Vai al contenuto
Riccardo Paolucci

UN GRANDE NUMISMATICO PURTROPPO DIMENTICATO: LOPEZ SPAGNI

Recommended Posts

Le nuove generazioni sono all'oscuro di tanti personaggi che hanno portato in alto la Numismatica italiana nel mondo. Uno di questi è Lopez Spagni che operava nei convegni commerciali più importanti e tramite i suoi periodici listini di vendita. Reggiano di nascita viveva in provincia di Verona a Santa Lucia dei Monti, una frazione di Valeggio sul Mincio. Grande conoscitore di numismatica antica e di zecche medioevali emiliane. Uomo di altri tempi, personaggio tutto di un pezzo. Se ti dava un appuntamento alle 10 dovevi arrivare alle 9.59 perchè alle 10.01 lui andava via. Memorabili alla Locanda Belvedere di Santa Lucia ai Monti i ritardi di Roland Becker alle cene che si organizzavano e lui se la cena era fissata per le 20 alle 20.01 ordinava. Un Maestro, fu lui a farmi capire un po' di numismatica greca italiana e siciliana dandomi i primi suggerimenti e consigli. Mi ricordo nella sua villa a Santa Lucia dei Monti quando si preparava per il Convegno del giorno dopo: preparava prima uno schema su carta di come disporre i plateau sul tavolo, eppoi nella cassetta disponeva i plateau nell'ordine in cui li avrebbe tirati fuori il giorno dopo esponendoli al pubblico. Bellissima la sua Biblioteca andata dispersa dopo la sua morte. Numismatici così non ne esistono più, belli quei Convegni, quelle cene, tutti i discorsi fatti con lui. Uomo di una Cultura profonda che mi ha onorato della sua Amicizia.

Nella fig. 1 illustro il suo ex libris, nella fig. 2 un suo memorabile listino e nella fig. 3 un suo studio

post-4217-0-63458200-1304278229_thumb.jpg

132D.jpg

image01955.jpg

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante ,

questa discussione serve a ricordarlo e farlo conoscere 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La cosa che mi colpì nei suoi listini era la dicitura "Non facciamo uso del termine fdc"

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 10/8/2019 at 07:47, Riccardo Paolucci dice:

La cosa che mi colpì nei suoi listini era la dicitura "Non facciamo uso del termine fdc"

Grande lezione.

Quel mondo a cui apparteneva è purtroppo morto e sepolto...un'epoca è finita e in attesa di qualcosa di nuovo...si galleggia nell'altra qualità, non solo per mania e fissazione, ma anche perchè lo impone il mercato e chi va contro il mercato: perde sempre. Oggi anche Spagni avrebbe dovuto ammetterlo anche a malincuore e in disaccordo. Ma per rimettere con il BB e anche con lo spl. oggi bisogna poterselo permettere...con l'alta qualità più o meno i soldi li riprendi. Molti non possono permettersi di rimettere...

Sembra un paradosso...ma è così...e Riccardo anche sa cosa voglio dire.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oggi...(commercialmente) esiste solo una tipologia di moneta: il FdC... o il quasi se è più antica di 250 anni, meglio se anche rara e di bella iconografia.

Il resto...lascia il tempo che trova...o poco più. 

Purtroppo è così e basta vedere le aste recenti per ribadirlo. E sarà sempre peggio (o meglio... a seconda della qualità che comprate). Paolucci, caro ex utente. movimentava sopra tutto ruzziche... (dignitosissime e numismaticamente importanti per lo studio...) quindi era fuori da certi giochi commerciali importanti. Se le pagava molto poco alla fonte...avrà comunque fatto i suoi guadagni 😎 e avrà avuto buona materia per scrivere i suoi libri come ricerca.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×
×
  • Crea Nuovo...