Vai al contenuto

Recommended Posts

Buongiorno a tutti e buona domenica.

Torno a disturbarvi per aggiornarvi circa gli sviluppi delle ultime settimane.

Finalmente ho acquistato il nuovo Gigante e un vassoio (celle quadrate 38x38) che contiene circa una trentina di pezzi. Ho iniziato a popolarlo con alcuni pezzi del Sovrano, inserendo quelle che, a mio modestissimo parere, hanno una conservazione migliore rispetto le altre.

Ovviamente, solo una per tipologia, ovvero:

  • 5 centesimi (Impero) 1943
  • 10 centesimi (Impero) 1943
  • 10 centesimi (Ape)  1928
  • 20 centesimi (Impero) 1939
  • 50 centesimi (Impero) 1940 - devo ancora valutare se sia amagnetica o magnetica
  • 1 lira (Impero) 1943

come potete notare, non si tratta di pezzi estremamente unici, probabilmente quelle più "rare" sono i 5 centesimi e la lira.

I pezzi del sovrano sono molti, alcuni irraggiungibili per ovvie ragioni.. ma più sfoglio il catalogo e più mi innamoro di alcuni pezzi che, a parer mio, sono affascinanti. In particolare, adoro quelle che, al rovescio hanno l'aquila coronata e la quadriga.

 

Probabilmente ora arriva il difficile; ovvero, capire su quali pezzi andare, valutarne la conservazione e stabilirne un prezzo adeguato. Penso che inizierò a guardare i diversi siti di aste online per farmi un'idea generale su un determinato prezzo e pezzo.

Come già indicato in altri post, credo sia logica una collezione tipologica dando priorità, piuttosto che alla rarità del prezzo, alla conservazione dello stesso. Ovviamente, mi piacerebbe avere in collezione pezzi più ricercati.

 

Come sempre, ogni consiglio è ben accetto.

Grazie ancora.

Simone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 20/12/2020 at 10:48, Simone93 dice:

 

Probabilmente ora arriva il difficile; ovvero, capire su quali pezzi andare, valutarne la conservazione e stabilirne un prezzo adeguato. Penso che inizierò a guardare i diversi siti di aste online per farmi un'idea generale su un determinato prezzo e pezzo.

Non solo, se guardi bene in giro vedrai che i prezzi dei cataloghi sono un po' maggiorati in genere, in alcune situazioni e per alcune monete però non esiste catalogo che tenga, il prezzo non lo fa il testo ma la rarità e l'importanza del pezzo stesso, non è il caso delle quadrighe però 😀 

Quando valuti i prezzi delle aste ti ricordo che ci stanno diritti, tasse e spedizione da aggiungere. In media si paga circa il 20% in più dell'aggiudicazione, quindi moneta aggiudicata a 100€ comprensivo di spedizione e diritti viene circa 130€. 

 

Le 2 e una lira quadriga briosa si trovano abbastanza facilmente dallo spl in su [ovviamente bisogna saper valutare da se e non affidarsi a chi vende] e non costano neanche molto. Per aquila coronata intendi le lire e due lire con l'aquila sabauda?

Una bella moneta che non costa molto se non vai sul FDC è il 2 lire cinquantenario, moneta molto fascinosa. Stessa cosa vale per il 10 centesimi della serie cinquantenario ma questa anche in FDC non costa troppo. Per le monete da 5 e 50 lire della stessa serie, invece, servono alcuni centoni. Questa serie, coniata nel 1911, è sicuramente più ricercata delle monete precedentemente citate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Giuseppe Gugliandolo dice:

Non solo, se guardi bene in giro vedrai che i prezzi dei cataloghi sono un po' maggiorati in genere, in alcune situazioni e per alcune monete però non esiste catalogo che tenga, il prezzo non lo fa il testo ma la rarità e l'importanza del pezzo stesso, non è il caso delle quadrighe però 😀 

Quando valuti i prezzi delle aste ti ricordo che ci stanno diritti, tasse e spedizione da aggiungere. In media si paga circa il 20% in più dell'aggiudicazione, quindi moneta aggiudicata a 100€ comprensivo di spedizione e diritti viene circa 130€. 

 

Le 2 e una lira quadriga briosa si trovano abbastanza facilmente dallo spl in su [ovviamente bisogna saper valutare da se e non affidarsi a chi vende] e non costano neanche molto. Per aquila coronata intendi le lire e due lire con l'aquila sabauda?

Una bella moneta che non costa molto se non vai sul FDC è il 2 lire cinquantenario, moneta molto fascinosa. Stessa cosa vale per il 10 centesimi della serie cinquantenario ma questa anche in FDC non costa troppo. Per le monete da 5 e 50 lire della stessa serie, invece, servono alcuni centoni. Questa serie, coniata nel 1911, è sicuramente più ricercata delle monete precedentemente citate.

Buonasera Giuseppe.

Relativamente alle aste, ho sperimentato sulla mia pelle (giusto qualche giorno fa) l'ebrezza di parteciparvi, seppur online e in una piattaforma differente dalla solita baia. I diritti di asta variano, al momento mi sono imbattuto in percentuali tra il 16/18% oltre al costo della spedizione.

Per l'aquila esattamente la lira e le 2 lire, il rovescio è meraviglioso a parer mio, elegante ed imponente al tempo stesso. Discorso simile anche per i 25 centesimi, anche se l'aquila è al dritto.

Concordo sul cinquantenario, sono in possesso dei 10 centesimi in una conservazione media e il FDC non è a prezzi elevati, anzi.

La monetazione del Sovrano è affascinante. Certo, alcuni pezzi sono totalmente inaccessibili, ma molti altri, invece, si riescono a trovare anche a prezzi modici.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per quanto riguarda il 5 e 10 centesimi Impero, assicurati di avere 1 emissione in rame e 1 in bronzo.

La questione del magnetismo sulle monete da 20c, 50c, 1L e 2L vedo che ultimamente è molto inflazionato. Così come le lek emesse per l'albania

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, danieles1981 dice:

La questione del magnetismo sulle monete da 20c, 50c, 1L e 2L vedo che ultimamente è molto inflazionato

Tu che ne pensi? Secondo te è una variante che ha davvero importanza oppure la reputi poco interessante?  Seppur indice della composizione differente della moneta, è davvero una variante interessante anche se a livello iconografico, di leggende ecc... rimane tutto identico? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Magnetica/non magnetica. Facciamo il punto per @Simone93, così da dargli un po' di nozioni storiche e tecniche. Le monete della serie Impero dal 1936 vennero coniate in nichelio, che è di persè un metallo magnetico. Dal 1939 al nichelio venne aggiunta una quantità di acmonital (una nuova lega metallica, magnetica da sola ma unita al nichel crea una lega "antimagnetica" - vediamo dopo perchè ho l'ho scritto tra virgolette). Dal 1941 in poi il nichel venne completamente eliminato e venne usato il solo acmonital, quindi le monete "tornano" ad essere magnetiche. Quindi nel 1939 e 1940 si trovano monete magnetiche e antimagnetiche (in maniera estremamente variabile).

Quindi di per sè esiste una differenza tecnica tra le due varianti legata solo alla produzione della lega, non ai tondelli o al conio. Anche se il termine "antimagnetica" è spesso abusata visto che non esiste una moneta completamente antimagnetica (infatti io distinguerei semmai "magnetica/debolmente magnetica"). Mentre le monete fortemente magnetiche sono di fatto in acmonital puro.

Per questo credo che questa caratteristica non è altro che il frutto di un passaggio di lega. Volendo estremizzare io la vedrei meglio la distinzione tra 1936 (moneta completamente in nichel), 1939-1940 (lega mista), 1941-1943 (acmonital). Ma diciamo che nel nel periodo 1939-1940 non mi fascerei la testa a cercare questo tipo di variazione poichè di fatto non esiste.

 

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
52 minuti fa, danieles1981 dice:

Per questo credo che questa caratteristica non è altro che il frutto di un passaggio di lega. Volendo estremizzare io la vedrei meglio la distinzione tra 1936 (moneta completamente in nichel), 1939-1940 (lega mista), 1941-1943 (acmonital). Ma diciamo che nel nel periodo 1939-1940 non mi fascerei la testa a cercare questo tipo di variazione poichè di fatto non esiste.

Spiegato benissimo. Anche molti cataloghi su questa storia l'han menata parecchio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno e vi ringrazio moltissimo per le precisazioni e per l'excursus storico.

Relativamente ai 5 centesimi Impero,  effettivamente avevo totalmente tralasciato questo particolare. Da neofita, pensavo che la distinzione tra 1° e 2° tipo fosse soltanto riferito all'anno, ma non al materiale. Mi metterò, in questo caso, alla ricerca di un 1° tipo, magari un 1936 che, a differenza delle altre annate, è l'unico NC pur avendo prezzi assolutamente abbordabili.

Relativamente alla questione magnetismo, la mia puntualizzazione era solo relativa al fatto che, nel Gigante, vengono opportunatamente distinte tra amagnetica e magnetica, o meglio tra Ac/Ni e Ac; ma la reputo una sottigliezza a livello collezionistico 😁

 

Qualche settimana fa, inoltre, ho partecipato ad una prima asta online e sono riuscito ad aggiudicarmi tre pezzi:

  • 5 centesimi Italia su Prora del 1915 con gradevoli tracce di Rame rosso specialmente sul R/
  • 20 centesimi Esagono del 1919 con tracce del vecchio conio
  • 2 lire Impero del 1939

sono soddisfatto dell'acquisto poiché, essendo tutte in condizioni da SPL in su, me le sono aggiudicate a prezzi che reputo in linea con quanto da me individuato. E' stato molto emozionante devo dire.

 

Un saluto,

Simone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ottimo @Simone93,

Complimenti per gli acquisti... piano piano cresce...

Eh si, i cataloghi distinguono am/m ma perchè questa è la caratteristica immediatamente tangibile sulla moneta, e sulla quale si nota differenza.

Ti mando una mail stasera...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, danieles1981 dice:

Ottimo @Simone93,

Complimenti per gli acquisti... piano piano cresce...

Eh si, i cataloghi distinguono am/m ma perchè questa è la caratteristica immediatamente tangibile sulla moneta, e sulla quale si nota differenza.

Ti mando una mail stasera...

Ora mi sto focalizzando su alcuni pezzi che, a parer mio, nella monetazione di V.E.III sono tra i più affascinanti, ovvero: i 25 centesimi, 1 e 2 lire Aquila Sabauda.

Credo che, però, me la prenderò con relativa calma proprio perchè vorrei trovare pezzi almeno SPL, quindi ad alta conservazione. Certo, poi devo accontentarmi di monete C o al massimo NC visto i prezzi che girano per le lire.

Grazie ancora e per l'email vai tranquillo, non ho fretta 😁

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, Simone93 dice:

Qualche settimana fa, inoltre, ho partecipato ad una prima asta online e sono riuscito ad aggiudicarmi tre pezzi:

  • 5 centesimi Italia su Prora del 1915 con gradevoli tracce di Rame rosso specialmente sul R/
  • 20 centesimi Esagono del 1919 con tracce del vecchio conio
  • 2 lire Impero del 1939

Io sarei curiosissimo di vedere le foto dei tuoi acquisti, sono un totale ignorante riguardo questa monetazione, ma mi sta piacendo molto.

Ave!

Quintus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
40 minuti fa, Quintus dice:

Io sarei curiosissimo di vedere le foto dei tuoi acquisti, sono un totale ignorante riguardo questa monetazione, ma mi sta piacendo molto.

Ave!

Quintus

Buonasera Quintus.

 mi fa sempre piacere condividere con voi nuovi pezzi, anche per ottenere un parere da fonti più autorevoli del sottoscritto. 

Al momento ho foto di non buona qualità, ma che comunque vi mostro.

 

Questo è il R/ dei 5 centesimi Italia su Prora del 1915 (NC) acquistate con conservazione dichiarata tra SPL/qFDC. Secondo me, oltre lo SPL non va.

Tralasciando alcune piccolissime macchie nere (che effettivamente potrebbero infastidire), si vedono chiaramente le tracce di rame rosso e credo che sia un pezzo molto gradevole alla vista.

DSC_0015.thumb.JPG.9b404ebbf7f7b4911ab6723fe84485e8.JPG

 

Questo è sempre il R/ dei 20 centesimi esagono del 1919 (C). La conservazione dichiarata era tra SPL/SPL+, ma, come per quella sopra, probabilmente non andrei oltre lo SPL.

Si nota la traccia del vecchio conio, anche se su questa tipologia di moneta è abbastanza comune.

DSC_0010.thumb.JPG.4109d861e59ab39f5b2877a52d0a9461.JPG

 

Purtroppo le foto non sono di buona qualità, devono senz'altro migliorare 😅

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, Simone93 dice:

Buonasera Quintus.

 mi fa sempre piacere condividere con voi nuovi pezzi, anche per ottenere un parere da fonti più autorevoli del sottoscritto. 

Al momento ho foto di non buona qualità, ma che comunque vi mostro.

Benissimo.

Per fare belle foto dobbiamo chiedere a @carledo49 come fare, le sue sono sempre molto belle.

Per la valutazione credo pure io, vedo anche un colpetto sul bordo, sotto la nave.  Però una cosa che non avevo mai visto è quella delle tracce di rame così.  La moneta è in metallo ramato?  Al diritto chi c'è, solito ritratto?  Comqune fa il suo effetto. 🙂

Invece i 20 cent non mi attraggono molto.  Non per la conservazione, li trovo anonimi.

Ma tu continua così... Come dicevo ieri... mi state facendo venir voglia di iniziare a collezionare queste monete.  🙂

Ave!

Quintus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Quintus dice:

Benissimo.

Per fare belle foto dobbiamo chiedere a @carledo49 come fare, le sue sono sempre molto belle.

Per la valutazione credo pure io, vedo anche un colpetto sul bordo, sotto la nave.  Però una cosa che non avevo mai visto è quella delle tracce di rame così.  La moneta è in metallo ramato?  Al diritto chi c'è, solito ritratto?  Comqune fa il suo effetto. 🙂

Invece i 20 cent non mi attraggono molto.  Non per la conservazione, li trovo anonimi.

Ma tu continua così... Come dicevo ieri... mi state facendo venir voglia di iniziare a collezionare queste monete.  🙂

Ave!

Quintus

Ti ringrazio Quintus e condivido le tue osservazioni.

I 5 centesimi sono proprio in rame e li ho acquistati proprio per le gradevoli tracce di rame rosso. Nel D/, che non ho postato, è raffigurato il solito semibusto del Sovrano 😁 la foto era addirittura peggiore del rovescio, quindi ve l'ho risparmiata.

I 20 centesimi li ho acquistati perchè mancanti nella collezione, ma rispetto ai 5 centesimi sono senz'altro più anonimi.

Simone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Quintus dice:

Però una cosa che non avevo mai visto è quella delle tracce di rame così.  La moneta è in metallo ramato?

Questo perché collezioni anticaglie 😀

Le monete in rame in alta conservazione presentano sempre le tracce rosse molto gradevoli, per le monete di questo periodo poi si considera anche il "FDC rame rosso" come stato di perfezione della moneta dove non solo il tondello non ha tracce di circolazione ma ha mantenuto gran parte del colore rosso originale ed in genere la quotazione è leggermente superiore alla stessa moneta in FDC ma senza tracce di rame rosso.

 

15 ore fa, Simone93 dice:

Si nota la traccia del vecchio conio, anche se su questa tipologia di moneta è abbastanza comune.

Questo è interessante, in queste monete si può spesso vedere l'impronta dei nichelini di fine secolo precedente sui quali sono state battute le impronte di Vittorio Emanuele III, monete interessanti per questo motivo ma che a me non affascinano troppo, sono le uniche monete "anonime" di questo  e non reggono assolutamente il confronto con gli altri moduli coniati negli stessi anni.

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Quintus dice:

Per fare belle foto dobbiamo chiedere a @carledo49 come fare, le sue sono sempre molto belle.

Beh, siamo in diversi a fare foto decenti, per fortuna! Le mie sono solo un po'...particolari, non certamente bellissime o ortodosse in quanto escono dai classici canoni. La "regola vorrebbe" che si postassero le foto da giudicare eseguite in perfetta verticale. Le mie non lo sono, son leggermente oblique, sia in orizzontale che in verticale, per apprezzare altri particolari che perpendicolarmente non verrebbero messi in risalto. Ma qui entriamo in altri campi.

E' pur vero anche che una bella foto vale più di mille parole.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Giuseppe Gugliandolo dice:

Questo perché collezioni anticaglie 😀

Le monete in rame in alta conservazione presentano sempre le tracce rosse molto gradevoli, per le monete di questo periodo poi si considera anche il "FDC rame rosso" come stato di perfezione della moneta dove non solo il tondello non ha tracce di circolazione ma ha mantenuto gran parte del colore rosso originale ed in genere la quotazione è leggermente superiore alla stessa moneta in FDC ma senza tracce di rame rosso.

Hai ragione, però è altrettanto vero che certe patine che hanno le mia "anticaglie" tu te le poi scordare!  😛

Ave!

Quintus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Giuseppe Gugliandolo dice:

Questo perché collezioni anticaglie 😀

Le monete in rame in alta conservazione presentano sempre le tracce rosse molto gradevoli, per le monete di questo periodo poi si considera anche il "FDC rame rosso" come stato di perfezione della moneta dove non solo il tondello non ha tracce di circolazione ma ha mantenuto gran parte del colore rosso originale ed in genere la quotazione è leggermente superiore alla stessa moneta in FDC ma senza tracce di rame rosso.

 

Questo è interessante, in queste monete si può spesso vedere l'impronta dei nichelini di fine secolo precedente sui quali sono state battute le impronte di Vittorio Emanuele III, monete interessanti per questo motivo ma che a me non affascinano troppo, sono le uniche monete "anonime" di questo  e non reggono assolutamente il confronto con gli altri moduli coniati negli stessi anni.

Assolutamente d'accordo. I 20 centesimi, a parer mio, hanno solo questa piccola particolarità del vecchio conio. Per il resto, aimè, non le posso considerare al pari di altri pezzi come le già citate 1 e 2 lire con Aquila Sabauda.

 

1 ora fa, carledo49 dice:

Beh, siamo in diversi a fare foto decenti, per fortuna! Le mie sono solo un po'...particolari, non certamente bellissime o ortodosse in quanto escono dai classici canoni. La "regola vorrebbe" che si postassero le foto da giudicare eseguite in perfetta verticale. Le mie non lo sono, son leggermente oblique, sia in orizzontale che in verticale, per apprezzare altri particolari che perpendicolarmente non verrebbero messi in risalto. Ma qui entriamo in altri campi.

E' pur vero anche che una bella foto vale più di mille parole.

Se non erro, avevo letto da qualche parte alcuni suggerimenti per le foto, ovvero: posizionare la moneta su un ripiano e utilizzare uno sfondo "scuro" (anche la copertina di un libro, ovviamente a tinta unita). Il vero problema è l'utilizzo della luce, preferirei quella naturale ovviamente. Nel caso si utilizzasse quella artificiale, si dovrebbe prestare attenzione al suo posizionamento in modo da non creare zone d'ombra sulla moneta.. insomma, è più facile a dirsi che a farsi 😅

Simone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×
×
  • Crea Nuovo...