Quintus

GALLIENVS, sesterzio IOVI CONSERVATORI

Recommended Posts

Gallieno

Publio Licinio Egnazio Gallieno (In latino: Publius Licinius Egnatius Gallienus, nato nel 218 a.D. e morto a Milano nel 268 a.D.) è stato un imperatore romano, dal 253 al 268 a.D., famoso per la sua riforma dell'esercito e valente condottiero. Salì al potere insieme al padre Valeriano nel 253 a.D. e quando questi, nel 260 a.D., fu catturato dai Sasanidi (dopo sette anni di regno) rimase l'unico imperatore per altri otto anni, fino alla morte quando era cinquantenne.  Durante il suo tribolato regno ci furono due secessioni di territori dell'impero (l'Impero delle Gallie a occidente e il Regno di Palmira a oriente) e molti aspiranti imperatori.

Gallieno fu un imperatore colto e sotto il suo regno arti e cultura vissero un breve ma intenso periodo di fioritura. A Gallieno si devono due provvedimenti che modificarono l'organizzazione dell'esercito e che contribuirono a superare la crisi militare. Tolse il comando delle legioni ai senatori e lo affidò a generali di estrazione equestre. Organizzò un tipo di difesa più flessibile "in profondità", ovvero, anziché distribuire le truppe su tutto il confine le concentrò nelle retrovie, nei punti strategicamente più importanti, e costituì reparti mobili basati sull'uso prevalente della cavalleria.

Rappresentò il punto di svolta nel tragico periodo di crisi che colpì l'Impero romano, dopo la fine della dinastia dei Severi.  Non è un caso che proprio Gallieno sia stato il primo a regnare per quindici anni (sette con il padre e otto da solo), cosa assai rara se si considera il primo periodo dell'anarchia militare (dal 235 al 253 a.D.).  Era, infatti, dai tempi di Settimio Severo (193 - 211 a.D.) che un Imperatore non regnava tanto a lungo. Pose, inoltre, le basi per un periodo di ripresa e riconquista, come quello degli Imperatori illirici (268 - 285 a.D.) oltre che di restaurazione, come quello tetrarchico di Diocleziano (284 - 305 a.D.).

gallieno.thumb.png.02bbb3327527e7db39ae96707db2afc6.png

6307623.thumb.jpg.4bc14593ad20531082a28d7f78234235.jpg

Valore nominale: Sesterzio
Diametro: 26 mm circa
Peso: 10,24 gr

Dritto: IMP C P LIC GALLIENVS AVG , busto a destra laureato, drappeggiato e corazzato
Rovescio: IOVI CONSERVATORI, Giove stante a sinistra con fascio di fulmini e scettro, S - C in campo.

Zecca: Roma
Anno di coniazione: 254 - 255 a.D.
Riferimento: RIC 215; Cohen 355
Rarità:

Note: Ex Inasta 23, San Marino (2007), 387; Ex Paul-Francis Jacquier 47, Kehl am Rhein (2019), 1447.

Ogni commento è il benvenuto!

Ave!

Quintus

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bella moneta Quintus...di barra ma con un bel ritratto molto conservato e di grande stile, tra i migliori da me visti nel bronzo.

Se questa moneta avesse avuto tondello regolare ed epigrafe nei campi: ci sarebbero voluti  soldi.

Complimenti. 👍

🤜 Ave! 🤚

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gradevole ritratto di bello stile e bella patina verde chiaro. Complimenti, Gallieno su bronzo non è tipologia facile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Piakos, grazie... ma se fosse stato come tu dici non credo avrei avuto i sester... hem... i soldi per comperarlo! 🙂  Anche così però, ti assicuro, mi piace un sacco! 🙂

@Cliff, sai che ne ho cercato uno simile per almeno un paio d'anni e poi, un miracolo... e mi è caduto in tasca da solo!?!?

Ave!

Quintus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 23/6/2020 at 18:14, Quintus dice:

@Piakos, grazie... ma se fosse stato come tu dici non credo avrei avuto i sester... hem... i soldi per comperarlo! 🙂  Anche così però, ti assicuro, mi piace un sacco! 🙂

@Cliff, sai che ne ho cercato uno simile per almeno un paio d'anni e poi, un miracolo... e mi è caduto in tasca da solo!?!?

Ave!

Quintus

Le monete funzionano come tante altre cose della vita...prima o poi capitano delle occasioni e bisogna avere le idee chiare e la rapidità di coglierle, Altrimenti occorre avere la calma e la freddezza di saper attendere. La scorciatoia come sempre sarebbe la potenza del portafoglio ma...caro costa. Sinceramente non sono più sicuro ne possa valere la pena...oltre certi limiti. E vale anche per la bella moneta da 500 euro per la quale ti chiedono il doppio o il triplo...non solo per le monete a più di tre k. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora