Lugiannoni

LA NUMERO 1 ovvero COME HO INIZIATO A COLLEZIONARE

Recommended Posts

Come il mitico zio Paperone ogni collezionista che si rispetti ha una N° 1, la prima portata a casa (o arrivata in casa) e che ha acceso il "sacro fuoco" della numismatica.

Per quanto mi riguarda iniziai alla tenera età di 14 anni (più o meno).

Un amico aveva un doppio tornese di Luigi XIII ed io che ero un lettore accanito di Dumas, collegai quella monetina a D'Artagnan, Athos, porthos, Aramis, al Cardinale Richelieu e alla contessa de la Fére...Per farla breve, riuscii ad averla in cambio di alcuni albi dell'Intrepido!

738767953_LXiii-dtd.jpg.7a48a436bf137d1598461d62ce9be8dc.jpg1063652835_LXiii-dtr.jpg.645bd7870e3ed565dd1edb515e4bd164.jpg

ovviamente la conservo tuttora!

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I numeri 1...denari repubblicani, comprati con scontrini e cartellini qui a Roma dai mitici Santamaria. Repubblicani in BB/spl. ricordo ancora un Caracalla e un Eliogabalo FdC in largo flan e metallo brillante e integro...pagati un botto...dopo quasi 40 anni...temo che, oggi, riprenderei i miei soldi attualizzati. Per fortuna riuscii a restituirli al mercato prima che arrivasse la valanga di monete dall'est Europa e dalla Turchia.

Perchè lo feci?

Perchè ho fatto e disfatto quattro tipologie: per stanchezza un po', per intuito un altro po'...perchè il gioco è bello così e non si può tenere tutto, almeno io non posso: per comprare debbo anche cedere.

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Avevo  10 anni ,

ricordo che a casa dei nonni  dentro un mobile erano conservate in un bicchiere di plastica alcune lire e centesimi di Vittorio Emanuele III

e un follis di Costanzo II  con al rovescio gloria exercitus , 

cercavo di capire le legende ,  volevo datarlo , quella minuscola monetina che conservo ancora oggi gelosamente ha fatto partire la mia passione numismatica,

oltre a quella per la storia che già avevo sin da piccolo

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La mia numero 1, debitamente e gelosamente conservata come cimelio storico, è stata ritrovata nello spessore di un muro di sostegno della vecchia casa di mio nonno in una ristrutturazione della fine degli anni '50. La prima mia moneta in assoluto. Si tratta di 5 Centesimi 1826 di Carlo Felice. A quel tempo le monete, anche di scarso valore, venivano messe nei muri come sorta di buon augurio. La casa in effetti risale al periodo ed apparteneva al nonno di mio nonno materno nel paese di Sant'Antioco.

Carlo

 

004.JPG

005.JPG

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 15/3/2020 at 11:57, carledo49 dice:

La mia numero 1, debitamente e gelosamente conservata come cimelio storico, è stata ritrovata nello spessore di un muro di sostegno della vecchia casa di mio nonno in una ristrutturazione della fine degli anni '50. La prima mia moneta in assoluto. Si tratta di 5 Centesimi 1826 di Carlo Felice. A quel tempo le monete, anche di scarso valore, venivano messe nei muri come sorta di buon augurio. La casa in effetti risale al periodo ed apparteneva al nonno di mio nonno materno nel paese di Sant'Antioco.

Carlo

 

004.JPG

005.JPG

Ma...non avresti dovuto trovare degli shekel fenici...o delle imitative siceliote? 

😀

A Sant'Antioco...con il tophet...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Piakos dice:

Ma...non avresti dovuto trovare degli shekel fenici...o delle imitative siceliote? 

😀

A Sant'Antioco...con il tophet...

Ahahah, la casa era vecchia, ma non fino a questo punto. Ricordo comunque che mio nonno impedì alcuni scavi per consolidare fondamenta in quanto nella casa limitrofa, alcuni anni prima, era stata rinvenuta una cisterna romana di larga estensione. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Avevo tredici anni, avevo trovato delle vecchie lire in casa e cominciai a chiedere anche ai nonni se avessero vecchie monete.

Tra le tante, alcuni pezzi da 20, 50 centesimi ed una lira impero. 

Quella che proprio accese la fiamma, però, fun un 5 Lire di Carlo Felice, 1827. Ero così felice con quel mio piccolo "tesoro". 

Finché, un giorno, sul catalogo di lamoneta mentre ero in cerca di informazioni, notai una piccola discrepanza: il diametro della mia era terribilmente più piccolo, non era originale, era una riproduzione neanche fatta bene. 

Il mio sogno di possedere un tesoro così antico svanì molto velocemente. 

 

Il successivo settembre avrei iniziato le scuole superiori ed a una ventina di metri da scuola si trovava un negozio di numismatica, iniziò da lì la mia carriera numismatica.

La riproduzione di cui parlo è questa postata da un utente su lamoneta

https://www.lamoneta.it/topic/167270-5-lire-oro-1827-carlo-felice/

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora