mia attenzione, è difficile, se non impossibile, che io possa collezionarle con sincera passione.

Ogni collezionista segue un percorso suo. Ti ringrazio per avermi dato materiale su cui riflettere.

Prenderò una pausa, dopo giugno, dal collezionismo attivo per riflettere su tutto il quadro.

Grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Spoudaios dice:

Prenderò una pausa, dopo giugno, dal collezionismo attivo per riflettere su tutto il quadro.

 

e poi torna attivo a settembre perchè io invece penso di iniziare a collezionare in quel periodo .. ahahha

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 27/6/2019 at 11:03, Spoudaios dice:

Artisticamente ineccepibili Renzo.

Belle. Verissimo. Ma se quel periodo storico non attira la mia attenzione, è difficile, se non impossibile, che io possa collezionarle con sincera passione.

Ogni collezionista segue un percorso suo. Ti ringrazio per avermi dato materiale su cui riflettere.

Prenderò una pausa, dopo giugno, dal collezionismo attivo per riflettere su tutto il quadro.

Grazie.

Non vedo motivo per non fare le classiche se non si rischiano somme di qualche significato e se ci si appoggia a noi nelle scelte e swe non si dovrà rivendere quasi nulla.

Il discorso si fa complesso se si comincia A SPENDERE QUALCHE DECA...

Ma per il resto...se non si finirà per comprare alla NAC in gara con gli sceicchi...si può collezionare benissimo. Non vedo problemi...

🙂

che non siano  ampiamente dibattuti e quindi in nquanto noti...ci si destreggia alla grande.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.