Ross14

Antonino Pio e la Clementia

Recommended Posts

Buonasera a tutti,

desidero condividere con Voi questo denario di Antonino Pio che presenta la peculiarità di mostrare la personificazione allegorica della Clementia al rovescio. Questa virtù fu talmente caratterizzante della personalità di Antonino Pio da venire declamata per ben 3 volte nella "Vita" a lui dedicata nell' "Historia Augusta":

(2, 1-2) "Fuit vir forma conspicuus, ingenio clarus, moribus CLEMENS, nobilis vultu, placidus ingenio, singularis eloquentiae, nitidae litteraturae, praecipue sobrius, diligens agri cultor, mitis, largus, alieni abstinens, et omnia haec cum mensura et sine iactantia,  in cunctis postremo laudabilis et qui merito Numae Pompilio ex bonorum sententia comparatur".

(2, 7) "...vel quod vere natura CLEMENTISSIMUS et nihil temporibus suis asperum fecit".

(13, 3) "A senatu divus est appellatus cunctis certatim adnitentibus, cum omnes eius pietatem CLEMENTIAM ingenium sanctimoniam laudarent".

Gnecchi nel suo libro "I tipi monetari di Roma imperiale" definisce magistralmente la Clementia come "Moderation in the time of victory and mercy towards the vanquished are the two most discreet gifts of the conqueror. And it is in exactly this sense that Clementia must be understood". Ho inserito il testo in inglese perché ho a disposizione solo la versione in questa lingua, scaricabile gratuitamente dal web.

Tornando alla moneta in oggetto, la Clementia è un tipo non comunissimo per gli imperatori dei primi due secoli ed a mio parere particolarmente rilevante. dato che l'immaginazione corre immediatamente alla proverbiale Clementia Caesaris e all'analisi di questa virtù operata negli scritti di Cicerone e Seneca.

Il denario seguente pesa 3,13g, ha un diametro di 18mm e venne coniato nella zecca di Roma tra il 140 e il 144.

Diritto: ANTONINVS AVG PIVS P P TR P COS III Testa nuda rivolta a destra

Rovescio: CLEMENTIA AVG. La Clementi stante rivolta a sinistra regge una patera ed un lungo scttro verticale.

Classificazione: RIC III, 64A / British Museum vol.4,191

Cosa ne pensate di questo denario?

Avete dei commenti da aggiungere sulla virtù della Clementia?

 

 

20200926_163806.jpg

20200926_163853.jpg

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


La Clementia è il valore o virtù della clemenza ovvero il moderare l'animo nei confronti dello sconfitto senza esercitare vendetta  oppure la pietà del "superiore" che lenisce le pene dell'"inferiore". È spesso accompagnata dalla Benevolentia o Magnitudo animi.
E' il comportamento di un uomo di potere che, in una determinata situazione, non si fa dominare da ira e crudeltà mostrando invece benevolenza, per esempio il comportamento del buon paterfamilias nei confronti dei figli "alieni iuris" o del buon romano verso i vinti.

Uno dei campioni di Clementia fu Cesare, seguito nell'esempio, ma non sempre con successo, da Augusto. In molti affermano che la Clementia di Cesare fosse in realtà una strategia di potere, così come effettivamente era.
Cesare era molto intelligente ed aveva capito che la durezza provocava odio e ulteriore conflitto, tanto più che sui vinti c'era l'abitudine alla inflessibilità. Cesare perdonava i vinti e i nemici che si arrendevano a lui, il che facilitava molto la resa. Tuttavia sappiamo che il crudele trova mille scuse per esercitare la sua crudeltà, gli piace esercitarla e non può farne a meno. Solo chi ha la clemenza dentro può esercitarla fuori.

Cicerone afferma che bisogna essere clementi con chi si arrende e si sottomette e spietati con chi invece si ribella: gli hostes.
Questo è il comportamento dei Romani nei confronti delle popolazioni vinte soprattutto quando l'impero si sarà ampiamente esteso e concederà anche agli stranieri posizioni di rilievo nella politica romana.

Quindi grande accoglienza e possibilità a chi si arrende e si romanizza, distruzione a chi si oppone.

Ave!

Quintus

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bellissimo denario con un rovescio ben conservato.

Antonino fu molto devoto alle divinità della tradizione romana tra cui la Pace, la Clemenza, la Condordia..qualità che le fonti storiche attribuiscono al carattere dell’imperatore. 

Fu molto vicino anche alle tradizioni e usi religiosi delle province dell’impero e se non ricordo male c’è stata una coniazione che ritrae la personificazione dell’Africa e altre monete che ritraevano divinità egizie.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Denario ben conservato, ben leggibile, il ritratto di Antonino Pio (uno dei miei Imperatori preferiti) mi piace.

Ottimo elemento da collezionare!

Anche le foto non sono affatto male!

Ave!

Quintus

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora